Il canto del cigno di Giacomo Vigliercio

Si fanno sempre più insistenti le voci che danno ormai imminente la sostituzione del segretario provinciale del Pd Vigliercio, ormai messo in disparte e commissariato da un attivissimo Mauro Righello.
E’ ormai chiara a tutti l’incapacità di Vigliercio, definito da alcuni il peggiore segretario di sempre, con un partito fermo e inattivo da anni.
Nel partito sembrano essere ormai tutti d’accordo, resta solo da stabilire quando ma soprattutto con chi sostituirlo. Ed è questo il difficile.
Infatti il nuovo segretario dovrà essere espressione del nuovo corso di Zingaretti e i possibili nomi non sono tanti.
Quello più probabile poteva essere Arboscello ma sembra avere rifiutato. Dopo la deludente esperienza da segretario cittadino e le liti interne non ancora superate sembra voglia stare a distanza dal partito per un po’.
Altro nome quello del giovane Andrea Basso, vicinissimo a Righello, considerato però troppo giovane e poco conosciuto per rivestire quel ruolo.
Ci sarebbe poi Elisa Di Padova, sponsorizzata da Anna Giacobbe e Isabella Sorgini, ma anche lei sembra volere rifiutare.
Qualcuno pensa a Cristina Battaglia che però paga ancora le fratture delle primarie.
Ultimo nome l’uomo per tutte le stagioni Marco Russo da anni presente quando ci sono da fare dei nomi ma che non arriva mai al traguardo.

Condividi:
0

Lascia un commento