Celle Ligure – Transizione nella continuità

Renato Zunino, più volte Sindaco di Celle Ligure, eletto a partire dalla metà degli anni 70 del Novecento nelle liste dell’allora Partito Comunista Italiano, il 2019, dopo 44 lunghi anni, trascorsi alla guida piccolo gioiello della Riviera Ligure di Ponente, rappresenterà una battuta d’arresto. Infatti, con l’attuale legislazione sulle elezioni amministrative, più di due mandati consecutivi per i comuni al di sopra dei 3000 abitanti non sono più concessi.

 

 

Ecco alcuni dei più longevi leader della sinistra:

  Fidel Castro – Primo Segretario del Partito Comunista di Cubadal 1961 al 2011 – 50 anni

 Kim Il-sung – Leader supremo della Repubblica Popolare Democratica di Corea dal 1948 al 1994 – 46 anni

 Mao Zedong – Presidente del Partito Comunista Cinese dal 1945 al 1976 – 31 anni

 Iosif Stalin – Segretario generale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica dal 1922 al 1952 – 30 anni

Bisogna riconoscere che Renato Zunino si può a buon titolo collocare tra i leader più longevi della sinistra e se con qualche escamotage riuscirà a riconquistare, nei prossimi due anni, il timone di Celle Ligure, i quarantasei anni al potere del “grande leader” nordcoreano, o cinquanta anni del Líder Máximo cubano saranno un facile traguardo da raggiungere e forse anche da superare.

La transizione, nella migliore tradizione gattopardesca, si può definire nella continuità, visto che a contendersi la poltrona di sindaco della cittadina, alle prossime elezioni amministrative di primavera, saranno l’ex Sindaco Remo Zunino (lista civica creata appositamente da Renato Zunino), l’attuale Vicesindaco Caterina Mordeglia  e l’ex sindaco dei primi anni Settanta del Novecento Luigi Bertoldi.

Per Renato Zunino non è da escludere qualche paracadute alle prossime elezioni regionali, ma nel frattempo il longevo leader proseguirà a tessere nell’ombra le sue tele, però non poter gestire in prima persona l’affare delle colonie bergamasche prevedibilmente gli lascerà un po’ di amaro in bocca.

Condividi:
0

Lascia un commento