Celle Ligure , il Sindaco risponde al periodico A’ Civetta

CELLE LIGURE, IL SINDACO RISPONDE

Sugli argomenti sottoposti nel numero precedente de A’ Civetta

 

Aspettando che cadano.

 La  gestione del verde pubblico avviene monitorando gli alberi da parte di un agronomo con il confronto periodico di fotografie o con la cosiddetta ‘carotatura’ per stabilire l’età e stilando una classificazione in base alla pericolosità di caduta totale o parziale e stabilendo i necessari interventi di manutenzione alle fronde (potatura) o nel terreno circostante (concimazione). Per quello privato il problema è complesso, non potendo certo intervenire nella proprietà altrui senza un mandato giudiziale e avendone motivata la richiesta. Nel caso richiamato dall’articolo, abbiamo ottenuto l’accesso al sito, tutto racchiuso entro muri, e contestato alcune irregolarità, ma nulla riguardo agli alberi. Che, sì, sono pencolanti sulla pubblica via, la  scalinata  di  Via  Boschi,  e  gravemente  come  avete  sostenuto. E riguardo al suggerimento dell’azione di ‘danno temuto’ stiamo valutando con il legale ed altresì mandando una comunicazione formale a salvaguardia di danni patiendi.

Ristrutturazione ‘ex Albergo Pescetto’.

Il permesso a costruire è stato ritirato il 6.11.2017 ed ha scadenza il 6.11.2020, salvo proroga di legge. Abbiano avuto notizia della segnalazione di un privato, conclusasi senza rilievi amministrativi per altezza e volumi. Recentemente mi è stata recapitata, e a tutti i Consiglieri, una lunga e doppia relazione su presunte nove irregolarità rilevate dal funzionario della Provincia che confermerebbero l’irregolarità delle autorizzazioni rilasciate dal Comune per la demolizione e ricostruzione dell’albergo Pescetto. Non entro assolutamente nel merito,  non  avendone  titolo,  stante  che  a  tutt’oggi (6.3)  non  è  pervenuta  alcun atto formale  e, comunque,  il  funzionario responsabile dell’Ufficio Tecnico preposto ha dato risposte contestative ad ogni punto della detta comunicazione.

Parcheggio  ai  Piani.

 La  proposta è interessante ed era già stata individuata per eventuali possibilità realizzative. Per le quali esiste un grosso problema, sin’ora insormontabile: la distanza di 10 ml. dal Rio Calan. Essi di fatto ci sarebbero, ma non sulla carta raffigurante il per- corso del rio, anni fa spostato ma il Catasto, pur ripetutamente sollecitato, non ha mai effettuato la variazione, sdemanializzando l’area. Si vedrà di risollecitare.

Caterina Mordeglia da A’ Civetta

Condividi:
0

Lascia un commento