Caporetto o Stalingrado per il PD di ponente?? Prossime elezioni di Finale Ligure, Pietra Ligure e Orco Feglino

Finale Ligure
Ad oggi ci sono quattro liste: Centro destra, Lista Frascherelli (Pd), Lista Cervone e Finale Ligure Viva; il vincitore, forse il Cdx, erediterà poche cose fatte, ma si troverà importanti opere incompiute che potrebbero seriamente minare il futuro di Finale Ligure. In primis le ex aree Piaggio e Ghigliazza, che rischiano di rimanere così per molto tempo, non occorre un premio nobel per capire che il mercato immobiliare è fermo i prezzi sono al minimo storico.

Oltre al danno la beffa, perché in assenza di interventi concreti, i Finalesi dovranno sopportare per anni e anni le macerie o se rimosse, con relativi problemi ambientali, un orribile “buco nero”; le cave Ghigliazza faranno la stessa fine, ma a questo ormai ci si è abituati perché il problema esiste da anni con l’indifferenza dell’Amministrazione.

Altra opera incompiuta al momento è la ricostruzione dei capannoni di Perti di proprietà della Finale Ambiente; operazione nata male e speriamo che non finisca peggio, qualora i costi lievitassero a dismisura, perché in questo caso, saranno proprio i Finalesi a pagare di loro tasca vedendosi aumentata la tassa sui rifiuti (Tari); per fare buon peso bisognerà vedere la riorganizzazione della Società che fino ad oggi non si è ancora stabilizzata per il “balletto” dei massimi dirigenti e dei loro relativi stipendi.
A tutto ciò possiamo aggiungere opere sbagliate come la rotonda di Finalpia ed il disagio continuo per i cittadini a causa dell’attività compulsiva di opere pubbliche marginali e con serio disagio sociale. Concludendo è bene ricordare le continue smentite del Sindaco sul fatto che non ha come sponsor il Pd mentre la realtà è completamente diversa, forse con una maggiore autonomia certi errori non li avrebbe fatti.
Voto al Sindaco: 5+

Pietra Ligure
Ad oggi si parla di tre Liste: Centro Destra, Lista De Vincenzi (Pd) e Lista Valeriani (Pd), chi sarà il vincitore è un enigma; la dote che erediterà il futuro sindaco sta in due grandi problemi, che se non affrontati seriamente, faranno saltare il banco ovvero la cementificazione delle aree “Cantieri di Pietra Ligure” che oltre al problema ambientale, dovrà fare i conti con la stagnazione del mercato immobiliare; infine l’importante risanamento del bilancio di cui forse non ne sono al corrente nemmeno i Pietresi.

Premesso ciò la madre di tutte le battaglie sarà l’ospedale di Santa Corona; il Pd con De Vincenzi continuerà a strumentalizzare l’argomento accusando gli “altri” delle carenze e intestandosi le cose buone fatte (fantomatico monoblocco etc..), la realtà è un’altra e va ricercata sull’impegno dell’attuale Assessore Viale attivissima su tutto il territorio per riparare i problemi lasciati dall’Assessore Montaldo e dal Pd.
Voto al Sindaco: 6 – –

Orco Feglino
Ad oggi c’è in campo la Lista di sempre formata da “indigeni”, metodo che ha condizionato lo sviluppo del paese già precario a causa dell’autostrada che attraversa il paese stesso; questo regalo della Democrazia Cristiana, che negli anni 70, ha barattato quest’opera non commentabile a fronte di qualche posto di lavoro e qualche opera per il paese senza nemmeno fare uno svincolo da e per il ponente. A ciò si aggiunge progressiva inadeguatezza, delle maggioranze a risolvere i problemi reali del paese.

Orco Feglino gode di potenzialità enormi (biciclette, palestre di roccia, cibo, ospitalità e ambiente) che non sono state valorizzate, insomma l’illusione di voler controllare in modo clientelare il consenso ha fatto perdere troppe posizioni rispetto a tutte le realtà piccole confinanti (Vezzi, Calice, Rialto etc..), inoltre se ciò non bastasse, non è stato capito che ormai Finale Ligure la fa da padrona tenendosi la ricchezza turistica e spostando i disagi su Orco Feglino .
Concludendo sembrerebbe il colpo di grazia al suddetto declino sia da ricercare nei limiti della maggioranza attuale e dal suo sindaco forse il più inadeguato dal 1946 ad oggi.
Voto al Sindaco: non classificabile

Morale di tutto ciò, è che per il Pd, egemone nel governo di queste amministrazione con suoi fedeli uomini, la prossima tornata amministrativa sarà una Caporetto o forse una Stanlingrado; in caso di tenuta, i pochi sopravvissuti saranno un’eccezione rispetto l’ondata di rinnovamento di segno opposto che sta attraversando l’Italia.

Condividi:
0

Lascia un commento