ATA …E se la privatizzazione facesse tornare quelli di prima?

Dopo quello che è capitato nelle sedute della prima commissione è difficile prevedere quello che succederà in Consiglio il 27 settembre.

La decisione non è facile, da un lato la vendita ai privati del 49 per cento delle quote di Ata dall’altro il fallimento dell’azienda municipalizzata dei rifiuti

I consiglieri del gruppo misto e della lega hanno legato la loro decisione all’esito dello studio Strada sull’azione di responsabilità eventuali delle precedenti amministrazioni e dei management dell’azienda, ma pare più un escamotage, una ritorsione contro la fretta di privatizzare dell’assessore Montaldo che una vera e propria contrarietà ai privati.

Ma se oltre ai danni la privatizzazione portasse anche il ritorno di quelli che c’erano prima al comando dell’azienda?

Alcuni fatti e indiscrezioni incrementerebbero il dubbio

Appare ormai certo che l’assessore Montaldo ha un accordo col PD sul futuro di Ata, la premura dell’assessore di portare avanti la privatizzazione fa sospettare che lo studio Strada si preferisca non renderlo pubblico.

Tra le 5 società che hanno manifestato interesse all’acquisto del 49% delle quote ATA pare ci sia Sat, azienda di Vado Ligure il cui Presidente è Massimo Zunino ex onorevole del PD

Quelli di prima non hanno mai perso la speranza di poter tornare per prendersi una rivincita su chi li ha cacciati, basta sfogliare e leggere i social.

Sono solo congetture ma come dice quel famoso detto…. pensare male è peccato ma molte volte ci si azzecca.

Comunque sia è un dubbio che porta ancora di più verso la decisione di non privatizzare.

Lascia un commento