Vado Ligure, il Coronavirus blocca la festa del nuovo terminal

VADO LIGURE – L’impatto del Coronavirus sull’economia mondiale non risparmia la Liguria e rovina la festa al Vado Gateway, il nuovo terminal portuale gestito dalla multinazionale Apm. Ieri ha attraccato a Vado la prima nave, la Maersk Kotka, ma lo spumante per festeggiarla è rimasto in frigorifero: Vado Gateway è infatti partecipato al 49,9% da due aziende cinesi, la Cosco Shipping Ports (40%) e il porto di Qingdao (al 9,9%); per loro, a causa del blocco aereo decretato dal nostro Governo per tentare di arginare il virus che ha già ucciso più di mille persone, è stato impossibile partecipare e quella che doveva essere una giornata per rinsaldare l’alleanza si è invece trasformata in un normale giorno di lavoro, con una delegazione di clienti Maersk in visita al terminal.

Ma al di là della festa mancata…CONTINUA su Primo Canale

Condividi:
0

1 thought on “Vado Ligure, il Coronavirus blocca la festa del nuovo terminal

  1. Sarebbe stata una gran festa se fosse arrivata una portacontainers di ultima generazione che, invece di arrivare a Vado, è arrivata a Genova e La Spezia:
    Si tratta della Mn Evelyn Maersk ( ndr gemella della Emma Maersk ), lunga 398 metri e larga 56 metri- Porto di Genova, approdata la prima portacontainer Maersk da 16.700 teu
    https://www.primocanale.it/notizie/porto-di-genova-approdata-la-prima-portacontainer-maersk-da-16-700-teu-215929.html

Lascia un commento