Un elenco di sconfitte


In un concitato sfogo sul proprio profilo Facebook Andrea Mandraccia, segretario della Fiom CGIL di Savona, tuona minacciosamente “dov’era la CGIL quando…. Ecco dov’era! In piazza! I leoni da tastiera invece a casa davanti al PC, magari a credere a chi prometteva di reintrodurre l’art.18 o di smontare la Fornero”. Segue un elenco di manifestazioni promosse dalla CGIL per contrastare i provvedimenti dei vari governi in carica.

Di tutte queste mobilitazioni probabilmente l’unica che ha portato qualche risultato, supportata più che altro dall’impennata dello spread, è stato lo sciopero generale del 6 settembre 2011, a cui dopo circa due mesi sono seguite le dimissioni del governo Berlusconi, l’ultimo governo che probabilmente rispettava i voleri degli elettori italiani, ma si sa Berlusconi i comunisti con il Rolex ipocritamente lo hanno sempre “contrastato”. Poi sicuramente sottobanco ci andavano a braccetto.

Seguono tutta una serie di iniziative (sconfitte) per “contrastare” le manovre lacrime e sangue promosse dai governi “amici” a guida PD che hanno distrutto i diritti dei lavoratori conquistati in decenni di lotte.

Una manifestazione sabato 25 ottobre 2014 e otto ore di sciopero il 12 dicembre, per opporsi al Job Act del governo presieduto da Matteo Renzi (PD) che ha smontato l’art. 18 sono forse un po’ pochi. Ma si sa nell’allora maggioranza a guida PD vi erano molti esponenti della CGIL passati dall’altra parte della barricata (LEGGI)  che hanno votato la fiducia al Job Act. Ricordiamo tra gli altri la savonese Anna Giacobbe, ex segretario CGIL di Savona, eletta nelle fila del PD (legislatura 2013-2018).

Chissà se nei prossimi mesi, la CGIL e la trimurti sindacale, per contrastare le iniziative del governo del razzismo e della paura ormai guidato in solitario dal vicepremier leghista Matteo Salvini, ci metteranno lo stesso impegno profuso contro i vari governi Berlusconi.

Solo chi la dura la vince, ma non sembra il caso dei sindacati italiani in crisi di iscritti, organizzazione e di strategie.

Condividi:
0

Lascia un commento