Traverso (M5S) infrastrutture, trasporti e mobilità

infrastrutture, trasporti e mobilità. I punti principali

  1. Programmazione di medio-lungo termi- ne delle infrastrutture portuali. Stop ai monopoli portuali. Garantire la pluralità degli operatori economici e le compensa- zioni previste per i centri urbani.
  2. Recupero del gettito fiscale sulle attività portuali vincolando la quota trattenuta per specifiche esigenze dei cittadini liguri e per investimenti green sulle aziende e sulle infrastrutture.
  3. Investire nelle linee ferroviarie dedicate alle attività portuali con l’obiettivo di riconvertire tutta la movimentazione del- le merci da gomma a ferro e recupero delle aree portuali inutilizzate.
  4. Completare il Nodo ferroviario di Genova, il raddoppio della Pontremolese e della tratta Savona-Torino e potenziare il sistema del Ponente ligure, contemperando gli interessi ambientali ed economici della zona. Ridiscutere il contratto di servizio in favore di pendolari e turisti rafforzando la sicurezza.
  5. Sostegno agli enti locali e nazionali per una viabilità sicura ed efficiente, tutte le linee stradali devono essere controllate e manutenute secondo parametri puntua- li e trasparenti.
  6. Investire su opere di viabilità puntuali ma necessarie per tutto il territorio ligure: avanzamento dell’Aurelia bis di San- remo, realizzazione del Tunnel costa-Entroterra (Val Fontanabuona), completa- mento del Tunnel Armo-Cantarana. L’infrastruttura autostradale intorno al nodo di Genova deve essere realizzata tramite il progetto della “Genovina”, una divisione in lotti e una revisione del progetto della Gronda che garantisca minori costi e minori tempi di realizzazione a fronte di una migliore gestione del traffico.
  7. Protezione delle coste: realizzare un si- stema di costa anti-erosione. Attuare una rapida cantierizzazione di progetti puntuali che prevedano l’installazione di alcune dighe soffolte lungo la costa e il ripristino delle zone dunali.
  8. Trasporto Pubblico Locale (TPL): migliora- re le tratte ferro-gomma anche attraver- so il biglietto unico per la mobilità. Revi- sionare gli attuali contratti di servizio, orientando il servizio verso le diverse esi- genze dei clienti, dei pendolari e dell’u- tenza turistica, garantendo il mantenimento dei servizi minimi anche per le frazioni.
  9. Legge regionale per l’implementazione della mobilità sostenibile progettando una rete di percorsi dedicati all’interno dei nostri comuni. Realizzazione di reti e infrastrutture per il trasporto su bici fina- lizzati a realizzare l’intermodalità tra la mobilità dolce e i mezzi di TPL.
  10. Infrastrutture digitali: attuare programmi di sostegno digitale e della connessione internet nei territori meno serviti. Perseguire la trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione regionale con l’obiettivo di potenziare i servizi telematici al cittadino.

TUTTO IL PROGRAMMA

Lascia un commento