TPL  – “Così è … se vi pare …”

TPL è al momento attenzionata da mille pettegolezzi, in vista della scadenza dell’attuale Consiglio di Amministrazione.

Per l”‘opera pirandelliana” vanno in scena:

il Presidente della Regione Giovanni Toti– che detta la linea direttamente dalla Superba. Uno scatto d’orgoglio in vista delle prossime elezioni Regionali, o un intervento obbligato per incapacità locali di gestire la situazione?

Il Presidente della Provincia Pier Angelo Olivieri– che essendo alla guida di un Ente “senza portafoglio” per TPL, si dileggia nel valzer di poltrone, ubbidendo, da buon soldato, ai suoi Superiori.

Toti, Orsi, Olivieri

Il Comune di Savona – che dichiara di essere ignaro rispetto alla possibile nomina di Franco Orsi a Presidente di TPL. Ma nessuno crede a questa verità, ritenendo l’Assessore/Sindaco MontaIdo a capo di tutta l’operazione, con gran beffa per l’lng. Sacone e I’ Avv. Biale, da lui stesso in passato nominati.

PD: l’ormai Partito delle Divisioni non fa mancare anche in questa occasione il consueto lancio degli stracci. Da una parte l’ex Sindaco Renato Zunino, dopo lo “scapaccione” preso alle amministrative, sembra cercare di accaparrarsi almeno un posto da Vice Presidente, tentando un accordo (ormai usuale) con il centro destra. Dall’altra parte c’è chi nel PD ancora crede di dover “salvare” Claudio Strinati, che ha portato l’azienda a navigare in acque limpide e calme. Questa ingenua fronda di partito, si chiede infatti come mai in ATA si difendano gli Amministratori di un’Azienda allo sbando, mentre in TPL si inneggi al cambiamento dei vertici nonostante le “badilate” di utile prodotte negli anni. Ma nel PD si gustano i dissapori, e così le partite politiche possono solo che perdersi. Nelle mani del PD Strinati può solo venire stritolato… meglio alzare i tacchi e consolarsi ahimè con il Genoa.

Montaldo, Strinati, Zunino

Lega Nord: non pervenuta. Evidentemente c’è da perdere la faccia, mettendocela.

Movimento 5 Stelle: non pervenuto. Melis se ci sei batti un colpo!

Il protagonista indiscusso è però Franco Orsi, noto e stimato politico di professione, ora orfano di mamma Politica, proprio come il compare Renato Zunino. Orsi è un uomo del centro destra, che però ha corso con il PD dietro alla Paita, per poi rientrare con la coda tra le gambe nei ranghi del cdx. Si cerca quindi di ricollocarlo, di riciclarlo e TPL è una portata gustosa, almeno per chi si sazia di pane e politica.

Ma i veleni serpeggiano in questa azienda savonese, dove i Lavoratori si battono per la gestione in house del servizio, mentre le istituzioni in realtà non muovono un passo per allontanarsi dall’iter di gara e dalla privatizzazione.

Orsi accetterà l’incarico nonostante qualcuno non lo voglia?

Orsi spingerà per I’ in – ho use, chiedendo a Toti un cambio di rotta in Regione, o vorrà correre velocemente verso la privatizzazione?

E soprattutto …. Orsi manterrà l’Azienda in utile, o sarò troppo impegnato ad occuparsi della campagna elettorale come futuro Sindaco di Savona?

Prima o poi scopriremo la verità…così è se vi pare

Condividi:
0

Lascia un commento