Toti-Viale e Fontana-Gallera due facce della stessa medaglia coniata dalla Lega

Il rispetto per i nostri morti è d’obbligo, ma ciò era inevitabile o no?? chissà se lo sapremo mai, la pandemia ci ha veramente squassati.

Premesso ciò, credo che sia utile qualche riflessione: il sistema sanitario pubblico ha sempre avuto a cuore il bene di tutti i cittadini mentre quello privato ha fatto la stessa cosa, ma con la variante del profitto fine a se stesso con limiti non più accettabili. La Lombardia ha adottato sempre di più quello pubblico-privato vantandosi d’essere invidiata da tutti perché efficiente e moderno, Formigoni docet.., e la Lega partito di governo regionale ne ha fatto il suo cavallo di battaglia per molti anni, da Maroni a Fontana.

La Liguria di Toti e Viale, ha abboccato??, si far per dire, lavorando per tutta questa legislatura al suo consolidamento; lo schema, molto semplice, è stato di ridurre progressivamente il pubblico per travasarlo al privato in varie forme, togliendo potere ai vertici delle Asl (amministratori, e sanitari) dando un ruolo sempre più rilevante ad Alisa – Sistema Sanitario Regione Liguria, “comandata” dal lombardo  Locatelli che in questi giorni ha aumentato ancora il suo potere grazie ad un’ordinanza firmata da Giovanni Toti  che di fatto gli ha consegnato  le cinque Asl con la scusa dell’epidemia.

Detto ciò, invito i cittadini liberi, di fare una seria riflessione su quanto è accaduto durante questa pandemia, sia in Lombardia che in Liguria con particolare attenzione a quanto segue:

Lombardia, contagiati, deceduti, gestione pandemia in generale, Rsa ed ospedale covit – Fiera  costato 21 milioni donati da terzi per circa 20 pazienti curati

Liguria, contagiati, deceduti, gestione tamponi, molti casi di positivi presso la loro abitazione mal seguiti, affitto traghetto per 835.000 euro mese per curare 25 ammalati covit che sono costati cadauno 1150 euro al giorno superando di gran lungo il costo ospedaliero.

Mi pare tutto ciò sia sufficiente per fare un bel ringraziamento alla Lega ed hai suoi palafrenieri.

 

Condividi:
0

Lascia un commento