SUL PROGETTO DI BIODIGESTORE PREVISTO DAL PIANO DI AREA DELLA PROVINCIA DI SAVONA

Francamente, da un punto di vista giuridico amministrativo che poi è il punto di vista con cui ho approcciato il problema nella mia relazione al Convegno di sabato 15 giugno, le dichiarazioni del Sindaco (che pubblico qui sotto) le trovo inutili e anche un po contraddittorie. Contraddittorie intanto perché il Piano, con il sito per biodigestore nell’area ex centrale Tirreno Power, è stato approvato dal Consiglio Provinciale di SV dove mi risulta fosse presente anche il Sindaco di Vado Ligure. Ma sono dichiarazioni così come sono formulate anche inutili. Non si condivide più quella scelta? Il Sindaco chieda di tornare in Consiglio Provinciale e approvare una deliberazione che avvii una procedura di variante a quel Piano eliminando il sito in questione e quindi il rischio anche solo potenziale che un domani si ritorni con un progetto su quel sito. Peraltro nel caso di Savona essendo già in funzione un impianto simile (quello di Cairo) una tale decisione non creerebbe neppure problemi alla chiusura del ciclo dei rifiuti in ambito regionale a patto che si chiarisca che a Cairo vadano solo gli organici della provincia di SV cosa di cui dubito visto il recente aumento (su questo il ceto dirigente di Vado non ha nulla da dire?) delle quantità trattabili in quell’impianto per non parlare delle problematiche emissive dello stesso.

Marco Grondacci da FB

Condividi:
0

Lascia un commento