Spese pazze in Regione. La Corte dei Conti condanna, tra gli altri, i savonesi Pietro Oliva e Franco Orsi.

Soggiorno sulle Dolomiti, fiori, bottiglie di vino, gioielli, profumi e una raffica di rimborsi per consumazioni al bar, queste solo le spese che la Corte dei Conti  ha considerato illegittime, perché avulsi dall’attività politica dell’allora (anno 2008) gruppo del consiglio regionale “Forza Italia verso il Pdl”.

Per questo sono stati condannati a rifondere le casse pubbliche (in totale 73.060 euro) i 6 componenti del gruppo: Gabriele Saldo, Gino Garibaldi, Luigi Morgillo, Matteo Rosso, i savonesi Pietro Oliva e l’attale vicepresidente di TPL Franco Orsi.

Inoltre la Corte dei Conti ha ottenuto anche l’accoglimento del ricorso contro la prescrizione dei reati di altri 3 consiglieri, Francesco Bruzzone (Lega), Cristina Morelli e il savonese Carlo Vasconi dei Verdi.

Queste le decisioni della Corte dei Conti, ma anche la Procura è giunta alle stesse conclusioni e il Giudice penale ha chiesto il rinvio a giudizio per questi Consiglieri.

Condividi:
0

Lascia un commento