POVERA POLITICA E POVERI ANCHE I SAVONESI

Povera Savona che torna indietro di 20 anni con i possibili attuali nomi per la futura candidatura a sindaco di Santi, Berta e Russo.

Povera Lega che con la gestione Ripamonti – Maione – Martino e compagnia cantando si sta disfacendo come neve al sole.

Poveri 5 Stelle spariti dai radar della politica nazionale e locale.

Povero Pd oramai costretto a valutare di presentarsi con una lista civica per le prossime elezioni comunali in quanto il simbolo del Pd non lo voterebbe nessuno.

Povero Silvano Montaldo descritto come Maradona ed ora incapace di reggere e gestire un gruppo consigliare allo sbando.

Povera Caprioglio che non sa neanche più a che santi votarsi e che ha imparato sulla propria pelle che la politica è sangue e m…a (Rino Formica docet).

Viene da rimpiangere i tempi in cui le figure emergenti e di speranza erano rappresentate, da fronti opposti,  da Arecco, Battaglia e M5S.

Questa città e questa politica ha massacrato anche loro ed i sogni di poter cambiare.

Vi ricordate le epiche battaglie in consiglio comunale su Ata, la discarica di Cima Montà, i derivati, il bitume, la pulizia e la polizia. Da parti opposte, il Pd e la Lega hanno impedito in questi 4anni che il sogno divenisse realtà!

Ed ora? ed ora aggrappiamoci ai tre cavalieri dell’apocalisse: Russo, Santi e Berta, in attesa che il teatrino si riempia di altri attori, tutti comunque accomunati da un unico compito ed obiettivo: ritornare al passato e che nulla, per sempre, cambi!

Il Conte Biondo Francesetti

Lascia un commento