Amici di Albisola.
Incontro: Unioni e fusioni fra comuni

Ieri, venerdi 23 Marzo, si è tenuto un incontro pubblico organizzato dal comitato Albinsieme ad Albisola Marina dal titolo "Unioni e fusioni fra comuni: quali vantaggi e quali risparmi secondo le previsioni della nuova Legge Finanziaria "Il comitato ha raccolto 5000 firme in Liguria (la maggior parte non nelle Albisole) riuscendo a portare il tema in Consiglio Regionale nell'ottobre '06. In quell'occasione i voti favorevoli sono stati 13, 10 contrari ma erano necessario i 2/3. A distanza di un anno la Regione andrà nuovamente al voto e basterà la maggioranza semplice per indire un referendum consultivo. Lo scopo dell'incontro era quello di riprendere il tema, già affrontato negli ultimi anni, della possibile fusione tra le due Albisole, fornendo ai Cittadini e agli Amministratori il quadro dei vantaggi e dei contributi economici previsti dalla legislazione vigenti per favorire le fusioni e le unioni fra comuni. Il relatoreè stato il dott. Francesco Delfino, direttore generale provincia di Prato, esperto in finanza pubblica ministero degli interni e corte dei conti e nativo di Albisola. E' stata spiegata la differenza tra unioni e fusioni tra comuni: la prima, volendo riassumere, viene trattata dal legislatore come collaborazionismo, associazionismo mentre la fusione rappresenta una modifica territoriale in cui si forma un soggetto nuovo (con un solo sindaco e giunta). E' stato sottolineato come ogni anno percentualmente sale il numero di nuove unioni (67 nel 2000, 269 nel 2005; Piemonte e Lombardia in testa) mentre dal '95 al '03 le fusioni sono state solo 5.

I servizi che i comuni hanno deciso di unire sono principalmente quelli dell'ufficio tecnico (programmazione lavori pubblici) e la gestione economico-finanziaria ma anche viabilità, smaltimento rifiuti, polizia municipale, servizi alla persona,ecc...

Gli stanziamenti previsti nel 2007 dalla finanziaria sono stati di 32 milioni per le unioni, le fusioni e le comunità montane (n.d.r. ritengo una cifra molto bassa quella che andrebbe alle albisole).

Inoltre ai comuni spetta dallo stato un contributo straordinario del 20% per alcuni anni (la maggior parte dei soldi al comune arriva da ici, multe,ecc.. cioè da soldi versati direttamente dai cittadini).

Il resoconto è stato molto esauriente sotto il profilo generale e, anche se l'argomento trattato non era tra i più facili, l'incontro non è stato noioso. E' mancato però un elenco degli effettivi risparmi che ricadrebbero sui comuni di Albisola Superiore e Marina, ma questo è da ricercare nel fatto che questo comitato non ha voluto darsi una facciata politica. Alla riunione erano presenti il Sindaco di Marina Stefano Parodi e il Vicesindaco di Superiore Guido Di Fabio. Quest'ultimo ha preso la parola per affermare che avrebbe gradito che all'incontro fossero presenti gli assessori alla finanza e ha affermato che " non riusciamo a chiudere il bilancio" e "c'è una mentalità chiusa" facendo capire le spaccature che sono presenti all'interno della sua maggioranza (ricordiamo anche le dimissioni del capogruppo Pretin). Personalmente non sono favorevole alla fusione tra i due comuni , almeno adesso, ma ritengo che il tema delle fusioni debba essere ulteriormente approfondito e ,visto sotto alcuni profili, può essere molto interessante. Se per unione si intende collaborazione, associazionismo, mettere insieme le forze per razionalizzare le risorse diminuendo i costi di gestione, promuovere il territorio sotto il profilo turistico,cercare di portare maggiori risorse sul territorio sono favorevole. Nel caso significhi togliere qualcosa a Marina per darlo a Superiore sono contrario.

Diego Gambaretto

http://www.amicidialbisola.blogspot.com

 

TOP CLEAN
IMPRESA DI PULIZIE

di
KURUPHARANTHAS GEEVARANI

Corso Sardegna  40a 7
16142 Genova
Tel.
/fax : 010 8317608