Lettera aperta a Ferruccio Sansa, candidato Presidente della Regione Liguria e a Marco Preve, probabile candidato consigliere nella lista Sansa


Gentili Ferruccio e Marco,

sono lontani gli anni in cui pubblicaste, edito da Chiarelettere, “Il Partito del Cemento”.

A quei tempi ero consigliere comunale a Celle Ligure.

Consigliere Comunale, e ci tengo a dirlo con orgoglio, di OPPOSIZIONE, di ferma e convinta opposizione.

Nel vostro libro di indagine, i concetti che uscivano forti, prepotenti, determinati e limpidi erano lo stato di degrado morale della Liguria e delle sue istituzioni, per demerito/colpa grave di politici, o meglio, di torbidi maneggioni politicanti assetati di potere, assoggettati, non sappiamo se solo psicologicamente, al malaffare, e in alcuni casi anche alla malavita organizzata proveniente da altre regioni.

Attraverso di loro, “il partito del cemento, cioè degli affari” ha avuto gioco facile (in realtà facilissimo) a realizzare tutto ciò che desiderava, devastando la nostra terra, calpestando piani urbanistici e paesaggistici, norme, vincoli, regolamenti, piani di bacino.

Il libro racconta la realtà di una quindicina di anni fa, ma, pur cambiando, solo in qualche caso, personaggi e operazioni immobiliari, il modus operandi rimane sovrapponibile, almeno nei risultati, a ciò che accade oggi.

Sappiamo tutti che i partiti di Centro o Sinistra o Destra non determinano la vicinanza o la lontananza dalla cementificazione più sfrenata e dalle “male compagnie” che hanno fatto della Liguria quella terra di conquista che voi avete così dettagliatamente descritto e denunciato nel “Partito del Cemento”.

La differenza la fanno le singole persone.

È per tale motivo che vi invito a ritenere l’avvicinamento / la collaborazione con le singole persone molto, molto più importante rispetto al risultato elettorale.

Perché dico questo, e nel modo più accorato possibile?

Perché non sia mai che, solo per cieca ricerca del numero dei consensi, vi “mettiate in casa” persone che hanno agito ininterrottamente per ottenere quei risultati “cementizi” che voi avete sempre denunciato e, come me, aborrito.

Stimandovi, ci aspettiamo che la vostra coerenza vi faccia dire dei coraggiosi “no grazie” verso chi non gode di un passato cristallino, nel rispetto di coloro che, con voi e come voi, hanno a cuore coerenza, trasparenza e rispetto della legalità.

Ritengo che una politica coraggiosa debba essere trasparente, volta esclusivamente al bene dei cittadini e che quindi non possa passare attraverso un becero e inaccettabile tatticismo (che paga solo a breve termine), in nome del quale tutto possa essere calpestato.

Grazie dell’ascolto.

 Carla Venturino. 

Celle Ligure, 28 luglio 2020

Lascia un commento