Le minacce a Claudio Strinati e alla sua famiglia sono il segno che la città ha toccato il fondo

La lettera con il proiettile al Presidente della TPL e  le minacce alla moglie e alla figlia non sappiamo se siano i gesti di un pazzo, oppure si tratti di un atto premeditato con uno scopo ben preciso ma, in qualunque caso,  sono di una gravità assoluta.

Non è la prima volta che amministratori e politici ricevono lettere minatorie ma mai le minacce erano state rivolte anche alla famiglia.

E pensare che Tpl non ha problemi finanziari, non è toccata da scandali e la carica di Strinati non è certo di quelle che possano creare invidia.

Un segno anche questo che ormai Savona è in totale degrado, dove non ci sono più politici che abbiano veramente a cuore amministrarla, meglio occuparsi di Vado Ligure o dei paesi limitrofi in cui arrivano piogge di euro.

Lascia un commento