La rinuncia di Minniti manda in crisi parecchi politici nostrani del Pd

Come faranno i nostri “poveri” politici del Pd, che si erano già schierati con Marco Minniti alle prossime primarie, a rimanere a galla?  Passeranno tutti con Zingaretti ormai sicuro vincitore?

Per Vazio, comunque vada, probabilmente sarà l’ultimo giro in Parlamento visto anche come vanno i sondaggi del Pd. Chi rischia di più sono Vigliercio e Zunino che puntano ad un posto in regione.

Il “povero” Zunino ha già dovuto rinunciare alla carica di candidato Sindaco di Celle e a quella di vice presidente della Provincia ed ora, dopo la rinuncia di Minniti, per un posto in regione si sente in svantaggio rispetto a Righello che ha fatto la scelta giusta appoggiando Zingaretti.

Se molto presto non cambieranno cavallo passando con Zingaretti, ormai sicuro vincitore, potrebbero rinunciare alle loro ambizioni anche Barbara Pasquali che punta alla candidatura a Sindaco di Savona e Luca Martino che vuole tornare in auge almeno a livello cittadino.

I più fortunati sono gli attendisti tra cui Giuliano, Briano, Giacobbe, Negro e Gemelli.

Qualcuno di loro si schiererà con gli altri candidati (Boccia, Corallo, il duo Martina-Richetti, Saladino e Damiano) per poi essere determinanti al momento di formare una maggioranza e contare qualcosa all’interno del partito.

Dal SecoloXIX

Condividi:
0

Lascia un commento