Francesco Baglietto

Nome: Francesco

Cognome: Baglietto

Età: 20 anni

Tendenza politica: Italia dei Valori

Sei Favorevole all'ampliamento, attraverso il carbone, della centrale di Vado? Assolutamente no. Trovo assurdo che nel XXI secolo si parli ancora di carbone e ancora più assurdo che certa gente cerchi di vendercelo come “carbone pulito”. Non esistono carbone pulito e carbone sporco, esiste solo il carbone che inquina e avvelena le nostre vite. La centrale di Vado, che ha già al suo attivo migliaia di morti per le emissioni nocive, andrebbe riconvertita e non ampliata !! con i soldi stanziati dal governo per l’ampliamento si potrebbe dotare la nostra provincia di pale eoliche e pannelli solari che produrrebbero molta più energia di quella che si produce adesso e senza rischi per la salute.

Sei Favorevole alla Margonara? Anche in questo caso sono totalmente contrario. Come già successo a Varazze, anche qui gli interessi ambientali vengono meno al confronto di quelli economici. L’unico scopo di questa operazione, a mio parere inutile, è evidentemente quello di far arricchire i soliti noti palazzinari che in nome del dio Denaro, stanno da anni distruggendo le nostre coste.

Pensi che la costa sia troppo cementificata? Decisamente si. La nostra provincia, come del resto tutta la costa ligure, è stata in questi anni, invasa da una colata di cemento mascherata come “progresso”. Ma siamo proprio sicuri che si tratti di progresso?
Non sarà forse che dietro a questa parola così positiva si cela in realtà solo una speculazione edilizia sfrenata? La Liguria, la costa ligure, sta diventando un enorme dormitorio.

Cosa pensi dei dirigenti della tua parte politica? Come forse qualcuno sa, all’interno del mio partito esistono 2 correnti con programmi e obiettivi assolutamente antitetici. Da un lato abbiamo l’attuale segretario provinciale, ex Margherita, per il quale fare politica significa esclusivamente ricerca di collocazioni, meglio se retribuite, per se e gli amici: per queste persone le parole programma, pensiero e valori politici e civili sono prive di senso o quantomeno subordinate alle proprie modeste carriere. Ovviamente io appartengo all’altra corrente assieme Al vice
segretario regionale ed al presidente del partito. Quella del fare, del proporre, del far si che il nome del nostro partito abbia un senso concreto e trasferibile nelle azioni politiche del nostro sciagurato territorio.
Purtroppo la convivenza di queste due correnti è impossibile anche e soprattutto a causa delle scelte sbagliate operate in passato dal nostro segretario come ad esempio le sue posizioni a favore di ogni intervento urbanistico che comporti cementificazione, Margonara in testa. Come i lettori di Uominiliberi sapranno, negli ultimi mesi il nostro gruppo ha cominciato a proporre idee e a prendere posizioni ben precise, a difesa del nostro amato territorio, e di chi è in prima linea nelle battaglie contro la sua distruzione, in primis la nuova amministrazione di Vado Ligure. Dopo le Elezioni regionali, avremo modo di celebrare i nuovi congressi e sarà quella l’occasione per archiviare definitivamente il capitolo Tuvè e C. della storia di Italia dei Valori.

Secondo te, i giovani nei partiti politici savonesi, meriterebbero più spazio? Ovviamente si. Ma secondo me il problema dello spazio ai giovani va diviso in due parti. Da un lato la “vecchia” politica ha paura dei giovani, troppo intraprendenti , ancora onesti e acculturati, dall’altro
purtroppo c’è un enorme disinteresse verso una politica che ormai viene vista come una cosa talmente sporca da essere ignorata. Bisogna far capire ai giovani che il futuro è il nostro, non dei dinosauri della politica, bisogna far capire ai giovani che se non ci si interessa della politica, la politica non si interessa di noi, con i risultati deludenti a cui siamo abituati.

VOTAMI