Garofano (FdI): imparare dal passato, pensare al presente ma guardare al futuro

La mia ultima settimana di campagna elettorale inizia insieme agli amici di Andora

Ieri riflettevo: Chi “fa politica” deve stare lontano delle emozioni, perché le emozioni spesso sono ingannevoli.

È invece necessario avere punti fermi, anche quando le emozioni sono piacevoli, per restare sempre lucidi e concreti, altrimenti è facile che ci si esalta e si perde il senso di necessità dello stare coi piedi per terra.

Perché come si sale in un attimo, basta un errore o un evento negativo che si scende poi altrettanto in un attimo. Per questo non bisogna delegare alle emozioni.

Bisogna invece Costruire.

Perchè Costruire significa avanzare e non indietreggiare mai un passo, conquistare ogni centimetro, come una lunga marcia cadenzata.

Vorrei che tutto l’ambiente nel quale milito e che mi sento di rappresentare, abbia la forza di concretizzare in maniera matura le esperienze passate, fatte di tante cose buone, e come sempre avviene, anche di qualche errore.

Quello che auspico è che Fratelli d’Italia in provincia di Savona possa essere un’esperienza nuova per gran parte dell’elettorato di centrodestra. Un’esperienza nuova, rispetto ai soliti, un’esperienza nuova nel modo di percepire la politica in questa area.

Non ci deve spaventare il termine “nuovo“.

Come amo ripetere, è necessario imparare dal passato, pensare al presente ma guardare al futuro.

Francesco Garofano

 

Lascia un commento