Da una vadese emigrata su Marte

Solo una domanda: perché non siamo nell’elenco dei siti adatti al deposito nazionale dei rifiuti radioattivi?

Si può far passare il messaggio che noi siamo pronti, magari attraverso le sempre contrarie ma sempre desistenti istituzioni vadesi?

Non vorrei lo sforzo pimby si fermasse alla piattaforma o al gas. È il momento di un cambio di passo: è il momento avere una discarica nucleare a Vado. Grazie.

Lascia un commento