Celle Ligure. Morto un Promotur se ne fa un altro

Celle Ligure – Con l’elezione a sindaco di Caterina Mordeglia, succeduta a Renato Zunino lo scorso maggio, a Celle Ligure pare che l’aria nuova stia spirando in tutte le direzioni.

Notiamo che sul suo Profilo Facebook ex sindaco Zunino continua ad indossare la fascia tricolore, forse la nuova amministrazione lo ha elevato ad emerito.

Dopo l’annullamento del Capodanno per motivi di sicurezza e mancanza di risorse, la nuova amministrazione ha deciso di annullare altri due consueti eventi, il mercantino delle cianfrusaglie che si tiene da anni la seconda domenica del mese e Borgo in festa.

Tutte queste manifestazioni sono organizzate dal Consorzio Promotur che condivide lo stesso indirizzo dell’agenzia Unipol con cui Renato Zunino collabora.

Renato Zunino già sindaco di Celle Ligure, dalla metà degli anni 70 fino al 1992, eletto nelle liste del Partito Comunista Italiano, si dovette dimettere a seguito di un’inchiesta giudiziaria che lo vide coinvolto.

Renato Zunino dal 1993 al 2009 è stato presidente del Consorzio Promotur, cooperativa probabilmente nata per permettere a Zunino di continuare ad influenzare la vita politica ed economica cellese fino alla sua rielezione nel 2009.

A seguito di tutti questi scossoni l’attuale presidente del Consorzio Promotur, Franco Abate, pare che abbia lanciato la provocazione di metterlo in liquidazione.

Con la chiusura del consorzio sarebbero a rischio altri eventi che allietano l’estate cellese come Acciugalonga, la Basilico Night, la Notte Viola, Man d’Ommu e la Notte Bianca.

Per chiudere definitivamente con il passato, la strategia della Mordeglia potrebbe essere quella del morto un Promotur se ne fa un altro, nella speranza che la cura non uccida il malato ed il nuovo soggetto deputato ad organizzare e promuovere le iniziative turistiche venga scelto con un bando pubblico e se ne conoscano i partecipanti.

Condividi:
0

Lascia un commento