Arpal, Procura, Provincia di Savona e la consigliera comunale Ferrari intervengono sull’ inquinamento dell’Italianacoke

Arpal, Procura e Provincia di Savona contestano all’Italianacoke di Bragno recenti violazioni all’Aia (Autorizzazione Integrata Ambientale).
In Procura pare sia stato aperto un nuovo fascicolo penale, oltre a vecchi procedimenti su prescrizioni non rispettate.
La Provincia di Savona, a seguito del controllo Arpal, ha contestato all’azienda di non rispettare le prescrizioni.
L’ultima ispezione in uno dei depositi di carbone ha confermato quanto segnalato in un esposto firmato dagli abitanti, il carbone non viene bagnato e il vento trasporta la polvere in tutto il paese
Intanto in Consiglio comunale giace un’interrogazione della consigliera Giorgia Ferrari sugli sforamenti di benzopirene.

Condividi

Lascia un commento