LINKS

SCRIVICI
o telefonaci: 3468046218

MAILINGLIST

ARCHIVIO




















<
 
 da l' archivio de
"La Repubblica"
TUTTI GLI ARTICOLI DI MARCO PREVE
TUTTI GLI ARTICOLI  DI LUCIANO ANGELINI
 
www.truciolisavonesi.it  spazio di riflessione per Savona e dintorni
 NUOVO AGGIORNAMENTO con notizie e commenti da tutta la Provincia
VADO LIGURE SABATO 4 OTTOBRE,TUTTI IN PIAZZA!!!! Corso di formazione per colf e badanti.
 
                              ERA GIA' TUTTO PREVISTO

In  fondo  a questo... articolo del SecoloXIX ...in cui si parla  del risanamento dell'Acts c'è una notizia che viene relegata all'ultima riga "

È prevista inoltre la liquidazione del deposito di Cairo Montenotte e quello di Albissola". La vendita di quest'ultimo era già stata anticipata, mesi fa, da Marco Preve. Adesso manca solo la consueta variante al PUC con cambio destinazione d'uso e qualche fortunato costruirà le solite palazzine a peso d'oro

 

                                  BOVERO LASCIA?
Giornate febbrili in attesa del consiglio comunale di Vado Ligure che approverà il nuovo piano urbanistico comunale, recependo così anche il progetto di piattaforma Maersk e gli inevitabili decrementi del patrimonio immobiliare di molte famiglie vadesi

Il motivo di questa (ipotetica) decisione non starebbe tanto in questioni programmatiche: Bovero resta un fautore deciso del progetto,ma i DS  vadesi e savonesi gli hanno preparato un movimento di dirigenti fatto apposta per neutralizzare la sua capacità di incidere sulle decisioni. Infatti, l'architetto Macario, dirigente urbanistica, e' trasferita, dal 1 ottobre 2008 al comune di Savona, dove si preparerà a sostituire l'arch. Campagnolo, al suo posto viene promosso l'ing. Roberto Drocchi,consigliere comunale DS a Savona, il quale accentrerà

la  funzione dei lavori pubblici con l'urbanistica.

Con questo movimento, Giacobbe risolve due problemi, a Savona ed a Vado: al contempo è in grado, lui ed il suo partito, di controllare, minuto per minuto, tutti gli atti del suo vicesindaco e assessore all'urbanistica. Ora bisogna vedere se quella vecchia volpe di Bovero accetterà, ancora una volta di essere gabbato dal suo ex partito. 

 

                   Limiti OMS per PM 10 e 2,5 e studio ARPAL

Il lavoro di ARPAL, che oltre ad essere superficiale ed incompleto, fornisce comunque, con i pochi dati presentati,  un quadro tutt' altro che rassicurante della situazione ambientale attuale e futuribile.

Non capisco come i nostri pubblici amministratori posano trarre da tali dati, pur assai parziali ed incompleti, notizie confortanti sulla situazione ambientale del nostro territorio. 

Allego una Tabella dei valori rilevati da... ARPAL... e una tabella dei valori ritenuti dall' OMS come abbastanza protettivi per la salute dell' uomo.

I dati cerchiati (tutti!!!) indicano che le centraline dell' ARPAL hanno rilevato valori ritenuti pericolosi per la salute dall' OMS. Tale concetto viene ripreso  nell' articolo che  invio, dalla società europea per le malattie respiratorie ...ERS... di cui sono membro, che, con circa 20 anni di ritardo inizia a capire di avere  delle responsabilità verso i cittadini.
 
Altra Savona

E i ” Mille” di Cappelli salparono da…lo scoglio della Madonnetta! 

Il ricordo va inesorabilmente ai mille garibaldini seguaci di quel capo che moltissimi riconoscono come l’eroe dei due,tre mondi e molti invece come uno squallido avventuriero al soldo. La storia però propende per la prima versione. Sarà così anche per il nostro ex senatore della Lega, ex Forza Italia, ex Life, ex costruttore di villaggi turistici a Cuba ex, ex, ex? Certo che “Altra Savona” si presenta molto bene: tutti fuoriusciti...CONTINUA  Giacomo Rolletti
 
                                             CELLE LIGURE - ULTIMISSIMA

 GIOVANNI DURANTE ha depositato la sua autocandidatura per le primarie di Celle Ligure interne alla lista "Insieme per Celle".  Molti cellesi si augurano possa contrastare la candidatura di  Renato Zunino

 

   SABATO 4 OTTOBRE,TUTTI IN PIAZZA!!!!

Importante convegno organizzato dalle minoranze consiliari di Vado Ligure, per fare informazione libera e pulita sui problemi della città, dalle ore 10, convegno aperto a tutti in piazza Cavour.

Relatori:

- Marco Preve, giornalista di Repubblica e coautore del libro inchiesta "il partito del cemento".

- Prof. Gerardo Marletto, professore l' Università di Cagliari, 

- Avv. Roberto Faure, dell'associazione Città aperta, sui diritti di cittadinanza  ieri ed oggi.

- Dott. Ugo Trucco, Presidente provinciale dell'ordine dei medici.

- Franca Guelfi e Corrado Calcagno.

Mentre il "palazzo" se ne infischia della "piazza" perché tifa per i palazzinari, per  le opere inutili e le merci contraffatte e velenose, i veri cultori dello "sviluppo sostenibile" fanno quel che possono per offrire ai cittadini una informazione non contraffatta

LEGGI  IL VOLANTINO IN PDF

 

Per essere diversa, l’Italia, è diversa. 

Ma sembra l’unica verità contenuta negli anticipi nel libro di Vespa.

 

 Al detto “Dio li fa e poi li accoppia” sarebbe il caso di aggiungere quest’altro: “Uno le spara e l’altro le pubblica”. Soggetti (neanche troppo) sottintesi:  Silvio Berlusconi e Bruno Vespa.

Stamattina, infatti, sono apparsi sui giornali tre paragrafi tratti dall’ultimo libro dell’anziano presentatore; ovviamente sono paragrafi che contengono le dichiarazioni del nostro presidente (minuscola voluta) del Consiglio (maiuscola dovuta).

Tre paragrafi, tre dichiarazioni, tre falsità. E in più, una dichiarazione che potrebbe aver senso solo a Zelig.

Niente male, direi. Consentitemi... CONTINUA    Valeria Rossi

 
          LA FILOSOFIA URBANISTICA DELLA CASTA!!!
Grande scandalo per la sentenza del TAR del Veneto il quale ha stabilito che, in zone di  elite, non ha senso costruire case popolari. Quindi, perchè Cortina d' Ampezzo, Capri, Portofino dovrebbero sprecare delle aree per le classi popolari a svantaggio dei vip della ricchezza, dell' industria,del potere?...leggi…insomma, in questi paradisi non vi è posto per quartieri di edilizia  convenzionata o di case a basso costo a cura delle ex case popolari, oggi ARTE.

Per Capri e Portofino, vista la ristrettezza delle aree, il ragionamento potrebbe anche filare, ma per Cortina, stante l'ampiezza della conca, non si vede perche' i cittadini meno fortunati, che magari sono nativi del paese, non possano abitare in case costruite per redditi medio-bassi. Filosofia elitaria propria del centro destra, questa, che rivendica distinzioni di classe, anche all'interno di tutti i comuni? Non solo, anche il cosiddetto centro-sinistra non scherza, anzi le giunte genovesi degli anni '70 hanno tartassato le colline di Pra, di Cornigliano, di Sestri, del Begato con orrendi alveari (le lavatrici) mentre non si sono sognati di toccare  sant' Ilario o Nervi (fatta eccezione per quelle lungo lo svincolo autostradale). Quanto a Savona, le case economiche hanno invaso Legino alta (la collina dei conigli), mentre nessuno si e' sognato di costruire nelle aree portuali o in quelle alla foce del Letimbro. Insomma, la casta, fedele al suo nome, compie scelte urbanistiche conformi: se ci fossero, come in India, "gli intoccabili" state tranquilli che abiterebbero  in margine alle discariche, in fregio ai cavalcavia. Il nuovo PUC di Savona ci ha notificato che nuovi alloggi sorgeranno a Mongrifone alta, a Lavagnola (l'eterno progetto dell'ex centrale elettrica), ma la polpa rimane per l'upper class: progetto piazzale della vecchia stazione, progetto stazione FFSS, progetto cantieri Solimano, progetto Legino bassa (orti prossimi alla università); progetto valle del Letimbro (con l'amicale partecipazione delle opere sociali).

Quindi, bando al'indignazione e forza palazzinari!!!!

 

Sconvolgente analisi-ritratto del quadro politico di ieri, di oggi, di domani

Savona ha disperato bisogno di aria fresca 

Salvateci dalla politica-spazzatura! 

Manca una classe dirigente che cambi davvero la politica e tolga le mani dalla torta

Il vice sindaco Paolo Caviglia? Un “corsaro” al potere senza essere eletto. Siamo al mercato delle vacche. I ripetuti e contrastanti messaggi-spazzatura del presidente Bertolotto-primario, campione della politica funzionale ai suoi interessi. AltraSavona? Nomi nuovi, tanti imbarchi e vecchia zavorra con ansia di rivincita: dal Pci ai forzisti in fase di riciclaggio. Il Pd? Un impeccabile e rodato “ufficio di collocamento” che funziona davvero. Chi guida il partito porta il nome di Massimo Zunino e Carlo Ruggeri (i cementificatori).  Con Giovanni Lunardon, già “vecchio” ed esecutore di ordini. Tutti i limiti di Forza Italia quando è stata chiamata a governare. A chi potrebbe essere affidato il futuro di Savona? Cartelli civici, movimenti d’opinione e giovani motivati

              di Bruno Lugaro

QUESTO E ALTRI ARTICOLI SU www.truciolisavonesi.it 

                                spazio di riflessione per Savona e dintorni

 

                    A QUILIANO C'E' UN TORRENTELLO...
Che si chiama "Pilalunga" e scorre in fregio a due aree molto importanti: la Sarpom che alimenta l'oleodotto dal campo Boe a Trecate ed il mercato all'ingrosso di Savona.

Dovete sapere che il Presidente del porto di Savona, benvoluto negli ambienti economici e politici sia di destra che di sinistra, aveva dato  la sua parola (e i relativi finanziamenti) per costruire uno scolmatore che prevenisse le piene e l'allagamento dei 2 siti citati.

Con 1 milione e mezzo di euro, nel piano triennale, risulta ancora l'impegno finanziario del porto, con il comune di Quiliano come supporter giuridico e tecnico, ora succede una cosa strana: l'Ente Porto, così sensibile al dato ambientale, ha cancellato il finanziamento
leggi…accusando il comune di inadempienza sul piano delle autorizzazioni. Piccata la risposta del sindaco Isetta, il quale ribalta le accuse e prende atto dei metodi del Presidente...leggi...chi avrà ragione? Possibile che due istituzioni si scontrino, accusandosi a vicenda di azioni penalmente perseguibili? Noi non lo sappiamo, ma vorremmo tanto conoscere chi dice il falso, anche perchè il riconfermato Canavese e la riconfermata Mazzitelli avevano assicurato il restauro di palazzo Santa Chiara, uno dei pochi lasciti rinascimentali di Savona, in cambio chiedevano una concessione trentennale, ben sapendo che  sui beni culturali non e' possibile. E' bastato il rifiuto del ministero per autorizzare il disimpegno dell'ente e l'annuncio che la sede  si costruirà, in forma di parallelepipedo gigante nelle sue aree. Alla faccia del rispetto dei beni culturali ed ambientali!!!!

 
                   GIACOBBE, I TIFOSI E LA PIATTAFORMA
Questa sì che e' una notizia!!!  Pare che un gruppo di tifosi del Savona calcio abbia protestato contro il sindaco Giacobbe, rimproverandogli il saccheggio di Porto Vado previsto dalla costruenda  piattaforma Maersk.

Il nostro non si è comunque sottratto alle provocazioni dei  supporter biancoblù  ed ha risposto  le con ampie argomentazioni che riportiamo...leggi... Peccato che Giacobbe, così aperto e loquace con i  fans del Savona, non lo sia altrettanto con quelli  del Vado fbc, squadra storicamente "nemica" di quella che dovrebbe essere la "sua" squadra. Il fatto poi che preferisca interloquire con tutti tranne che con i suoi amministrati (non si riesce a fargli convocare una pubblica assemblea) la dice lunga sul suo grado di popolarità attuale, tanto che, il suo segretario provinciale, alla domanda  dell'interessato sulla  sua riconferma  alle comunali 2009, pare abbia risposto, che si era già prenotato  l'ex sindaco Peluffo  ed un altro candidato, già brutalmente respinto dai ds, sta pretendendo la poltrona in qualità di grande alleato socialista: il geometra Bovero.

Fatti due conti, ai democratici veltroniani, dopo aver perso molti alleati, restano giusto i socialisti e le loro auspicate ed incredibili performance in provincia di Savona
 
maersk                 VADO LIGURE - NON SOLO PIATTAFORMA

Da mesi ormai si parla della Piattaforma Maersk che avrà un devastante impatto ambientale su Vado e Comuni limitrofi. Pochi, però, hanno parlato di un altro probabile business, oltre alla movimentazione dei containers; ora si scopre che insieme alla Cittadella dello sport, nelle vaste aree del retro porto, dovrebbero nascere molti appartamenti per la felicità dei cementificatori che in questo caso sembrano avere un nome: Benedetto Piro, ex Presidente del Savona Calcio.

Tutto questo sembra previsto dal DPR6 (Distretto di trasformazione). Insomma, se nelle altre cittadine liguri la costruzione di un porto turistico sembra una scusa per costruire case, a Vado Ligure, per cementificare, si sfrutta la piattaforma. Resta da vedere chi acquisterà quegli appartamenti visto il panorama che si prospetterà in futuro; ma questo, forse, non è così importante per gli speculatori, visto che il vero affare non è tanto il costruire ma elaborare anche il solo progetto
 

                       Berruti e la Giunta comunale savonese
Mi permetto di inviarvi un breve commento che le inusitate notizie di cronaca locale
-ricostruita sulle pagine di stampa- suscitano, in merito alle ideazioni che il sindaco Berruti elabora a seguito della richiesta da parte del Ps.

Ritengo infatti sia un segnale di decadimento profondo dal quale sembra difficile emergere: i tentativi di sostituzione e riallocazione degli assessori –penso al caso della dottoressa Bacciu - concretizzano quanto qualificato nel lontano 1958 da Banfield.

Siamo in presenza di un “familismo amorale”, secondo cui gli individui di una comunità appartenente a tale cultura cercano di massimizzare solamente i vantaggi materiali e immediati del proprio nucleo familiare. Sarebbe "amorale" perché manca di morale pubblica, nel senso che i princípi di bene e di male rimangono e vengono applicati soltanto e unicamente nei rapporti familiari. L'amoralità non è quindi relativa ai comportamenti interni alla famiglia, ma all'assenza di ethos comunitario, all'assenza di relazioni sociali morali tra famiglie, tra individui all'esterno della famiglia. Secondo questa prospettiva quindi, ogni tentativo e iniziativa riguardante l’investimento di risorse ed energie in beni collettivi da realizzarsi tramite uno sforzo organizzativo comune e spontaneo, sono fuori dall’orizzonte delle possibilità.

È esattamente la fotografia delle attuali dinamiche “politiche” messe in atto dal ceto politico dominante nella nostra Città, orami da troppo tempo, e senza percezione da parte di chi le impersona e le agisce né di vergogna né di coscienza politica amministrativa di tipo etico.

Un caro saluto

Patrizia Turchi A sinistra per Savona

 

                                PATTO DI CARTONE
Accordo di "cartone" quello siglato…LEGGI…dai  3 Presidenti dei porti liguri, i quali si impegnano ad usare un marchio comune per i servizi resi alla comunità, quasi fossero delle banane che, se non si chiamano "Ciquita" non sono apprezzate dal consumatore.

Ancora una manfrina, quindi, che non solo non razionalizza le autorità portuali liguri (che sono troppe) ma che rinvia sine die il grande e irrimandabile problema del sistema dei porti, che significa, in parole povere che 3 presidenti sono troppi e forse ne bastano due; che i piani regolatori portuali vanno armonizzati eliminando i doppioni e gli sprechi; che la specializzazione funzionale comporta il concentramento di alcune merci in un solo approdo e che, quindi, è superfluo ed irrazionale che, in ogni scalo, ci sia il porto petroli, quello del carbone e quella dei contenitori. Che un rigoroso bilancio costi/benefici ci dica finalmente se certe cattedrali nel deserto sono un volano economico, ovvero un cinico spreco di denari pubblici e di energie private.

Insomma tutto quello che il comitato varato con tanta enfasi non  potrà mai fare.

 

Da Ventimiglia a Urbe, il business delle biomasse passa per Adolfo Pastorino

La Benarco propone a Urbe un impianto nel centro del Beigua, lo stesso imprenditore aveva proposto la centrale di Bevera.  

Osservate bene... la visura camerale... fino in fondo... e l'elenco dei materiali (le società sono 2!)

 
da Primo canale -
Gilberto Volpara
FORGIONE: "TURISMO LIGURE NEL MIRINO DELLA MAFIA"
 
ALBISOLA SUPERIORE  2 COMUNICATI STAMPA FORZA ITALIA VERSO PDL
 

                                  DOVE I RIFIUTI NON PUZZANO!!!
L'A.T.A., famosa azienda pubblica per la nettezza urbana, prevede,nel suo ampio statuto, tutte le attività possibili ed immaginabili connesse al ciclo dei rifiuti. Con una carenza cospicua: gli  manca una discarica, senza la quale il famoso cerchio non si chiude, mancando il conferimento in uno spazio fisico. Per la verità, in passato, l'azienda smaltiva in località "cima montà", zona scarsamente abitata tra Madonna del Monte e Cabidona. Tutti si ricordano le proteste di cittadini e ambientalisti per chiudere il sito, per alcuni ormai saturo da anni, per altri ancora capiente.

Si traccheggiò per alcuni mesi e poi, la provincia decise di chiudere la discarica, con l'ovazione dei cittadini e la muta soddisfazione di alcuni imprenditori privati, i quali rimanevano gli unici possessori in regola per l'abbancamento dei rifiuti urbani ed anche speciali. Nel  frattempo la provincia sfornava progetti di inceneritori, puntualmente impallinati  dalla pubblica opinione. Un nuovo assessore, di certificata sinistra, elaborava un piano, rimasto lettera morta. A fine mandato, si accorgeva che, forse, l'ATA abbisognava di un nuovo sito; Fatti due conti, si deduceva che, lo scavo occorrente per costruire il nuovo carcere veniva a fagiolo ed incominciava il tormentone del progetto  della discarica "di Passeggi". Siamo in comune di Savona, in un aspro tratto boschivo, ai margini  del comune di Quiliano, non ci sono strade, occorre azzerare colline e scavare crateri,ma sembra l'unico sito per una discarica pubblica, evitando di intasare ulteriormente le discariche di Vado Ligure, felicemente gestite dall'impresa Bagnasco, tanto munifica quanto illuminata.

E mentre il presidente Bertolotto dichiara…leggi..che, nei pochi mesi di governo che lo separano dalla scadenza,"la discarica di Passeggi e' l'ultimo dei problemi" (chissà quale sarà il primo) il comune di Vadoleggi…si appresta ad autorizzare l'ampliamento delle discariche private, alla faccia dei contribuenti non solo di Vado, ma di tutta la provincia. Così si realizza la virtuosa integrazione tra il pubblico ed il privato, per fortuna in assenza di "gomorra" e dei suoi lugubri protagonisti.

 

A.A.A. CERCASI notizie sull'ex cantiere navale Solimano accanto a Villa Zanelli .

L'edificio ha la copertura fatiscente e, potrei sbagliare, sembra di eternit.

Oltretutto i locali che forse erano adibiti ad ufficio, occasionalmente mi sembrano abitati.

 

                      Anche a Savona, il suicidio della sinistra

Quando Valentino Rossi vince una gara perché il suo principale avversario è andato fuori strada od ha rotto il motore, certamente si diverte meno di quando lo batte, a modo suo, all’ultimo giro, con una staccata sovrumana.

Qui, con la sinistra, così brava a farsi del male da sola, non c’è neanche più gusto a vincere. Ormai anche a Savona, prima in Provincia ed ora in Comune, le amministrazioni di sinistra si stanno auto-estinguendo. La cosa, non soltanto è poco divertente, ma anzi è assai pesante, per una Provincia ed una Città che hanno messo il proprio futuro (fortunatamente pro-tempore) nelle mani sbagliate.

Passi per un Presidente che, abbandonato dai suoi proprio sulla “via di Damasco”, ha colto l’occasione per restarvi tempestivamente “folgorato”, avendovi trovato una compagnia decisamente migliore.

Ma ora, che il Sindaco di Savona accetti di rimanere ostaggio di un manipolo di reduci del peggio della prima repubblica, i quali hanno ravvivato alla grande le (mai abbandonate) vecchie tecniche di ricatto politico per ottenere posti, è davvero insopportabile.

Dove pensa di andare il Sig. Sindaco, in balìa di questi “grassatori” politici?

Credo che, con questo ennesimo turpe episodio, anche a Savona, la sinistra stia ormai emanando le ultime flatulenze di una politica basata su un modello ideale sbagliato ed ormai condotta, da tempo, da gente sbagliata.

Di tutta la compagine, che in qualche modo lo sostiene, il Sindaco ha mostrato sempre di possedere una “cifra” superiore.

 Forse sarebbe ora anche per lui, di dire addio a questa sua grama compagnia.

I savonesi sono certamente pentiti ed hanno ormai espiato abbastanza: perciò sembra - oltre che auspicabile – doveroso, che sia data loro, al più presto, l’opportunità di nuove elezioni.

Stella, 24 settembre 2008.                                                         Emilio Barlocco

 

                                              Orrore a Bossarino
Dal suo blog il consigliere provinciale Nicolich lancia parole (sempre e solo parole) di fuoco contro tutti gli enti (Comune, ASL) che, a suo dire, dovrebbero subito soccorrere alcuni gatti di Bossarino a suo dire affamati. Lui, che prima scrive ai giornali e poi agli enti suddetti, gli ha allungato “qualche” scatoletta; onde evitare che dal dire al finalmente fare si trovi in indigenza, sarà bene lanciare una raccolta di fondi per rimborsargli subito la spesa, non  vorrei dovesse intaccare le indennità che riceve come consigliere della provincia.   

 
LA PAROLA AI CRONISTI-TESTIMONI
ECCO IL “NOSTRO E VOSTRO SAVONA”

(Oggi alle 18, a Palazzo Sisto, presentazione – Il libro solo in omaggio)

 
Altra Savona

            ALTRA SAVONA"  e il risveglio delle coscienze. 

Proporsi senza schierarsi è un modo che, a prima vista, potrebbe sembrare come uno sterile artifizio di opportunismo, oppure un modo intelligente per cercare di riaprire il cantiere da lungo tempo disastrato tra la politica e la società: nell'intento, palese, della ricerca di un consenso oggi sempre più difficile da acquisire e senza il quale, ovviamente, è impensabile procedere  con convinzione "nel dire e nel fare".E' questa una diagnosi...CONTINUA

 
Molto interessante questo articolo di Paolo Arvati da Repubblica. I dati incontrovertibili che spiegano il drammatico crollo turistico - un milione e mezzo in meno di presenze in nove anni - nel savonese e nell'imperiese per colpa della speculazione e dell'impoverimento del territorio, quindi dell'offerta... PIÙ CEMENTO MENO TURISMO
 

Riposa” a Ceriale l’avvocato

prediletto dagli imprenditori

(Il ricordo, da cronista, di Francesco Fizzotti)

Luciano Corrado

Ceriale – La sua ultima dimora, l’avvocato Francesco Fizzotti, l’aveva scelta da tempo. La tomba di famiglia di Ceriale, accanto all’amatissimo papà, Carlo, commendatore, ragioniere, negli anni sessanta presidente dell’Azienda autonoma di soggiorno, nonché funzionario della Banca Popolare di Novara dove ha ricoperto ruoli di spessore.

Se il commendator  Fizzotti, a Ceriale, all’epoca, era considerato un’autorità al quale rivolgersi per “trovare una porta aperta”, al figlio Francesco le nuove generazioni si rivolgevano per un consiglio “importante”, una pratica nel campo della compravendita di terreni, di problematiche edilizie. Francesco Fizzotti ha sempre ...CONTINUA

 
                        L'ARTE DELLA SPUDORATEZZA!!!!
Inaugurati oggi 51  alloggi restaurati a cura dell' A.R.T.E. di Savona (ex IACP), alla  presenza di illustri esponenti del partito democratico, che non hanno perso l'occasione di farsi fotografare e riprendere, secondo  il vezzo invalso per le opere di regime…leggi...hanno imparato bene, quindi, l'arte della comparsata gratuita, del presenzialismo immeritato, ma non l'arte di  vergognarsi per opere pubbliche come questa. Sì, perchè forse non sapete, che il cantiere di restauro delle  "case di ringhiera" di via Aglietto, si è aperto oltre 10 anno fa.

Nel frattempo, a Savona, le case di lusso sono partite a razzo e ci hanno consegnato tanti begli appartamenti con vista a mare, dove certo non possono accedere le 800 famiglie  in lista di attesa. Gli spudorati, certo, ammettono che si è fatto poco da parte dell'istituto case popolari Eppure, hanno designato, salvo un breve intervallo, tutti i Presidenti, compreso l'ultimo che nessuno conosce; hanno tentato addirittura, Burlando e Ruggeri, di nominare il tecnico di fiducia di Andrea Nucera: operazione sventata  anche dalla prontezza di Luciano Corrado, che ha diffuso l'indiscrezione sul nostro sito, mandando a monte l'operazione. 

 

             A VOLTE RITORNANO: MAURIZIO ZUNINO
I comuni della provincia di Savona sembrano attraversati dalla febbre elettorale:

- a Savona  tengono banco le primarie di”AltraSavona;
- a Celle Ligure, dopo le innumerevoli liste pro Renato Zunino, finalmente, se alcune iniziative  andranno  in porto, dovrebbe nascere una  vera lista antagonista,  "Nuova Democrazia " capeggiata da
Luigi Bertoldi
 - a Varazze  tengono caldo l’ambiente politico le manovre di 
Gibi Parodi  della  Rosa Bianca.

 Ora  la turbolenza elettorale sembra spuntare ad Albisola Superiore.

Oggi, infatti, alle ore 14 incontro semisegreto tra l'ex Vice Sindaco di  Albisola Superiore Maurizio Zunino, devoto da vecchia data al Senatore Franco Orsi, e  alcuni vertici della Regione Liguria.

Si apre ufficialmente con riservati incontri la competizione elettorale che contenderà  a  Lionello Parodi, Sindaco uscente, la carica di Sindaco?

Nessuno conosce l'abilità  politica di Maurizio Zunino meglio di Franco Orsi, che, quindi,  lo vorrebbe al fianco di suo fratello in una eventuale candidatura a Sindaco;

Entra insomma sullo scenario locale un altro protagonista (indimenticabile  la sua rivalità  con l'ex Assessore alle Finanze Pietro Corona) che sembra avere per storia e notorietà  le possibilità di  strappare il Comune di Albisola Superiore dal  controllo del PD

 
Altra Savona

                   LA PROVA DEL NOVE (OVVERO DEL 33)
Volete sapere come si schiererà la formazione "AltraSavona" alle prossime elezioni provinciali del giugno 2009? L'alone di riservatezza che circonda la prime mosse della neoformazione  che vorrebbe essere la "novità" dell'offerta politica della primavera e' ben evidente nell'intervista che
Elio Ferraris,

già segretario del PCI savonese, già  uomo delle cooperative e vicinissimo a vertice di  Botteghe Oscure, in seguito editore sotto il marchio Vallecchi ed  stampatore in proprio, animatore del circolo degli inquieti e di svariate iniziative culturali: ebbene dal dialogo  qui riportato…leggi… si evince con nettezza che il suddetto movimento spera di divenire una sorta di jolly, pronto ad accorrere in aiuto del (possibile) vincitore, in cambio di concrete contropartite.

Dove potete essere arcisicuri di non trovare Cappelli e soci, neanche in  fotografia? In qualsiasi trincea dove si operi con fatti contro il cemento, il carbone, la casta, e le consorterie dei soliti esoterici (l'ultimo elenco, non aggiornato, del G.O.I. annota 263 savonesi, su 24 mila iscritti nazionali, il che non è poco). Quindi, se volete andare d'accordo con questi volenterosi, non parlategli male dei palazzinari e del partito del cemento: giammai li vedrete  partecipare a dibattiti su questo cancro, nè sulle filiazioni della mafia in Liguria. Ed allora, quale la proposta dei "cappelliani" per Savona e provincia? Sostituire, senza clamore, il declinante potere DS, con la riserva che, con certuni, ci si può mettere sempre d'accordo, in termini di business. I  veri avversari pericolosi sono i cosiddetti fautori dell'antipolitica (intesa come anticasta): eccoli allora travestirsi da indipendenti e trasversali, carpendo la buona fede di qualcuno. Fino a quando i "veri" indipendenti e trasversali non  grideranno ai 4 venti: giù la maschera, riciclati!!!!

 
Intervista della settimana/ Tiziana Saccone ex dirigentePds-Ds-Ulivo

L’imprenditrice “rossa”
che “processa” la politica

Le donne savonesi? Sono rare ai vertici, essere l’amante può giovare

 

Interpellanza del Gruppo Consigliare “Celle è Tua” in merito agli illeciti/irregolarità contestati dall’ ”Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di servizi,lavori e forniture”sulla “sistemazione del Litorale di Celle Ligure in particolare un pennello Buffou”

Consiglio Comunale di Celle Ligure, mercoledì 24 settembre 2008 alle ore 18.00 per discutere e trattare, fra l'altro:

"Interpellanza del Gruppo Consiliare "Celle è Tua" in merito agli illeciti/irregolarità contestati dall'AUTORITA' PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI SERVIZI, LAVORI E FORNITURE", con raccomandata A/R prot. 59415/07 sulla " ... SISTEMAZIONE DEL LITORALE DI CELLE LIGURE, IN PARTICOLARE UN PENNELLO BUFFOU"

Chi è "L'Autorità indipendente per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori" ? 
Lastminute.com SCONTI 30% e OFFERTE 3x2

Vado Ligure
RIPROPONIAMO LE DOMANDE CHE LA GIUNTA DI VADO LIGURE HA RIVOLTO TELEFONICAMENTE A TUTTI I VADESI.
ABBIAMO SOLO SOSTITUITO UNA DOMANDA (INVECE CHE CHIEDERVI PER CHI AVETE VOTATO ALLE ELEZIONI NAZIONALI CHIEDIAMO DI DARE UN GIUDIZIO POLITICO SULL'ENTRATA IN GIUNTA DI PIERO BOVERO)
Ricordiamo che i nostri sondaggi non hanno valore scientifico.
PARTECIPA ALLA NOSTRA INDAGINE, ESPRIMI IL TUO PARERE
 
                LA LIBERTA' DAL BUCO DELLA SERRATURA.
Credevamo che la libertà, uno degli immortali principi della rivoluzione francese, insieme con l'eguaglianza e la fraternità, fosse garantita, almeno sul piano formale, da alcuni articoli della  nostra costituzione. Sul piano formale, più che su quello sostanziale, anche perchè basta possedere televisioni e giornali per ergersi a leader politico nazionale, in assenza o meglio, in contrasto con ogni tipo di conflitto di interesse.
Vecchio argomento, dirà qualcuno, sconfessato per ben 3 volte dagli elettori,che hanno dimostrato la loro "modernità" permettendo ad un signore,diventato ricchissimo per oscuri motivi,di salire alla presidenza del consiglio e domani,Dio non voglia,anche alla presidenza della Repubblica. Su questo vetusto argomento, oggi si innesta, un ragionamento, questo sì nuovissimo,per il quale chi non legge, gratis, "il giornale", di proprietà del cavaliere,non ha la garanzia della libera informazione...leggi…a questa pretesa si potrebbe rispondere con una omerica risata e finirla lì. Ma, forse, non è scontato aggiungere che chi arriva a tale estremi, fosse pure  il valletto di camera del cavaliere, merita una sonora fischiata per quella che un  Presidente del Consiglio del passato chiamò "cupidigia di servilismo". Sì,  perchè anche tra i famigliari  è possibile distinguersi per dignità e stile.
 

                                    E ADESSO, POVER' UOMO !!!!
Bertolotto  ha chiesto di essere ammesso tra i sostenitori della lista "AltraSavona"!!!…leggi…Ovvero, quella compagine che si sta allenando per le prossime comunale e raccoglie, sotto l'egida dell'ex senatore Cappelli, una sfilza di ex da far paura, infatti, hanno già aderito a tale movimento: ex socialisti (sempre in prima fila); ex Forza Italia; ex liberali; ex democristiani; ex leghisti; ex comunisti (una ha ritrattato) ed ora anche ex PD di rito margheritiano. Un bel calderone, forse autonomo o forse no. Certo che il buon segretario Lunardon ora non può più cincischiare così come il sinistrato di rifondazione, e le due grazie che siedono sulle poltrone assessorili, in rappresentanza di loro stesse, non sembra che abbiano, a questo punto, ulteriori pretesti per rimanere in giunta. A meno che, il richiamo della foresta e la cara abitudine alla poltrona non portino consiglio e li inducano ad ingoiare anche questo rospo.

Prosit ed alla salute! Prima o poi se ne dovranno comunque andare: sta a loro uscire dalla scena come dei guitti o come dei filodrammatici.

 
 E qualcuno, a Savona, continua ad ipotizzare 500 posti di lavoro
Ancora lavoro nero sulle imbarcazioni di lusso in navigazione nell’arcipelago toscano, che registrano, ora, anche l’impiego di immigrati clandestini. Ecco quanto emerge...LEGGI
 

                                  COMUNICATO PCL
I partiti del centrosinistra si apprestano a togliere la 'spina' al Presidente Bertolotto non per divergenze politico amministrative ma per toglierli visibilità in vista delle elezioni provinciali della prossima primavera, dove come annunciato, il presidente vorrebbe correre con una sua lista insieme ad alcuni dei suoi attuali assessori.

Noi  in tempi non sospetti chiedemmo per bocca del sottoscritto e della compagna Turchi, a quel tempo ancora  nel Prc, di non appoggiare il presidente,  in quanto come primo atto del suo mandato, si aumentò in maniera sostanziosa lo stipendio, l'appoggio però non fu tolto; noi fummo ripresi in maniera piuttosto forte dall'allora segretario e attuale assessore Zunino. Il tempo  ha rivelato che avevamo ragione noi, si veda come caso emblematico l'appoggio alle ronde leghiste. La gestione Bertolotto sarà ricordata infatti come una delle più insignificanti e inconsistenti legislazioni provinciali e invece di cadere per questioni politiche ora come detto cade per questioni esclusivamente elettorali.

Noi partito comunista dei lavoratori in provincia continueremo a sostenere le nostra battaglie contro un centro sinistra sempre più centro ( e un centro destra sempre più destra). Noi non annunciamo l'opposizione del basso ma la facciamo.

Michele Brosio Coordinatore provinciale Partito comunista dei Lavoratori

 
C.E.D.A. comitato ecologico difesa ambiente

Alla foce del Letimbro da ieri è in atto una notevole moria di pesci non so se avvelenati dalle acque ormai putride o da scarichi di sostanze nocive. Il CEDA chiede...CONTINUA

 

Burlando riceve ambasciatore russo assistito da Federico Di Roberto, fratello di Sergio, vecchia conoscenza di Renato Zunino, ex Sindaco di Celle Ligure. Sulla riviera arrivano i russi. Nostalgie di compagni

 
                                         CI HA SCRITTO  FRANCESCO FORGIONE
Ho letto gli articoli. Spero che il nostro incontro possa servire, almeno dal punto di vista dei media, a riproporre pubblicamente le vostre denunce. A presto. Francesco Forgione
 

                                     PERCHE' LA DIA NON INTERVIENE ?
Secondo l’ultima relazione dell’antimafia, la Liguria è la quarta regione d’Italia quanto ad infiltrazioni mafiose; nella nostra Regione la 'ndrangheta  è  presente  soprattutto  nello smaltimento dei rifiuti e nel cemento.

La presenza di infiltrazioni mafiose  nella realizzazione di opere  pubbliche non sembra solo una supposizione, ma pare che la DIA, in alcune cittadine della nostra Riviera, ne abbia  raccolto le prove, attraverso indagini e intercettazioni.

Per questo non riusciamo a capire come mai questa struttura non intervenga per fermare questi  illeciti.

 Alcuni, molto informati, ci  dicono che la Dia di Genova non può intervenire  finché ci sono inchieste aperte dai magistrati.

 Ma, se questo è vero, come mai, le indagini su fatti  avvenuti alcuni anni fa latitano da così tanto tempo al Palazzo di Giustizia senza essere conclusi?

 Capiamo che sono indagini molto complicate e il personale è scarso, ma come cittadini  chiediamo di fare  presto, altrimenti sarà troppo tardi

 
GILBERTO COSTANZA

           Prima puntata -   Albo Pretorio Comune di Loano online

IL CONTENZIOSO TRA IL COMUNE DI LOANO E LA SAN LAZZARO SPA

PIU’ DI 100.000 EURO BUTTATI NEL GABINETTO

DOPO TANTI ANNI IL COMUNE AUSPICA UNA DEFINIZIONE BONARIA

....  CONTINUA di Gilberto Costanza

 
Bruno Marengo nel suo studio                         UNA RONDINE NON FA PRIMAVERA!!!
Il proverbio ha pienamente ragione: l'avvistare una rondine non significa bel tempo, anzi si rischia di fare come il merlo che "per poca bonaccia" sfidò il padreterno, dicendo che ormai non lo temeva più. Dopo il doveroso omaggio al grande poeta, la metafora si  adatta come un guanto ad un comportamento che vogliano lodare  e  proviene da una amministrazione comunale, quella di Spotorno, la quale, unica per quanto ne sappiamo in provincia, ha bandito una pubblica gara per elaborare il nuovo piano urbanistico comunale(p.u.c)...leggi

 Siamo spesso accusati di essere gratuitamente polemici e  faziosi: se lo siamo stati, chiediamo scusa e, una tantum, scegliamo una buona notizia, in un momento nel quale esse latitano alquanto. quindi sia reso merito al sindaco ed alla giunta di  Spotorno per questa scelta di trasparenza esemplare, purtroppo solitaria.

In una provincia dove gli incarichi si danno agli amici degli amici, dove i piani regolatori li fanno i costruttori, dove i referendum sono considerati aria fritta, dove si inventano società per lo sviluppo onde evitare i bandi e le gare,dove si ripulisce, attraverso la lavatrice degli appalti, il denaro del malaffare, dove sempre gli stessi studi professionali lavorano per le grandi opere del regime, dove addirittura ci si dimentica di controllare i certificati antimafia, dove, infine, si respira l'aria mefitica dell'infiltrazione delittuosa nei pubblici poteri, e' consolante anche una sola rondine, per sperare in un prossimo ritorno della politica, quella vera e non quella mimata dai servi e dai manutengoli.

 
 Sabato 20 settembre  Incontro su San Giacomo e Miramare

In vista del progetto di Comune ed Autorità portuale che intendono riempire gran parte della caletta di Miramare (dove oggi c'è il terminale delle funivie) per farci un capannone con sopra un parcheggio a livello Aurelia....LEGGI LA LOCANDINA  Roberto Cuneo -  Italia Nostra

 

                             Come volevasi dimostrare
Si è detto che il Sindaco di Savona avrebbe avuto la possibilità di dimostrare la falsità delle voci che, malignamente, attribuiscono alla quasi ex responsabile del settore urbanistica del Comune di Vado l'ascesa al trono che fu dell'arch. Campagnolo, in quanto predestinata a tale ruolo dal volere divino dell'ing. “Nanni” Ferro.

E tale possibilità poteva attuarsi applicando il comma 2bis dell'art. 32 del regolamento comunale sull’ordinamento degli uffici e dei servizi, così come modificato in fretta e furia dalla Giunta comunale con propria deliberazione n. 198 del 5 agosto 2008, nei confronti del funzionario di livello maggiore che per tanti anni ha lavorato fianco a fianco con l'ex architetto capo.

Ma, come era facilmente prevedibile, ciò non è avvenuto. Infatti il Sindaco “Fede” ha delegato provvisoriamente la neo Vice-Segretario, appena insediatasi, che, guarda caso, era dirigente all'urbanistica in Regione.

A parte il domandarsi che esperienza professionale può vantare in materie di competenza di un vice-segretario comunale chi si è occupata per tanti anni di pianificazione territoriale ed urbanistica, sorgono ulteriori domande: delegata provvisoriamente sino a quando? Sino a che la “predestinata” di Vado Ligure sia libera di “mobilitarsi” e tornare a Savona? E, una volta insediatasi, la “predestinata” sarà autonoma o la lunga ombra dell'ex dirigente all'urbanistica in regione guiderà i suoi passi al fine di non far sfigurare chi l'ha voluta a tutti i costi a Savona? In ogni caso...che tristezza!

 
DA PRIMO CANALE"COSI' FERMEREMO LA PIATTAFORMA DI VADO"
 
GIACOBBE: PARTITO...DEMOCRATICO...ARRIVATO AL CAPOLINEA
Pubblichiamo il volantino in distribuzione, a Vado Ligure, NELLE CASSETTE POSTALI...LEGGI
 
               INTERVISTA A FABIO FAZIO  da La Stampa
Il noto conduttore tv parla a ruota libera di viabilità e altri temi
.
Code sull’Aurelia e Maersk le “bocciature” di Fazio...LEGGI

 
COMPRARE CASA E' DURA PER MOLTI, MA  NON PER TUTTI
Leggiamo suI Dagospia che Walter Veltroni ha comprato casa a New York, Di Pietro ha comprato a Bruxelles, Bettini ha sei residenze in Thailandia…e i nostri politici locali?

Lunardon
ha acquistato una villa a Torre del Mare, il senatore Orsi si è costruito una villetta sulle alture di Albisola (Uliveto), l' assessore  Tuvè ha comprato al Bofill; per loro  la difficoltà a pagare un mutuo non esiste.
 
Beppe Grillo alla notte grigio topo, al Cep di Genova Pra
 

Visto ciò che succede, non ci resta che ridere !

( Che fine ha fatto BANANA DYNAMITE PROJECT ? )    G.A.OZENDA 

 

Per una corretta e democratica gestione della cosa pubblicao:p>

APPELLO AI CITTADINI LOANESI
AD ESSERE PRESENTE AI CONSIGLI COMUNALI

a cura di Gilberto Costanza

 

Vorrei rispondere alla signora Mary Caridi. 

Da donna libera a donna libera.

 Precisando che non sono io l'articolista di cui si parla. Che non ho nè ho mai avuto legami con alcun partito, ma ho le mie idee e le mie forti preoccupazioni, perciò ritengo doveroso esprimere un punto di vista. Per la situazione nazionale. Per la situazione savonese.

Preciso anche che...CONTINUA   MILENA DE BENEDETTI
NOTEBOOK E ACCESSORI su Mr.Price!
maersk                                 TUTTO IN FAMIGLIA!!!!
Secondo l'informatissimo IVG..leggi…stamattina, nella sede dell'Ente Porto si sarebbe svolta la conferenza dei servizi, in sede deliberante per approvare definitivamente il progetto di piattaforma Maersk  di Vado Ligure. Avrebbero siglato il documento i seguenti signori (li citiamo perche' devono rispondere , in tutte le sedi, delle loro azioni):

Carlo Giacobbe, in rappresentanza del comune di Vado Ligure; Cristoforo Canavese, per l'Autorità Portuale;  Carlo Bertolotto, per la provincia di Savona; Carlo Ruggeri, per la Regione Liguria. Altri personaggi  aventi titolo, non sono citati: perche' assenti o perchè non invitati? Chiediamo questo e la nostra curiosità si basa sul  dubbio che la tanto annunciata riunione, sia viziata da pesanti violazioni di legge, che  ovviamente, saranno oggetto di altrettanti ricorsi all'autorità giudiziaria.

Sfidiamo  il sindaco di Vado, se ne ha il coraggio, ad indire in tempi brevissimi una o più assemblee popolari, (nell'ambito del comune e delle frazioni, non a Valleggia, per favore) allo scopo di illustrare i contenuti del documento e i miglioramenti ottenuti.

Per finire un grazie, a tutti quanti  si sono prestati a questa manfrina: avete costruito un bluff che avrà vita corta; abbiate perlomeno la decenza di spiegarlo bene ai giornalisti: cà nisciuno è fesso!!!!!!

PORTI: VADO; SOTTOSCRITTO ACCORDO PER PIATTAFORMA MAERSK 

(ANSA) - SAVONA, 15 SET - E' stato sottoscritto al termine della Conferenza dei servizi convocata in sede deliberante presso l'Autorità portuale, l'accordo di programma per la realizzazione della piattaforma multipurpose della Maersk a Vado Ligure. A sottoscrivere l'intesa erano il sindaco di Vado Carlo Giacobbe, i presidenti della Provincia Marco Bertolotto e dell'Autorità Portuale di Savona Cristoforo Canavese, l'assessore Carlo Ruggeri per la Regione Liguria.
"Tutte le condizioni per i miglioramenti ambientali, acustici, atmosferici delle acque  che avevamo richiesto sono stati recepiti dall'accordo - ha spiegato il sindaco Carlo Giacobbe - Inoltre è garantita anche la contestualità della realizzazione della piattaforma e delle opere complementari che ad essa sono collegate". (ANSA).

NOTEBOOK E ACCESSORI su Mr.Price!

Da donna libera a uomini liberi   di Mary Caridi 

Non so chi sia l'autore di alcuni articoli privi di firma, scritti con vis polemica e stile graffiante soprattutto verso uomini del partito democratico, ma non è difficile dai contenuti e dal tipo di articoli intuire che sia un uomo di sinistra  incazzato a morte con gli amministratori del PD. Vero che i colpi sferrati dall'articolista non risparmiano ogni tanto anche il centro destra, ma avverto che l'articolista nutre un profondo astio verso gli ex diesse e pur se in tono minore verso la ex margherita. Ora poiché il blog è libero di nome e di fatto, poiché sono certa che non vi sarà censura del mio contributo, io ribadisco in ogni sede possibile  che sono per il rispetto assoluto della libertà di stampa, ma mi chiedo se questa animosità tipica dell'uomo che si è sentito tradito giovi  o sia un grimaldello che aiuti a cadere anche gli ultimi avamposti di centro sinistra, agevolando l' avanzata della  destra....CONTINUA

 

       Tempo di elezioni e riecco, puntuale, il circo della politica

A Savona, come altrove del resto, con il solito pop-corn, qualche gabbia in più nel reparto zoo, un paio di nuovi e temerari trapezisti tanto per rinnovare uno spettacolo che si preannuncia  come sempre scialbo e noioso....CONTINUA

 
Pancaldo bussola

       Navigare necesse – Istruzione nautica a Savona ed in Liguria
Vi ringrazio per il Vs  gentile invio  del notiziario on line “Uomini liberi”, che ricevo da qualche mese , sul quale leggo che la vita di Savona e Provincia è sempre molto attiva, ne prendo atto con piacere.

Non sono proprio savonese, ma...CONTINUA    Prof.Ing. Giorgio Prefumo

 

da TRUCIOLISAVONESI

Iniziativa di Libera e Rete Lilliput al Priamar, giovedì 18
UN GIORNO CON “L’ANTIMAFIA”:
FORGIONE A SAVONA E CERIALE

Luciano Corrado

L’illecito amministrativo è competenza della Prefettura e della Provincia
E’ da loro, innanzitutto, che ci sentiamo abbandonati

MA SE FORGIONE CI AIUTASSE… Luigi Bertoldi
 
 
DICHIARAZIONE DEL PROF. CANONICA - RISPONDE L' ISDE L'asma non guarda più l'età si ammalano i cinquantenni.

A proposito degli articoli pubblicati su Secolo e La Stampa del 13.9.08 sul recente Congresso Nazionale di Pneumologia  di Genova, cui rimando il Lettore, è doveroso fare alcune puntualizzazioni: La Parietaria, l’ ulivo, gli animali domestici sono sempre esistiti nel mondo occidentale, anzi, quando la popolazione era prevalentemente rurale l’esposizione era anche maggiore rispetto ad oggi...CONTINUA
    Dottor Paolo Franceschi

 

           LETTERA APERTA AL "PARTITO DEL CARBONE"
Cari Scajola, Burlando, Orsi, Zunino, Giacobbe, Peluffo, ecc. Vi chiediamo scusa per avervi annoverato in un unico calderone.

Se lo abbiamo fatto e' perchè siamo certi che, al di là delle posizioni politiche che dovrebbero distinguervi, esiste un business, a parte quello del cemento, che vi unisce in uno stretto abbraccio: l'affare del carbone, come combustibile unico delle centrali termoelettriche della Liguria.

Un business, quello del fossile, che , a suo tempo implementò le casse dei partiti della prima Repubblica,  nessuno escluso. A quei tempi un posto nel c.d.a. dell' Enel valeva di più di un parlamentare, perchè era quella la sede della grande spartizione partitocratica. Era  l'epoca nella quale i sindaci comunisti di Vado, Quiliano, La Spezia, obbedivano ciecamente agli ordini dei compagni amministratori che, al vertice dell'Enel, trattavano quantità e provvigioni. Oggi, se è vero che il monopolio Enel è finito, non è conclusa la voglia di bruciare sempre più fossile in Liguria, alla faccia degli studi più scientificamente attrezzati sugli aumenti dei tumori e delle malattie cardiache. Partito Democratico e PDL sono solidali su questo tema e poco si curano di quanto accade negli USA...leggi…al contrario, cari amici della casta, dovreste memorizzare le cifre ed i dati di questo articolo che riprende fonti autorevoli. Dei 150 progetti di centrali a carbone di cui si parlava 4 anni  or sono, solo 14 stanno progredendo. Degli altri 136, la metà è stata abbandonata; gli altri sono inchiodati da una violenta opposizione. I soliti verdi rompicoglioni, direbbe, sbagliando ancora, il solito ministro!!

E' la società civile statunitense, cari politicanti, con i suoi comitati, i suoi tribunali, i politici e le associazioni locali più disparate che stanno provocando la disfatta del  partito del carbone, del vostro partito!!! Se non volete fare la stessa fine, è tempo che cambiate modi e pensiero. Le associazioni americane si aspettano dall'Europa una grande solidarietà nella battaglia contro questo "killer sporco".

Ed avvertono che, se noi europei continueremo a favorirlo, le conseguenze negli Usa e sugli accordi internazionali, saranno disastrosi!!!!

 

                                       ALBISOLA - PROBLEMI... DI LUCE
Alcuni mesi fa sono stati installati 21 lampioni lungo una piccola parte di Corso Mazzini e Corso Ferrari: undici più alti con lampade a 150 e 70W, dieci solo con la 70W. I lampioni non sono ancora entrati in funzione e già destano polemiche per il loro posizionamento. Infatti in alcuni casi sono stati installati molto vicini agli alberi che coprono già le lampade con le loro fronde
...CONTINUA         Diego Gambaretto

 
                             C'E' INDAGINE E INDAGINE
Come altri miei concittadini, qualche giorno fa sono stata intervistata per un sondaggio telefonico che voleva misurare il gradimento dell’operato dell’Amministrazione Comunale adese, e in particolare del Sindaco Giacobbe, in vista delle elezioni del prossimo anno.

Poiché nell’intervista era direttamente chiamata in causa la lista che rappresento in Consiglio Comunale (uno dei quesiti chiedeva se Vivere Vado avrebbe la capacità di amministrare la città), espongo alcune osservazioni in merito.

Il sondaggio telefonico è uno strumento legittimo e utile per conoscere l’opinione degli intervistati (Berlusconi docet), ma è deplorevole se il committente si nasconde dietro l’anonimato; e lo è tanto più nel nostro caso, in una fase della vita di Vado contrassegnata da un clima surriscaldatosi proprio intorno all’’operato  dell’Amministrazione Comunale, in conseguenza della ben nota vicenda Maersk e non solo di questa.

Perciò chiunque abbia commissionato il sondaggio dà esempio di un cattivo modo di intendere la politica. Vivere Vado sta su un altro piano: lo scorso anno, quando aveva realizzato l’indagine sulla piattaforma, aveva garantito la più ampia trasparenza ad ogni fase di lavoro (comunicato stampa dell’iniziativa, pubblicizzazione dei risultati alla stessa stampa, ai cittadini in pubblica assemblea e al Sindaco). Soprattutto aveva preferito la relazione diretta con i cittadini, scegliendo lo strumento delle interviste faccia a faccia. E la piena visibilità del nome e del logo del committente.

Con questo metodo intendiamo continuare a lavorare con i nostri concittadini, perché il futuro della nostra città sia più sereno di quello che altri le stanno preparando.

Franca Guelfi   Vivere Vado

Viaggi Lastminute!

ACNA & CAMORRA& RIFIUTI TOSSICI

NUOVE CONFERME DA L'ESPRESSO

AVVOCATO GESTIVA 70 AUTOTRENI AL GIORNO

Il settimanale L'Espresso, in edicola da venerdì, riserva nuovi spunti inediti sulla sorte dei rifiuti di quella che per anni venne definita la "fabbrica dei veleni" e della "morte". Poi bonificata, con molti interrogativi sui ruoli di istituzioni, di imprenditori, di studi professionali, di trasversalità. Tutto nel dimenticatoio, chiuso a chiave. Impuniti dall'illegalità e dalla corruzione imperante (da provare). Nel servizio a firma di Gianluca De Feo e Emiliano Fittipaldi (titolo "Cosi ho avvelenato Napoli"- Le confessioni del boss che per 20 anni ha nascosto rifiuti tossici pagando politici e funzionari)...LEGGI... è scritto tra l'altro: <...Talora ci veniva richiesto di concedere l'uso dei nostri timbri, in modo da "coprire" e giustificare lo smaltimento dei produttori di rifiuti, del Nord Italia...ricordo i rifiuti dell'Acna di Cengio che furono smaltiti  nella mia discarica per 6000 mila quintali. Ma carichi ben superiori dall'Acna furono gestiti dall'avvocato Chianese, trattava 70-80 autotreni al giorno. La fila di autotreni era tale che formava una colonna di circa un chilometro e mezzo...> . Le rivelazioni sono di Gaetano Vassallo, l'imprenditore campano che aveva aperto la rotta dei rifiuti tossici di aziende del Nord e che, temendo ora di essere ucciso, ha deciso di vuotare il sacco. Parla di bustarelle e...

NOTEBOOK E ACCESSORI su Mr.Price!

CERIALE, SCOMPARSA MISTERIOSA

DELLA PROSTITUTA “NANA”. GIALLO?

Ceriale – Il mondo della prostituzione che da anni, con il calare delle tenebre, presidia alcuni tratti di Aurelia, tra Ceriale ed Albenga, è in allarme. C’è mistero sull’improvvisa sparizione, da tre-quattro giorni, di colei che era definita la “nanetta”. Morettina, piccola di statura.

La sua postazione di lavoro, da oltre un anno, era nei pressi del supermercato “Famila”. I carabinieri, con discrezione, stanno chiedendo notizie a quanti frequentano quel mondo (numerosa anche la colonia di transessuali). A far scattare le ricerche sarebbero stati amiche e conoscenti della ragazza. Uccisa e fatta sparire? L’ultimo delitto, 8 anni fa, quello della serra. Con una ragazza “massacrata”. Senza nome l’assassino.

La “nana” è fuggita dalla vita di schiava? Rifugiata in qualche istituto, ma difficile che la polizia sia rimasta all’oscuro in tale ipotesi. C’è chi teme il peggio. E chi si domanda cosa succederà nel mondo malavitoso che comanda ed affitta le porzioni di Aurelia.  Una situazione, quella della prostituzione a Ceriale, che ha del grottesco, penalizzando gli abitanti ed il valore degli immobili, nonostante l’impegno dei carabinieri e dei vigili urbani. Ogni sera un certo numero di ragazze staziona, tra l’altro, di fronte all’abitazione del neo sindaco di centro-destra, Ennio Fazio. E, giovedì notte, intorno all’una, un gruppo di sei giovani, ha girato un “documentario”, travestendo un amico in abiti bianchi. Tra risate e stupore degli automobilisti in transito, con le ragazze di strada a godersi lo spettacolo fuori programma.

200.000 voli per la spagna da 35€ tutto incluso!

                                      GOVERNATORE IN CADUTA!!!
Da un sondaggio risulta che il presidente di regione più popolare e' il siciliano Lombardo. Tra gli ultimi si piazzano il ligure Burlando ed il campano Bassolino, maglia nera assoluta…leggi… Vediamo  perchè il nostro  Governatore annaspa così tanto?

 Per l'erre moscia? Perchè guida senza patente? Perchè usa il potere per fini non proprio  pubblici? Perchè ha costituito una sua corrente mascherandola sotto le spoglie di circolo culturale, il "maestrale". Perchè gioca di rimessa con l'altro Claudio, quello di Imperia? Perchè sta devastando la Liguria sotto una cascata di cemento?

Tutte ottime ragioni, ma che l'uomo della strada non sempre coglie. Prendiamo le dichiarazioni del 12 settembre 2008, fatte in quel di Sassello. Sono una più grave dell'altra!

In rapida successione ha esternato quanto segue:

A) Si ricandida alle prossime  regionali;

B) Bertolotto non deve andare a casa, nonostante abbia detto di non riconoscersi più nel partito democratico;

C) la provincia non va sciolta, anche perche' lunedi' prossimo si vota, alla faccia dei vadesi, il progetto maersk e se non ci sono tutti i  caudatari dei poteri forti, chissà cosa può succedere!!!

Capito quanto e' democratico, il nostro gerundio! Forse meritava la posizione di coda!!!!

Hotel da 40€! 

    TRA TANTE LISTE  RENATO ZUNINO  GODE
Dopo Nuova Democrazia, il listone civico capeggiato molto probabilmente da Luigi Bertoldi  ed il raggruppamento "Rinnovamento Cellese" che rappresenta una  parte di Forza Italia, quella di Giuseppe Intelisano , ecco spuntare "Insieme per Celle" un aggregazione nuova e di misteriosa "inventata" da Renato Zunino.

Anche Sergio Acquilino e Franco Zunino stanno progettando una loro lista.
In attesa di conoscerne  maggiori dettagli, aspettiamo che si manifesti pubblicamente.
Rileviamo nel borgo marinaro una tentazione alla frammentazione spiegabile con la sola motivazione delle vanità personali sposate ad inesperte e forse interessate  voglie di potere. 

Intanto apprendiamo che presto ci potrebbero essere importanti novità nelle iniziative intraprese dalla lista civica  "Nuova Democrazia", tese a contendere la rappresentanza comunale a  Renato Zunino, il già Sindaco che nel 1992 fu condannato per abuso d'ufficio ed  instancabile nel voler proseguire l'esperienza amministrativa  vecchia ormai di  35  ininterrotti anni di governo del paese.

 
GILBERTO COSTANZA

Terza puntata – Come non si amministra la cosa pubblica

ANGELO VACCAREZZA ACCUSA LA MINORANZA DI “NON ESSERE IN BUONA FEDE”

di Gilberto Costanza

Verbale deliberazione Consiglio comunale n. 41, seduta del 06.08.2008, alle ore 12,00, oggetto: Interpellanza presentata dal Consigliere comunale Pier Luigi PESCE in data 11.06.2008, prot. N. 18421, ad oggetto: “Abbancamento sabbia terreno di proprietà Provincia di Milano – Località Morteo” ...CONTINUA

 
                   CON TUTTO QUELLO CHE SUCCEDE AD ALASSIO
Consiglio comunale lampo, ieri sera ad Alassio. A far discutere di più,  un’interrogazione del consigliere di opposizione Agostino Testa, che chiedeva di mantenere pulita la Cappelletta ai caduti in mare, spesso danneggiata dal guano dei gabbiani.

Non è la prima volta che il rappresentante di «Alassio più tua» chiede una maggiore attenzione verso la Cappelletta che si affaccia sul porto Luca Ferrari, uno dei simboli della cittadina, preso di mira purtroppo da gabbiani e piccioni. Il guano danneggia in modo preoccupante la struttura, meta di visite turistiche quotidiane. La Giunta non ha avuto difficoltà a dare tutte le assicurazioni sulla pulizia della cappelletta. Con tutto quello che succede ad Alassio, Melgrati e la sua Giunta si saranno fregati le mani vedendo una simile opposizione

GULLIVERTOWN - il bello di leggere a metà prezzo!

                      IL MAGGIORDOMO GRATIFICATO !!!!
I DS gli hanno dato i 90 giorni di preavviso di licenziamento.

Forse qualcuno si aspettava uno scatto di orgoglio, con le dimissioni immediate del Presidente e l'automatico scioglimento del consiglio provinciale?

Ingenui. La manfrina era già stata concordata e così il maggiordomo dovrebbe essere congedato a metà dicembre, dopo aver "risolto" le priorità della provincia…leggi…invece di stare in composto silenzio, il nostro, dimostrando ancora una volta la sua granitica personalità, replica balbettando che, sì, meglio così che la crisi immediata. Ma se avessero assolto alle sue  richieste lui, di priorità ne avrebbe realizzate un sacco, anche quelle più difficili, fosse pure la sete dell' Africa e la desertificazione del globo.

Questione di stile, senza dubbio. Con questi "animali politici" è facile per i DS fare i gradassi: uno schiocco di dita e via !!!

200.000 voli per la spagna da 35€ tutto incluso!

                               IL SOLILOQUIO DEI DS
Continua su Ferrania il soliloquio del partito democratico, o meglio, di una sua parte che cerca disperatamente di smarcarsi da quello che abbiamo definito il  secondo "fallimento perfetto " dopo quello dell' Ilva. Prima il segretario provinciale Lunardon si e' prodotto in un vibrato appello, rivolto al presidente Burlando. Il quale, dopo una settimana, ha rilanciato un commovente SOS al Ministro del Lavoro. Accortosi della gaffe clamorosa, oggi ripiglia lena e detta addirittura un ultimatum. La questione deve essere chiusa entro settembre...leggi…peccato che da parte dei privati si replichi con un silenzio assordante, che puo' voler dire solamente una cosa: ormai il fallimento e' inevitabile, spartiamoci le aree. Altro che laminatoio.
E’ piu' facile che a Ferrania si impianti una produzione di canapa indiana che i sottoscrittori  degli accordi credano realmente in quanto hanno ipocritamente siglato.

 

 VADO LIGURE – LA GIUNTA GIACOBBE  HA PERSO OGNI CONTATTO DIRETTO  CON LA GENTE.

SI RIVOLGONO AD UNA IMPERSONALE  AGENZIA DI SONDAGGI TELEFONICI PER CONOSCERE IL PARERE DEI VADESI .

Perplessità e amarezza ieri tra i vadesi. Una gentile ma fredda voce al telefono chiedeva loro di rispondere ad una serie di domande:

- E’ SODDISFATTA DEL LAVORO SVOLTO DALLA GIUNTA GIACOBBE?

- HA PARTECIPATO AL
  “REFERENDUM” SULLA PIATTAFORMA?

- I CAMBIAMENTI APPORTATI AL PROGETTO MAERSK
LO RENDONO MIGLIORE?

- INDIPENDENTEMENTE DALLA PIATTAFORMA, LA GIUNTA GIACOBBE HA LAVORATO BENE PER LA CITTA’?

- ALLE PROSSIME ELEZIONI COMUNALI RIVOTERESTI L’ATTUALE SINDACO, CARLO GIACOBBE?

- RITIENI LA LISTA “VIVERE VADO “ IN GRADO DI GOVERNARE?

- PER CHI HA VOTATO ALLE ULTIME ELEZIONI NAZIONALI?

Peccato che non abbiano posto anche la domanda: COME GIUDICATE L’ ENTRATA IN GIUNTA  DI BOVERO CONTRO  L’ESITO DELLE ELEZIONI COMUNALI?

Che Giacobbe  e la sua Giunta siano preoccupati non vi è dubbio, ma dopo il rifiuto di incontrarsi pubblicamente con i cittadini ci sembra paradossale che ingaggino  (a proposito  chi pagherà questo servizio) una agenzia per conoscere il parere dei Vadesi.  

E’ la dimostrazione che non sanno più parlare alla gente e devono usare sistemi spersonalizzati come un Call Center  per sapere se hanno il consenso dei cittadini.

Ora non rimane altro che attendere l’esito di questo sondaggio telefonico, sicuri che “il democratico” Carlo Giacobbe lo renderà pubblico  al più presto.

 

              COMUNE DI SAVONA -  UN PO' DI COERENZA
Viene segnalato da alcuni “aspiranti” al concorso per l'assunzione di un geometra presso il Comune di Savona che a fronte dell'obbligo, per i candidati, del possesso dell'abilitazione all'esercizio professionale vi è un componente la commissione esaminatrice che, in possesso del diploma di geometra, non è in possesso della relativa abilitazione professionale. Certo, si troveranno mille scuse valide, ma un po' di coerenza, anche se solo formale, mai, cari amministratori del Comune di Savona?

 
Incontro a palazzo Chigi tra Berlusconi e Cheney                           QUEL PICCOLO GESTO SCHERZOSO!!!!
Il presidente Berlusconi ha ricevuto con grande pompa il vice di Bush, quel David Cheney che nella vita privata presiede una grande compagnia  di ricerche petrolifere in tutto il mondo, la famosa "Burlington". E' stata diffusa dai principali giornali anche la foto con il commento che il cavaliere stia scherzando con l'amico americano, permettendosi di tirargli fuori i polsini dalla giacca.
 Lettura quanto mai buonista ed "ingenua". In realtà, se immaginiamo di  guardare la foto dal lato opposto, il suo significato appare senza dubbio come un segno di riconoscimento tra due massoni: gesto che consiste nello sfiorare con l'indice il palmo della mano dell'interlocutore. Troppa dietrologia, siamo alla paranoia, strillerà qualche fan del cavaliere. Pensatela come volete, ma, in questo momento storico certi fatti si spiegano solo pensando alle logge
 
                       L'ASINO DI LUNARDON !!!
A differenza dell'asino di Buridano, che preferì morire di fame, non sapendo scegliere quale covone di fieno masticare per primo, l'asino di Lunardon ipotizza un  terzo covone che  esiste solo nella sua mente e spinge il suo partito verso una deriva tragicomica...leggi…Infatti il nostro archeologo si trova di fonte ad un aut-aut molto preciso: o prende atto della crisi politica della maggioranza  e scioglie il consiglio (scelta dura, ma coerente), ovvero fa finta di niente e, sull'esempio del suo concittadino Giacobbe, tira a durare sino alla scadenza elettorale.

La cosiddetta "terza via ", infatti, e' solo uno squallido espediente per contentare, da una parte Bertolotto e i suoi amici e, dall'altra, gli assessori della sinistra, i quali sono decisissimi a non mollare la poltrona. Figuriamoci questa sinistra (rifondazione, comunisti italiani) che il corpo elettorale ha espulso dal parlamento l'aprile scorso, che corre a dare la sfiducia al Presidente per coerenza politica!!!

Non sia mai!!! Ecco allora che il verboso segretario del PD tira fuori la terza soluzione: ne' sfiducia ne' fiducia, ma un ben congegnato ritardo per consentire qualche mese in più di prebende e stipendi a mediocri politicanti, che devono fare le formichine onde ripresentarsi alle elezioni del prossimo anno. Ancora uno sforzo, da bravi castaioli democratici, per durare a qualsiasi costo, consapevoli della tacita solidarietà della fittizia opposizione dei socialisti e del centro-destra!!!!!!

 

Un articolo di Luca Scacchi dell'esecutivo nazionale del Partito comunista dei lavoratori.
CRISI, INFLAZIONE E DEBITO:
UN PASSO AVANTI SULL’ORLO DI UN BARATRO

 
CERCASI DISPERATAMENTE 3 VERI AMBIENTALISTI LIGURI EMARGINATI E SCOMPARSI DALLA SCENA POLITICA

 I  tre esponenti sono stati di fatto allontanati alcuni anni fa  perché perseguivano una politica indipendente dall’appiattimento acritico e passivo alla maggioranza di centro-sinistra a Genova

 Diddi Besazza  scomparso dalla scena politica; ex consigliere verde, fautore dell’opposizione nel ’92 del primo progetto di AV, autore della LR n. 9/93 sulla difesa del suolo e coautore di un testo di minoranza, concordato con le associazioni, di recepimento della L. n. 394/9.

Jacopo Virgilio, avvocato, animalista-verde. Emarginato e  scomparso dalla scena politica;  è stato assessore alla Caccia della Provincia di Genova e fautore del piano faunistico provinciale, dell’emarginazione delle associazioni venatorie e della rivitalizzazione delle guardie ecologiche provinciali. 

 Piero Villa emarginato e scomparso dalla scena politica; ex saggio della Federazione nazionale dei Verdi, da assessore alla Mobilità del Comune di Genova, aveva cominciato ad impostare, seppur timidamente, il primo stralcio del PUT di Genova, introducendo limitazioni del traffico privato, corsie protette per i bus, aree pedonali.

Questi erano veri ambientalisti, è forse per questo che il loro partito  li ha emarginati?
Chi ha loro notizie, ci scriva

 

                                        UOMINI E TOPI
Sono cittadina savonese dal 2001, abito in corso Colombo che dovrebbe essere l’unico bel corso sul mare, poi si chiama corso Vittorio Veneto  e via Nizza, purtroppo siamo invasi dai topi di fogna, sì di fogna che spuntano proprio davanti al ristorante La barcaccia che ha già lamentato al comune diverse volte il problema, che fare?
   Email Firmata

Hotel da 40€! 

                              L'ARROGANZA DEL POTERE!!!!
Un famoso libro degli anni 70 si intitolava così e parlava di una classe politica, di un ceto imprenditoriale, detto anche "razza padrona" che, sfruttando i privilegi ed i benefit connessi al loro status, facevano e disfacevano a loro piacimento con i soldi pubblici ed anche con quelli privati.

Oggi si può parlare di una nuova razza padrona, che si e' diffusa come una metastasi, occupando posizioni economiche anche periferiche, ma con elevato tasso di capacità di corruzione ed intimidazione legata talora alle mafie, alimenta una circolazione di denaro "ripulito" che abbevera certi settori del commercio, dell'edilizia, del trattamento rifiuti, delle bonifiche e delle discariche, del movimento terra ecc.

La capacità di spesa di questi luoghi di potere e', purtroppo destinata ad aumentare, con il cosiddetto "federalismo fiscale " preordinato ad aumentare il tasso di corruzione  in Italia a livelli mai visti.

Uno dei centri di spesa  meno controllabili, e per questo di  elevata arroganza, è certamente l'autorità Portuale di Savona, gestita da ben 14 anni da un Presidente che ha soddisfatto molti appetiti privati, senza lasciare al "pubblico" altro se non le briciole

L'ultima raffica di questo califfato, per fortuna alla fine del suo potere, si chiama piattaforma "Maersk": un'opera invisa  alla popolazione, che sembra proseguire il suo iter nella corretta applicazione delle leggi. In realtà il cammino di questa catastrofe ambientale e' punteggiato da forzature e gravissime violazioni di legge. Un recente esempio… leggi…questa conferenza dei servizi convocata dall'ente porto per  il 15 settembre c.a. addirittura in sede deliberante, senza indicazione degli altri soggetti cui la legge  prescrive la partecipazione. Ci limitiamo a ricordare, che nelle precedenti conferenze, non vennero invitati i ministeri competenti, che pure avevano eccepito su molti punti del progetto. Giustamente, i comitati vadesi, per non subire ancora una volta  l'arroganza del duo Canavese- Giacobbe, hanno chiesto formalmente di partecipare alla riunione, come onlus, cioè organismi di pubblico interesse. Sarebbe opportuno che anche Enti come Italia Nostra e la Lega Ambiente facessero la stessa richiesta.

NOTEBOOK E ACCESSORI su Mr.Price!
                               FERRANIA: PAX VOBISCUM!!!
Il Presidente Burlando ha scritto al ministro del lavoro perchè si occupi dei lavoratori di Ferrania. Avete capito bene…leggi… la lettera, che andava rivolta piuttosto al ministro Scajola, ovvero, per conoscenza, a Gavio e Malacalza, fa capire che il Presidente non crede più, se mai ci ha creduto, al progetto di salvataggio della fabbrica.

 E’ vero, la sua firma compare in entrambi i finti accordi di rilancio, così come quella di Scajola e dei privati, ma allora perchè non denunciare coram populo l'inganno che continua da 4 anni, con la complicità dei sindacati e dell'intera casta, per tirarsi fuori da questa indegna manfrina fatta sulla pelle dei dipendenti?

E invece no: il nostro preferisce la via obliqua dell'appello al buon cuore del ministro, piuttosto che inchiodare l'altro Claudio, alle sue pesanti responsabilità.

Questo e' il cuore nero del partito democratico: l'ipocrisia spinta alle estreme conseguenze, allargando le braccia e bofonchiando scuse non richieste.

 

"Salva l'Italia"

 Sono tutti questi i veltroniani savonesi?
Non sarà che in troppi hanno letto il partito del cemento?

Hotel da 40€! 
              Il Pdl: «Gruppo unico in tutti gli enti locali liguri»
 CLAUDIO SCAJOLA: Marco Bertolotto
(il presidente uscente e in fuga dal Pd) va «accompagnato» nella sua costituzione di una terza lista; quella che potrebbe far crollare il centrosinistra nel fortino savonese....leggi... da SECOLOXIX di Imperia
NOTEBOOK E ACCESSORI su Mr.Price!
                              ALDO PERO NON C'E'?
Puntuale come le tasse, ecco la nuova sessione dei corsi della cosiddetta Università della 3° età. Con meno di 50 euro potete tuffarvi nello scibile umano, non trascurando gli aspetti pratici della vita, come l'enologia o le piante medicinali…leggi…toccante la presentazione dell'assessore alla Cultura del Comune di Savona, il quale vanta una somma esperienza di relatore negli anni passati. Peccato che non sia riuscito nello sforzo di innovare la materia, con strutture e invenzioni nuove rispetto alla routine cui siamo abituati da anni.

Peraltro il nostro non ci è sembrato molto originale  quando faceva professione di storico locale, anche se dimostrava una certa praticaccia nello scovare opere polverose ma utili, con una qualche rinfrescata. Detto questo che dire dei relatori, tutte persone qualificate e dedite alla cultura intesa in senso classico, cioè sine  pecunia. Versatilissime le performance del Prof. Aldo pero, che negli anni passati spaziava dal mito alla letteratura mondiale, al teatro, alla musica. Un vero tuttologo da 3 corsi a botta, senza contare quelli svolti a Vado Ligure ed in altre sedi. La fornitissima biblioteca del citato professore, racconta una leggenda metropolitana, occupa la bellezza di 2 appartamenti, lasciati vuoti per la bisogna.

Auguri all'assessore, al prof. Pero, per un anno accademico ricco di soddisfazioni per docenti e discenti.

200.000 voli per la spagna da 35€ tutto incluso!
             Interpellanza su residenziale in progetto Margonara
Alessandro Parino (Capogruppo AN Comune di Savona)  ha presentato un'interpellanza in cui chiede al Sindaco Berruti di chiarire in Consiglio Comunale, previsto per domani sera, le notizie riguardo all'inserimento di edilizia residenziale nel progetto inerente la Margonara. Il Consiglio Comunale infatti non si era espresso in tale maniera, sebbene il Centrodestra avesse sin dal principio chiesto l'esclusione totale di residenziale da grattacielo e complessi limitrofi
 
da PRIMO CANALEC'ERAVAMO TANTO AMATI
ELEZIONI SAVONA, GARASSINI: "MAI CON BERTOLOTTO"
 

                   SECO: BASTA MOLESTIE!
Dura presa di posizione della SECO (ufficio della segreteria di stato elvetica preposto all'uguaglianza tra uomo e donna sui luoghi di lavoro) …leggi…"le molestie sessuali poste in essere sui luoghi di lavoro dimostrano una grave mancanza di rispetto, ledono la dignità della persona, possono demotivare e causare gravi malattie. Diverse disposizioni legali obbligano i datori di lavoro a provvedere affinchè non accadano nelle loro imprese o nei loro uffici."

Riportiamo questa notizia ed attendiamo segnalazioni da parte di persone che sono vittime di queste pratiche ovvero di mobbing, per segnalarle, in forma riservata, al signor ministro Brunetta che, dopo la crociata contro i fannulloni nel pubblico impiego, avrà modo di esercitare la sua volontà di riformare il lavoro nel pubblico impiego.

200.000 voli per la spagna da 35€ tutto incluso!

                          IN ATTESA DEI VOSTRI COMMENTI,
   IL LIBRO "IL PARTITO DEL CEMENTO" SPOPOLA ANCHE IN SICILIA

Invitiamo tutte le persone  che hanno ricevuto  in omaggio il libro “IL PARTITO DEL CEMENTO” ad inviarci un loro commento  da pubblicare.

Il libro sta riscuotendo un grande successo; un nostro lettorein vacanza in Siciliaci informa che il libro di Preve e Sansa  è in bella mostra, in uno spazio apposito, nella vetrina della più importante libreria di Marsala.

NOTEBOOK E ACCESSORI su Mr.Price!

                  Abbandoni di rifiuti rinvenuti sull’altopiano delle Manie.
Un vero e  proprio “degrado” ed abbandono di un’area di meritevole importanza. Le manie del Finalese: Sito di Interesse Comunitario e area Protetta Provinciale. Il WWF: Serve maggiore sorveglianza, attenzione e

regolamentazione della fruizione dell’area....CONTINUA

GULLIVERTOWN - il bello di leggere a metà prezzo!
CELLE  LIGURE -  TRA QUERELE  E LISTE CIVICHE GODE SOLO RENATO ZUNINO

"Rinnovamento cellese", il raggruppamento ispirato da  Giuseppe Intelisano, ha diffuso gli scorsi giorni la notizia della prossima costituzione di una lista comunale. Ecco che si profila la spaccatura di Forza  Italia a Celle Ligure. Il beneficiario è sempre e sarà sempre Renato Zunino.

Intanto dopo le minacce di azioni legali inoltrate dal Vice Sindaco Barlo Stefano (detto "U Santetto") e dal Vice Sindaco dimissionario Manzi Michele, si attendono le reazioni della Casa della Legalità, la organizzazione guidata da Cristian Abbondanza legata a  "Libera".

In ultimo si  aspettano le reazioni di alcuni Consiglieri Comunali, in primis Pastorino Fabio, alla lettera denuncia di Luigi Bertoldi sull'appalto COFOR  del Pennello Bouffou.

Pubblichiamo la replica che  La Casa della Legalità  ha inviato alla redazione savonese de "Il Secolo XIX" ma che non è stata pubblicata.
 
GILBERTO COSTANZA

Seconda puntata – Come non si amministra la cosa pubblica

I CITTADINI LOANESI PRESI PER IL NASO DA ANGELO VACCAREZZA

di Gilberto Costanza 

Verbale deliberazione Consiglio comunale n. 40, seduta del 06.08.2008, alle ore 12,00, oggetto: Interpellanza presentata dal Consigliere comunale Avv. Elisabetta Garassini in data 11.06.2008, prot. N. 18420, ad oggetto: “Abbancamento sabbia terreno di proprietà della Provincia di Milano – Località Morteo”...CONTINUA

 

un intervento di Ghigo Gaspari

Spiaggia Libera Attrezzata e la gestione del patrimonio comunale.
Noto con grande rammarico l’articolo apparso ieri sui nostri due quotidiani principali che hanno evidenziato per giusto dovere di cronaca la situazione conflittuale creatasi tra amministrazione, gestori, e popolazione albisolese.
Mi corre l’obbligo pero di rimarcare alcuni aspetti gestionali della situazione.
Credo che la sintesi di tutto ciò sia che questo Comune, abbia come leit motif il cosiddetto metodo amministrativo “incassa e sperpera” il peggiore della Prima Repubblica. Alla base di questo pensiero...CONTINUA

 

                                               "Giacobbe verso il regime!!!"
In riferimento alle dichiarazioni scritte nell'articolo su UominiLiberi "Giacobbe: verso il regime!!!!" ho esaminato le motivazioni per cui il dott. Giacobbe ha emesso l'ordinanza con lo scopo di rendere impossibile qualsiasi informazione ai cittadini certamente in una forma non democratica. Infatti...CONTINUA     Roberto Ciccione

 

Il Prof. teologo che nega, con la matematica, l’esistenza di Dio.
E’ da un po’ di tempo che volevo dire la mia su quelle stupidissime esternazioni di un professore di matematica e fisica dell’università la sapienza. Oggi trovo conforto in una intera pagina de “Il Giornale” e voglio dire la mia. Un ricercatore, uno scienziato un medico rimangono sempre anonimi fintanto che
...CONTINUA   Giacomo Rolletti

 

                                      Ecco perchè lascio” Altra Savona” 
“Altra Savona” è un movimento che vuole apparire quello che non è. Le motivazioni, che mi avevano convinto a aderirvi, con entusiasmo e passione, sono venute meno. In realtà, agli aderenti, non è data la possibilità di confrontarsi, lavorare e proporre, non esistendo un “ luogo” dove conoscere gli altri e costruire un percorso partecipato
e condiviso per la definizione degli obiettivi, peculiarità che dovrebbe caratterizzare lo spirito del movimento, così come l’apartiticità

Ho costatato, stranamente, che  nel partito in cui ho militato per undici anni, c’è molta più democrazia interna e spazio d’espressione, il che è tutto dire in un momento in cui i partiti sono così invisi ed impopolari!
Questi motivi, mi hanno convinto, non senza amarezza e tanta delusione, ad uscire dal movimento “Altra Savona”, certa che, l’impostazione attuale, porterà alla fine di un progetto politico che avrebbe potuto essere qualcosa di nuovo, diverso, ed utile, non solo per Savona, ma per tutta la politica seria.
Sarà un’altra occasione persa a causa della mancanza di capacità di far politica  rinnovandosi e adeguandosi  ai cambiamenti della società, che ormai,  sono sempre più veloci di quelli della politica.     dr. Tiziana Saccone

 
                       GIACOBBE:  VERSO IL REGIME!!!
Dopo lo "straordinario" consiglio comunale del 28 luglio, nel quale e' stato impedito alla popolazione di accedere alla sala del  Consiglio, con l'intervento  di Digos e Polizia, eccovi un'altra mirabile iniziativa del sindaco Giacobbe, volta a proibire nell'ambito del territorio vadese, ogni forma di comunicazione tramite stampati…leggi…infatti, nella sua infinita sensibilità democratica, il primo cittadino "ordina:
"su tutto il territorio comunale e' vietata l'affissione di  manifesti,scritti, striscioni e locandine ecc. l'affissione su area pubblica e privata (porte, finestre, facciate)...l'esposizione  di manifestini, scritti  o similari, deponendoli su veicoli ovvero lasciandoli incustoditi...."

Le sanzioni variano da un minimo di 150 euro a un massimo di 900.

Nessuno creda che cotanto rigore sia rivolto a quei poveretti che, per conto della Coop, di Euronics, di Lidl, ecc riempiono i portoni e le caselle della posta di pubblicità.

Non è così. Il nostro Podestà ritiene, con questi atti vessatori di limitare l'attività informativa dei comitati anti-piattaforma e non si ferma a questo, ha negato il permesso alla richiesta di un presidio, fatto dalla consigliera comunale Guelfi, che sarebbe durato dal 30 agosto al 4 ottobre. Non e' ancora riuscito a far approvare, come  previsto dalla legge, i verbali del famigerato Consiglio nel quale ha svenduto Vado ed i suoi abitanti per gli interessi dei poteri forti, tuttavia, l'ineffabile Canavese è in possesso dei documenti, tanto e vero che lancia diffide a scopo intimidatorio, verso i consiglieri dissenzienti.

A questo siamo arrivati, in un Comune  che si fregia delle insegne dei martiri della resistenza, i quali giustamente si rivoltano nella tomba, vedendo  un ceto politico tremebondo dinanzi a dei semplici volantini.
...LEGGI  UN VOLANTINO CHE NON POTRA' ESSERE DISTRIBUITO

 

CELLE LIGURE – MICHELE MANZI COME  PIERO BOVERO A VADO LIGURE.
La strategia di Renato Zunino: per tutta la prossima legislatura Michele Manzi dovrà essere la nostra ruota di scorta.
Renato Zunino sa che questa volta rischia grosso, il suo potere a Celle è in declino e potrebbe perdere le elezioni. Ha difficoltà a trovare un candidato sindaco fedele e  nello stesso tempo capace di attirare il consenso dei cellesi, quindi dovrà attuare  una strategia per bloccare potenziali avversari politici.
Il centro destra non gli fa molta paura, è diviso e comunque saprebbe come tenerlo a bada; teme molto di più  un eventuale lista civica che possa aggregare personalità intenzionate ad  amministrare per il bene  comune e non per pochi.
Zunino sa che una lista del genere attirerebbe i voti dei  moderati,  ma soprattutto dei cellesi  stufi del suo potere esercitato grazie agli uomini che ha piazzato in Consiglio comunale. 
Ecco allora la sua idea vincente: usare Michele Manzi, uomo per tutte le stagioni.
Prima tutto costringerlo a dare le dimissioni (naturalmente per questioni politiche, non certo per  questioni  morali), poi metterlo al comando di una lista civica per richiamare i voti di protesta e danneggiare  una eventuale altra lista (con Luigi Bertoldi al comando?) e il gioco è fatto. In seguito, a seconda  di come sarà l’esito delle elezioni, si deciderà il futuro di Manzi e la sua lista. Se vincerà la lista di  centro sinistra, Manzi farà una moderata opposizione in cambio di qualche poltrona (con lui le promesse non mantenute hanno sempre funzionato).Se il centro sinistra perde, con i voti della lista Manzi è facile prevedere che  riuscirà  lo stesso ad avere la maggioranza.
In qualunque caso, comunque, il Manzi  diventerebbe il Piero Bovero di Celle Ligure, la ruota di scorta per l’intera legislatura, sempre pronto ad intervenire in caso di un eventuale”foratura” della Giunta.
Questo, naturalmente,  succederà se i cellesi  cadranno in questa trappola e non sapranno liberarsi delle catene che li tengono prigionieri, ormai,  da troppi anni.
 
                  IL RIPASCIMENTO A NOLI?
              PRIME SANZIONI DELLA REGIONE
Noli –
I lettori di Trucioli Savonesi ricorderanno i tre servizi dedicati al ripascimento della spiaggia di Noli. Gli articoli, nei mesi scorsi, li aveva scritti l’ex sindaco Dc, Carlo Gambetta, senza conflitti di interesse, né in cerca di voti e consenso elettorale. Aveva chiamato in causa Regione, Comune, organi di vigilanza.
Una storia da cane che si mordeva la coda, senza altri interventi strutturali, minuziosamente indicati e suggeriti. Ora, dopo le prese di posizione anche ufficiali (“nessuna irregolarità, nessuna illegalità, tutto sotto controllo”). Dopo che anche le cronache dei giornali avevano rassicurato tutti, seppure tra polemiche, ecco la “piccola sorpresa”. Carlo Gambetta, appoggiato dalla sezione WWF di Savona, con Marco Piombo, non era un visionario. La Regione (vedi….) ha finalmente accertato che <la posa di quel materiale non è stata realizzata in conformità con quanto previsto dalla normativa regionale; in particolare il sedimento…di conseguenza si è provveduto ad avviare l’iter sanzionatorio nei confronti….>. Non si trattava, in conclusione, di fare i cani da guardia, ma almeno di non essere tacciati, come accaduto, per visionari e disfattisti

 

Il LetimbroAlcune anticipazioni dal "Letimbro" in uscita oggi
 

Varazze: Tutti uniti sotto un solo simbolo
Grande successo al vertice del centrodestra

 

             PROVINCIA:  IL POLO DEI FURBACCHIONI!!!!
Il Presidente della Provincia annuncia che, con 3 assessori, si presenterà con una lista autonoma alle prossime amministrative del 2009…leggi… Reazione della minoranza: chiede che farà  il centrosinistra a fronte di una loro, eventuale, mozione di sfiducia. 

Non pretendono, come dovrebbero, che i consiglieri di centro sinistra diano le dimissioni, preso atto della crisi politica, portando allo scioglimento degli organi.

Ancora una volta, il partito degli affari, nella sua duplice versione di sinistra-centro e di polo, appare molto restio a mollare la poltrona. E sapete perchè? Da una parte (maggioranza) ci sono le varie prebende degli assessori .

Dall'altra, una minoranza che si accontenta delle briciole, fossero  solo i gettoni di presenza dei consigli e delle commissioni. Morale della favola? Nessuno voterà la sfiducia a Bertolotto, perchè è interesse di tutti tenerlo in piedi sino alla fine, fosse anche imbalsamato in una teca.
A questo ci porta la logica della casta: e durerà sino a quando, una grande scopa calerà su questi replicanti, vere e proprie statue di cera eletti solamente  per tutelare gli interessi particolari dei soliti noti

200.000 voli per la spagna da 35€ tutto incluso!

CELLE LIGURE - QUANDO IL SILENZIO NON E' D'ORO Luigi Bertoldi
Abbiamo pubblicato alcune problematiche riguardanti il Pennello Buffou ed il Rilevato ferroviario di Celle Ligure; non abbiamo scelto quelle di maggiore valenza, ma quelle di più immediata comprensione e di più facile verifica.
Siamo certi che i consiglieri comunali, come qualsiasi persona investita di responsabilità e forte di una onestà anteposta ad ogni altra condizione, abbiano provveduto, con sollecitudine ed anche con una giustificata apprensione, a consultare atti, documenti, funzionari e colleghi per formarsi un proprio giudizio in merito alle domande emergenti

Delle loro conclusioni non si ha, però, alcuna notizia.
Non credo che essi vogliano mettere in dubbio tale necessità; credo possibile, invece, che si sentano protetti dalla gerarchia dell’Ente. Se non intervengono il Sindaco e gli Assessori, perché dovrebbero intervenire loro? A pensare così non avrebbero completamente torto ma, certamente, non avrebbero nemmeno ragione, perché ognuno di loro ha ricevuto particolari deleghe che conferiscono la responsabilità della comunicazione verso l’esterno.
Una osservazione riguardante il pennello conteneva una domanda...CONTINUA

NOTEBOOK E ACCESSORI su Mr.Price!

Un Interessante articolo sul secoloxix del 3-9 sul futuro dei container. L'opinione di uno dei pricipali operatori portuali genovesi Beppe Ansaldo...Una nave che si ferma poche ore, come una portacontainer, di indotto non ne lascia...LEGGI

 

          VARAZZE – CEMENTO E CAMPAGNA PRE - ELETTORALE …
Sono in piena attività nella cittadina rivierasca i comitati elettorali organizzati  per raccogliere le firme a favore di G.B. BUSSO sindaco. Anche  i cementificatori varazzini lavorano a pieno ritmo e sembrano ormai pronti i progetti   da presentare in Consiglio Comunale per trasformare il mitico locale “ NAUTILIUS” in mini appartamenti.

 
Ceriale e la "partita" che non si può rifiutare...
con Atto illegittimo!
 

    CITTA' DELLE IDEE    Spiaggia libera del Prolungamento
 i gabinetti nell' elisse...nella foto di Gianetto... recentemente, erano stati dichiarati non idonei, ma il comune è stato autorizzato a tenerli operativi fino al 31.08.08.Speriamo, che questo non si ripeta, e, per il futuro, ci si metta in regola con...la legge regionale

 
maersk

                 VADO LIGURE- Retroporto piattaforma
Ecco i progetti per estendere l'invivibilità dal fronte mare all'angusto immediato entroterra e la società che li gestisce. Cominciamo, con un po' di fantasia, a immaginarci allegramente il tutto....LEGGI

 
PRIME INDISCREZIONI SULLE VENDITE DEL LIBRO "IL PARTITO DEL CEMENTO"
Le vendite sono ottime. Non si hanno ancora le cifre esatte, ma  il libro ha sbancato  in Liguria
 
                     Cosa si dice di Celle e della CO.FO.R…
Una Carrellata di notizie su Celle Ligure e la CO.FO.R che circolano in alcune città italiane...LEGGI
 
                                        LISTA NUOVA, STESSA GIUNTA
Su... LA STAMPA... viene presentata la lista civica che Il Presidente Bertolotto  presenterà alle prossimi elezioni provinciali, oltre a lui ci sono tre assessori, PESCE, PALIOTTO, SCRIVANO.
I savonesi attendono, con pazienza, nomi nuovi
 

                                    DEDALO E ...ICARO
Un mito sempre attuale, quello di Dedalo, l'architetto ateniese che, rifugiatosi a Creta, costruì per Minosse, il labirinto. Venne poi imprigionato dal re dentro il suo edificio, dal quale riuscì  a fuggire usando un paio di ali legate con la cera: ma il figlio Icaro, avvicinatosi troppo al sole, precipitò al suolo.

Vediamo come il mito del costruttore polivalente si adatti alla situazione urbanistica attuale del savonese. Chi potrebbe, in questo momento storico di grande ripresa edilizia, fregiarsi del nome dell'antico artefice ed occupare, senza concorrenti, quasi tutto lo spazio della progettazione esecutiva in Savona e città e provincia?

RRisposta facile, facile. Esiste una società che si chiama proprio così, Dedalo: essa ha due soci, due pezzi da novanta che provengono da esperienze diverse, ma complementari: l'ing. Enzo Galliano, già  Ingegnere capo del comune di Savona, porta una approfondita conoscenza  dei meccanismo burocratici che presiedono all'urbanistica ed alle  opere private e pubbliche.

L'ing.Giuseppe Olcese, proviene dalle cooperative ed ha alle spalle una lunga militanza politica  nel PCI e  DS varazzino come Carlo Ruggeri, e' stato consigliere comunale della città, prima di darsi completamente alla professione.

Questa coppia di ferro ha sbaragliato tutto la concorrenza sulla piazza di Savona e gode, nella progettazione esecutiva, di un primato difficilmente eguagliabile. Bofill ed il Crescent sono le ultime opere che hanno avuto in cura, ma l'elenco e' assai lungo e spazia per tutta la provincia.

Qualcuno tirerà in ballo il solito conflitto di interessi: ma una cosa e' certa, mettere insieme 2 competenze siffatte, insieme con i giusti collegamenti politici non e' cosa che accada tutti i giorni né  per caso!!!!!

 

                           UN DEDALO DI PROGETTI!!!
Visitando con la dovuta attenzione il sito della Dedalo srl non si può non restare stupiti del numero e della varietà di interventi urbanistici ascrivibili alla società…leggi...Crediamo di essere nel vero se affermiamo che il pregiato studio ha coperto gran  parte dell'offerta di pianificazione esecutiva. Dopo i grandi nomi, siano essi  Bofill, Mario Botta, Fuksas, state certi che compare, allo scopo di completare e dettagliare il tutto, l'esperta penna dei due dioscuri savonesi i quali, mediante la loro profonda frequentazione del comune di Savona e  delle cooperative, trovano porte aperte e difficoltà burocratiche minori di altri.

Non per questo si deve pensare che lavorino solamente per enti e soggetti omogenei alla loro tendenza politica, tutt’altro. Accanto a comuni saldamente governati da decenni dal PCI e poi dal centro-sinistra, troviamo comuni di opposta impostazione politica.

E' di oggi la notizia del trasferimento esecutivo della Gavarry dal comune di Albisola Superiore a Quiliano, località, Tiassano. Questo pratica ebbe una lunga gestazione, con notevoli problemi, risolti brillantemente, sul piano progettuale, dallo studio Dedalo e, sul piano politico dai sindaci di centro sinistra, segnatamente dal Dott. Lionello Parodi, immortalato in un foto col candidato alla regione, Claudio Burlando. Allo stato, siamo in fase finale: l'area ex Gavarry verrà urbanizzata dalla Alfa costruzioni, la famosa Società dei fratelli Barbano, la cui operosità non conosce sosta e spazia da binario blu agli insediamenti dentro la Metalmetron, in cui figura socio di minoranza della cooperativa Unieco...leggi.

 
                                           A MALI ESTREMI...
Il sindaco di Ceriale, Fazio, se ne infischia delle proteste dei cittadini e delle associazioni: ha stretto un patto con Nucera che nessuno conosce e quindi va avanti per approvare il progetto di lottizzazione di cui tanto si parla, tanto che ha convocato per oggi, 2 settembre 2008, per completare l'opera...leggi… Cosa possono fare gli oppositori di cotanta devastazione?

Certo non limitarsi al voto contrario e all'opposizione verbale. Occorre ricorrere a tutti gli strumenti disponibili, chiamando in causa sia il TAR che la magistratura ordinaria. Di più: esiste una norma che prevede lo scioglimento dei consigli comunali in odore di infiltrazione mafiosa…leggi…usata molto nel sud, questa legge e' stata applicata anche nel caso clamoroso di un comune piemontese, Bardonecchia. Forse è tempo che anche in Liguria, visto quello che sta succedendo, suoni l'allarme mafia e si proceda con strumenti  eccezionali, compatibili con la gravità della situazione onde neutralizzare il pericolo reale di enti pubblici profondamente infiltrati dal malaffare. 

GULLIVERTOWN - il bello di leggere a metà prezzo!
COMUNE DI SAVONA - COMPLICAZIONI DAL PUC DI VADO L'ing. Cuneo nel suo intervento relativo all'addio dell'arch. Campagnolo termina dicendo: “Facciamo festa all’Architetto che se ne va e diamo il benvenuto ad un nuovo Dirigente dell’Urbanistica; la buona amministrazione richiede che sia scelto per concorso pubblico e trasparente e non con chiamata diretta; invece voci maligne e malpensanti ipotizzano l’arrivo di un funzionario di Vado di evidente fiducia della Casta savonese”...LEGGI... Si dice che a malpensare si commette peccato, però spesso si azzecca. In fondo anche sui quotidiani locali sono mesi che oramai scrivono il nome di quel funzionario architetto di Vado Ligure in procinto di ereditare il ruolo dell'arch. Campagnolo

L'amministrazione savonese ha però la possibilità di dimostrare il contrario: infatti il suddetto funzionario (o suddetta, visto che è oramai noto a tutti che il funzionario di Vado è in realtà una gentil signora) ha avuto un blocco inaspettato dovuto al fatto che il procedimento per l'adozione del PUC di Vado non è ancora giunto al capolinea, per cui deve ancora restare nel proprio comune per completare tale iter. Quindi dal 1° settembre il settore che fu di Campagnolo è deficitario del dirigente. La domanda è: il sindaco “Fede”, ai sensi del comma 2bis dell'art. 32 del regolamento comunale sull’ordinamento degli uffici e dei servizi, così come modificato dalla deliberazione di Giunta comunale n. 198 del 5 agosto 2008, nominerà dirigente l'attuale massimo livello del settore, cioè la funzionario architetto per tanti anni braccio destro di Campagnolo, oppure delegherà provvisoriamente l'incarico a qualche altro fido dirigente in possesso dei requisiti necessari (in attesa che la situazione del Comune di Vado si sblocchi?), ad esempio l'attuale ingegnere capo, "nanniano" di "ferro" che non spiace a "Livio", anche lui assunto con un procedimento discutibile, per non dire scandaloso?  Dalla scelta del sindaco “Fede” si trarranno le dovute conclusioni.

NOTEBOOK E ACCESSORI su Mr.Price!

                  ISOLA DI BERGEGGI - c'e' pescatore e pescatore
Da quando è stata istituita l’area marina protetta denominata "Isola di Bergeggi" abbiamo evitato accuratamente di raggiungere la zona, l’altro giorno, regolamento e cartine alla mano, siamo salpati dal porto di Savona decisi ad andare all’Isola: “…e poi ci facciamo un bel bagno, hai preso le maschere?”

Pio proposito alla partenza, infatti il Comune di Bergeggi non ha posizionato i campi boe previsti (non ha ancora trovato il modo di far pagare chi si attracca al gavitello?) e, dal momento che non ci si può ancorare, niente bagno, ma anche la zonazione dell’area non è segnalata.
La domanda banale è: chi dovrebbe far rispettare il Decreto Ministeriale perché lo fa a senso unico?...LEGGI TUTTO L'INTERVENTO DI CLAUDIO MANZIERI
Vola (quasi) Gratis!
                         ALASSIO - “Miss Muretto… si sono montati la testa”
Nell’anno in cui per qualche giorno lo storico concorso alassino ha messo in ombra, per ragioni di cronaca, il concorso di Miss Italia, e che il destino ha voluto corrispondesse al ritorno su una rete televisiva importante, l’organizzazione ha toccato il peggio per quanto riguarda i rapporti con gli addetti ai lavori....CONTINUA  da IVG
Matteo Rainisio, Editore di IVG.it
 
GUARDATE QUESTE 14  FOTO DI CORNIGLIANO DA "LA REPUBBLICA".
E IMMAGINATE COME SARA' IL FUTURO DI VADO LIGURE CON LA PIATTAFORMA
                      
Ricerca personalizzata

LEGGI GLI INTERVENTI DI AGOSTO  

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi e delle opinioni in essi contenuti 

PERCHE’ UN GIORNO NON  DICANO:
“NON LO SAPEVAMO”

Una iniziativa di UOMINILIBERI
.
PRESENTAZIONE - sala rossa
- Finale Ligure
Sanremo
I commenti al libro
"IL PARTITO DEL CEMENTO"
Patrizia Muratore
 Angelo Magnano