VUOI PRENOTARE UN VIAGGIO,
ACQUISTARE MATERIALE INFORMATICO
visita i migliori siti

 ENTRA

IL BLOG di MARCO PREVE

IL BLOG DI NICOLA STELLA
www.truciolisavonesi.it
spazio di riflessione per Savona e dintorni
Non perdere TRUCIOLI SAVONESI se vuoi leggere notizie che non si trovano sui giornali e su altri blog




 
vota sindaco FRANCO
BOLOGNA
CARCARE

     QUILIANO Elezione diretta del Sindaco e del Consiglio Comunale VOTA la lista civica PARTECIPA e il candidato sindaco VALTERO SPARSO                VOTA la lista civica PARTECIPA e il candidato sindaco VALTERO SPARSO                VOTA la lista civica PARTECIPA e il candidato sindaco VALTERO SPARSO

     VARAZZE VOTA SINDACO STEFANO VALLERGA               VOTA SINDACO STEFANO VALLERGA               VOTA SINDACO STEFANO VALLERGA

ANTONELLA FRUGONI
Ho scelto di candidarmi in Provincia, come indipendente,
nel PARTITO SOCIALISTA
LEGGI IL GIORNALINO
DI VIVEREVADO

La lista Civica "VADO VIVA con CAVIGLIA" organizza una serie di serate di incontro con i cittadini elettori per presentare i propri candidati, far conoscere il Programma Elettorale e discuterne....L'ELENCO COMPLETO DELLE SERATE

QUILIANO 1 GIUGNO La lista PARTECIPA... Domande e risposte sulla salute dei quilianesi

Il candidato di AltraProvincia in lista per le elezioni Provinciali  (collegio Cengio, Millesimo, Bardineto, Calizzano, Massimino, Murialdo, Osiglia, Roccavignale), Marino Meistro, ha organizzato per Domenica 31 Maggio 2009 alle ore 20,45 presso la Discoteca "La Gomeira" di Calizzano una serata alla quale interverranno Sonia De Castelli e Pino Milern artisti di TELECUPOLE. Tutti coloro che intendono passare qualche ora con buona musica e allegria sono invitati. L'ingresso è gratuito.

Mercoledì 3 giugno  ore 18.30 piazza Sisto IV  Comizio di  ALTRASAVONA
31 maggio
da www.truciolisavonesi.it
Alla Biblioteca di Villapiana è andato in scena un pomeriggio da “5 gatti”

Il secondo libro sulle “bombe di Savona”
è al vaglio degli inquirenti. Uscirà?

Presente l’autore Macciò e il generale Bozzo. Le ultime novità. L’inchiesta non è archiviata. La “verità giudiziaria” resta una “chimera”. Quella storica no…

                  Chi ha "boicottato" Piero Ottone a Savona?

 
                                          PRECISAZIONE
Ho letto il commento fatto sulla vicenda del Tar sul vostro sito e vorrei fare qualche precisazione.
In primis la notificazione viene fatta da ufficiali giudiziari quindi non è certo colpa del nostro partito se quella del Pdl è stata notificata nei tempi e la nostra no.
Secondo sul merito la vicenda è identica per cui siamo assolutamente fiduciosi sulla valutazione del tribunale che si terrà in data 10 giugno.
Simone Anselmo  Partito comunista dei lavoratori

30 maggio

A TRE GIORNI DALLE ELEZIONI E DOPO TRE RICORSI AL TAR LIGURIA RIPARTONO I LAVORI DELL’EX CINEMA GIARDINO DI CELLE LIGURE. 

Il Sindaco Remo Zunino in Consiglio Comunale aveva detto:”Sarà l’ultima cosa che farò, ma i lavori dell’ex cinema Giardino devono incominciare”. E così potrebbe essere…

Venerdì 29 maggio 2009 alle ore 18 sono ricomparsi cartelli scritti a mano dove si annuncia la ripresa dei lavori il giorno 3 giugno 2009.

Quella della ristrutturazione dell’ex cinema Giardino è una storia infinita:

Il Comune di Celle Ligure come scomputo degli oneri di urbanizzazione del piano interrato abusivo(sanato mediante conferenza dei servizi) del rilevato ferroviario aveva previsto la costruzione di una struttura al grezzo da parte della L.C.I. Ligurcelleimmobiliare di Pesce Pietro, da adibire a centro sociale e uffici comunali con 14 box interrati.

Per accedere a questi box si deve necessariamente passare da un terreno privato recintato che circonda un condominio e che è adibito al parcheggio di 7 auto da parte degli stessi condomini.

Il Comune ha pensato bene di espropriarlo in modo da poter agevolmente raggiungere il proprio scopo: utilizzare completamente l’area e vendersi i box interrati.

Il primo ricorso al TAR ha condannato il Comune di Celle Ligure alla rifusione delle spese di lite in favore dei ricorrenti (3000 euro),e il permesso di costruzione è stato sospeso.

Il secondo e il terzo ricorso verranno chiamati in udienza nel prossimo autunno.

Nonostante ciò con un’azione a sorpresa, approfittando del weekend e del ponte del 2 giugno il Sindaco uscente decide di prevaricare i diritti dei privati e le decisioni del TAR.

COMPLIMENTI!!!! UN BELLISSIMO ESEMPIO DI DEMOCRAZIA.

 
Immagine del  TAR di Genova

     ORDINANZA DEL TAR: ECCO IL TESTO!!!

Pubblichiamo integralmente l'ordinanza del TAR Liguria che ha riammesso alle elezioni provinciali la lista del pdl, esclusa dalla commissione elettorale provinciale  perchè  carente di attestazione del luogo dove sarebbero state raccolte le sottoscrizioni.

PS I 2 giornali locali, Stampa e SecoloXIX, pur dedicando ampio spazio alle polemiche, si guardano bene dal riprodurre, in modo anche parziale, le motivazioni dell'ordinanza: nel primo  si trova un  riassunto molto succinto; nel secondo, addirittura nulla, nel merito. Quindi, pubblicando l'intero testo, vogliamo dare a tutti gli interessati la possibilità di giudicare  personalmente quanto argomentato dai magistrati. E l'argomento principe consiste nel fatto che non si può violare la costituzione, privando i cittadini del diritto di voto, perchè si  e' convinti sia corretto valutare i ricorsi solo dopo il risultato elettorale e non prima, quando e' ancora possibile rimediare.

E' veramente una prassi strana quella che sospende le garanzie a tutela durante la campagna elettorale. Quindi, nel testo troverete chiaramente indicato chi, in questa fase, ha inserito elementi di turbativa: il rinvio delle norme alla Corte Costituzionale rappresenta non solo un atto dovuto, ma anche la prova di una sensibilità ai valori della costituzione e della partecipazione che, evidentemente,  alberga in misura diversa a seconda dei collegi giudicanti...
                                 ...LEGGI L'ORDINANZA
 
                         IPS: DOVE STA IL TRUCCO?
Ips dovrebbe essere un ente strumentale dei comuni e degli enti che lo partecipano. Con la  riforma dello statuto (ultimo atto della giunta Bertolotto, ottobre 2008) si accinge a diventare la camera di compensazione degli interventi economici che verranno sottratti alla competenza dei Comuni e della Camera di Commercio, volenti o nolenti gli interessati. Infatti, con la modifica dello statuto, Ips diventa sovrano: se un comune gli affida, in convenzione, qualche pratica, essa sarà devoluta totalmente  al c.d.a. di Ips, che potrà evadere qualsiasi procedura di evidenza pubblica, nominando a suo arbitrio progettisti e consulenti                      .

Gia' oggi, da queste parti, impera, come nella attigua Spes, il predominio dello studio tecnico 5+1 che ha disegnato non solo l'area della ex Metalmetron, ma anche il confinante Parco Doria. Per urbanizzare il quale, nell'unico bando pubblico finora effettuato, si e' sfiorato il fattaccio, con un vincitore coop rapidamente sostituito dal secondo arrivato.

Quanto al vertice, il presidente Grignolo e' stato nominato dalla vecchia giunta provinciale, ma gode della piena fiducia di Luciano Pasquale e della sua area. Quanto al vice, chi non conosce Ennio Rossi, grande cerimoniere dell'ufficio urbanistica del comune di Savona?

Le ambizioni di Ips, per il 2009, sono notevoli...leggi…e' un vasto programma che va dalla neutralizzazione della Camera di Commercio al soccorso  dei comuni amici e dell'ente porto nella spregiudicata azione di cementizzazione del comprensorio savonese, dalla Margonara alla Piattaforma di Vado. Se le pratiche diventano spinose, ecco il soccorrevole Ips che ci mette una pezza, come ha tentato (senza successo) per l'operazione vecchio San Paolo. Un altro esempio: perche' Ips si prende il mal di pancia di verificare se la biblioteca possa traslocare da Monturbano a palazzo Santa Chiara? Ed ancora: che ci azzecca Ips con le case del Gheia di Porto Vado o la logistica portuale delle aree ex Fornicoke?

Chiara la risposta: nella malaugurata ipotesi di una giunta vadese poco malleabile, ecco l'intervento sostitutivo con quale PD e PDL fanno marciare la pratica, alla faccia della pubblica opinione.

Ultimo tocco: in sede di voto provinciale, il collegio dei revisori dei conti di Ips ha vergato questa paginetta,che appare in appendice alla delibera e sulla quale non occorrono molte disquisizioni…leggi.


29 maggio

 VARAZZE - GENTE COMUNE: Ma noi chi facciamo perdere ?

Qualcuno ha detto a qualcuno che GENTE COMUNE è nata per far perdere le elezioni a qualcuno!!!

- A parte il fatto che noi siamo nati più di un anno fa

- A parte il fatto che mi hanno insegnato che le elezioni si vincono per meriti propri e i perdono per demeriti propri

- A parte il fatto che è molto comodo dire “ho vinto perché sono il più bravo” oppure “ho perso per colpa loro “

Mi sembra giunto il momento di fare un’aperta confessione: Io, Stefano VALLERGA partecipo a queste elezioni per fare perdere (in ordine alfabetico ):

Baglietto Giovanni  (IDV), Bozzano Alessandro (PD), Dagnino  Mariarina, Delfino  Giovanni (Jonny) (PDL), Pronsati Tomaso

 Non lo sapevate? 

E mi è sorto il sospetto che anche loro, sotto sotto, partecipino per farmi perdere.

Lo scandalo dov’è?

Cosa sono queste continue accuse? Ricordo che noi siamo un gruppo piccolo piccolo senza partiti alle spalle, scannatevi tra voi Grandi Politici Professionisti.

L’ultima che ho sentito è che voglio togliere ai bagni marini la gestione privata delle spiagge, ossia liberalizzare il litorale!

Complimenti per la fantasia, non ci avevo pensato: mi stupite ogni giorno di più.

Forse in un attacco di ignoranza acuta qualcuno ha confuso la battaglia dell’acqua potabile pubblica con l’acqua salata del mare.

Tranquilli è tutta un’altra cosa: noi siamo preoccupati perché, come già sta succedendo in altre parti d’Italia, c’è il rischio che la bolletta dell’acqua diventi proibitiva. 

GENTE COMUNE Stefano Vallerga Candidato Sindaco

 

VENGO ANCH'IO! NO,TU NO!!!

Mentre la lista del Pdl e' stata riammessa alla competizione delle provinciali dal Tar Liguria, lo stesso non e' avvenuto per quellamarcata PCL (partito comunista dei lavoratori). Ciò ha indotto il  segretario dei comunisti taliani a lagnarsi di presunti cavilli della magistratura, che non sarebbe stata equa trovandosi dinnanzi a 2 casi eguali...leggi... In realtà l'istanza del pcl non e' stato accolta per difetto procedurale (mancherebbe la notifica alla provincia di Savona) e quindi i lavoratori comunisti devono prendersela con il loro avvocato o con chi non ha rispettato le normative. Per fortuna oggi internet ci permette di andare alla fonte, leggendo il testo originale, senza che qualcuno ci possa raccontare quella dell'uva....leggi.

 

                         LA   DISFIDA  DEL GAROFANO E DELLA ROSA

(per gli amici compagni socialisti, Dr.Piccini\Dr.Caviglia, in riferimento  ai loro interventi, in cagnesco, su questo blog). 

E IL MONDO ATTONITO \ ASSISTERA' ALL'EVENTO \ DEL GRANDE DUELLO \ TRA IL GAROFANO E LA ROSA \ ALL'ALBA CON I PADRINI \ IN TRIBUNALE FIERI \ A DIFENDER  LA STORIA \ DEI SOCIALISTI VERI \ I BUONI DAI CATTIVI \ DISTINGUER SI DOVRA'

\ OGNUN PER LA SUA STRADA \... MA DOVE MAI SI ANDRA'?. 

preoccupati, desolati, incavolati i socialisti riformisti di  www.azioneriformista.it

28 maggio

        Gianni Valenti dirigerà il Secolo XIX,
             Vaccari lascia dopo cinque anni

Gianni Valenti (nella foto) sarà il nuovo direttore del Secolo XIX, al posto di Lanfranco Vaccari che ha guidato il quotidiano genovese dall'ottobre 2004. Valenti è oggi vicedirettore della Gazzetta dello Sport, dove è approdato dopo una lunga carriera al Corriere della Sera, dal 1990 al 2007.
Con Vaccari il quotidiano edito dalla Sep presieduta da Carlo Perrone ha mantenuto un buon livello diffusionale, intorno alle 100.000 copie. Per ora non è noto l’approdo di Vaccari. (F. C.)
 
Riammessa la lista Pdl alla Provincia di Savona  dal Il Secolo XIX
 
                              IL COMUNE DI MEO "PATACCA"
Lo avete capito: parliamo del comune di Savona, che aggiunge al suo labaro una ulteriore "patacca"...leggi...dopo le bandiere blu, che dovrebbe certificarne la qualità ambientale, tramite il R.I.N.A. Peccato che quest'ultimo non neghi a nessuno la sua attestazione: basta impegnarsi a fare interventi  e pagare le adeguate tariffe. Poco importa avere il famoso iso 1400 se poi le statistiche ti inchiodano all'1% scarso di verde pubblico; se permetti di distruggere alberi secolari ai soliti cementieri (via Beato Ottaviano, fateci un salto!)

Se il tuo territorio e' tutto una frana; se non sei in grado di attuare un piano di bacino; se il tuo cimitero e' in condizioni scandalose; se le spiagge non sono di sabbia, ma di ghiaia; se nel porto di susseguono incidenti mortali; se programmi centri commerciali contigui ad industrie a rischio di incidente rilevante; se lasci i palazzi storici in balia dei vandali e del degrado; se non riesci a programmare un carcere in zone credibili; se non disponi di una discarica controllata; se, infine, hai permesso che il tuo prezioso territorio fosse dato in ostaggio alle scorribande dei palazzinari, compreso il vecchio porto....se hai fatto tutto questo, l'unico attestato che meriti e' quello di meo "patacca". Il quale aveva perlomeno il merito di farci ridere.

 

COMUNICATO DEI CONSIGLIERI PDL DELLA V° CIRCOSCRIZIONE

A seguito dell’improvviso cambiamento di fronte politico effettuato dalla Presidente, i sottoscritti consiglieri della V Circoscrizione del Comune di Savona, si ritengono in dovere di rilasciare il seguente comunicato stampa, diretto principalmente ai Cittadini Elettori della circoscrizione interessata.

La Presidente Dott.ssa Antonella Frugoni, con l’accettazione della candidatura alle elezioni provinciali a sostegno del candidato della sinistra Michele Boffa, tradisce in modo inequivocabile l’intenzione degli Elettori savonesi, che hanno decretato nel 2006 la vittoria della coalizione di Centro-Destra in questa Circoscrizione. Oltre a ciò, i sottoscritti rimarcano...CONTINUA

 

                         CAVIGLIA RISPONDE A PICCINI

Il compagno Vittorio Bobo Craxi, nel corso di una visita nel Savonese, è andato a deporre fiori sulla tomba del compagno Sandro Pertini e a visitare la casa dove nacque ora museo allestito con grande amore dall'Associazione che porta il nome del “Presidente più amato dagli italiani”.

Egli spese la sua vita di socialista  prima per riconquistare e poi difendere la libertà degli italiani. Ha sempre voluto essere candidato alla Camera dei Deputati e in tutti gli altri incarichi ricoperti ha sempre difeso, spesso anche in modo veemente, la centralità del Parlamento e il rispetto per i poteri legislativo, esecutivo e giudiziario come fondamenta della democrazia.

Bobo Craxi, in una breve intervista, ha giustamente legato l'insegnamento di Pertini alle preoccupazioni di larga parte degli italiani espresse dal Presidente Napolitano per i continui attacchi del Presidente del Consiglio (che dovrebbe essere rispettoso della Carta Costituzionale su cui ha giurato!) contro Parlamento e Magistratura. Il progressivo scivolamento verso forme di populismo nulla ha a che fare con le libertà democratiche dettate dai Padri Costituenti nella Carta nata dalla Resistenza.

Credo impossibile che il Signor Giuseppe Vittorio Piccini, che attacca in modo becero e bugiardo i socialisti del PS – unico partito riconosciuto in Italia dal PSE -...leggi ...possa capire questi concetti perchè dimostra di non conoscere la storia dei socialisti italiani ed europei. E per questo non merita rettifiche. Ruberei spazio e perderei acqua e sapone. Dal sottoscritto, che non ha mai cambiato bandiera, ne avrà solo una. In tribunale. Dove dovrà dar conto dell'affermazione diffamatoria e dimostrare che i socialisti “buoni” sono “sempre e comunque a libro paga dei comunisti”.

  Paolo Caviglia  Membro Direzione Nazionale PS

 

                                                      I   BARBARI  

Il partito di Di Pietro (l'Italia dei Valori) incalza e raccoglie le firme per presentare una mozione di sfiducia del Governo Berlusconi: il quorum necessario è di 63, firmano in soli 27, ne mancano 36, oltre la metà: il Partito Democratico, pur sollecitato a contribuire, si è ben guardato dal dare il proprio assenso vanificando così l'iniziativa (per altro sancita dalla nostra Costituzione).

Uno "schiaffo" plateale, significativo e ombroso, e sul quale c'e molto da riflettere, con attori protagonisti responsabili i soli politici, i loro giochi e agguati di potere mirati e mera opportunità: come diceva Arbore "meditate gente, meditate..." 

L'On. Franceschini, "fuori misura" sul caso Noemi-Berlusconi: se nel prosieguo, la pruriginosa vicenda dovesse rivelarsi priva di ogni fondamento, o ridimensionata ad una semplice golosità di gossip, o peggio ancora "un agguato" di parte, si aprirebbero nel centro sinistra scenari irti di difficoltà e veleni: con conseguenze pericolose in riferimento alle imminenti Elezioni Europee:

un boomerang, con un "suicidio dovuto" di Franceschini e una ulteriore fraticida resa di conti.

 

Non ci dilunghiamo: ma gli Italiani, i cittadini, ne hanno le "scatole piene" di questo modo puerile, ottuso e irresponsabile di fare e rappresentare la nostra politica. 

Che degrada l'Italia a un Paese da operetta, dove non c'è mai fine al peggio e alla stupidità, dove la dignità di pensiero e di concretezza di bene operare a favore della collettività sono solo parole prive di verità. 

Gianni Gigliotti

 

UNA STAMPELLA PER IL PD
Un film ambientato a Vado Ligure
con finale a sorpresa.
Protagonisti: il PDL e RIFONDAZIONE.
Coprotagonista: ITALIA DEI VALORI
Comparse: Matteo Debenedetti e
 Giorgio Barisone
regista: RINO CANAVESE
aiuto regista:
 Carlo Cipollina e Franco Zunino
PROSSIMAMENTE A VADO LIGURE



dal
Il Secolo XIX

    "Spotorno, rissa tra due candidati sindaco  del centrodestra"   

Due candidati sindaco di Spotorno del centrodestra sono venuti alle mani nella tarda mattinata di oggi di fronte alla chiesa parrocchiale della cittadina in provincia di Savona. Intorno alle 11 il candidato sindaco del Popolo della Libertà Giuseppe Volpera ha cominciato a discutere con l’altro candidato del centrodestra Marco Peluffo. I due sono poi passati alle mani davanti agli occhi dei passanti e di alcune persone che, a quell’ora, uscivano dalla chiesa. Sono intervenuti i carabinieri.

Colpito al volto, Volpera è stato accompagnato in farmacia per essere medicato, ma ha dichiarato di non voler sporgere denuncia


27 maggio
            GENTE COMUNE E LA VERITA' SULLA PISCINA DI VARAZZE

Cari Varazzini e Concittadini,

ieri abbiamo inviato una semplice richiesta di informazioni ad una importante realtà provinciale che gestisce un moderno impianto di piscina; abbiamo scelto di chiedere le cose a chi ha a che fare con la realtà di un impianto natatorio tutti i giorni da molti anni...non c'è propaganda e non ci sono finalità elettorali...solo semplice e pulita INFORMAZIONE! Innanzitutto Vi comunichiamo alcune nostre riflessioni...CONTINUA

 
 DI PIETRO DEVE VEDERE ANCHE QUESTA FOTO
Relativa al famoso viaggio in Cina... non quello di Craxi ma quello di Burlando. Giovanni  Paladini è con Gianfranco Tiezzi.

26 maggio
                          TE LO DO IO, IL GETTITO !!!!
L' ultimo governo Prodi e' responsabile di una delle più grandiose bufale che la storia fiscale d'Italia ricordi. Questa norma "bidone", prevista dalla finanziaria 2007 e mai attuata, prevedeva che i porti si autofinanziassero, con quota parte dei tributi statali. Peccato che il ministro Tremonti si sia messo di traverso: troppo oneroso, in tempi di crollo delle entrate, lasciare parte del gettito IVA ai vari Canavese che guidano le  autorita' portuali.

Questo era il marchingegno che il nostro ammiraglio aveva in mente per finanziare, con i nostri soldi, la piattaforma vadese, andando poi a bussare presso le banche per finanziare il mutuo da 350 milioni di euro su garanzia del gettito iva presente e futuro.

Insomma era pronto ad ipotecare non solo l'ambiente dei nostri figli e nipoti, ma anche le tasse che dovranno pagare nei secoli dei secoli. In cambio di cosa? Della presenza di una conglomerata internazionale (Maersk) che di suo ci avrebbe messo poco piu' di 50 milioni per una concessione demaniale di mezzo secolo!!!

Purtroppo per il nostro superpresident, il suo progetto sta fallendo. Lo stesso ministro  Matteoli(al cui partito Canavese ha aderito per farsi rinominare) ha deciso che si fara' una miniriforma portuale depurata dall'autosufficienza finanziaria, con buona pace del "partito dei porti". Chi ambisce a finanziare progetti, si accodi allo sportello della cassa depositi e prestiti, dove gia' la fila e' lunga e dove hanno il viziaccio di chiedere una bella analisi costi - benefici. Nel nostro caso, di tale studio non vi e' traccia anche perche' tutti sanno che i costi sono assolutamente pubblici, mentre i benefici si chiamano Maersk, Gavio, Demont, Orsero, Coop-rosse, Campostano, ecc. Insomma i soliti "furbetti" della vecchia darsena...leggi.

 
foto_sito.jpg             MARYLIN FUSCO LA VELINA DI DI PIETRO
Invito tutti i sostenitori dell'Italia dei Valori a dedicare 5 minuti alla visione ,su youtube, dell'intervento della vice velina Fusco, gentile ragazza dal fisico statuario, certamente esteticamente più gradevole della obsoleta Iva Zanicchi. La Sig.ra Fusco è intervenuta in difesa del Sig. Berlusconi e al suo diritto alla privacy, peccato che stiamo parlando del Presidente del Consiglio e non di un vicino di casa, il pretendere che la vita di un uomo pubblico sia trasparente è uno dei fondamenti delle democrazie anglosassoni

L'affermazione che questi giudici di sinistra tormentano il povero Berlusconi fa veramente ridere, visto che il nostro Presidente sforna  leggi " ad personam" come un caudillo Sudamericano. Comunque alla Sig.ra Fusco bisogna ricordare in che squadra gioca, questi autogol portano solo danni elettorali all'Italia dei Valori. Speriamo che gli elettori dell'Italia dei Valori facciano attenzione alle parole e ai contenuti e meno all'aspetto estetico, nella cabina elettorale...GUARDA   Giorgio Brondi (iscritto all'Italia dei Valori)

 
Beppe Grillo presenta alla cittadinanza Varazzina la lista civica GENTE COMUNE, certificata a 5 stelle dal blog del comico genovese.
 Evento in collaborazione con il Meetup di Savona.
PRIMA PARTE....SECONDA PARTE...TERZA PARTE...QUARTA PARTE
 

                                     "PAPI"  E  COLOMBELLE  

Bene! finalmente una serena Italia, senza eccessive preoccupazioni per il divenire, una pausa di relax e di sano divertimento, con parole leggere come frulli di ali di farfalle che riempiono di gioia i nostri cuori...LEGGI


25 maggio

La collina di passeggi

CINICI E BUGIARDI !!!!

Continua la sceneggiata della giunta Berruti sul progetto del nuovo carcere di Savona: dopo aver coinvolto strumentalmente il consiglio comunale con un o.d.g. votato all'unanimità, nel quale si "conferma" il sito di Passeggi (scelta impossibile sia sul piano logistico che finanziario) il nostro primo cittadino ci notizia che presto visiterà il Sant'  Agostino per consolare (supponiamo) agenti e detenuti delle fandonie che continua a raccontare...leggi...

Infatti, se e' vero che l'opera non ha copertura economica, sarebbe doveroso da parte di amministratori seri e competenti, revocare la scelta, indicarne un'altra ovvero concordare nell'ambito provinciale un progetto fattibile in tempi accettabili e quindi inferiori a quelli attuali, che sono veramente senza termine, in attesa di improbabili seconde tranche. In tale modo la nostra cara casta, così poco avezza a gestire l'interesse generale, potrebbe smentire la logica pervicace che la distingue: ai privati, ponti d'oro; quando si tratta di di opere pubbliche, appuntamento alle calende greche!!!!
 

                                   AMIANTO AD ALTARE E NON SOLO

Il CEDA (Comitato Ecologico Difesa Ambientale) esprime la sua piena soddisfazione per l’ordinanza del Sindaco che prevede la bonifica del sito della vetreria SAVAM di Altare che dovrebbe porre fine ad una grave situazione di pericolo per la popolazione di Altare. Condividiamo ...CONTINUA 

 

                             NON C'E' PACE NEL PDL

La non ammissione del PDL alle elezione provinciali crea all’interno della coalizione un  altro grave problema. A febbraio Scajola, sicuro della vittoria, aveva già deciso a chi affidare gli assessorati tanto che i consiglieri uscenti non sono stati neanche candidati.

Se il  PDL non verrà riammesso ci sarà molte astensioni ma, è prevedibile, che farà il pieno di voti la Lega e, se Vaccarezza vincerà, il partito di Bossi non si accontenterà di un assessorato (Rosy Guarnieri)  ma pretenderà molto di più. A questo punto che fine faranno Livio Bracco, Filippo Marino, Luigi Bussalai a cui Scajola aveva già assegnato una poltrona?

 Si rassegneranno o faranno scoppiare un caso all’interno del PDL?

Qualcuno di loro ha già cominciato a fare la voce grossa.

 
CELLE LIGURE -  ELEZIONI COMUNALI DEL 6 - 7 GIUGNO
3 DOMANDE A  LORENZO CERISOLA (imprenditore turistico)
Candidato nella lista FUTURO OGGI
 

                       Nuovo PSI - Comunicato Stampa

La stampa locale ha riferito che l’On. Bobo Craxi ha scelto Stella per lanciare agli Italiani un terribile monito sul sicuro finire della Democrazia Parlamentare nel nostro Paese a seguito di una proposta di riduzione del numero dei Parlamentari avanzata dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

I Socialisti Liberali del Nuovo PSI non possono che rabbrividire...CONTINUA

 
                         Tra vetro e cemento!
Nel'area della ex vetreria SAVAM di ALTARE, fallita nel 1992, si sprecano i progetti di "recupero": il gruppo RICCADONNA (vedi il libro "il partito del cemento), forte delle sue relazioni con politici savonesi, ha in mente 80 alloggi con annessi e connessi commerciali ed artigianali.  Siamo nel giugno 2007, tutto pronto, anche un plastico in bella vista.
Ma l'area risulta gravata da vincolo delle  belle arti. Nel frattempo un altro gruppo di cementieri, guidato da Enrico Genovese, si e' fatto avanti con altro progetto sull'area dei capannoni dell'ex vetreria, liberi da gravami.  E due! Per la piccola Altare sembra profilarsi una calata di cubature inaudita, in proporzione alla taglia del paese.

 il progetto RICCADONNA, nell'aprile di quest'anno, riceve l'OK della Sovrintendenza(arch. ROSSELLA SCUNZA) che subordina il placet al rispetto della testimonianza di archeologia industriale: quindi recupero in parte pubblico, con un nuovo quartiere nel quale convivano commercio e turismo ed anche un nuovo municipio:l a cosiddetta "citta' del vetro".

Il leader operativo del gruppo RICCADONNA, geometra RICOTTA, gia' noto come gourmet di slow food, sembra aver spianata la strada dell'affare, un colpo da 20 milioni per un sito pagato 2. Ma succede ancora qualcosa: il sindaco di Altare, GENTA,  e' costretto, dopo una ispezione dell'Asl, ad emanare un'ordinanza nella quale si ingiunge la proprietà di bonificare l'area dalla copertura di amianto friabile. Insomma gli investitori...leggi...devono provvedere alla spesa del risanamento e quindi a conteggiare nuovi oneri. Il celebre buongustaio RICOTTA non apprezza e minaccia avvocati e ricorsi, dicendosi non disposto a pagare per tutti. Bene, ma se non tocca solo a loro, a chi tocca????


24 Maggio

Savona: la Pasionaria dell’Italia dei Valori,

Vincenzina Ascanio a Uomini  Liberi...”

Caso Fusco? Una trovata pubblicitaria ?
Uno schiaffo all’etica, altroché valori”

Tredici domande
a Vaccarezza presidente

(con alcune riflessioni da cronista)
di Luciano Corrado da... www.truciolisavonesi
 

                       E' MANCATA RAFFAELLA BORSI

IIl Presidente Ing. Sergio Cappelli, i candidati ed i dirigenti tutti del movimento AltraSavona - AltraProvincia annunciano con dolore la scomparsa della Signora Raffaela Borsi, nata Tedesco, avvenuta a Savona il 24 maggio 2009. 

Già insegnante di lingua francese nella regione Toscana fino agli anni sessanta la Signora Raffaela Borsi era nata a Napoli il 13 maggio 1923. Vedova di Emo Borsi , autista della ACTS lascia quattro figli Vinicio Borsi, Direttore Generale di Mediawest srl webmarketing & solutions, attualmente responsabile della comunicazione del movinento AltraProvincia - AltraSavona, già primo segretario di Forza Italia ai tempi di Gervasio, Luisella Borsi presidente del patronato Epasa CNA di Savona, Verano Borsi bancario e Laura Borsi infermiera. Il movimento AltraSavona e' vicino alla famiglia tutta.


22  - 23 Maggio
A PROPOSITO DELL'INTERVISTA A CARLA VENTURINO 18/05/09 Scritto da Paolo D'Anna   dal sito www.paolodanna.org

Considerazioni sulle affermazioni di Carla Venturino nell'... INTERVISTA... pubblicata su Uomini Liberi ed un saluto allo sconosciuto intervistatore che, se interessato alla correttezza dell'informazione, avrebbe anche dovuto sentire le persone citate nell'intervista stessa...LEGGI

SOCIALISTI RIFORMISTI, IL GAROFANO ROSSO E

 IL GAROFANO BIANCO

C'è un solo garofano rosso ed appartiene esclusivamente al "NuovoPSI"

Il segretario nazionale del NuovoPSI", On. Stefano Caldoro, ha chiarito, a seguito di confusioni ed illazioni, come la Magistratura Amministrativa non poteva in alcun caso pronunciarsi, e correttamente in tal senso ha operato, in merito alla titolarità dei simboli tradizionali dei Partiti.

 Il Tribunale Civile di Roma ha riconosciuto la ufficialità di sola appartenenza al "NuovoPSI" del nome e del simbolo dello storico garofano rosso. 

Il "NuovoPSI" è operante con la partecipazione attiva e il proprio simbolo, in occasione delle imminenti elezioni amministrative di molte Provincie e Comuni: come a Savona, a sostegno del candidato Presidente Angelo Vaccarezza e dei Sindaci indicati dal "PdL". 

Il contenzioso, per altro definito, si rifaceva unicamente ad un simbolo similare utilizzato nelle elezioni Europee del lontano 2004. 

Così come, Gianni Gigliotti, ha riaffermato la legittima titolarità del simbolo del garofano bianco in campo rosso, la cui appartenenza è riferito al laboratorio di cultura della politica di "Azione Riformista - l'Europa dei Cittadini".

 

                                Piccole sviste e grosse confusioni...

La lista che a Vado Ligure ha come simbolo un timone di antica foggia ; che non ha  niente a che vedere con cemento e porta container:... Non vogliono questo per Vado???? (Non era più coerente nel simbolo mettere una gru o un carro ponte ?), e continuiamo: " la Sindaco " ??!!

Vogliamo attirare l'attenzione dei vadesi facendoli fermare davanti ai manifesti elettorali per correggere l'articolo in : Il ? "Il sindaco di Vado !!!", oppure la cosa era subdolamente voluta; per fare in modo che i vadesi vedendo : "La sindaco " non pensassero che magari dietro a Monica Giuliano (anche qui volendo di fa confusione...) ci sia: "Il sindaco ": Bovero Pietro....

Insomma li inviterei...quelli del timone a correggere così: Nel simbolo una bella gru (non quella che porta i bambini...mi raccomando...) e poi:  Monica Giuliano "il" sindaco di tutti !

Si fermeranno meno persone davanti ai manifesti, non ci sarà il caso di correggere i vostri errori di ortografia...e anche gli altri...ma sarete sicuramente piu' chiari e trasparenti con i vadesi....se poi i vadesi penseranno che votando la Monica Giuliano in realtà stanno votando  Pietro Bovero, questo e' un altro...vostro problema...e comunque se nella foto, tanto per continuare ad essere, chiari con gli elettori, volete mettere il viso di Bovero con i capelli della Monica Giuliano...non credo succeda nulla...dovrebbero stare bene anche a lui...

Una maestra elementare vadese

 
         CI HA SCRITTO GLORIA BARDI
Gentile Sig. Catania, nel leggere il suo intervento su uomini liberi...leggi...mi sono chiesta con una certa angoscia se sia inclusa tra i riciclati e le veline - nel mio caso velone -  di cui parla. Vorrei inoltre spendere due parole per  l'ottima candidata del Piemonte, Manuela Paladini, che gira come me tutto il collegio fuori i riflettori ma in un cono di luce fatto di impegno ed onestà.
NOTA DI REDAZIONE: la Paladini è solo omonima dell'onorevole
 

Ricostituzione del patrimonio arboreo di Corso Italia. 

Il viale alberato di Corso Italia, disegnato e realizzato alla fine dell’800, ha sempre rappresentato nell’immaginario dei savonesi un tratto caratterizzante del centro storico. Oggi purtroppo il viale presenta molti tratti senza alberi e ciò costituisce un elemento di degrado molto evidente del centro cittadino. 

Al fine di restituire al centro cittadino, per noi e per le generazioni future, un importante elemento d’attrazione, anche commerciale, Italia Nostra assieme al Comune di Savona (ing. Pesce, geom. Quirini.) e all’ATA con il coinvolgimento dell’agronomo  Sig. Pollero, dopo diversi incontri e sopralluoghi, ha preparato un progetto pilota per ripristinare l’antico ornamento di lecci nel tratto di Corso Italia tra Via Paleocapa e Piazza Giulio II; se l’esperimento avrà successo sarà possibile completare il progetto su tutto il Corso. 

Il progetto prevede la messa a dimora di 11 lecci.  

I lecci, di 12 cm di circonferenza, sono piante franche di vaso impalcate a 2 metri d’altezza. Il costo unitario è di 130 € più IVA al 10%, comprensivo di trasporto. Pertanto la spesa viva da prevedere sarà di 1430 € più 143 € di IVA.  

La preparazione del sito e la messa a dimora saranno opera dell’ATA, che provvederà altresì all’irrigazione ed alla futura manutenzione. 

Il socio incaricato della realizzazione del progetto e di raccogliere i contributi è l’Arch. Marcella Boero 347 3885939. La sede di Italia Nostra (Via dei Mille 4 presso ACLI) è aperta al martedì dalle 18 alle 19." 

Roberto Cuneo

 

                                        Lista PdL a Vado

Ho ricevuto questa mattina per posta la missiva in busta anonima distribuita dal candidato sindaco per Vado Ligure dalla lista dL.

Per la serie "Al peggio non c'è limite" noto che i punti salienti del programma sono quelli che un alunno di terza elementare potrebbe elencare se gli venisse rivolta la domanda "cosa vorresti per Vado".

Ci mancano le voci...CONTINUA  Un vadese


21 Maggio

E’ morto Domenico Marchese

tra i protagonisti del “vecchio Secolo XIX”

(Era stato direttore generale ed amministratore delegato della Publirama Spa)

 

Il “vecchio Secolo XIX” ha perso un altro protagonista della sua storia gloriosa. E’ passato dalla vita terrena al “regno dei cieli” Domenico Marchese per una quindicina d’anni direttore generale, e per un periodo anche amministratore delegato della Publirama Spa, la società dell’editore  del giornale per la raccolta pubblicitaria a livello locale e nazionale.

La “stagione Marchese” corrisponde agli anni (novanta) in cui il glorioso e storico Decimonono aveva raggiunto gli apici delle copie vendute, ma anche degli organici, forse fin troppo gonfiati come riveleranno nell’immediato futuro i bilanci in rosso.

Gli anni in cui, a fronte di un fortunatissimo contratto pubblicitario da 21 miliardi di lire, in effetti c’era un fatturato di 14 miliardi. Gli anni dei rapporti con il Messaggero di Roma (già di proprietà dei Perrone e dei Grazioli).

Domenico Marchese ha rappresentato una pagina di storia del Secolo XIX; un “fedele servitore” dei cugini editori Perrone e Brivio. Al punto che finì per pagare, assumersi responsabilità che non erano sue, quando esplose la storia di situazioni di bilancio ora “gonfiate”, ora “decurtate”.

Domenico Marchese, come è accaduto per tanti “vecchi giornalisti e dipendenti del Secolo XIX”, aveva tanto carisma, ma soprattutto tanto amore per la testate ligure, tanto orgoglio per il suo rilancio (gli anni della direzione di Carlo Rognoni). Un forte attaccamento alla creatura che produceva la linfa del giornale, la Publirama appunto che inizialmente aveva sede a Milano.

Come accadeva quando al giornale se ne andava per sempre uno dei vecchi cronisti o delle vecchie figure del Decimonono, chi ha conosciuto Domenico Marchese, conserva il ricordo del “dirigente” che ha dato all’azienda anima, cuore, impegno. Prima di lui, Rossi e Magliocco, dopo di lui Capparelli.

Con Domenico Marchese se n’è andato un altro protagonista di un giornale col suo ricco album di figure di talento, di prestigio, di abnegazione ed assoluta fedeltà al lavoro.

STAGIONE 2009: LE GRANDI OPERE PUCCINIANE IN ESTATE
DOPPIO BARBIERE IN AUTUNNO
CONCERTI E UNA NUOVA PRODUZIONE PER LE SCUOLE
Debutto estivo il 20 giugno

 

Dopo anni di esilio sulla collina di Monturbano, ecco che la giunta savonese sembra orientata al trasferimento della biblioteca  nel restaurato palazzo Santa Chiara. Non e' una idea originale, ma sembra meglio della primitiva intenzione di lasciare andare  in rovina gli edifici piu' importanti della citta': dal vecchio San Paolo a palazzo Pozzobonello, da villa Gavotti di Legino alla ex sede della Banca d'Italia.

Quello che vi e' di nuovo nel dossier e' il fatto che a valutare la congruità degli spazi tra i  2 edifici, sia chiamato l'onnipresente IPS , ente che nessun  savonese ha mai votato e che nessuno controlla, se non la giunta e che e' chiamato, proprio per questo, ad operazioni che eludano  ogni regola sugli incarichi e sugli appalti. Ora, puo' certamente far sorridere pensare  ai membri dell' IPS che, muniti di metro lineare, misurano attentamente gli spazi disponibili per scaffali ed archivi dell'antico palazzo. Se fosse così, la vignetta non sarebbe priva di umorismo ma essendo la verità un'altra , e cioe' che incaricheranno, ancora una volta senza gara, qualche studio architettonico, (magari il famoso 5+1), a realizzare uno studio di fattibilità, dietro congrua parcella, la domanda e' questa: era proprio impossibile usare il personale dell'ufficio tecnico per una verifica che si può fare anche a tavolino?...leggi

 
        BERTOLAZZI NON RISPONDE MA INVIA DELLE FOTO
Non sappiamo se considerare una risposta al nostro invito (vedi più in basso) queste foto di Bertolazzi..GUARDA... Crediamo di sì e quindi ufficialmente la Lega Nord a Vado Ligure non appoggia il PDL ma la lista VADO VIVA per Caviglia
 
    UN GIOVANE  CANDIDATO PIENO DI ENTUSIASMO. DURERA'?
Riceviamo e volentieri pubblichiamo alcune foto del candidato Diego Gambaretto. A parte le idee politiche, condivisibili o no, è un giovane onesto e pieno di buona volontà tanto che crea malumore non solo nella lista di opposizione ma soprattutto  nella sua. Di questo fatto noi non ci stupiamo e speriamo solo che non si rovini se viene eletto...GUARDA LE FOTO
 

   TUVE' E CATALANO... LE SIGNORE INNOCENTI NON SI TOCCANO

Per l’intervento tra l’amaro e l’ironico di un nostro lettore, Giorgio Catania, sul convegno dell' IDV nel Palazzo della Provincia di lunedì 18 maggio..leggi...la collaboratrice storica del partito, Vincenzina Ascanio, ha subito un rimprovero dai “ras” del Partito savonese di Di Pietro. RosarioTuvè e Vincenzo Catalano, invece di commentare ed eventualmente smentire ciò che abbiamo pubblicato, se la prendono con la suddetta Signora con cui il sig. Catania non ha neanche parlato. Naturalmente ci scusiamo e siamo solidali con la generosa ed onesta Vincenzina. Molti politici, ed è il caso dei due dirigenti dell’IDV savonese, reagiscono male quando li pungi nel vivo e sono sempre pronti a scaricare le colpe sui loro subalterni. Con noi, al telefono sono stati "gentili", (ci hanno invitato a prendere un caffè) e noi per ringraziarli pubblichiamo la sentenza di condanna di Renato Zunino, il candidato Sindaco di Celle Ligure che Rosario Tuvè e Vincenzo Catalano si ostinano ad appoggiare alla faccia dei propositi di Di Pietro che non vuole candidati inquisiti o condannati...
LEGGI LA SENTENZA
...
Speriamo che qualcuno la faccia avere ad Antonio Di Pietro


20 maggio

                                Bertolazzi, se ci sei batti un colpo

Per mesi si è battuto contro la piattaforma di Vado Ligure, scendendo in piazza a distribuire volantini e a parlare nelle assemblee. Giancarlo Bertolazzi della Lega Nord si è candidato alle elezioni comunali di Quiliano nella lista  Vadone  che si batte contro la piattaforma ma a Vado Ligure non si fa più vedere.

Come si comporteranno, a Vado, la Lega e Bertolazzi, dopo che gli alleati del PDL sono corsi in soccorso dell’Ente Porto presentando una lista per disturbare VADO VIVA per CAVIGLIA?

Bertolazzi manterà una doppia posizione?

A Vado col PDL pro piattaforma, a Quiliano con Vadone contro la Maersk?

Ci faccia sapere, esca da questa posizione ambigua

Con stima, un gruppo di vadesi

 

                               Chi  mente ai  Vadesi ??? 

Affermazioni nel manifesto della Lista “Monica Giuliano” :  

- La qualità del mare di Vado non sarà modificata dalla piattaforma !!

- I livelli di rumore non saranno superiori a quelli generati dal traffico urbano !!

- Non si avrà un peggioramento della qualità dell’aria !!

- La piattaforma non peggiorerà la visione del mare !!

- La prossima amministrazione non potrà tornare indietro sulle scelte   

compiute !! 

Chiunque abbia la mente sana e libera da condizionamenti di partito può capire quanto segue...CONTINUA     Ernesto Johannson

 
         I big della sinistra tradiscono la Liguria per i salotti televisivi
...In Liguria hanno già pagato lo scotto i sostenitori di Antonio Di Pietro e Oliviero Diliberto. Il primo lunedì aveva un fitto programma su e giù per la Liguria. Dalle web cam di Marylin Fusco ai pranzi nel savonese, tra una stretta di mano a Sarzana ed un panino a Tribogna, fino all’incontro a Sanremo con il candidato sindaco del centrosinistra Claudio Borea. Il tanto vituperato Bruno Vespa, quello che i sostenitori di Tonino chiamano «il servo di Berlusconi», fa uno squillo al leader dell’Italia dei Valori che non ci pensa due volte. Prende l’aereo e ...LEGGI TUTTO L'ARTICOLO DE "IL GIORNALE"
 
                Mauro Demichelis nell'occhio del ciclone ad Andora
Dopo il consigliere regionale Barbero, adesso sulla graticola è finito il Coordinatore andorese del PDL Mauro Demichelis che ha curato la raccolta della firme per le provinciali nel suo comune. Demichelis che fino a pochi giorni fa era sicuro di essere eletto (il collegio di Andora è al pari di quelli di Alassio e Albenga blindato per il PDL) viene indicato come l'autore dell'enorme "pasticcio" che ha comportato l'esclusione della lista dalla competizione elettorale.

L'esponente della Destra Luigi Tezel invita Demichelis a farsi da parte dopo gli errori commessi. Demichelis che aspirava anche a fare il candidato Sindaco ad Andora, salvo poi essere scartato a beneficio di Nicolini, non è la prima volta che fa parlare di sè. Anni fa venne escluso clamorosamente dalla Lista di Forza Italia per le comunali di Andora per alcune dichiarazioni contenute sul suo sito internet che avevano suscitato forte imbarazzo nel suo partito danneggiando l'allora candidato Sindaco forzista Giacomo Ratto. Ad Andora già si sussurra che se il Consiglio di Stato non riabiliterà la lista PDL oltre a perdere il seggio in provincia il commercialista andorese perderà anche la carica che ricopre nel Partito...

 

                                      Ipocriti e Ciarlatani!!!

Come definire diversamente un Consiglio comunale che ha il coraggio di sollecitare l'inizio di un'opera pubblica fondamentale come un carcere a misura d'uomo, dopo non aver fatto nulla per risolvere il problema nei modi e nei tempi giusti?...leggi...

Quando il ministero chiese all'allora sindaco Ruggeri di indicare un sito per edificare la struttura, costui e la sua giunta, prima traccheggiarono alquanto (le aree buone servivano ai palazzinari). Poi ebbe l'idea brillante di indicare questa zona...guarda... a cavallo dell'autostrada per Torino e che rende il progetto una cosa stratosferica,quanto ai costi. Si tratta di spianare una collina, con ingenti movimenti di terra ed opere di urbanizzazione onerosissimi, per non parlare dell'impatto visivo di coloro che si vedranno accogliere da una fortezza degna di quella descritta da Buzzati, nel "deserto dei Tartari". Perche' venne indicato quel luogo, se non per impedire la costruzione della struttura, viste le spese esorbitanti? Quindi, cari amministratori, abbiate il coraggio civile di rinunciare al progetto, recuperando, se ancora vi rimane un minimo di dignità istituzionale. Le alternative le conoscete benissimo: basta volerle per riscattare, almeno in parte, il tempo che avete sprecato!!!!!!


19 maggio

                                          MEMORIA CORTA

 Anno 2009 - ROSARIO TUVE’ dichiara: “Mi spiace per il Pdl, che ha fatto un errore difficilmente sanabile dal Tar o dal Consiglio di Stato... Ci vuole maestria e attenzione anche nel raccogliere le firme per presentare le liste...”

 

Anno 2007ROSARIO TUVE’  paga un’ oblazione di 600 euro per estinguere il reato di aver falsamente certificato una firma per la presentazione delle liste alle amministrative del 2005. ( Il partito del cemento pag 123)

 

         ULTIMA ORA: DIMISSIONI DI BARBERO. SALTA ANCHE DEFILIPPIS

Ultima ora. Il consigliere regionale Barbero ha presentato le dimissioni al ministro Scajola  che le ha "congelate" in attesa del pronunciamento del consiglio di stato. Traballa la segreteria PDL di Bruno Robello Defilippis ad Albenga. L'avvocato Alessandro Chirivì pronto a sostituirlo

 
QUEL PASTICCIACCIO BRUTTO IN QUINTA CIRCOSCRIZIONE

Antonella Frugoni, il simbolo di Forza Italia a Savona (è stata la fondatrice del partito in città) farà nascere, dopo le elezioni provinciali, un caso politico.

Infatti in questa tornata elettorale in disaccordo con la PDL, che ha trascurato Savona nella scelta dei candidati, ha pensato bene di passare nel centro sinistra candidandosi col PSI di Caviglia.

Qualcuno ha cominciato a pensare che cosa succederà nella quinta circoscrizione, dove la Frugoni è Presidente, dopo le elezioni.

Proviamo ad immaginare i vari scenari:

 - Vince Boffa, la Frugoni viene eletta e va a fare l’assessore provinciale e quindi da le dimissioni da Presidente di Circoscrizione.

- Vince Boffa, la Frugoni fa la consigliera in provincia nel centro sinistra e rimane Presidente della Quinta nel centro destra (pare che le due cariche siano compatibili)

- Boffa perde, la Frugoni non passa, rimane Presidente della Circoscrizione.

 Come si comporterà con la PDL?

Chiederà scusa e verrà perdonata?

Verrà sfiduciata dai consiglieri del PDL e sarà costretta a dimettersi?

Da  tempo il PDL è intenzionato a farla dimettere ma manca un voto per riuscirci; ci sarebbe il voto della consigliera dell’UDC Cavaleri ma il Segretario del partito Roberto Pizzorno pare abbia chiesto in cambio, per la sua consigliera, proprio il posto da Presidente. Una proposta inaccettabile almeno fino a quando l’UDC non deciderà con chi schierarsi in caso di ballottaggio alle elezioni provinciali.

Nel frattempo Antonella Frugoni, orgogliosa della sua scelta, sta facendo un ‘ottima campagna elettorale su facebook. Visto i pasticci in casa PDL, dopo che lei e stata messa da parte, chi può darle torto.

 

COMMENTO POLITICO DI GENTE COMUNE: PARLIAMO DEI PROGRAMMI!!

Ultimamente ci vediamo continuamente tirati in ballo da Destra e da Sinistra (o pretese tali) con attribuzioni fantasiose di appartenenza politica vari; a nome di tutto il gruppo Gente Comune, ho deciso di scrivere queste righe, poche e non polemiche, ritenendo noi tutti che i veri problemi siano altri e che la "polemica ad arte" sia lo strumento preferito dai vecchi politici per sviare...CONTINUA

 

foto_sito.jpg

              SAVONA - FANTOMATICO COMIZIO DI DI PIETRO.

TRA ASSENZE, CANDIDATE- FIDANZATE E RICICLATI  SI ALZA UN GRIDO "VINCENZINA PENSACI TU"

Ieri sera ero incerto se andare al comizio Vaccarezza - Orsi  al Priamar o  a quello di Di Pietro nel palazzo della Provincia.

Stufo di sentire pistolotti sulla politica locale,  accompagnato da un amico iscritto all ‘IDV, ho scelto di  andare a sentire il comizio di Di Pietro ma anche qui le delusioni non sono mancate.

 Prima di tutto di Di Pietro nemmeno l’ombra, ufficialmente era assente per partecipare alla trasmissione  Porta a Porta, ma nella sala correva voce che a Savona non voglia venire per disaccordi con i dirigenti locali.  La cosa strana è che al partito si sapeva da giorni che Di Pietro non sarebbe venutoma hanno preferito affiggere lo stesso i manifesti che indicavano la presenza dell’ ex magistrato.

L’amico che era con me mi ha però assicurato che Di Pietro dovrebbe venire a Finale Ligure espressamente per la candidata alle elezioni europee Gloria Bardi.

Per questa serata al suo posto l’on. Donadi che non ha sfigurato, ha fatto un ottimo discorso lungamente applaudito. La sala era gremita e sulle pareti, altro fatto imbarazzante, campeggiavano solo i manifesti di Marylin Fusco

candidata alle europee che si  è presentata con tanto di segretario e codazzo di  collaboratori. Purtroppo però la sua mega campagna elettorale (a proposito ma quanto costerà?), basata solo sulla bellezza fisica, è accompagnata da  discorsi retorici, imparati a memoria con le solite parole… lavoro... famiglia…giovani… ecc.

Fosse una candidata del PDL tutti penserebbero ad una velina, nell’ IDV, invece, sembra sia solo la fidanzata dell’on. Paladini anch’esso presente al comizio.

Sarà per questo che  i dirigenti locali, Tuvè ( assessore all'urbanistica citato nel libro "IL PARTITO DEL CEMENTO"  pag.123 -127 per essersi comprato un appartamento nel complesso Bofill)  e Catalano (ex socialista... ex Margherita...), la appoggiano incondizionatamente sfavorendo altri candidati sicuramente più preparati di lei (pensiamo a De Magistris a Vattimo,  ecc). In molti ci siamo chiesti: cosa avrà da spartire Di Pietro con questi politici super riciclati?

Come può pensare ad un partito nuovo se si avvale di collaboratori solo intenti ad occupare poltrone?

A Savona Tuvè e Catalano hanno fatto accordi col PD appoggiando candidati sindaci inquisiti e condannati (Renato Zunino a Celle Ligure) a Vado ligure appoggiano il candidato sindaco Monica Giuliano e quindi sono favorevoli alla piattaforma Maersk  contro il volere dei  vadesi.   

Ora dal vostro sito lancio questo appello:  ma Di Pietro queste cose le sa?

L’amico che era insieme a me  rivolgendosi a una signora da sempre fedelissima del’ex magistrato e in continuo contatto telefonico con lui,  le ha gridato “ Vincenzina pensaci tu?"  

Speriamo lo faccia.   Giorgio Catania

 
WWF Danneggiamento e deturpamento da parte di ignoti del bene tutelato sito in Comune di Albisola Superiore (SV), località Castellaro.

ALBISOLA SUPERIORE. Durante il controllo del territorio il Nucleo di Vigilanza Ambientale del WWF di Savona, ha scoperto che purtroppo, ignoti vandali, hanno gravemente danneggiato i muri dell’antico castellaro sito nella località omonima. Il manufatto, riattato in epoca medioevale su preesistenti strutture di epoca romana, è stato deturpato con numerosi murales di grandi dimensioni, alcuni anche di natura politica di estrema destra, realizzati con vernici indelebili. Il bene, che per altro si presenta in stato di generale abbandono, è tutelato dalle norme sui beni archeologici ed architettonici e pertanto il suo danneggiamento costituisce reato penale. Pertanto è stata inoltrata denuncia alla Procura della Repubblica di Savona e segnalazione alla Soprintendenza dei Beni Archeologici ed Architettonici di Genova.   

WWF Sezione Liguria Il Presidente Sezione Regionale Piombo Marco 

 

SAVONA, ELEZIONI PROVINCIALI E IL SENSO AMARO DEI NOSTRI GIORNI.

 Troppi veleni, troppa incoerenza e superficialità, brutto esempio per i cittadini: trascorrono gli anni, si susseguono le elezioni, ma nulla è cambiato in termini di limpidezza....CONTINUA


18 maggio
                             PERVICACI PANTOFOLAI!
Mentre la "guerra delle firme" continua con immutata asprezza, appassionando legioni di elettori che, forse alla fine della favola, decideranno di disertare le urne, giusto per dare una lezione  ai soloni della democrazia bipartitica, noi vorremmo soffermarci su una vicenda "minore" ma altamente rivelatrice della stoffa dei nostri  amministratori.

Si tratta di un palazzo del 500, inserito in una piazza irregolare di edifici coevi ma di singolare armonia la cui vicenda sta diventando la pietra di paragone del loro modo di governare. Parliamo di palazzo Gavotti, cui  "la Campanassa" ha dedicato un convegno sabato 16 maggio c.a....leggi..., ovviamente disertato dal palazzo, che per parte sua si sta occupando della faccenda nel modo che tra poco chiariremo. Dunque, l'edificio, in stato di abbandono, con finestre sfondate ai piani alti, era dotato di una  ricca pavimentazione a "laggioni" (ceramiche sullo stile delle azulejas) sulla cui sorte ormai nessuno scommette. Il tutto e' stato trafugato da privati o  su commissione. Nessuno, neppure la valente studiosa che ha effettuato la sua tesi di laurea, e' riuscito ad entrare nell'edificio negli ultimi anni.

Il quale palazzo, acquistato dalla provincia dalla giunta provinciale Garassini per farne una foresteria al servizio del campus di Legino, ha visto mutare parere sotto la gestione di Bertolotto ed e' stato (udite,udite) messo in vendita con tanto di vincoli. Ma la soccorrevole giunta comunale di Berruti, che si fregia di far decollare Savona, come citta' della "cultura", per propiziarne la vendita ai privati, ha deciso, nel nuovo PUC, di mutarne la destinazione d'uso che e' diventata, finalmente, residenziale,… guarda…con questo atto di inaudito amore per la storia patria, il privato che comprasse il manufatto, potrà legalmente svuotarlo (lasciando i muri perimetrali) e sistemare gli appartamenti a suo gradimento. Tutto questo accade nel silenzio della soprintendenza, della magistratura e di quanti dovrebbero avere cura dei beni culturali, a cominciare dallo "storico" che siede sulla poltrona di assessore in municipio: la cui sublime indifferenza verso i pantofolai che difendono cotanto vecchiume non può che trovare la piena solidarietà dei palazzinari e dei loro rappresentanti.

 
                        Per Barbero fine dei sogni di gloria
Anche nell'ipotesi (remota stando alla giurisprudenza) che il Consiglio di Stato dovesse riammettere la Lista del PDL alle provinciali, il destino del consigliere regionale Barbero, principale imputato per i macroscopici errori commessi in sede di autenticazione delle firme (senza contare la figuraccia rimediata dal partito), pare segnato. Da fonti vicine al Ministro Scajola (furibondo per l'esclusione della lista) si apprende che Barbero ha già pronta la lettera di "dimissioni". Un triste epilogo per il Consigliere ingauno che già pregustava non solo la ricandidatura alle regionali nel 2010 (che a questo punto diventa una chimera), ma addirittura un posto nella futura Giunta Biasotti. Al posto di Barbero in lista per le regionali  andrà Marco Melgrati, Sindaco di Alassio e uomo di fiducia di Scajola nel Ponente ligure.  Come sempre, per uno che piange c'è già chi gongola...Melgrati e Oliva senza il competitore albenganese avranno vita facile nel farsi eleggere consiglieri regionali...

E adesso Boffa sogna la vittoria

Fino a pochi giorni  sembrava utopia, ma adesso (complice il pasticcio delle firme PDL ) prende corpo l'ipotesi di una clamorosa vittoria di Boffa alle provinciali.  Vaccarezza ad oggi  puo' contare  solo sulla Lega e sui "cespugli" centristi. Ben poca roba considerato il peso elettorale del Simbolo PDL ed il radicamento di Candidati popolari come Melgrati, Santiago Vacca,e De Franceschi...Il rischio di una debacle al primo turno o piu' verosimilmente al ballottaggio sempre che non si trovi in extremis il modo per rimettere in gioco il fortissimo logo del PDL è dunque concreto e induce Vaccarezza a corteggiare in queste ore l'  UDC di Giancarlo Garassino...Al secondo turno la Lista UDC potrebbe infatti fungere da ago della bilancia.. Il PD però anche su questo versante appare avvantaggiato. (Garassino ha infatti da tempo aperto un canale di dialogo con Lunardon e Boffa per un "apparentamento " col Centrosinistra al secondo turno)

 

RISPOSTA DI GENTE COMUNE ALLA LETTERA DEL PRESIDENTE DEGLI ALBERGATORI 

Abbiamo letto con interesse la dichiarazione del Sig. Bruzzone  in merito alla mancanza, nei programmi delle liste elettorali cittadine, di idee innovative e utili per lo sviluppo, o meglio, il recupero dell'industria varazzina del turismo.

Con un po' di stupore siamo andati a rileggere il nostro programma e abbiamo deciso di replicare alla appassionata e meritevole lettera aperta degli Albergatori, con specifica attenzione ...CONTINUA ...Stefano Vallerga

 
orsirid

ALBISOLA SUPERIORE -  I PROBABILI ASSESSORI DI FRANCO ORSI

Franco Orsi sembra certo di poter vincere le elezioni ad Albisola Superiore e, si racconta negli ambienti vicino alla PDL, pare  abbia già pronta la squadra che nei prossimi anni amministrerà  il comune.

Il senatore sa che non potrà sempre essere presente, visto i suoi impegni romani, e quindi punta da una parte ad accontentare i suoi sponsor politici e dall’altra  su una squadra  di assessori  fidatissimi

Il vice sindaco sarà Christian Ghigo Gaspari a cui gli è stato perdonato  la sua breve presenza nel centro sinistra (Gente di Liguria di GB Pittaluga).

Ai lavori pubblici un uomo di Maurizio Zunino che, anche se rimane nell’ombra, ha sempre la sua influenza. E chi meglio del cognato Paolo Baglietto può rappresentarlo.

Al turismo Roberto  Gambetta  e poi due assessorati  lasciati a disposizione  dei  candidati in lista col PDL ma  vicini ad un esponente  del  PD ( Maurizio Garbarini e Roberta Casapietra). Altri assessorati minori verranno  assegnati in base all’esito delle votazioni.

 
RAPPORTO DEL CENSIS SUL TERRITORIO
L'ITALIA DEI TERRITORI
 
                  UNA LETTERA DA FINALE LIGURE
Ho da portare avanti la mia impresa, vivo i problemi di una crisi economica che ogni giorno mi porta a lavorare sempre di più e potrei anche fregarmene della mia città e fare come stanno facendo moltissime persone; della politica me ne frego.
Invece no. La mia grande delusione la voglio portare a conoscenza di tutti. E vorrei tra qualche mese una Finale diversa...LEGGI   Diego Salvi
 

Terza puntata – Fatti & Parole – Andare a votare consapevoli

Pier Luigi Pesce scrive: “Ancora una volta al servizio dei cittadini”

La sua esperienza politica e quello che ha fatto dal 1995 al 2008 con diversi incarichi di Assessore provinciale   

di Gilberto Costanza

 
                                         RIDATEMI LA PDL  di Sergio Cosimi
Non sono stanco dico di essere stremato, distrutto e affranto per non poter esprimere e dare quanto mi è garantito costituzionalmente: Il voto alla lista che mi rappresenta, che mi rende le giornate più piene, più serene, più ....,più....,più!!! IL PDL !!!!!!!
Non è un battuta. E' una battuta di arresto di uno stato di diritti che dovrebbe ergersi democraticamente su piastri solidi e non su leggi, leggine e azzeccagarbugli !!! La Magistratura vada avanti...CONTINUA

17 maggio
 Su TRUCIOLI SAVONESI di questa settimana
L’annuncio di Bertolotto, prima che esplodesse l’inchiesta su Barbero
Corri corri, Vaccarezza
C’è un “golpe della magistratura”
 

Il sindaco: <Boffa? Meglio se perde, sarebbe vittima di “porcherie”. Noi non abbiamo padrini, né interessi occulti. I rossi hanno in testa solo le poltrone>
di Luciano Corrado
 

                     Accattonaggio e città solidale 

Se n'è andato senza “infastidire” nessuno. Non ha trovato, ancora lui, ancora una volta, quella “città solidale, aperta, sempre pronta ad aiutare chi è in difficoltà” di cui parla il sindaco Berruti per presentare (o forse per digerire lui stesso?), la squallida ordinanza che ieri ha firmato per vietare “l'accattonaggio molesto”. Aveva una bandiera con la falce e martello attaccata al muro di casa, ci dice il giornale.

Casa... quel buco in via Gramsci dove ha vissuto forse meno tempo i suoi 61 anni, rispetto a quanti sicuramente ne ha passati al Sant'Agostino di Savona o negli altri carceri in giro per la Liguria. “È morto un tossicodipendente, e chi se ne frega!!!”. Quanta gente, oggi, dirà questo!!! Era un pluripregiudicato più volte arrestato per “reati connessi alla detenzione e allo spaccio di droga”. Cioè, per capirci, un altro di quei “ragazzini” sbattuto ai margini della vita dal proibizionismo che tanta distruzione ha fatto e continuerà a fare tra i nostri giovani. Ho detto “ragazzino”, ma aveva 61 anni, era savonese, accidenti, non era nemmeno extracomunitario...

Ma chi l'ha conosciuto sa che il suo cuore e la sua testa erano rimasti quelli di quando aveva 20 anni.  

Volevo fare oggi un intervento sulla scandalosa ordinanza che il sindaco Berruti (di cui mi vergogno profondamente di essere stato un candidato - alle comunali di Savona - sostenitore, ritenendo che fosse “diverso” dagli altri, anche perché lo ricordavo quando, appunto, più di trent'anni fa, facevamo assieme delle battaglie, anche antiproibizioniste).

Ma il mio intervento è cambiato in “corso d'opera”. La morte di Berrino, l'ultima in ordine di tempo, davvero mostra tutta la faccia di “Savona città solidale”.Quante volte anche lui, incontrandolo per strada, mi aveva chiesto un piccolo aiuto, con la sua bocca sgangherata, non ricordo se vicino ad un bancomat, ad un parcheggio od a un bidone dell'immondizia. Non mi sono mai sentito molestato per questo, non mi sono mai sentito in soggezione, né di fronte ad una sua richiesta, né di nessun altro.

È morto un compagno; aveva in casa, una stanza completamente spoglia, una bandiera rossa appesa al muro con una falce e martello. Lui aveva ancora un ideale, magari sepolto dai tanti sbagli fatti nella vita, ma lui aveva ancora un ideale.

 

A proposito, quando l'altra volta, in una delle tante mie visite ai carceri mi aveva incontrato, mi aveva chiesto una cortesia: “Fammi spedire in carcere il certificato elettorale, perché voglio votare”. Lui aveva un ideale.

 Giorgio Barisone  Responsabile Politiche Sociali PRC Savona

 

FILT-CGIL    FIT-CISL   UILTRASPORTI   FAISA-CISAL   CUBTRASPORTI

Segreterie Provinciali Savona 

Le Organizzazioni Sindacali, le RSA e le RSU di ACTS, in merito alle notizie apparse su alcuni media locali riguardanti una presunta “precettazione” da parte della Prefettura degli autisti in servizio sugli Scuolabus...RIBADISCONO

 
                      Savona, il Tar chiude la porta al Pdl
No alla riammissione della lista. L´ultima speranza rimane il Consiglio di Stato
Scajola costretto a un faccia a faccia con Berlusconi per spiegare il pasticcio savonese ...LEGGI   da La Repubblica 

16 Maggio

                                    Lavoro, ambiente e solidarietà   

Questi sono i tre punti cardine su cui, da comunisti, abbiamo sempre impostato le nostre quotidiane battaglie a Vado Ligure. Questi sono anche i tre punti su cui basiamo la nostra campagna elettorale nel comune di Vado Ligure perché, da comunisti, crediamo che sia assolutamente necessario saper guardare non solo ai problemi di casa propria. È di oggi l'ultima notizia “casualmente” scoperta dai sindacati che il colosso danese Maersk ha - udite udite... - intenzione di chiudere la filiale di Livorno dopo aver appena firmato la cassa integrazione in deroga per tredici lavoratori a Genova. Dov'è la notizia? Bisogna andarla a cercare ...CONTINUA   di Giorgio Barisone candidato sindaco a di Vado Ligure

 

&                                             Non c'e' due, senza tre!!!

Dopo aver abbandonato il porto di Cagliari, suscitando violente proteste e chiusi gli uffici di Genova, dove la regione Liguria e' riuscita a "salvare"(per ora) un pugno di posti di lavoro, ecco che, a detta della "triplice" Maersk, conglomerato multinazionale danese, starebbe per liquidare anche la sua presenza a Livorno, porto chiave dell'alto Tirreno…leggi… eppure per Vado ha promesso centinaia (se non migliaia) di posti di lavoro, chiedendo una semplice banchina ed una piccola concessione di 50 anni! E poi dicono che nel mondo degli affari non esiste riconoscenza e regna la legge del tornaconto!!!!

                        P.d.L. a Savona: nulla è perduto  di Emilio Barlocco

Qualunque sarà la decisione sulla presenza della lista del P.d.L. alle elezioni Provinciali, è necessario che ognuno tenga ben presente che...CONTINUA  

 

                       VICENDA PRESENTAZIONE DELLE LISTE

Sulle vicende che in questi giorni hanno riguardato la presentazione delle liste per le elezioni provinciali, i Socialisti non hanno pronunciato nemmeno una sillaba.

La verifica del rispetto delle leggi è compito della magistratura, sulla quale è buona norma non intervenire anche solo indirettamente con dichiarazioni politiche. Non è giusto però ...CONTINUA   Sergio Altamura

 

A VARAZZE LA "GENTE COMUNE" È A 5  STELLE

La lista civica "GENTE COMUNE", che parteciperà alle prossime elezioni comunali a Varazze, ha già ottenuto un importantissimo e significativo risultato: la certificazione come "lista civica a 5 stelle"  da parte di Beppe Grillo.

Si tratta di una vera e propria ...CONTINUA
 

MICHELE “CESARE” MANZI

"Tu quoque, Marco, nipotii mii"

Trovo di pessimo gusto questa vignetta, noto con sommo dispiacere che la codardia continua ad avere la meglio, come al solito le persone si nascondono dietro all'anonimato.

Ritengo sia l'ora di smetterla di attaccare persone che non hanno nulla a che vedere con alcune vicende, vedi "Partito del Cemento", perchè non si parla mai delle persone che realmente sono coinvolte?

Continuare a sparare a zero sulla mia famiglia non produce altro effetto se non quello di distogliere l'attenzione dai veri INDAGATI in questo affare, i quali continuano a girare a testa alta, quando in realtà dovrebbero nascondersi sotto la sabbia! 

DISGUSTATO Marco Beltrame

 

                                 SCIACQUIO  MEDIATICO 

"Tutto da rifare ?" o meglio, "tutto da buttare?":

decidiamoci una volta per sempre, un taglio netto chirurgico, profondo: poi attendiamo come un pazientoso San Gennaro, un rinnovato e puntuale miracolo, a far germogliare almeno uno scampolo di speranza che proprio non se ne può più di questo imbarbarimento esistenziale e di questo sciacquio mediatico. 

Da tempo ci siamo incamminati...CONTINUA
 

Ultima iniziativa di " Donne Illuminate ": è apparso uno striscione all'incrocio tra la via Aurelia e la strada che porta all'Ospedale S.Paolo in Valloria.

15 Maggio
                                        MIRABILIA URBIS
Mentre il cemento continua imperterrito la sua avanzata, trasformando quelli che un tempo erano gli "orti di Legino", nelle squallide palazzate chiamate "i giardini di Legino", frutto della sconsiderata speculazione delle giunte Ruggeri-Berrutiguarda… il nostro  primo cittadino, accompagnato dal solito codazzo "elettorale" ci invita ad una pubblica assemblea per il giorno 16 c.m. presso la "Leginese" dove ci intratterrà sul tema del campus e delle innovazioni prossime e venture che daranno  nuovo volto al ponente savonese.

Si tratta della solita politica dell'annuncio, dalla  quale questa giunta spera di lucrare crediti elettorali da spendere all'imminente rinnovo. Purtroppo per loro, i savonesi hanno imparato a loro danno, a pesare quanto valga la parola dei signori del palazzo, avendo sotto gli occhi le ultime bufale inventate per il quartiere, tra le quali spicca la recente panzana del centro ricerche piaggio insediato nel campus. E sono a memoria d'uomo anche balle meno recenti, come il recupero, a fini di residenze studentesche, di questo prezioso palazzo ormai fatiscente...guarda…la provincia (giunta Garassini) lo aveva comprato dalla curia perchè vicino al polo. Ma l'insigne antichista che presiede la SPES ha deciso che non interessa e quindi...che marcisca pure!!!!

Dopo questi precedenti, sarà interessante vedere i progetti dettagliati di messa in sicurezza della zona esondabile: con una modica spesa di 100 milioni di euro, forse, il comune ruscirà a realizzare il tanto atteso piano di bacino che giace nei polverosi archivi degli enti preposti, unico modo per mettere in sicurezza l'intero comparto, attraversato da fiumicelli che lambiscono minacciosamente tutta la zona…guarda.

 

                                              Bertolotto profeta?

Ieri l'ex presidente della provincia Mario Bertolotto, con una dichiarazione che nessun quotidiano ha ripreso ...leggi...aveva anticipato che la Procura avrebbe aperto una inchiesta sulle firme della lista PDL. Sembra proprio che avesse ragione...LEGGI

 

                                   NUOVA DESTRA SAVONESE

Il problema della presentazione delle liste alle elezioni è molto grave, ma anche molto differente da quello che è emerso fino ad ora, prima di essere un problema giuridico (e non assolutamente formale) è un problema politico di rappresentanza democratica. In oltre vent’anni di militanza politica ho partecipato ...CONTINUA

 
                    Il Capro espiatorio Barbero pronto alle dimissioni

Secondo indiscrezioni il consigliere regionale Angelo Barbero (nell'occhio del ciclone per i grossolani errori compiuti in sede di autenticazione delle firme) avrebbe pronte le dimissioni qualora anche il Tar confermasse la bocciatura della lista PDL. Staremo a vedere: si sa, nel nostro paese le dimissioni sono un istituto praticato pochissimo anche quando sarebbero doverose...

Nan Junior candidato, veleni nel PDL

La candidatura del figlio di Enrico Nan nel blindatissimo collegio di Pietra Ligure ha ingenerato forti malumori nel PDL in particolare tra i giovani del Partito.  Alcuni  rampanti forzisti della prima ora (tra cui  l'ex Coordinatore di Forza Italia Giovani Adriano Baldini), stanchi di sedere in panchina con l'etichetta di eterna promessa hanno protestato vivacemente sostenendo che la candidatura questa volta spettava a loro... 

 

ALBISOLA SUPERIORE -  LA CEMENTIFICAZIONE STA PER INIZIARE, SI PARTE DALL'ASILO BALBI

Avevamo già pubblicato  le foto in attesa della trasformazione dell’asilo Balbi in appartamenti.

Ora il progetto sta per partire. La ditta costruttrice, GIS Gruppo imprese savonesi,  è pronta a demolire l’edificio e a sostituirlo con un  palazzo di tre piani più mansarda, inoltre dovrà effettuare uno scavo di 8 metri per costruire 2 piani di box interrati con 60 posti auto.

 Gli abitanti dei palazzi vicini sono già sul piede di guerra per il timore che lo scavo possa danneggiare i loro fabbricati; sembra inoltre che, a causa del poco spazio, l’ingresso delle auto nei box avverrà per mezzo di un ascensore( farà rumore?). Molti albisolesi lamentano il fatto che il vecchio asilo aveva anche un valore affettivo e sostituirlo con un palazzo anonimo lascia l’amaro in bocca e si chiedono se non poteva venire restaurato. Altri lamentano il fatto che per far spazio saranno abbattuti  parecchi alberi

Ma da questa operazione cosa ci guadagneranno gli albisolesi?

Una ludoteca al piano terra del nuovo palazzo a prezzi convenzionati per 5 anni con tariffa ridotta del 20% per il 20% dei posti dei posti disponibili...leggi

Per qualcuno è davvero poco.    

 

Risposta all' articolo di Paolo Caviglia (Segretario PSE)

Vedi siamo stati per tanti anni io te, Locci, Altamura, Pezzoli (e altri) compagni di partito abbiamo condiviso molte battaglie insieme ma oggi mi chiedo dove sono finiti gli ideali del socialismo riformista??

Le nostre battaglie sull'equità sociale, sulla protezione delle classi più deboli, sullo snellimento della macchina pubblica...CONTINUA  Aldo Marabotto

 

da l'allegra brigata dei giovani

di "Azione Riformista - l'Europa dei Cittadini"

www.azioneriformista.it

 ELEZIONI PROVINCIALI, I PESCI E I PANI 

" Amici e compagni Savona si è desta con queste elezioni  facciamo la festa di noi parlan tutti giornali e TV  lo spot è gratuito ridiamoci su chi vince o chi perde sarà una cagnara  i posti e le grane  i pesci e i pani moltiplicar si dovrà per porre rimedio  alla rissa e alla fame  di molti sultani e qualche pascià "  

14 Maggio

                                           GOLPE SULLA CENTRALE!!!

Mentre i giornali si dilungano sulle firme delle liste escluse, il ministero esprime parere favorevole all'ampliamento della centrale di Vado. Ecco le pagine chiave del via libera della commissione…leggiBiasotti, Orsi e Burlando sono favorevoli al nuovo gruppo a carbone e lo dimostra il piano regionale energetico e la richiesta della giunta Burlando di abbattere una ciminiera (il nuovo progetto la rende inutile).Irrisi gli studi dei "medici per l'ambiente", considerati come allarmistici ed infondati.

Per la commissione, Tirrenopower rispetta i parametri di legge e i 2 gruppi a carbone non potranno che migliorare la situazione attuale.

 

LUCIANO LOCCI: " Mi corre l’obbligo rispondere alla lettera di Caviglia"

Non mi dilungo sulle scelte del partito per le europee perché al di là delle sigle e dei giri di parole di Caviglia, ed andiamo a verificare i nomi dei partecipanti alla  alleanza si vedrà che ho perfettamente ragione. Mi riferisco a personaggi che ritengo di assoluto valore politico, ma, come ho già scritto, portatori di indirizzi politici distanti anni luce dal mio pensiero.

Ho scoperto che il nostro Caviglia è un ...CONTINUA

 
                    Dalla Svizzera  ci scrive Amedeo Cimino
                                      
La Democrazia Diretta
L`Essere umano non imparerà mai dai propri errori, e questo è un fatto molto grave. Se non impari nulla dalla Storia, prima o poi sarai costretto a riviverla. E quello che sta accadendo oggi, 2009. Nel `29 era una crisi che riguardava solo gli Usa, oggi è una crisi globale, sempre causata dagli Usa e dal suo modello politico che elegge un presidente con enormi poteri...CONTINUA
 
                                CHI DOBBIAMO RINGRAZIARE?
Finalmente siamo in grado di pubblicare il parere favorevole della commissione nazionale che autorizza l'ampliamento a carbone della centrale Tirreno-Power di Vado Ligure...LEGGI .... Sono circa 60 pagine tutte da degustare con  la massima calma, anche perchè la scontro e' solo all'inizio e quindi occorre la massima lucidità per spiegare ai cittadini quali siano i punti deboli della strategia messa in atto da comuni, provincia e regione e quali siano invece le modalità nuove per ingaggiare una battaglia vincente.

Intanto cominciamo col ringraziare  i fautori "aperti" di Tirreno-Power che hanno avuto il coraggio di pronunciarsi a favore di questo ennesimo crimine ambientale: grazie, quindi, al ministro Scajola ed al suo partito, al candidato alla Presidenza della provincia per il PDL, Vaccarezza, al senatore Orsi, con l'auspicio che gli elettori vadesi si ricordino della lista che il PDL ha avuto la faccia di presentare anche nel nostro comune, capeggiata da  un candidato che  nessuno conosce ma che opera, lo sappiamo per certo, sotto l'alto patronato dell'Ing. Canavese, altro grande fautore di questa operazione.

Tutti questi signori hanno agito, con singolare sinergia e gioco delle parti, con settori del PD ben identificati che, pur proponendo un diniego rispettoso all'ampliamento, non possono dire di no ad una impresa del gruppo "De Benedetti", o meglio, possono farlo alla condizione che il loro dissenso venga "superato" dal governo per cause di "forza maggiore."

E' il caso dei 2 sindaci uscenti di Vado e Quiliano dei quali abbiamo pubblicato una cortese lettera al ministero, nella quale si metteva in evidenza come la centrale mancasse, per i 2 gruppi a carbone più  vetusti, della famosa A.I.A. (autorizzazione integrata ambiente) senza della quale non e' possibile funzionare. La lettera e' arrivata, la risposta non sappiamo (forse e' il parere favorevole al carbone), ma i due sindaci ancora in carica sino a giugno si sono ben guardati dal prendere i provvedimenti che , in questo caso, sono di rigore per essere credibili: una bella ordinanza di sospensione dei gruppi fuorilegge.  Ma noi abbiamo "messo in mora" l'azienda, strillano i due tapini! Di questo essa se ne infischia e lo dimostra la  sua campagna martellante di manifesti e di inserzioni che continua ed andrà avanti, crediamo, sino a dopo le elezioni. Le quali votazioni, in questo momento storico e dopo questo placet del governo, assumono in pieno un carattere drammatico ed emergenziale che non sfugge a nessuno: e' indispensabile  dopo mezzo secolo, cambiare una gestione amministrativa ossificata ed impotente di una giunta che, ieri come oggi, ha pagato prezzi inauditi alle servitù energetiche e portuali mentre i vadesi hanno  finalmente preso coscienza che il rispetto civile e' un valore che va anteposto a tutto: anche al miraggio di opere pubbliche come ennesima compensazione allo scambio perverso che baratta la salute dei cittadini facendone un  mercato indegno della dignità  e dei diritti della persona umana.

 

GENTE COMUNE: LA LISTA CIVICA DI CITTADINI PER I CITTADINI

Il resoconto sintetico della conferenza stampa di presentazione, tenutasi ieri presso l'Hotel Villa Delibera di Varazze...LEGGI

 

                              CHI INGANNA I CITTADINI ???

 Mi è capitato tra le mani un volantino pubblicitario della  MONICA GIULIANO & Co. Che sinceramente, come certi articoli letti alcuni giorni or sono su “ IL SECOLO XIX “ mi hanno lasciato alquanto perplesso.

In tale volantino si promettono ai VADESI...CONTINUA di JOHANNSON

13 Maggio

MICHELE “CESARE” MANZI

"Tu quoque, Marco, nipotii mii"

 

                        SCAJOLA SI RIVOLGE AI "SANTI"

Ci risulta (notizia di questi minuti) che il Ministro Scajola per vederci chiaro in tutta questa vicenda che vede il PDL attualmente fuori dalla competizione elettorale per la Provincia di Savona per la nota vicenda delle firme non autenticate correttamente abbia convocato ad Imperia il Consigliere comunale di Savona Piero Santi, personaggio che gode di un fortissimo consenso elettorale a Savona ma che soprattutto é un fedelissimo di Scajola e che gode da sempre della massima fiducia da parte del Ministro stesso.  

 

                              ARRIDATECE ENRICO NAN!!!

Dopo la brutta figura dei dirigenti savonesi del PDL per la mancata ammissione della lista alle elezioni provinciali sono molti che, nel partito, rimpiangono l’ex coordinatore ed ex deputato Enrico Nan.

Enrico Nan, messo da parte come un ferro vecchio da Scajola, quando era coordinatore regionale di Forza Italia, nonostante le dure critiche che subiva, non era mai arrivato a tanto; magari le elezioni le perdeva ma la lista di FI è sempre stata ammessa alle elezioni e le firme erano raccolte in modo corretto e molto in anticipo.

Ieri sera e questa mattina tra gli elettori del PDL sdegno e critiche all’operato dei dirigenti, la maggior disapprovazione è rivolta verso il Ministro Scajola per la sua arroganza politica, infatti, sicuro della vittoria, ha messo su un gruppo di persone non molto valide pur di liberarsi di dirigenti a lui poco graditi (al partito, si racconta, che qualcuno di loro non è capace neanche di inviare un fax).

Incaricare un giovane ed inesperto avvocato, Fabio orsi (sarà perché è fratello del Senatore?), di dimostrare la legittimità delle firme è stato un altro gravissimo errore visto anche i fior fiore di avvocati che frequentano la sede di FI, anzi che frequentavano, visto che la sede provinciale di Savona non esiste più (un altro punto a favore di Nan che, con mille sacrifici, era riuscito a tenerla aperta per anni a disposizione di tutta la provincia)

M. S.

 
UN INTERVENTO DEL VICESINDACO PAOLO CAVIGLIA

La lettera “Al caro Locci”  di un elettore di centrodestra (Sergio Cosimi) pubblicata ieri da due noti siti web di informazione commenta l'articolo “Addio a un partito che si è perso” del predetto Locci comparso il 10 u.s. su “La Stampa” e “Il Secolo XIX” di Savona. E' un commento che condivido. Ma a me interessa portare un po' d'ordine e chiarezza sulle”giustificazioni politiche”di Locci....CONTINUA

 

Intervista di uominiliberi a Carla Venturino,

Consigliere Comunale uscente,

del Gruppo Consiliare “Celle è Tua”

Come tanti distacchi che viviamo ed abbiamo vissuto, anche il mio distacco da “Celle è Tua” è nato da un modo diverso di guardare alla realtà e da idee diverse su cosa fare e come agire. ...LEGGI L'INTERVISTA

 

Ultima iniziativa di DONNE ILLUMINATE: apparso uno striscione in via Nizza
 all'altezza del Camping Charlie
12 Maggio

             Elezioni senza Pdl: Barbero capro espiatorio?

                 Il flop di Scandroglio, Orsi e Vaccarezza

(Fatti e antefatti della vicenda, cosa accadrà, compresa la “resa dei conti”)
Savona –
La commissione elettorale non ha avuto dubbi. Non si è trattato di un errore formale, ma sostanziale. La lista ufficiale del Pdl non può essere inserita nella competizione elettorale per la Provincia. La memoria su cui avevano fatto pubblicamente affidamento il ministro Scajola ed il candidato presidente/ coordinatore, Vaccarezza, non ha convinto i giudici. Il compito di presentare le osservazioni era stato affidato al neo avvocato Fabio Orsi.

Stando alle dichiarazioni della vigilia del ministro e del suo delfino loanese non <avrebbero dovuto esserci difficoltà a far prevalere la tesi della revoca del provvedimento, trattandosi di un problema formale, non sostanziale >.  Parole campate in aria?

Non si tratta, neppure, contrariamente a quanto dichiarato a caldo da Orsi, di una sentenza, ma di un provvedimento. C’è un’altra bella differenza, sostanziale.

Al di là delle conseguenze della clamorosa esclusione che di fatto finirà per sfalsare le prossime elezioni provinciali per la prima volta nella storia savonese, è alle stelle il malumore, il disappunto, nel neonato Pdl (Forza Italia e Alleanza Nazionale). L’imbarazzo evidente. Tante le ragioni. Citiamone solo alcune.

Primo aspetto: non è utile cercare un capro espiatorio (nel caso specifico l’errore è stato compiuto materialmente dal medico Angelo Barbero, consigliere comunale e regionale); ad Albenga, infatti, come già scritto e documentato da Trucioli Savonesi, sono state raccolte tutte le firme di presentazione della lista Pdl.

Secondo aspetto: emerge che la leggerezza, gravissima trattandosi di una competizione elettorale, va attribuita a chi ha la responsabilità regionale e provinciale del partito. Sono loro che avrebbero dovuto preoccuparsi di rivolgersi ad un notaio o quantomeno ad un legale con esperienza, anziché affidare tutto ad un bravo medico di famiglia. Già esponente di Forza Italia, poi confluito in An, infine nella casa comune del Popolo della Libertà.




Terzo aspetto: se dovesse prevalere l’opportunità di “punire” chi ha operato con superficialità, si arriverebbe al commissariamento del coordinatore regionale Scandroglio e di quello provinciale (Vaccarezza), al quale il Pdl ha ritenuto di affidare contestualmente il ruolo, il peso, la responsabilità di candidato presidente della Provincia, di coordinatore provinciale e di sindaco di Loano. Una somma di incarichi sbalorditivi. Chi l’ha voluto? Chi non ha saputo prevedere i scivoloni?

  Perché devono di fatto pagare tutti i candidati del Pdl? Cosa ne sarà dei candidati, gli unici in lizza, della lista del presidente Vaccarezza, in gran parte invisi nel partito? E la Lega Nord finirà per beneficiare dell’esclusione del Pdl? Pare scontato. Altro beneficiario potrebbe essere Altra Savona, col candidato Cappelli.

Ora si presenta questo panorama, almeno nell’immediato. Scontato il ricorso al Tar della Liguria da parte del Pdl e questa volta con il rinforzo di firme legali prestigiose. Sarà una battaglia dura. Attesissima. Potrebbe succedere che il Tar (tempo una settimana) annulla la decisione della commissione elettorale di Savona, ma in quel caso salta giocoforza la data della competizione elettorale. Tutto rinviato.

Se il Tar conferma il provvedimento di esclusione, non è difficile immaginare le conseguenze interne allo schieramento di centro destra.

Con la speranza che non prevalgano nella futura amministrazione provinciale le persone che con presunta, puerile, faciloneria sostengono che un timbro possa sanare un’omissione sostanziale. In pratica i presentatori della lista hanno dimenticato di indicare il luogo dove in cui venivano opposte le firme dei cittadini; poi si è pensato che si poteva ovviare con un timbro che attestava l’avvenuta presentazione ad Albenga. Il tutto innaffiandolo con un vinello per dire: è solo una questione di interpretazione, piccole formalità sanabili.  C’è già giurisprudenza che ci da ragione. Sei giudici non sono stati dello stesso avviso. Il Pdl con tutta la sua forza, con tutta la sua rappresentanza, con tutto il suo seguito popolare, con la prevedibile vittoria per cacciare dopo 15 anni il centro sinistra dalla Provincia, è scivolato nell’incapacità di controllo ed organizzativa dei suoi massimi dirigenti regionali e provinciali.

Per una volta qualcuno dovrà avere il coraggio di assegnare pubblicamente la “palma del demerito” a Scandroglio, Orsi (neo senatore) e Vaccarezza. A meno che non siano tutti dei martiri della giustizia italiana, compresa quella in materia “elettorale”. Vittime di un timbro di deposito negli uffici comunali, messo al posto di un’altra attestazione che doveva accertare, secondo legge, il luogo della raccolta delle firme. 

Dalla supersquadra, con scudetto in mano, ci saremmo aspettati (e forse non siamo i soli) ben altra preparazione. O sbagliamo tutto.

La redazione

 

Il giudice del lavoro annulla accordo sindacale:

condanna il Comune di Loano alle spese e al risarcimento danni

  Savona - Questa mattina il giudice del Lavoro del tribunale di Savona, dott.ssa BAISI,  ha letto  la sentenza nel ricorso delle RSU/COMUNE DI LOANO di cui Trucioli Savonesi si era occupato con un approfondito articolo, tenuto conto di alcuni aspetti clamorosi e singolari della vicenda-controversia.

Nel dispositivo di sentenza il giudice annulla l'accordo sindacale (in merito ad emolumenti restituiti nelle casse comunali per € 90.000), a firma CISL e altri sindacati. Annullati  anche tutti gli atti seguenti al caso, oggetto di lite, compiuti dalla giunta comunale. Il Comune di Loano dovrà, inoltre, pagare le spese di giudizio e il risarcimento danni da valutarsi in via subordinata da altro giudice.

Un dipendente comunale ha già fatto sapere al suo avvocato di predisporre una richiesta danni per 90 mila euro, oltre agli interessi dal 2001 ad oggi.

La vicenda aveva sollevato scalpore, ma era stata quasi ignorata dai media locali, nonostante il numero delle persone coinvolte e le somme in ballo; la curiosa materia del contendere. I molti retroscena emersi dalle memorie e dai risultati dell'ispezione ministeriale.

Non era stata data neppure notizia che lo stesso Comune aveva disertato il tentativo di conciliazione iniziale presso la Direzione provinciale del Lavoro. Si sarebbero forse evitate  spese legali e di giudizio. Contribuendo a rasserenare, come si suo dire, gli animi.

Si è puntato allo scontro, a neutralizzare la rappresentanza Rsu che si era ribellata. A ridicolizzarla. Non solo, alcuni componenti della Rsu chiedevano, come risultava dall'ispezione, che a pagare gli errori nella contabilizzazione degli stipendi  ai dipendenti comunali fossero i funzionari incaricati e pagati ad hoc, e non tutti i dipendenti di ieri e di oggi. Purtroppo non c'è da gioire dal momento che il Comune riverserà sui cittadini contribuenti scelte sbagliate o quantomeno discutibili, opinabili sotto ogni aspetto, anche morale. La giunta comunale sosteneva che non gli si poteva chiedere di mettersi, a sua volta, contro la Corte dei Conti.

La sentenza, come prevede la procedura, è esecutiva. Il Comune potrebbe appellarsi, con tutti i rischi conseguenti.

 
                        SUSSURRI E GRIDA (DA VIA GRAMSCI)
Più si avvicina la data delle elezioni comunali del 6 e 7 giugno, piu' cresce l'inquietudine del mega presidente Canavese, che sarebbe candidabile, secondo noi, a partecipare al premio dell'"inquieto dell'anno 2009", previsto a Finale Ligure tra pochi giorni. Le sue lamentele dilagano su tutti i mezzi di informazione e spaziano  dalle bugie di chi contesta i suoi progetti…leggi...a quanti osano dire che nella baia di Vado Ligure ci sarebbero dei fondali pesantemente inquinati e quindi da non dragare in nessun modo.

 A conferma della sue tesi ardite, il nostro allega lo studio della Maersk (che coraggio) . Noi invece ci limitiamo a citare lo studio del dott. Franceschi, già noto da tempo, che ci parla del superamento dei valori limite per quanto attiene il mercurio, l'arsenico, il cadmio, il cromo ed i pcb...guarda...Per quanto concerne l'Arpal, citiamo testualmente: "i dati ottenuti dal programma di monitoraggio ministeriale per il controllo dell'ambiente marino costiero hanno permesso di identificare nell'area antistante Vado Ligure uno dei siti maggiormente interessati dall'inquinamento chimico dei fondali in ambito ligure. I risultati dei diversi studi pregressi sui sedimenti hanno evidenziato, per l'area in esame, uno stato di contaminazione molto accentuato da metalli pesanti (mercurio ed ipa).

Dai saggi biologici e' stato evidenziato che gli effetti tossici dei sedimenti sugli organismi si manifestano prevalentemente a lungo termine".(fonte Arpal - gennaio 2002)...Leggi..

 
                      ALL'ATTENZIONE DELLE BANCHE!!!
Comunichiamo alle 5 banche di spessore internazionale, selezionate dall'ing. Canavese per il prefinanziamento pubblico di 300 milioni di euro del progetto di piattaforma di Vado Ligure, il risultato trimestrale del gruppo armatoriale A.p. Moller - maersk, dal quale si evincono i seguenti dati:

- passivo netto: 373 milioni di dollari,flessione del 14%  dei volumi trasportati e 24% del nolo medio rispetto al 1 trimestre 2008; 

- contenitori: passivo netto di 559 milioni di dollari, sempre rispetto al 1 trimestre 2008; risultato operativo -19 milioni di dollari;  

- flotta porta contenitori: 14% in meno di trasportato, rispetto al 2008; la compagnia ha ritirato dal servizio 18 navi per una capacità di 110.000 teu;

 - nel 1 trimestre Maersk Line ha soppresso 800 posti, mentre la riduzione di personale dall'inizio del 2008, assomma ad oltre 5 mila addetti.

..Leggi il rapporto integrale... Per opportuna conoscenza del presidente del porto di Savona, anche per integrare l'annunciata "due diligence" sulla compagnia danese.

 

IL Consiglio Direttivo di Altra Savona in base all'art. 5 dello Statuto a cooptato all'unanimità l'ingresso dell'ing. Roberto Cuneo nel Consiglio Direttivo stesso.

Nel Dare il benvenuto all'ing. Roberto Cuneo il Consiglio Direttivo Ringrazia anticipatamente per il fattivo contributo  che vorrà dare per arricchire il Movimento. Il Comitato Direttivo diAltra Savona 


11 Maggio

                                                MA QUALI SOCIALISTI? 

Riferimento Dr. Luciano Locci (la Stampa, domenica 10) e intervento con lettera del Signor Sergio Cosimi su "Uomini Liberi" (che non conosciamo ma che reputiamo persona correttamente informata). 

Premesso, a scanso di equivoci o illazioni, che...CONTINUA

 

                                                   La falla colpisce ancora

Purtroppo la fretta di far vedere che a Vado le falle si riparano in un battibaleno, specialmente in periodo pre-elettorale, è stata fatale al poliedrico assessore Verdino.

A sole 24 ore del vantato successo contro le acque nere, ecco che le stesse si sono riproposte a 150 metri dal luogo precedente, ovvero all'altezza di piazza Corradini.

Non sia mai detto che il meraviglioso Lido Vadese venga insidiato da un pericolo che ne comprometta la balneabilità, a meno che non si tratti di una pestilenziale distesa di cemento armato, con annesse piramidi provvisorie costruite solo per buttare via 20 milioni di euro, e relativa concessione dello scempio per 50 anni ad una multinazionale trita-lavoratori...

Di nuovo pronto intervento (per modo di dire, il buco c'era sabato...e la riparazione è scattata oggi ) e dunque a vittoria ottenuta ci aspettiamo di nuovo un vibrante proclama propagandistico del polivalente assessore.

Magari questa volta sarebbe meglio attendere un periodo di carenza, cosi da non cantar vittoria troppo presto, e fare prima un salto dal barbiere....  

 
RINNOVAMENTO CELLESE           RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO
La dichiarazione di voto del gruppo
"Rinnovamento cellese" (vicino a Forza Italia)
 
                                    LO SCAPIGLIATO VERDINO
Sabato mattina, tra gli articoli della cronaca savonese della Stampa faceva bella mostra di se la testa con pettinatura spinosa, dell'assessore vadese all'ambiente Sergio Verdino...leggi... candidato tra l'altro, come consigliere, nelle liste PD alle elezioni provinciali savonesi. L'articolo, pieno di: "quanto siamo stati bravi " e di "intervento in tempi record " ci metteva al corrente dalle parole dello stesso Verdino di come, a Vado Ligure, erano stati così veloci a turare una falla (tappare un buco) in un tubo delle acque nere che corre sotto l'Aurelia a pochi metri dalla spiaggia e quindi a pochi metri dalle acque vadesi (premiate con la bandiera nera dalla goletta verde...).

Scongiurando tempestivamente il pericolo di liquami in mare e il conseguente divieto di balneazione in queste cristalline acque vadesi.

Domanda:  Come mai l'assessore in questione si preoccupa così tanto per un tubo che magari può, con le sue perdite inquinare ed è invece, così a favore nel dragare il fondo del mare per far posto alla piattaforma Maersk?  Gli hanno detto che in questo tipo di intervento non c'è il pericolo che la balneazione possa essere vietata? Ho sempre pensato che pettinature estrose fossero frutto di  bella personalità e di intelletto che preme sui bulbi capillari...Magari mi potete aiutare, sapete per caso certe pettinature si possono ottenere anche con confusione mentale e pressapochismo ? Grazie a tutti. Un acconciatore vadese dubbioso. 

 

LUCIANO LOCCI ARRENDITI

In relazione a quanto indicato in oggetto e all'articolo apparso il  10 maggio 2009 sulla pagina della cronaca locale del giornale La Stampa e avente come protagonista il Sig. Luciano Locci mi sento assolutamente in dovere di rispondere come "uomo stanco" a quanto da lui espresso, ovvero:

Caro Locci sono un elettore di centro destra che per educazione ti dovrebbe dare il benvenuto ma per ideali e coerenza ti chiudo la porta in faccia !!!
Questo mio atteggiamento è dettato dalla tua presenza sulla scena politica locale da oltre trent'anni e dal tuo inesauribile appetito ed ingordigia di sindrome da poltrona. Parli di vero riformismo e socialismo ...CONTINUA   Sergio Cosimi
 
                                                                          BREVI
Barbero (e Vaccarezza) sul banco degli imputati

Il consigliere regionale Barbero è sul banco degli imputati per aver autenticato le firme  per la Lista PDL poi ricusata. Altri fanno notare che Vaccarezza non è solo il candidato alla Presidenza della Provincia,ma anche il Coordinatore del PDL in Provincia di Savona e si occupa in prima persona dell'organizzazione...Una cosa è certa: comunque vadano le cose "qualcuno" ha rimediato una figuraccia...che a Claudio Scaiola non sarà piaciuta per nulla.

 

La Preve eletta per modo di dire...

L'Avvocato Emanuela Preve nella sua... missiva... a Trucioli Savonesi afferma di essere stata eletta Coordinatrice di Forza Italia e poi del PDL...Le cose non stanno esattamente così.

 Melgrati la impose al posto di Gabriele Aicardi (con cui i rapporti si erano deteriorati) e ci fu la solita "democraticissima"  e blindatissima lista unitaria senza candidati alternativi...

 

Ciangherotti conteso da UDC e PDL

Eraldo Ciangherotti continua ad inondare le redazioni di comunicati stampa contro il Sindaco Tabbò. La domanda ormai non è se si candiderà Sindaco ad Albenga, ma con chi si candiderà Sindaco. Il PDL e l'UDC lo stanno corteggiando. La nostra impressione è che alla fine il buon Eraldo si accaserà nel Partito di Claudio Scaiola che per una simpatica coincidenza Ciangherotti ha invitato nei prossimi giorni ad Albenga per chiudere il ciclo di incontri politici promosso dal Centro Aiuto per la Vita ingauno... 

 

Terza puntata – <Cosa va e non va> a Loano e dintorni

Nuove iniziative a “progetto” di cooperative sociali ed altri. Costi? “quisquilie” …

La cooperativa sociale di solidarietà a.r.l. Arcadia di Ceriale ha 51 dipendenti (?)

di Gilberto Costanza


10 Maggio

I primi clamorosi retroscena

della bocciatura del Pdl e Lega Nord

(I moduli sbagliati ad Albenga, Vaccarezza resta)

Pare che Vaccarezza sia stato proprio tradito dai suoi fedelissimi del ponente. Le firme sono state raccolte tutte ad Albenga, ma nell'apposito modulo hanno dimenticato di indicare il luogo dove si firmava. Per quanto riguarda la Lega Nord, invece, è stato omesso, sempre nel modulo, chi certificava in modo chiaro la firma.

Per la raccolta delle firme il candidato  Presidente, Angelo Vaccarezza, avrebbe rifiutato l’aiuto del PDL savonese (per mancanza di fiducia?) e si è avvalso solo dei suoi collaboratori più stretti, i quali dimostrando scarsa capacità organizzativa, avrebbero dunque sbagliato la compilazione dei moduli. Per questo le firme valide sono solo 87 su 503...leggi... Un fatto senza precedenti nella storia elettorale savonese.

Tra l'altro, la conferma di una grave disorganizzazione del Pdl dopo lo scioglimento di Forza Italia, la chiusura della sede di Savona e la presa di potere di Vaccarezza come coordinatore provinciale che è anche sindaco, candidato presidente. Con un vice coordinatore, Bussalai (ex An), davvero alle prime armi.

Si racconta, inoltre, che Vaccarezza candidato-presidente si è affidato ad una brava segretaria proveniente da La Spezia, ma priva di conoscenza del territorio. E ancora, un accumularsi di "brutte figure"; ad una cena prevista poche sere fa, non si è presentato, non si è fatta vivo ed era irrintracciabile sul cellulare.

Resta un punto fermo: Vaccarezza sarà comunque candidato presidente, ma solo con la sua lista, con l'esclusione del Pdl e della Lega Nord. A meno che il verdetto non venga ribaltato dalla Corte d'appello di Genova o dal Tar della Liguria.

Certamente non sarà una consultazione serena, e la conferma che il ministro Scajola ed il coordinatore ligure forse si sono fidati troppo di alcuni suggeritori. Così quella che alla vigilia appariva una vittoria scontata, quasi a tavolino, si sta trasformando in farsa. In beffa. Qualcuno se l'è davvero cercata, ammettono nello stesso Pdl savonese, delusi ed amareggiati. E il Tg3 ha dato oggi pomeriggio la notizia, all'apertura stessa del notiziario.

 

                 Comunicato Partito Comunista dei Lavoratori

Le firme presentate dal Partito Comunista dei Lavoratori sono 415 autenticate. Ci è stato contestato che sulla maggior parte dei moduli manchi il riferimento al luogo in cui sono state raccolte.
Tutte le autenticazioni però hanno le firme e i timbri perfettamente regolari. Vogliamo far notare che esse sono state prese, per la maggior parte , nei comuni e qui i dipendenti  non hanno scritto  il nome della città. Evidentemente pensando che bastasse il timbro e la loro firma. Il Partito comunista dei lavoratori in questo non ha alcuna responsabilità se mai è vittima di questa situazione. Presenteremo ricorso contro questa decisione che riteniamo assolutamente ingiusta. Se il ricorso venisse respinto dall'uffucio elettorale andremo al tar


9 Maggio
nicolini_fabio

                    La campagna elettorale soft del PDL ad Andora

Non che ci si aspettasse i fuochi di artificio, ma sta lasciando un po' perplessi la campagna elettorale del PDL per le comunali ad Andora. Il Candidato Sindaco Fabio Nicolini per il momento, tiene un profilo basso (per alcuni troppo basso...) ha poca visibilità (poche dichiarazioni sui media locali, manca un sito web, affissioni in ritardo) e la formula organizzativa del Centrodestra pare piuttosto debole. Se vogliono battere la lista del Sindaco Floris  dovranno impegnare  più risorse visto che sono partiti molto tardi

 
TORNA ALLA RIBALTA IL PENNELLO BUFFOU DI CELLE LIGURE
Ricordate la storia del  “pennello
Buffou” di Celle Ligure, l'avevamo raccontata alcuni mesi fa...LEGGI...oggi il SECOLOXIX pubblica questa notizia:
Ripascimento spiaggia un tecnico a giudizio   Celle la novità  dal SECOLOXIX
L'ACCUSA è di quelle pesanti: frode in fornitura pubblica. La posizione di Paolo Noce direttori dei lavori per il ripascimento della spiaggia di Punta Buffu a Celle sembra però essersi alleggerita al termine delle deposizioni degli ispettori Arpal e dell'ex responsabile tecnico del comune Franco Zunino, ora assessore regionale all'ambiente. In base alle denunce di alcune associazioni ambientaliste il tecnico, difeso dall'avvocato Emanuele Olcese, avrebbe nel 2004 indebitamente usato materiale con caratteristiche tecniche differenti a quelle previste dal capitolato. «Per quanto difforme, era conforme a quello esistente sulla spiaggia» hanno ribadito i tecnici Arpal, mentre Zunino ha spiegato come l'ingegner Noce avesse rispettato gli accordi. Il dibattimento riprenderà il 23 ottobre.
 

PARENTI SERPENTI

Nella politica nazionale c’è il caso Letta , lo zio (Gianni)  nel PDL  il nipote (Enrico) nel PD.

 Parenti con idee politiche opposte.

Oggi arriva la notizia che a Varazze, il figlio dell’attuale Sindaco Ghigliazza si presenterà candidato  nella  lista di opposizione, ma il caso più simile ai Letta è a Celle Ligure.

Manzi (lo zio) nella lista del PDL con D’Anna,  Beltrame (il nipote) candidato nella neonata lista  Futuro Oggi.

Nelle vie del paese  è un continuo bisbiglio sul caso politico e la gente si chiede:

come si comporterà nella cabina elettorale la famiglia Manzi?

Voterà Michele (lo zio), politico ondivago ormai in fase calante. O il nipote Marco, politico dalla faccia pulita, artefice della lista elettorale con candidato Sindaco Durante?

C’è la mano delle sorelle, infastidite del comportamento politico del fratello Michele, nella decisione di scendere in campo del rampante nipote?

Di certo non c’è nulla, anche se i più informati sostengono che nella  famiglia Manzi, negli ultimi tempi, avvengono lunghe discussioni dove a soccombere è  in genere il Michele, tanto che, nell’ultimo incontro familiare, l’ex vicesindaco, diventato famoso a livello nazionale per essere  stato citato nel libro “il partito del cemento”,  pare abbia sbottato ”parenti serpenti”

Risposta a "parenti serpenti"

Sono molto divertito da questo intervento, ma ci tengo a sottolineare che per me mio zio è e sarà sempre un fantastico zio, purtroppo abbiamo metodi ed idee diverse, ma non sarà di certo questo a cancellare l'affetto che provo nei sui confronti. 

Per quanto riguarda la famiglia posso solo dire che io ho imposto, ogni qual volta sia per vari motivi essa riunita, di non parlare di politica in mia presenza, appunto per evitare ogni problema.

Di certo non sono state ne mia madre ne le mie zie a spingermi a fare tutto ciò, ma semplicemente la voglia di cambiamento e di rinnovamento, la voglia di ribellione alle solite regole della politica, che vedono i giovani sempre relegati in secondo piano, ora siamo noi che vogliamo prendere in mano il nostro futuro, consapevoli di avere le capacità ed i mezzi per farlo, ma soprattutto consci del fatto di essere incontaminati dal sistema politico dell'ultimo trentennio e quindi capaci di ragionare liberamente per il bene comune e per un futuro migliore per il nostro paese. 

Per concludere spero che entrambi capiremo che la scelta che la nostra famiglia farà in cabina elettorale, non sarà una scelta sulla persona, ma sull'idea che essa sta portando avanti. 

Vinca il migliore!!! 

Marco Beltrame

 
                 PIATTAFORMA MAERSK:  la verità dietro le notizie
Da mesi i fautori del progetto Maersk quotidianamente saturano le colonne delle cronache locali con continui messaggi rassicuranti sull'ormai prossima realizzazione dell'opera. Crediamo valga la pena di leggere tra le righe per recuperare informazioni...CONTINUA

8 Maggio
 Vado Ligure:  i candidati  e il programma della lista
VadoViva con Caviglia candidato sindaco
 

                  VADO LIGURE -  ULTIME SULLA LISTA "CANAVESE"

Gossip scatenato a Vado Ligure per le firme raccolte dall'assessore Verdino, per conto della lista  di Berlusconi.

"io, le firme raccolte, le ho buttate" avrebbe sbottato l'assessore, "ma le ho prese col permesso di Giacobbe, Bovero, della Monica e di Costagli. Ed adesso tutti mi danno addosso!!"

Intanto nella mattinata, cordiale incontro tra Cipollina e Giacobbe, il quale ha rassicurato l'esponente della lista del cavaliere, con un sonante: "Sta tranquillo, e' tutto a posto!"

 
Savona - Palazzo comunale

                              SAVONA- PALAZZO COMUNALE

            Qualcuno potrebbe dire ma che casualità !! ...

                        ...indovinate un po chi é costui!!

In Comune a Savona c'é un dipendente che é entrato come addetto alle spedizioni (con la qualifica di commesso) e nel giro di pochi anni é diventato capo area dell'Ufficio Tecnico praticamente Vice Dirigente !!

.... ma diciamo anche che costui é sempre stato il capo della cellula rossa della CGIL, nipote di un funzionario di partito ed ora anche candidato di punta del PD a Quiliano ... saranno tutte combinazioni ma questa carriera un poco ci stupisce ... e poi sua moglie ..anche lei super promossa!!  Entrata con un bassissimo livello é diventata niente meno che posizione organizzativa all'Ufficio del Personale ...anche questa è una combinazione ?? sarà che siamo noi in mala fede ???... 

7 Maggio

                                               Liaison...

L'assessore vadese Sergio  Verdino, candidato del PD nel collegio provinciale di  Vado Ligure, colto sul fatto mentre raccoglie (ed autentica?) le firme dei cittadini vadesi per la lista  di Berlusconi (ovvero lista "Canavese"). Soccorso rosso o cortesia tra  avversari?

Anche il PCI, ai bei tempi del Bottegone, aveva un elenco di persone, assolutamente apartitiche, che firmavano per le liste dei monarchici, dei missini, ecc. onde evitare che  i moderati prendessero troppi voti.

Oggi si tratta di rafforzare il partito di Canavese, della Maersk, di Tirrenopower: quindi tutti i mezzi sono buoni!!!!

 
                                L'ARRAMPICATA SOLITARIA DEL PALO-GATTO
Date un'occhiata a queste... curiosissime foto...che documentano la storia  del palo-gatto come lo hanno ribattezzato gli abitanti. Sono state scattate da Alain Preve a Quiliano
 

Presentazione candidati Nuovo Psi per la provincia di Savona

 06 MAGGIO alle ore 15,00 presso il bar gelateria Gelmo a Loano si è svolta alla presenza del Candidato Presidente Angelo Vaccarezza la presentazione dei candidati del Nuovo Psi .

La manifestazione è stata aperta  dall’ intervento dell’ ex  Presidente della Provincia Mario Robutti il quale...CONTINUA
 
                                         La farsa "blu"!!!
Come ogni anno, in avanzata primavera, la notizie sulle acque marine, premiano un gruppetto di comuni  italiani: essi hanno la "bandiera blu" che significa qualità e dovrebbero soddisfare non solo la grinta dell'assessore...vedi...ma anche i sindaci delle località premiate per la purezza significativa del mare e delle spiagge.

Sedici sono i comuni liguri che qquest'anno hanno goduto dell'ambito premio, che si dimostra sempre di più uno spottone a pagamento. Se guardate i criteri di eccellenza...leggi..non si può che essere esterrefatti della mistificazione posta in atto a discapito dell'utente. Sarebbe bello che alcuni di essi verificassero di persona spiagge ed arenili, così solo per accertare sino a che punto si può spingere la mercificazione del merito, pagata senza dubbio a suon di benefit a favore dei cosiddetti "giurati". Sarebbe ottimo sapere chi ha garantito per  Savona e per la vecchia darsena, inseriti anche quest'anno a beneficio della vanità della casta al governo. Domani leggeremo i pavoneggiamenti dei ras locali, di quelli cui nessuno dice mai: scusate, bandiera blu ad un comune che fa parte di una zona di assoluta "desertificazione" lichenica, cioè abbiamo un mare tanto pulito e respiriamo un'aria tanto avvelenata da impedire la vita di un semplice lichene?

 

LA LISTA "FUTURO OGGI" E IL FUTURISMO

La lista per le elezioni amministrative di Celle "Futuro oggi" ha distribuito un pieghevole nel quale, in un insieme abbastanza confuso di richiami alla Costituzione e a eventi accaduti in anni che terminano con il numero 9 (1909, 1969, 1989 ... manca il 1789 !) si richiama il Manifesto Futurista (1909). Vi inoltro tale manifesto nel quale ho sottolineato parole e frasi particolarmente impressionanti, soprattutto se confrontate con la nostra Costituzione (in particolare con l'articolo 11 "L'Italia ripudia la guerra...) e con una moderna, e anche futura visione del vivere civile in un paese democratico. Lascio a voi il giudizio su tale manifesto e su chi pensa opportuno richiamarlo oggi...LEGGI   Michele Beltrami


6 Maggio
COERENZA -    Rinnovamento cellese di GRANONE, INTELISANO, CONTINI
IERI (24 marzo dal SECOLOXIX)  accusava D'Anna di aver creato una rottura fra i vari gruppi che si stavano formando per fronteggiare Zunino...leggiOGGI  si schiera spudoratamente con Renato Zunino...
...LEGGI IL MANIFESTO
 

                          Programma elettorale del PDL vadese

Ho letto attentamente il complesso e articolato ...programma elettorale... presentato dal candidato PDL alla poltrona di Sindaco di Vado Ligure.

Una attenta e tecnica analisi sarebbe lunga e tediosa perciò mi limiterò a dire che è evidente che tale programma è frutto di lunghe e ponderate elaborazioni.

D'altronde una realtà locale complessa e problematica come quella Vadese non poteva portare ad altro che ai laboriosi e profondi aspetti che sono cosi ben discussi da tale programma...

E' altresì vero che un profondo conoscitore di tale realtà non può esimersi da sollevare cosi dure e importanti discussioni e certamente il noto imprenditore ben è a conoscenza di tale realtà. E si vede nelle sue dichiarazioni sui temi "caldi" della campagna elettorale, come Futuro Portuale e Centrale.

Chissà quante ore e ore di discussioni ,anche aspre, devono aver affrontato i numerosi tecnici chiamati a elaborare tale complessa disamina.

Speriamo che gli elettori, spaventati sì da tanta tecnica e decisa  presa di posizione, ma anche attenti e sicuramente ben informati, sappiano essere sereni e valutino a chi dare il proprio Voto....

MMi corre l'obbligo di citare a mia volta un detto di saggezza popolare che ben calza in questo frangente, che sta a definire quanta e quale preoccupazione già i nostri nonni sapevano fondere in un'unica, profonda affermazione..." Ehh ...pouvia Ca'.."  

Un elettore gia' convinto.

 
                           Il sindaco scopre "l'ombrello"
Anche Berruti, dopo le nostre ripetute segnalazioni, ha scoperto che sulle emissioni delle navi Costa ed il loro rimarchevole "ombrello" di fumi venefici, forse il comune ha qualcosa da  dire ...leggi...L'astuto Canavese pur di non disturbare il manovratore, continuava a fare lo gnorri.
Per lui e' gravosissimo chiedere a Costa nuove stazioni marittime e nuovi accosti ed, al contempo, fare rispettare le leggi.

TTra il dire ed il fare, per lui, non c'e' solo di mezzo il mare, ma anche il doveroso ossequio a poteri che si possono servire oggi in veste pubblica, domani come dipendenti privati. Certo, il Presidente dell'a.p. non rappresenta i cittadini, men che mai gli elettori, che, diversamente lo accompagnerebbero con fischi e boati, ad ogni comparsata. Ma il sindaco dovrebbe, al contrario,apparire ed essere  la figura  di riferimento degli interessi generali, non solo degli armatori e degli iscritti al circolo velico. Ecco perche', dopo lungo e penoso travaglio, salutiamo con entusiasmo il fatto che il nostro giovane primo cittadino abbia scoperto "l'ombrello" ed abbia richiesto al suo ingombrante coprotagonista, di provvedere alla dovuta bonifica.

Devo dire che sono contento che finalmente ci si stia rendendo conto del problema, se lo avessero saputo prima di dare il via a quella cementificazione in zona vecchia darsena forse sarebbe stato meglio! Adesso mi sorge un dubbio, ma le emissioni dovrebbero essere ridotte per la salute di Noi cittadini, o per cercare di portare gente nel palazzo di cristallo? Gianetto

 
                  VOTO UTILE -  Il parere di Sergio Cappelli
Si nota che in questi ultimi tempi, vi è la tendenza da parte di alcuni esponenti politici locali di far assumere alle prossime elezioni amministrative un significato politico crescente e si avverte il tentativo di volerle far diventare una resa dei conti dei rapporti di forza tra i partiti maggioritari del centro destra e del centro sinistra .

 In questo clima “culturale” e politico è stato coniato lo slogan che vorrebbe richiamare l’elettorato al “voto utile”, cioè all’uno o all’altro dei suddetti partiti politici.

A parte il retro-pensiero, poco rispettoso dell’elettorato, che si annida dietro questo slogan che presuppone che esista un “voto inutile”, esso è...CONTINUA

5 maggio
IN ESCLUSIVA PER UOMINILIBERI
UN INTERVENTO DI MAURIZIO SCAJOLA SULLA SITUAZIONE ECONOMICA SAVONESE
 
da L'espresso
 
 

Mendatica, don Giovanni Brunengo, nel 2005, mentre sta raggiungendo il Monte Frontè per la Messa davanti alla statua della Madonna.
 E' MORTO DON BRUNENGO  PARROCO DI MENDATICA
            (Era il Sacerdote più anziano della Liguria)
Si è spento all'età di 90 anni Don Giovanni Brunengo il più anziano parroco in servizio attivo della Liguria.
Avrebbe compiuto 91 anni il prossimo mese di novembre ma il cuore ha cessato di battere lunedì pomeriggio nella casa di riposo di Pieve di Teco dove era stato trasferito da pochi giorni.
Don Brunengo lascia una sorella, un fratello cappellano nell'ospedale di Rapallo e un nipote francescano ad Imperia.
I funerali si terranno a Mendatica giovedì mattina alle 10. Presente anche il Vescovo di Albenga
 
  
di_pietro_101.jpgA VOLTE RITORNANO.
VINCENZO CATALANO
 DA SOCIALISTA ALL' ITALIA DEI VALORI
 
 
Abbiamo chiesto telefonicamente al Dottor Catalano in qualità  di Responsabile Territoriale dell’Italia  dei Valori se ritiene giusto  che Renato Zunino, membro del Direttivo Provinciale del Partito Democratico e già condannato penalmente dalla magistratura, possa aspirare alla  investitura di candidato Sindaco anche con l’appoggio dell’Italia dei Valori?
                                         LEGGI  LA SUA RISPOSTA
Abbiamo girato lo stesso quesito  di legittimazione della candidatura di Renato  Zunino  anche all’On. Antonio  Di Pietro e all’On. Paladini, riferimento genovese dell’Italia dei Valori per vedere se anche loro sono d'accordo. Attendiamo una loro risposta

Spett. Redazione, con stupore ho letto l'intervista del Sig. Catalano e le sue risposte,non sono un'educanda ma confesso che la pelle mi si è accapponata nel leggere certe risposte. Come semplice iscritto (non so ancora quando mi cacceranno) mi sento amareggiato e deluso è proprio vero che la vecchia politica e l'arroganza di un certo potere nei confronti dell'elettorato non muore mai. Speravo che l'IDV portasse una ventata nuova nella politica provinciale, mi sono sbagliato "Cristo si è fermato a Savona"cordiali saluti  Giorgio Brondi

 
  
RINNOVAMENTO CELLESE                                   CELLE LIGURE
ANCORA UN AIUTO DEL PDL  A RENATO ZUNINO
Come se non bastasse Paolo D'Anna e la sua lista, anche il gruppo del centro destra "Rinnovamento Cellese" che fa capo a Giorgio Granone si schiera spudoratamente con Renato Zunino.  Lo fa affiggendo un manifesto    ...LEGGI IL MANIFESTO
 
  

                  PASSEGGI:  NON SI FA?

Lo scellerato progetto di costruire un carcere in località  Passeggi, aspro giogo collinare tanto nelle grazie dell'assessore  savonese  Aglietto, forse non si farà, causa le spese del terremoto...leggi...una buona notizia, che eviterebbe lo scempio di un sito  dove i soliti noti pensano anche di collocare una ben  studiata discarica.

Se la ragione prevale, perchè non riproporre Cairo, dove  esiste una grandiosa sede per le guardie carcerarie? Un semplice progetto di ampliamento, farebbe risparmiare centinaia di milioni...troppo facile  e poco dispendioso, nevvero, cari amministratori democratici!!!!

 
  
LA DESTRALa Destra non sarà presente alle prossime elezioni Provinciali purtroppo...LEGGI
 

4 maggio
 
                          QUESTA SERA TUTTI DA CANAVESE
Questa sera convocazione alla sede dell'Ente Porto di tutti i candidati del PDL di Vado Ligure. Accompagnati dal fido Cipollina, Canavese impartirà loro gli ordini di scuderia.
Oggi abbiamo conosciuto il Candidato Sindaco  Matteo Debenedetti e ci ha fatto un'ottima impressione. Speriamo che, per il bene dei vadesi, i "consigli" del marpione Cipollina  e del presidentissimo Canavese gli entrino da un orecchio e gli escano dall'altro.
 
 
  
  Riceviamo e pubblichiamo il PROGRAMMA del PDL di Vado ligure che  ha come  Candidato Sindaco MATTEO DEBENEDETTI   ...LEGGI
 
  
                       STAZIONE MARITTIMA?SI , GRAZIE!!!!
Mentre il superpresidente ci parla del raddoppio della stazione marittima di Savona, a cura del gruppo Costa, che darà infiniti problemi alla città, con piu' inquinamento, più congestione, più  tutto quello che non può stare in spazi angusti, arriva la notizia del nuovo supertraghetto Vado-Bastia, un bestione da 2000 passeggeri e 550 auto nella stiva.

Mentre il superpresidente ci parla del raddoppio della stazione marittima di Savona, a cura del gruppo Costa, che darà infiniti problemi alla città, con più inquinamento, più congestione, più  tutto quello che non può stare in spazi angusti, arriva la notizia del nuovo supertraghetto Vado-Bastia, un bestione da 2000 passeggeri e 550 auto nella stiva...vedi….Porto Vado ha bisogno di una stazione marittima, essendo quella esistente poco più di una biglietteria. Ha necessità che l'albergo appena ultimato apra al più presto, per l'imminente estate. Occorrono servizi igienici, non essendo gli smilzi giardinetti adeguati alla bisogna. Anche il piccolo supermercato dovrebbe essere potenziato, così come l'offerta di esercizi pubblici e di ristoro. Il comune se ne infischia del successo dei traghetti? Ed allora parlate chiaro, una volta tanto!  Dite che vi interessa la piattaforma, che il trasporto passeggeri e' incompatibile col porto petroli che volete potenziare. Siate una volta onesti con i cittadini, e vedrete che il 6 giugno prossimo venturo  vi daranno la risposta che meritate!

 
  
UNA DOMANDA ROVOLTA A TUTTI I CANDIDATI DELLE DUE ALBISOLE
Vorrei sapere se nei programmi elettorali di Albisola Superiore (e di Albissola Mare) si rilancia il tema della fusione dei due Comuni. Grazie. Gianni Jaccarino
 
 
 
I Lavoratori ACTS dei depositi di Cairo Montenotte e Millesimo, riuniti in assemblea con le Segreterie delle Organizzazioni Sindacali, le RSU e le RSA, presso la Croce Bianca di Cairo in data odierna, a fronte delle modifica “unilaterale” dei turni attuata dall’ACTS...continua
 

3 maggio
 
                                MA DI PIETRO LO SAPRA'?
Mi chiamo Giorgio Brondi mi sono iscritto all'Italia dei Valori, appena iscritto mi ha contattato un certo Catalano che mi ha proposto di candidarmi per l'elezioni comunali della mia città Finale Ligure. Ho accettato con entusiasmo e mi sono subito messo alla ricerca di voti e sostegno da parte dei miei concittadini promettendo onestà e impegno,grazie anche a mia moglie ho raccolto un elenco di circa 50 simpatizzanti o possibili elettori.

Siccome dal Partito tutto taceva contattavo Catalano che mi comunicava un numero telefonico di un esponente del PD con cui avrei dovuto mettermi in contatto per concretizzare la mia candidatura nella lista di centrosinistra: Provvedevo a contattare l'esponente del PD che con una buffa serie di argomentazioni rifiutava la mia candidatura, egli affermava:

1) dica a Catalano di svegliarsi prima

2) Lei è uno sconosciuto (certo non sono mai stato indagato o inquisito)

3) ho già altre persone da mettere in lista etc.

Sono profondamente amareggiato da tale comportamento e soprattutto sono esterrefatto per il dilettantismo politico dimostrato dai miei dirigenti.

Per concludere sottolineo quanto mi è stato detto da un dirigente savonese dell'IDV per quanto concerne le elezioni europee bisogna spingere la Fusco è l'amica intima di Paladini e poi bisogna fare fare una brutta figura a quella comunista della Bardi. Cordiali saluti

Giorgio Brondi

 
  

Seconda puntata – FATTI & PAROLE – Andare a votare consapevoli

L’ex Assessore alla Provincia di Savona Pier Luigi Pesce
“folgorato sulla via di Damasco”?

di Gilberto Costanza

 
  
da trucioli savonesi un intervento di Antonia Briuglia
INDUSTRIE SAVONESI E CENTRALI
VECCHI E NUOVI RICATTI OCCUPAZIONALI
E MONETIZZAZIONE DEL RISCHIO
 
  

 SIMBOLO DEL GAROFANO una precisazione di Piergiorgio Razeti

Gentile redazione di "Uomini di Liberi",   invio copia di Lab del 23 aprile con la notizia corretta sulla titolarità del simbolo del "garofano".

Peraltro quanto riportato nel testo, da voi pubblicato, fà esclusivamente  riferimento al simbolo delle precedenti elezioni europee ( Socialisti Uniti per l'Europa), alle quali oggi partecipiamo sotto il simbolo del Popolo delle Libertà, quale partito ad esso facente parte. Per le elezioni per il rinnovo dell'Amministrazione della Provincia di Savona ...CONTINUA

 
  

                                         INVITO DEL M.O.D.A

A tutti gli amici Ambientalisti!   Ecco il Programma elettorale della lista "Per il bene comune" che si presenta per le elezioni provinciali. Chi condivide tale programma, unico a porre l'ambiente e la salute al centro della politica,  è invitato a firmare per la presentazione di tale lista in Comune a Savona o in Provincia negli orari di apertura al pubblico entro il 6 Maggio 2009.

 ...LEGGI IL PROGRAMMA         MODA Savona

 

2 maggio
 
Riceviamo (4 email nel giro di un minuto) e pubblichiamo il comunicato di Renzo Briano candidato Presidente alle elezioni provinciali nella  lista "PER IL BENE COMUNE"

Ci risiamo!  Ogni volta che il nome di Briano appare in associazione alle elezioni Provinciali, qualcuno si sente in dovere di aprire il fuoco...CONTINUA

 
  

Giovanni Durante candidato Sindaco a Celle Ligure per la  Lista civica “Futuro Oggi” ha scritto ai Cellesi

UNA GENERAZIONE COSTRUISCE IL PROPRIO FUTURO, OGGI

 
  

Il movimento Altraprovincia- Altrasavona si presenta alle elezioni provinciali con il proprio simbolo e con una lista di ventiquattro candidati, che rappresentano, in ciascun collegio elettorale in cui è divisa della provincia di Savona, l'impegno della società civile nella prossima tornata delle elezioni amministrative.  

Altraprovincia infatti ha selezionato persone che intendono portare il contributo concreto della propria esperienza professionale nella amministrazione della collettività e che hanno anteposto la realizzazione del programma alla logica degli schieramenti partitici...LEGGI
 

1 maggio
 
Da Ferrania Germano Giugurta

Gli abitanti di Ferrania e quanti passano sulla Strada che dal Vispa scende fino alla stazione FS sono stufi di non vedere ancora rifatto il manto bituminoso...CONTINUA

 
  
QUILIANO

la composizione della lista Ambiente e salute che verrà presentata per l'elezione del nuovo sindaco e per il rinnovo del consiglio comunale di Quiliano alle prossime elezioni del 6 e 7 giugno...LEGGI

 
  
 Pubblichiamo alcune email arrivate dai nostri visitatori

DA ALBISOLA

Non so se il centro destra faccia sul serio. Lo auspico. Il popolo Albisolese è stanco di furbetti incapaci ed avventurieri. Possibile che la Mia Albisola non riesca a partorire una persona pulita: La politica si sa è cosa sporca, ma c'è sporco e sporco. Agli albisolesi la nausea dovrebbe essere arrivata al naso, ma le cose non cambiano. Possibile che non si riesca a trovare un' uomo o donna di destra, sinistra o centro che abbia voglia di fare le cose sul serio, nel vero interesse del paese.

Orsi, può essere un'alternativa, ma perchè in giro sono nate certe voci sinistre da brivido. E' verità o soltanto malsano modo di fare politica. Certo che se si lancia merda in giro è molto facile che qualche spruzzo raggiunga qualcuno. A mio modesto avviso è che la situazione politico-imprenditoriale albisolese e non solo quella (gli imput più importanti infatti vengono da Savona) è ormai arrivata ad un punto di non ritorno.   Forse un miracolo potrebbe salvare la mia città, con le strade che fanno schifo, le rotonde pazze i ponti da ricostruire perchè mal progettati. Vorrei lanciare un appello alla gente di Albisola, a quelle persone che ancora sperano nel miracolo. Salviamo Albisola .  Si può fare, anche alle urne.   A.G.F.

DA CELLE

Cari uominiliberi,avete  pubblicato una notizia che, per Celle, va finalmente nella direzione che molti cellesi aspettavano da tempo, e cioè una  lista NUOVA

Nuova perchè si oppone al vecchio modo di fare politica;

nuova perchè parla di futuro, quando di "passato", di un pesantissimo passato, Celle ne ha fin sopra i capelli; nuova perchè composta da giovani, con candidato sindaco Giovanni Durante, persona competente, retta e stimata da tutti, che saprà ridare ai cellesi una  nuova dignità di "Cittadini".

Celle ha quindi, finalmente, una lista che si contrappone, con la forza e la speranza delle nuove generazioni, al vecchio modo di fare politica, che a Celle, è quello di avere scopi lontani dalle esigenze della popolazione, è quello in cui il termine "partecipazione" è solo un sacco vuoto, fumo creato con lo scopo di coprire la realtà,è quello che ha la sua forza nel "dammi il voto perchè me lo devi", è quello del far della politica una professione,è quello che ha, come programma, la lista della spesa: avere promesse da vendere a tutti, sperando che tra questi "tutti" ci siano "abbastanza" "elettori disposti al baratto". 

Ringrazio uominiliberi per l'informazione che garantisce e aspetto, con fiducia  la nuova, fresca identità del Cittadino cellese! 

 
  
A grande richiesta torna LA SAI L'ULTIMA?
Piccolo angolo del buonumore a cura del Comune di Savona – Assessorato ai Lavori Pubblici

 Giovedì 30 aprile, Palazzo comunale di Savona. Due dipendenti, Tizio e Caio, si incontrano. Caio vede che l'altro sta tremando e chiede:

“Ciao Tizio, ma cosa hai? Non ti senti bene?”

“Ciao Caio, non è nulla, ho solo freddo”

“Ma scusa, il Sindaco ha emesso un’ordinanza per riaccendere gli impianti di riscaldamento dal 29 di questo mese sino al 3 maggio”

“Si lo so, lo abbiamo anche ricordato all’ufficio impianti termici”

“E loro?”

“Ci hanno detto che la sonda è esterna e dato che fuori la temperatura è alta, l’impianto non si accende”

“Quindi?”

“Ci hanno consigliato di aprire le finestre per riscaldarci con l’aria che entra da fuori”

“Ma chi ha detto una cosa simile?”

“Il responsabile dell’ufficio, il nuovo Energy manager”

“Ma chi, XXXXXXX!!?? il responsabile provinciale del partito XXXXXX!!??”

“Si si, proprio lui!”

Tizio e Caio si guardano per alcuni istanti dopo di che

“Ah! Ah! Ah! Ah!”  “Ah! Ah! Ah! Ah!” 

 
  
                                  E LA CHIAMANO "CULTURA"
Non sapevate che, per chi la governa, Savona e' la città della cultura? Per i nostri amministratori fare  "scena" con qualche mostra dedicata ad artisti di genere, (come colui che fu definito da Flaiano, maestro di "picassate alla siciliana": si apre oggi 30 aprile, la rassegna del Guttuso "politico"), significa  creare un habitat che vola alto nel nome delle 10 muse, tutte in perfetta fila ad aspettare il loro turno.

Purtroppo i nostri  nipoti non giudicheranno dal numero delle locandine affisse sui muri ne' dagli estemporanei disegni di qualche architetto di regime. Valuteranno sulla quantità dei metri cubi autorizzati e realizzati in ogni spazio disponibile, misureranno la mancanza di verde, ormai ridotto a quello cimiteriale; peseranno lo stato degli edifici di rilievo architettonico, sempre più fatiscenti, perche' poco "redditizi"; si chiederanno perche' "gli orti di Legino" somigliano sempre di più ad un quartiere di Lambrate; perche' la spiaggia da Zinola a Fornaci fu coronata da cubi di cemento; ed infine a che cosa serviva, ai bei tempi delle giunte Ruggeri-Berruti, avere un assessore alla cultura che volle sfrattare l'archivio di stato dal palazzo storico di via Quarda per confinarlo in questa squallida palazzina, sita in Valletta San Cristoforo e bisognosa di essere radicalmente risanata, prima di farne un uso qualsiasi...guarda… eppure, questo signore, aveva fama di storico e quindi avrebbe dovuto avere contezza del valore degli archivi per città, come Savona, che ebbe la ventura di dare i natali a 2 pontefici non proprio irrilevanti. Ma il nostro era tanto modernista e così poco pantofolaio, che non si curava di queste minuzie: gli bastava "tirare  quattro paghe  per il lesso", perche', soleva aggiungere, "nei tempi lunghi saremo tutti morti!!!"

 
  
                                      L'ADDIO DI GIACOBBE!!!!
su questo sito non siamo stati teneri con il sindaco di Vado, Giacobbe. Niente di personale, ma il suo modo di gestire la cosa pubblica, troppo da "politico di professione", non ci e' mai piaciuto.
Dopo la vicenda del referendum, doveva prendere atto che aveva contro una cospicua parte del suo elettorato e quindi andare allo scioglimento del consiglio. altri hanno deciso per lui, ne siamo sicuri, perché la sua natura non e' certo quella di un carrierista arrogante che vuole sopraffare gli altri, costi quel che  costi.

Difatti e' stato scavalcato, nel cursus honorum del suo partito, da "dorotei" di ben altra stoffa, che vediamo e vedremo ingoiare qualsiasi rospo pur di non perdere la poltrona.

il suo congedo  tardivo...leggi... anche  se onesto, non toglie l'esigenza che anche a Vado Ligure si attui quella alternanza nella gestione del comune che rappresenta una reale garanzia di rinnovamento e trasparenza e che quindi venga premiato lo sforzo della lista "per Caviglia" di realizzare una nuova sintesi per il governo del territorio, frutto di un programma veramente condiviso e costruito sulle esigenze dei cittadini

 
  

                                          TU CI CREDI ???    IO  NO!!! 

A pag. 24 de  “ Il Secolo XIX “ del 29/04/2009  ho letto 2 articoli interessanti che ritengo di “ pura fantasia in atmosfera elettorale”.

Il primo, firmato: Crecchi@il secoloXIX.it  affermava che…. “il porto assicurerà un migliaio di posti, con il nuovo terminal Maersk che sarà realizzato proprio a Vado”….Tale affermazione, a mio modesto avviso...CONTINUA      Ernesto Johannson

 
  

                                             Succede a Savona
Dicono che la terra si sta riscaldando, che è colpa dell'uomo, che le auto inquinano.
Siamo quasi a maggio ed ho tuttora il maglione, ma può essere tutto vero. Le auto inquinano e i nostri bravi amministratori  per ridurre al minimo questo inquinamento invitano a non usarle, arrivando perfino a vietarne la circolazione in certe domeniche.

n compenso costringono a girare inutilmente per mezz'ore in cerca di un parcheggio e ripetere spesso l'operazione.

L' auto ferma in regolare parcheggio é vista di malocchio: non inquina abbastanza, non provoca incidenti, non intasa il traffico e va multata. Così di tanto in tanto, se il tempo è brutto e la gente non ha voglia di andare a controllare, piazzano un cartello di divieto di sosta dove non c' era. Qualche giorno dopo se sei sfortunato non vedi ne cartello nè auto, se sei fortunato non vedi il cartello ma solo il verbale di contravvenzione. Nel primo caso ti allarmi, cerchi la vettura, ti rivolgi ai vigili che ti dicono che  è stata prelevata da loro, portata al deposito e devi pagare carro attrezzi, deposito e multa; nel secondo caso paghi solo la multa di 38 euro.
In questa città con l' auto non c'è scampo; non ci si può  muovere e nemmeno stare fermi; se non metti l'auto dove c'è il divieto ti mettono il divieto dove c'è l'auto, nelle strade o nei parcheggi, per traslochi o per manifestazioni, motoristiche o ecolistiche, in ogni posto e  occasione. Non dovresti inquinare, ma guai a non farlo: negli ultimi 50 anni ho preso due sole multe, entrambe perché dov'era la mia auto hanno messo "divieto di sosta" che non ho avuto possibilità di vedere né prima né dopo: un chiaro invito ad usarla di più! 

mp

 

 
  
Ricerca personalizzata
 
Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi e delle opinioni in essi contenuti 
 

LEGGI GLI INTERVENTI DI APRILE