LINKS

SCRIVICI
o telefonaci: 3468046218

MAILINGLIST

ARCHIVIO

 
















 da l' archivio de
"La Repubblica"
TUTTI GLI ARTICOLI DI MARCO PREVE
TUTTI GLI ARTICOLI  DI LUCIANO ANGELINI
PERCHE’ UN GIORNO NON DICANO:
“NON LO SAPEVAMO”
 I COMMENTI
PRESENTAZIONE - sala rossa
- Finale Ligure
Sanremo
VUOI PRENOTARE
 UN VIAGGIO,
ACQUISTARE MATERIALE INFORMATICO
visita i migliori siti

 ENTRA 

 

www.truciolisavonesi.it
spazio di riflessione per Savona e dintorni
Non perdere TRUCIOLI SAVONESI se vuoi  leggere notizie che non si trovano sui giornali e su altri blog
AGGIORNATO              AGGIORNATO              AGGIORNATO              AGGIORNATO              AGGIORNATO
IL BLOG DI NICOLA STELLA (ILSECOLOXIX)
IL BLOG di MARCO PREVE
Osservatorio on line sull'edilizia
NuovoPSI"  FEDERAZIONE REGIONALE DELLA LIGURIA Congresso Regionale Domenica 8 Marzo - ore 9,30 SAVONA -
Hotel Riviera Suisse, via Paleocapa 24

 CELLE LIGURE -VERSO LE ELEZIONI
ENTRA NELLO SPAZIO APERTO A TUTTI I CELLESI PER ESPRIMERE LE PROPRIE OPINIONI

 Leggi
tutti gli interventi
 
                      La "cittadella" di sabbia e nebbia.
Continua la cinica speculazione sul trasferimento della Piaggio da parte della giunta Berruti, del filologo Schiesaro e dell'ineffabile assessore ai porticcioli. Questi soggetti (definirli amministratori della cosa pubblica sarebbe una enormità linguistica e concettuale) cavalcano, per motivi  propagandistici un impossibile trasferimento del centro ricerche.

Piaggio nel campus di Legino, vale a dire in area che, già dichiarata esondabile dai piani di bacino della provincia, e' oggi occupata ed ispessita da  costruzioni che sono un rischio incombente per cose e persone. Non dimenticate che lo stesso comune ha apposto dei cartelli in via Nizza, in via Cadorna, a fronte la piscina e l'ingresso del campus, per salvarsi la coscienza in caso di disastro alluvionale. Ciononostante ha dato il permesso di edificare i 2 mastodontici edifici in capo allo stadio Bacigalupo, sotto la diretta responsabilità del consigliere comunale PD ing. Livio Giraudo.

Questo mentre l'amministratore della provincia ha scritto alcune paginette che suonano come pesante accusa a chi autorizzerà nuove cementificazioni, in assenza di opere per eliminare il rischio idrogeologico....CONTINUA

 
 
L'intervista fatta al Prof. Paul Connett dagli "Amici di Beppe Grillo" di Savona
E venne il giorno delle pantofole
di A. Gianetto

Savona, consiglio comunale del 2 dicembre 2008 
 
             PERSONAGGI/IL FUTURO BOSS DEL NECLEARE
               SCAJOLA HA UN IDEA ATOMICA
Un feudo in Liguria. un drappello di fedelissimi in Parlamento. Fondi Miliardari per le imprese. La fitta rete di potere del ministro e le sue mire...LEGGI L'ARTICOLO DELL'ESPRESSO
                
di Emiliano Fittipaldi e Marco Preve
 

                                    Multa per volantini   di Marino Masala

A volte mi domando, ricordando vagamente la filosofia, chi fu quel famoso personaggio che inventò l'altrettanto famoso detto "Corsi e ricorsi storici". Stiamo,a mio avviso, veramente ripetendo la storia del primo Novecento con i diritti negati, la crisi finanziaria, la mancanza di lavoro,etc. etc. L'ultima cosa che mi è successa è questa. Oggi...CONTINUA

Non sono di Savona e so ben poco sui progetti relativi alla nuova viabilità.

Voglio però esternare la mia massima solidarietà nei confronti del sig. Masala, trasgressore del Regio Decreto 773 del 1931, e successive modificazioni.

Vista da "fuori", quella multa sembra proprio un'arma che il Comune sta usando nella guerra contro di Voi...  Non posso fare nulla per aiutarvi, ma avete tutto il mio appoggio morale. Al di là dei problemi di viabilità, è la democrazia che deve uscire indenne da queste situazioni. Mi permetto un suggerimento da "ignorante in materia": non è che quella data corretta a penna sul verbale ufficiale della Polizia Municipale possa compromettere la validità dello stesso? Informatevi... se guerra è, tanto vale combatterla!

In bocca al lupo! Gabriele da Celle

 
E venne il giorno delle pantofole   di Antonio Gianetto
Savona, consiglio comunale del 2 dicembre 2008, terza ed ultima parte della registrazione, della seduta, tratta dal sito del comune
 

A MARGINE DEL CONGRESSO REGIONALE DEL "NuovoPSI"
Per una serie di "circostanze" (interventi estranei d'improvvisi "Capitani di ventura"...) non sarò presente al prossimo Congresso del "NuovoPSI" che si terrà a Savona, l'8 marzo (pur avendolo totalmente organizzato, con la segreteria di "AzioneRiformista")...LEGGI  Gianni Gigliotti


Dopo gli striscioni di via Stalingrado, dopo lo striscione al bivio per Valloria, stamattina Spotorno si è svegliata tappezzata di volantini anti-TirrenoPower
 

                                  TOCCATA E FUGA !!!!
Ma non doveva essere tutto (o quasi) pronto per il trasferimento della progettazione di Piaggio nel Campus di Legino, parola  del terzetto Berruti-Ruggeri-Schiesaro?

Chi ne dubitava e ne dubita, pare che avesse qualche ragione, visto la reazione del comune di Finale e della stessa Piaggio. Siamo abituati da tempo a fare la giusta "tara" alle affermazioni dei suddetti signori, perchè conosciamo quanto abbiano a cuore l'apparire piuttosto che il "fare".
Di tutte le opere pubbliche annunciate dall'ex sindaco, ora assessore, non  ne trovate una compiuta ed inaugurata dal successore, il quale ha tagliato tutti i nastri possibili ed immaginabili  costruiti dai privati.

Pensate alla vecchia darsena, all'ex Astor, alla foce del Letimbro, a via Scotto,ai "Giardini di Legino"

Tutte cubature sul mercato, col rischio di rimanerci parecchio.

Pensate alle opere pubbliche, a cominciare dalle strutture sportive e considerate se questi sono dei maestri dell'annuncio, nel senso di largitori di nebbia e fumo, ovvero dei pensosi curatori della "res publica".

Chi ha sogghignato di fronte all'annuncio di "Piaggio nel Campus" aveva quindi tutte le ragioni per farlo: lo conferma questo patetico comunicato, dove si innesta  una marcia indietro  tale da  far arrossire anche il più inesperto dei dilettanti…leggi...quindi, amici, in campana quando costoro "annunciano": dietro vi è quasi sempre o vanità o bugie.

 
                             "PDL,  C'E' UN POSTO PER ME?"
1) lotta (quasi armata !!) per il collegio di Savona centro lasciato libero da Bracco che come sapete é stato deciso che chi fa l'Assessore non si candida in collegi sicuri !! molti coloro che lo vorrebbero a cominciare dalle due dame bionde Frugoni e Romagnoli ma pare proprio che la loro sia una battaglia persa , qualcuno ha tentato di dirottare in quel collegio Piero Santi persona elettoralmente fortissima a Savona ( non dimentichiamoci che in quel collegio votano tutti gli Ordini Religiosi di Savona e pertanto avrebbero sicuramente gradito la sua presenza ...ma soprattutto con

l'intento di non fargli fare l'Assessore, liberando un posto e facendogli fare il Presidente del Consiglio; cosa peraltro a lui molto gradita, ma i bene informati dicono che domenica scorsa nel vertice dei big "qualcuno" avrebbe detto "No Piero fa l'Assessore !!! .

Un pensiero lo sta facendo Cipollina e anche Federico Delfino ma pensiamo che alla fine sarà occupato da qualche eminente personalità del Ponente fedele alla linea Scajola ..

2) altro sicuro Assessore sarà Ico Mozzoni persona di grande esperienza e gradita a Claudio Scajola..

3) Filippo  Marino ..la sua posizione é sempre più critica, non é gradito a nessuno del Gruppo Consiliare Comunale e sicuramente al suo posto andrà in rappresentanza della quota Nan, Ficucello Nicola di Pietra Ligure o qualche amico di Nan della Valbormida ..

4) nella lista del Presidente saranno convogliati tutti gli uomini spendibili di Savona a cominciare dallo stesso Santi che starebbe già contattando ottimi personaggi da candidare ....

5) Cipollina farà l'assessore a dispetto di tanti, altro che ACTS ....
6) Sabato a Varazze sarà anche presentato il candidato Sindaco della Città di Varazze che é Giovanni Delfino detto "Gionny";  la cosa  strana  è che viene indicato come PDL ma ad oggi ha ancora la tessera UDC in tasca e riveste l'incarico di componente la Direzione Provinciale dell'UDC stesso !! Non vi sembra anomala la cosa ?? Sembrerebbe che gli sia stato chiesto di aderire formalmente al PDL
 
C.E.D.A.

                     Albenga discarica nel parco archeologico

utilizzati come discarica, bottiglie, vecchi cartoni, piatti di plastica e perfino tre grossi sacchi di spazzatura, dal ponte Viveri erano ben visibili. Abbiamo segnalato...CONTINUA

 

                              PREGIATA DITTA SMARGIASSI!!!

La Giunta Berruti, con l'amichevole partecipazione dell'assessore ai porticcioli Ruggeri e del"filologo" che presiede la "Spes", ancora una volta smentita pubblicamente su progetti che nulla hanno di concreto se non la carta di giornale che  occupano indebitamente.

Per  3 giorni la pagina locale di un quotidiano ha cercato di convincere i suoi lettori che la notizia era buona: in una conferenza stampa i suddetti amministratori,mettendoci anche la faccia,hanno assicurato che il centro di progettazione piaggio sarebbe andato nel campus di Legino. Tra tante asseverazioni, un piccolo neo: la Piaggio taceva, così come il Comune di Finale che hanno firmato l'accordo di trasferimento.

Oggi la verità, finalmente, viene a galla: non esiste alcuna ipotesi Piaggio-Campus...leggi…la bufala se la sono inventata Berruti, Ruggeri ed il fido Schiesaro, per alzare il solito fumo che nasconde la vacuità di un ceto amministrativo, per il quale riaprire i lavori della piscina comunale di Savona, dopo 4 anni di blocco ed infiniti sprechi di denaro, e' un grande risultato che merita perlomeno una medaglia di legno.

Così tra un annuncio di lavori ed una panzana inventata di sana pianta, continua il degrado ambientale urbanistico, economico e sociale della nostra città, tra progetti non finanziati ed altri non finanziabili. Così hanno voluto i savonesi nelle loro scelte di voto: così continuerà.

Sino al termine del quinquennio: ogni giorno una balla, una promessa, un regalo ai palazzinari.

 

                          Anche Mirko Bottero se ne è andato.

 Figlio di una Savona operaia e colta, come Stelio Rescio fu uno dei pochissimi che mise Savona nel cuore del dibattito culturale dei suoi anni, portando nella sua città il meglio di ciò che accadeva nel mondo. 

A quel “meglio” attinse copiosamente una intera generazione di altri ingrati figli di Savona per costruire le proprie  fortune personali sopratutto nel mondo della televisione.

Una scomparsa così si può celebrare come al solito, con quella mesta retorica che finisce con la sepoltura dello scomparso, oppure con i fatti.

Un fatto potrebbe essere intanto riconoscere la spocchiosa supponenza con cui la Savona “che conta”, anche quella che era in debito con lui, trattava Mirko e le sue iniziative, sempre geniali ma raramente “forbite”.

Un fatto potrebbe essere adottarne lo stile: guardare il mondo, e cercare di portarlo nella propria città magari con la stessa passione e lo stesso spirito di ingenua gratuità. 

Giuliano Arnaldi, operatore culturale

                 Cena di “beneficenza” ad Alassio,

         Melgrati candidato in Provincia “Manu Scajola”

Alassio - Pronostici in soffitta, anche quelli pubblicati via mail da “Trucioli Savonesi” n.189. Niente cinquine. Confermata l’indiscrezione (ma priva di particolari, su blog ponentini)  della discesa in campo del “conte” Marco Melgrati, il sindaco che può vantare nella sua bellissima città un consenso plebiscitario Bulgaro. Oltre il 60 per cento di elettori. 

Meno amato oltre i confini. Troppo esibizionismo! Troppe sparate! Troppe passerelle! Troppe barzellette! Tutte pratiche, peraltro, già coperte dal “copyright Vaccarezza”.

Tutto è cambiato, la svolta, in occasione di una cena del benemerito Rotary all’hotel Savoia. E’ stato il ministro in persona, Claudio Scajola, ad impartire l’ordine ai “soldatini” in attesa, tramite il proconsole Silvano Montaldo. La scena: durante un intermezzo a tavola, dopo un brevissimo “tete-a-tet”, quasi inosservato, Scajola-Montaldo, è stato chiamato (ad avvicinarsi) l’architetto.

Seduta stante informato dell’investitura “ad personam”: <Soltanto la tua presenza in lista può scongiurare e porre fine alle guerre intestine, col rischio di far mancare voti ad Angelo (Vaccarezza); dobbiamo restare uniti , per te resta un test per un assessorato in Regione…>.

Gli ospiti, dopo la visita all’Andrea Doria, in rada nelle acque alassine, dopo l’onore della cena con uno dei “grandi e dei potenti” dei nostri giorni, hanno assistito all’investitura che sarà annunciata sabato, 28 febbraio, a Varazze.

Oltre a Melgrati, conferma certa per un quasi trentenne (largo ai giovani, finalmente!) che risponde al nome di Luca Villani, provenienti dall’Udc, ora tra le braccia della Lega Nord e sotto la protezione del cugino più famoso, già “senatur” Roberto Avogadro. Il promettente Villani può contare sul buon nome del papà, Angelo, medico e di un nonno, tra i Dc storici di  Alassio e tra i consiglieri comunali più votati.

Resta tutto aperto il confronto sulla scelta del futuro sindaco della città delle favole (vere). Chi avrà l’onore di ricevere lo scettro dal generalissimo Scajola? Non basta il giuramento di Pontida. Il candidato o la candidata dovranno munirsi di mutande rafforzate? C’è  persino chi invoca il “miracolo” di un “volto nuovo”, non compromesso e non ricattabile. Estraneo al “partito degli affari”: suoi e degli amici.

 

                Il ministero boccia il porto Margonara

           ma c'è già chi vende con "vista sul nuovo..."

Albisola (Savona) - Gli appassionati lettori di "vendite immobiliari", sui più gettonati quotidiani italiani, avranno avuto modo di leggere da qualche tempo annunci di questo tenore: <Albisola - Savona vendesi...vista a mare, vista nuovo porto turistico...>.

 Già mentre gli altri "blaterano" su "Margonara sì, Margonara no" (...vedi il Secolo e la Stampa), c'è chi  agli affari non rinuncia. Anzi, scommette. E telefonando non manca l'assicurazione: <Abbiamo ottime informazioni, il porto si farà...se ha conoscenze può chiedere conferma a...; cosa vuole, fosse per gli ambientalisti beceri e gli amici dell'ultrasinistra, a Savona ed in Regione, saremmo tutti poveri.  Con le braghe in mano. Ci sarà un cambio di guardia, per fortuna...Non perda l'occasione...>.

Già mentre qualcuno balla di gioia pensando al "Margonara mai", altri ballano sapendo che "Margonara è dietro l'angolo". Basta chiederlo ai bene informati, senza andare lontano, ad un futuro candidato a sindaco della vicinissima Albisola, ai suoi sponsor, a "tanti... Zunino" amici miei.    

 

Diciannovesima  puntata - COME NON SI AMMINISTRA LA COSA PUBBLICA A LOANO 

A Loano manifestazioni “tutto gratis” e Sanremo ricerca sponsor!
Chi amministra meglio?
 
         di Gilberto Costanza

                                L'IDROVOLANTE PIAGGIO!!!
 Il prossimo progetto Piaggio sarà un.."idrovolante". Mentre comune di Savona, regione Liguria ed Università dilagano in tutte le direzioni, con l'ausilio della preziosa SPES, assicurando a destra e a manca che il Campus  di Legino sarebbe pronto ad ospitare il centro progetti della Piaggio entro novembre c.a…leggi…nel silenzio generale e connivente di tutta la nomenklatura nostrana si e' levata una vocina che ha rilevato come occorra,

prima di tutto, risolvere il problema del "vincolo idrogeologico" che grava sull'area. Ora si possono eliminare  le difficoltà in modi diversi, una delle quali consiste nel depennare con un tratto deciso di matita  la parola "esondabile" dalla carta geografica, e poi sperare nella cortesia di Giove pluvio. Questo intendete fare, cari amministratori, pur di dotare il "Campus" del  trofeo Piaggio?

Ed allora, sotto con il bianchetto, datevi da fare…guarda.

 


 IL CONSIGLIERE ROBERTO DECIA SCRIVE AL SINDACO BERRUTI

Caro Federico,

innanzi tutto scusa la forma confidenziale di questa lettera, ma ritengo che in certi casi, i formalismi siano un impaccio non solo letterario.

Tutti siamo a conoscenza dell'imponente e grave crisi che colpisce l'economia mondiale. L'Italia, purtroppo, anche a causa di un elevato debito pubblico e di molte titubanze del governo in carica, è tra i paesi europei quello che rischia di soffrire di più.

L'allarme di questi giorni del Governatore della Banca d'Italia sul rischio di un deciso aumento della disoccupazione, purtroppo suffraga le pur nere previsioni di qualche settimana fa.

Anche gli Enti locali devono fare la propria parte, almeno così io credo, e diligentemente, ho provato a costruire ...CONTINUA

 
                                            SE CI PENSA SPES...
Eccovi l'ultima pensata dei geniali amministratori della SPES, più che mai "ultima dea" per inventare pateracchi  utili ad infinocchiare con soluzioni che nulla hanno di efficiente e di trasparente. Questo e' il C.D.A. di SPES, ovvero un ente fatto apposta per evitare le noiose procedure di partecipazione che la democrazia richiede. Nessuno di questi signori e' stato eletto da un consesso popolare: si tratta di grigie eminenze designate da comune, Provincia, Regione, Università, quindi uomini che non rendono conto a nessuno, se non al loro "personale" sponsor...leggi

Ebbene, secondo l'annuncio dato oggi da regione e sindaco di Savona..leggi… questi signori dovrebbero decidere di costituire il centro di ricerca della piaggio,nell'area del Campus di Legino, là dove scorre liberamente un fiumicello che si chiama "rio Molinero", che ha il potere di passare in fregio alla ex caserma e ad esondare ad ogni battito di pioggia.

Il processo di trasferimento della Piaggio a Villanova e' stato lungo e travagliato. Prima che si inizi con gli atti di cantiere ecco la trovata vincente della casta DS. Forse che non esistono soluzioni più economiche e meno sospette, visto il sito che si propone e soprattutto la dichiarata provvisorietà delle scelte ? Forse che nel comune di finale difettano soluzioni tampone che evitino ai 350 ingegneri progettisti di accamparsi sotto i "distinti" dello stadio comunale o in fregio ai "giardini di Legino", un complesso che non riesce a trovare utenti ne' in affitto ne' tantomeno in proprieta'? Stupisce il silenzio dei partiti e dei comuni del ponente savonese. E la piaggio, come si pone? Sarebbe interessante conoscere anche il suo parere, visto che si decide anche a suo nome. E i sindacati, tutti d'accordo con questa bufala che fa il paio con quella degli Erzelli gemellati col Campus di Savona?

 

VERGOGNOSO, INDECENTE! 

Quello che succede a Celle conferma la denuncia de “Il Partito del Cemento”. 

Giovedì, con una intervista a La Stampa ed a Il Secolo XIX, il candidato sindaco del centrodestra Paolo D’Anna ha annunciato la sua alleanza con Michele Manzi, già vicesindaco del PD. Lo ha fatto dicendo di dare “un segnale forte anche per tranquillizzare l’elettorato”, di avere la squadra già pronta “con soggetti di ogni età ed esperienza politica” e di avere “già i voti necessari per vincere”. Tradotto, significa non abbiamo bisogno di nessun altro. D’Anna sta dicendo al suo elettorato “Siamo vincenti...CONTINUA

 
AGGIORNATO TRUCIOLI SAVONESI
L’invasione di preti gay sta sconvolgendo la diocesi

Sono una trentina, coalizzati. Drammatiche conseguenze sul clero e sui fedeli

 

Pier Giorgio Castellari

Margonara: la notte in cui tutte le torri sono nere …

La metafora della «notte in cui tutte le vacche sono nere» fu coniata per esprimere un giudizio incapace di cogliere la contraddittorietà e complessità del reale; così accade anche per i giudizi  sulla proposta urbanistico - edilizia della Margonara i quali, astraendo dai dati concreti e determinati, fanno di tutta l’erba un fascio e contribuiscono a creare un buio della ragione, una “notte in cui tutte le torri sono nere”.

Così sta succedendo...CONTINUA
 

LEGAMBIENTE "STOP AL CARBONE IN LIGURIA"…

MA NON A VADO

CON TIRRENO POWER…SARA’ CONFLITTO DI INTERESSI?

Dichiara Stefano Sarti presidente di Legambiente in Liguria in occasione del dossier dell’associazione ambientalista "Stop al carbone 2009": ""Continuare ad investire sul carbone è una follia, chiediamo la dismissione per la centrale genovese dell'Enel, la metanizzazione per la centrale spezzina, in parte ancora funzionante a carbone. Ed infine diciamo no, insieme alle amministrazioni locali coinvolte, all'ampliamento della centrale Tirreno Power di Vado Ligure" (Il Secolo XIX del 20 Febbraio 2009). Ci chiediamo naturalmente il perché di questo comportamento...CONTINUA...

 Dr. Virginio Fadda, Dott. Agostino Torcello   M.O.D.A.

Dott. Paolo Franceschi CNCMAS Liguria

Dott. Marco Caviglione ISDE: Medici per l’Ambiente sez. di Savona

 



                  Non dire gatto se non ce l'hai nel sacco

ELEZIONI PROVINCIALI - IL PDL HA GIA' SCELTO GLI ASSESSORI

Domenica 22 febbraio riunione dei big del PDL  (Scajola, Orsi, Scandroglio) per discutere sulle elezioni provinciali, anche se tutto è già deciso, perfino i futuri assessori:

PRESIDENTE:  ANGELO VACCAREZZA  (FI)

VICEPRESIDENTE:  LUIGI BUSSALAI  (AN)

ASSESSORI:

 - FILLIPPO MARINO ( Quota Nan)

-  LIVIO BRACCO (dopo parecchie legislature da capogruppo verrà premiato con un assessorato anche se gli viene rimproverato di non aver mai affrontato una elezione in cui si deve votare il candidato e non il partito)

- PIETRO SANTI ( pupillo dei fratelli Scajola)

-  MAINERI  EUGENIO (Consigliere uscente)

- ROSY GUARNIERI  (Lega di Albenga)  

Le poltrone  da assessore sono già state  assegnate ma c’è una  novità. Chi è stato  scelto come futuro assessore non sarà candidato alle elezioni.  I posti nei vari collegi, il trio Scajola, Orsi e Scandroglio, gli assegneranno ai loro fedelissimi.

Quindi, chi rischia di più, in caso di sconfitta, sono proprio i designati a fare l’assessore; Livio Bracco in testa, che nel collegio del centro città,  aveva l’elezione sicura

                                        ARRIVANO I MARINES!!!!
La martellante campagna mediatica di Tirrenopower che da mesi ci notifica i benefici effetti della sua presenza sul territorio sia dal punto di vista della promozione sociale sia per il netto miglioramento della qualità dell'aria, trova oggi un  kamikaze, sindacalista di vaglia, che si getta intrepido nella difesa dei benefici occupazionali dell'impianto, tirando le orecchie a enti locali e comitati…leggi…vien voglia di replicare al nostro interlocutore, forse da troppo tempo nel ruolo, che i suoi argomenti, così come i presunti benefici dell'azienda, sono già stati ampliamente scontati e ripagati da  quasi 50 anni di servitù energetiche, le quali, come le servitù militari, venivano concentrate lungo i confini da dove proviene il nemico.

Con la fine della guerra fredda, anche il confine orientale ha dismesso caserme e basi militari. Con la fine del monopolio Enel si dovrebbero depotenziare gli impianti con caldaie vecchie di 50 anni (Vado Ligure) e puntare su impianti più piccoli a metano o a combustibile misto. Il carbone, caro sindacalista, costa moltissimo alla salute umana e se vogliano restare nell'economico, costa in termini di mancato rispetto dei limiti di CO2, già oltre  100 milioni di euro per il triennio 2005-2007…leggi…quindi  pesi bene le sue argomentazioni su una bilancia tarata a dovere: su un piatto i costi sanitari più quelli dello sforamento dell'anidride carbonica; sull'altro, i benefici occupazionali del mitico "carbone pulito", vedra' che il gioco non vale la candela, anzi, da  che ha fatto del sindacato una ragione ideale di vita ci aspetteremmo un deciso impulso affinchè chi ha violato e viola tutte le leggi, causando danni alla salute e all'ecosistema, fosse obbligato a risarcire i danni perpetrati in quasi mezzo secolo.
 
                      LA PASQUA DI CANAVESE!!!
Euforico paginone sul Porto di Vado e sugli sviluppi futuri dell'area. Ci sono in vista sorprese grandiose per il comprensorio, fra le quali la notizia che il progetto piattaforma non si farà per carenza di finanziamento (e questo lo hanno capito anche i piu' lenti)...leggi

in compenso arriva Gavio, l'imprenditore tortonese che ha tanti amici ad Imperia e Savona, recando con sè quel che gli rimane della  residua liquidità dopo la crisi di borsa, e con la partecipazione speciale del TRI, dell'Autostrada dei Fiori e dell'ente porto. Insieme ad Orsero hannno deciso di lanciare un centro logistico formidabile, occupando le aree ex Fornicoke, quelle di Quiliano con la nuova ottica di una sviluppo ferroviario mai visto da noi (dove muove 1% delle merci). Peccato che a La Spezia, dove Metrocargo movimenta il 30% stiano smantellando il gioiello per trasferirlo a Genova.

Insomma, la politica dell'annuncio continua, non si parla piu' di Maersk ma di occupare con nuove servitù portuali, le poche aree libere con camion e contenitori. Questo il modello di sviluppo, che i cittadini di Santo Stefano Magra stanno  sperimentando sulla loro pelle: gli studenti non sembrano entusiasti; ma e' notorio che in Italia comanda la gerontocrazia..leggi. 

Dopo gli striscioni della settimana scorsa in via Stalingrado,stamattina all'alba è apparso un nuovo messaggio di "Donne Illuminate" :

Savona, via Aurelia all'altezza del bivio per l'ospedale.

 

In principio era la parola “gay”..: giulivo, allegro, anche dissoluto…

Fu questo termine inglese a sdoganare ufficialmente quei personaggi, piccole deviazioni della natura, che oggi stanno premendo per occupare tutti gli spazi possibili per cercare di relegare in un angolo tutti quelli che, erroneamente, si credono normali. Vengono allo scoperto, perché...CONTINUA  di Giacomo Rolletti

 
La Repubblica

MERCOLEDÌ, 18 FEBBRAIO 2009   da   La Repubblica

   Indagine della finanza su un costruttore di Cogoleto
   Compra un box e paga in nero denunciata una genovese

Ha comprato un box pagandone una parte in nero (15mila euro) e poi ha negato di averlo fatto con i finanzieri del nucleo di polizia tributaria. Per questa ragione una facoltosa signora genovese è stata denunciata per favoreggiamento dai militari. L´inchiesta è quella del pm Paola Calleri che riguarda il costruttore di Cogoleto Pietro Pesce, già al centro di un´inchiesta per abusi edilizi a Celle Ligure e condannato in primo grado a otto mesi per reati fiscali. Di recente un suo famigliare era stato sorpreso alla frontiera di Ventimiglia con 270 mila euro nascosti negli slip. (m. p.)

 

Il 17 febbraio alle 9 del mattino una delegazione dell’AICS - composta dal Presidente Nazionale Bruno  Molea, dal Responsabile Nazionale del Settore Politiche Sociali Antonio Turco e dal Responsabile

Nazionale Area Disagio Mentale Franco Costantino - è stata ricevuta dal Presidente della Camera dei Deputati on. Gianfranco Fini. Si è trattato di un incontro all’insegna della cordialità...CONTINUA

 
                 Sconcertante indennità “ad personam”
La pubblicazione su UOMINILIBERI dell'articolo “Il problema non è chi è ma...pecchè?” ha preceduto, casualmente, la pubblicazione sugli organi di stampa dei redditi dichiarati nel 2008, e quindi relativi all'anno 2007, dei politici che occupano le poltrone di palazzo Sisto e dei dirigenti degli uffici comunali savonesi.

Dopo la lettura di tali redditi, appare ancora più sconcertante la decisione della giunta comunale di assegnare un'indennità “ad personam” pari a 1000 euro al mese a quel dirigente che, nel 2008 ha dichiarato, per il 2007, un reddito di 83.797 euro!!! Ma risulta molto imbarazzante anche la motivazione addotta, cioè l'aver dovuto, il meschinetto, affrontare problematiche non prevedibili e/o non contemplate nel suo incarico quali l'arrivo del Papa, la certificazione ambientale e i problemi legati al maltempo che si è abbattuto sulla città. Una persona che guadagna 83.797 euro, se necessario, deve prendere la ramazza e pulire in terra!!! altro che storie! Altro che 1000 euro in più al mese! Senza considerare che nel 2008 il reddito sarà stato sicuramente maggiore di quello del 2007. Senza considerare che il poveretto non ha sicuramente affrontato da solo queste ardue problematiche, ma si è certamente avvalso di collaboratori, anche loro dipendenti del Comune di Savona. Ma per loro nessun premio, nessuna indennità “ad personam”, neanche un semplice ringraziamento nella famosa deliberazione di giunta n. 6 del 20/01/2009. Eppure anche per loro le suddette problematiche saranno state non prevedibili e/o non contemplate nelle loro mansioni.

Proprio in questi giorni la Corte dei Conti ligure ha denunciato un danno all'amministrazione pubblica di circa due milioni di euro accertati nel 2008.

Due milioni di euro sono tanti, ma sono la somma di cifre minori, anche piccole come 1000 euro al mese.

 
                             IL CONGEDO DA AQUILIANUM!!!
Seduta importante: dopo un decennio di carica si congeda da noi il buon sindaco Isetta, con una delibera che promette molto per mantenere poco per il suo paese. Se verrà ammesso al club dei comuni benedetti dall'ente porto, Quiliano concederà le sue ambite aree, ma solo per attività produttive ad alto valore occupazionale…leggi…la sua maggioranza
compresi i dioscuri Sparso e Ferrando che, tra poche settimane si sfideranno in un duello all'ultimo sangue per la successione, approvano compunti la delibera che trasformerà questa area… guarda…in un accumulo di contenitori stoccati ad uso della formidabile piattaforma Maersk.  Sì, il buon sindaco  non ha voluto salutare i suoi fans con questa brutta notizia, purtroppo vera. L'area ex IPI e' talmente inquinata che può essere utilizzata solo come deposito di scatoloni di ferraglia, in attesa di partenza via mare o via terra. Con una densita' occupazionale che potete immaginare e tanti saluti alla pregiata albicocca di Valleggia.
 

             Torna Il periodico di Celle  Ligure  "A Civetta"

Fanno parte della Redazione :

 Piero Ratto,  Bruzzone Gian Luigi, Siri Giorgio,  Servetti Giuseppina

Nell'augurare a loro una felice e proficua navigazione informativa, non dimentichiamo  di sollecitare  gli amici Giorgio e Giuseppina di farci conoscere nel prossimo numero o direttamente sulle nostre pagine elettroniche una loro valutazione sul libro " Il Partito del Cemento " 

 

I COSTI DELLA POLITICA ED IL SUPERAMENTO DELLE PROVINCE 

I “costi della politica” sono l’emblema del distacco, ormai netto, tra le istituzioni ed i “privilegiati” che ne fanno parte e l’opinione pubblica, stufa della scandalosa gestione delle assemblee rappresentative con le relative indennità e stipendi per coloro che ricoprono cariche elettive, quali sindaci, assessori, ecc. I protagonisti della politici...CONTINUA di Fabrizio Biale

      Pubblica Raccolta di Firme per la Tutela di tutti gli Alberi di Alassio

Centinaia di cittadini hanno già firmato la petizione indetta dal comitato per la salvaguardia del verde e dal WWF Savona a favore della tutela degli Alberi di Alassio!

Le firme raccolte verranno consegnate ai Responsabili dell'Amministrazione Comunale con la richiesta di adoperarsi affinche'...CONTINUA                     

 

                                               Gare au gorille!

Quando giunge notizia di stupri, o di altri efferati delitti compiuti da personaggi recidivi, rimessi in libertà da qualche giudice sulla base di interpretazioni troppo disinvolte o “garantiste” della legge, mi viene prepotentemente alla memoria una formidabile canzone di .Brassens, poi splendidamente ripresa da Fabrizio de André: Attenti al gorilla!

Infatti un impulso, politicamente molto scorretto, perché viene “dalla pancia”, mi afferra e mi fa pensare che la miglior legge, in questi casi, dovrebbe prevedere che il giudice, che ha liberato qualche delinquente violentatore incallito e che risulta poi ancora recidivo, fosse messo davanti alla gabbia del gorilla in astinenza e che la gabbia si aprisse improvvisamente.

E che poi le vittime degli stupri e delle violenze andassero a godersi lo spettacolo che si dipana tra l’erba alta…

Purché il gorilla in questione, pur non avendo mai visto una scimmia, sappia benissimo come sono certi giudici e se ne fugga a gambe levate…

Stella, 16 febbraio 2009.                                                    Emilio Barlocco

 
C.E.D.A Comitato Ecologico Difesa Ambiente                               COMUNICATO DEL CEDA
Gli articoli usciti nei giorni scorsi sia per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti a Savona che quella ad Albenga confermano quello che il CEDA ha sempre sostenuto: il sistema di raccolta differenziata tramite cassonetti e con la raccolta quotidiana almeno per i rifiuti indifferenziati fondamentalmente funziona, le 5 stelle forse sono eccessive, ma è un sistema efficiente e del quale i cittadini sono fondamentalmente soddisfatti e i costi sono relativamente contenuti. Mentre...
CONTINUA
 
     IL PATTO SCELLERATO DI GIACOBBE E ISETTA!!!

Pubblichiamo il testo del protocollo d'intesa tra ente porto ed i comuni di Quiliano e Vado, con il quale i 2 consigli comunali accettano supinamente di degradare parte del loro territorio a retroporto in funzione di area di stoccaggio per i 700 mila contenitori previsti dalla piattaforma Maersk di Porto Vado. In cambio, il comune di Quiliano, sarebbe ammesso al" club" del comitato portuale, dal quale oggi e' escluso. Questo atto di inaudita gravità e di sovrano sprezzo della volontà popolare viene approvato a pochi mesi dalle elezioni amministrative e ciò e' ancora più grave, di fronte alla domanda di partecipazione e trasparenza emersa dalle comunità locali. In calce al documento, i nomi dei consiglieri e come hanno votato. Quiliano, come era e come non sara' piu'...
Leggi il Protocollo d'intesa tra Autorita' portuale e i comuni di Quiliano e Vado Ligure.

               Prima puntata – <Cosa va e non va> a Loano e dintorni

A Loano continua implacabile l’abbattimento degli alberi di alto fusto.
E’rispettata la legge? Si vuole continuare a fare turismo?

Nei giorni scorsi è stato abbattuto un cedro del Libano in Viale

della Libertà e altre quattro alberi di alto fusto in Piazza Italia,

nell’area verde della fontana Giovanna      di Gilberto Costanza

 
Le sue ceneri forse disperse in mare, le ultime volontà del “mago dell’anca”
Il “calvario” di Renzo Spotorno

<Qualcuno dovrebbe vergognarsi>

Oggi solo lodi, ieri agli arresti, traumatizzato, con ferite mai emarginate
                              di Luciano Corrado   

Pietra Ligure – Ha disposto che le sue ceneri (ma il regolamento del Comune non lo consente) siano disperse in mare. Quel mare che “Renzo” Spotorno, nato a Varigotti il 19 dicembre 1936, amava, trascorrendo le ore di relax,  “meditazione”, riflessione, svago. Unico, inseparabile, hobby, meglio se in barca.

I funerali, mercoledì, alle 15, nella Basilica di San Nicolò, a Pietra Ligure.

Nel frattempo è già iniziata la gara degli elogi, “post mortem”. I pubblici rimpianti. Per scoprire che era una persona ricchissima di qualità, meriti.....

....Alcune sue frasi, intercettate, con paroline tolte ed aggiunte, cercarono di infangare anche un presidente di Tribunale, Franco Becchino ed un procuratore della Repubblica, Renato Acquarone. Due servitori della giustizia e dello Stato democratico; chi li ha conosciuti può testimoniare il loro patrimonio di onestà.

Rinviamo alla pubblicazione di Trucioli Savonesi, di domenica 22 febbraio, un più documentato affresco, della “Spotorno story” con la riproduzione di articoli e documenti, sul “calvario” giudiziario dello specialista in ortopedia e traumatologia, e come recitava il suo ultimo ricettario ...LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

 

Buongiorno a tutti. Mi chiamo Gianluca, sono un cittadino Cellese che ha a cuore il suo bellissimo paese e che segue con molto interesse le vicende politiche che ci porteranno a giugno, a scegliere un nuovo sindaco e una nuova amministrazione.

Ho già scritto una volta attraverso questo sito che ringrazio per l’opportunità che da a tutti (me stesso in primis) di esprimere le proprie idee in assoluta libertà, favorendo così un dibattito che altro non può portare che confronto e democrazia, e oggi vorrei esprimere dei dubbi e pensieri che mi girano in testa da ieri sera.

Il 22 dicembre 2008 presso i locali del residence Quisisana di Celle L., un gruppo di giovani cellesi estranei ai vari movimenti politici opposti a Zunino, organizzò un incontro...CONTINUA

 
 CLAMOROSO. LA CASA COME UN DETERSIVO
Hanno iniziato in provincia di Ferrara
(clicca sull'immagine a sinistra).
Chissà? Magari tra qualche tempo potremo comprare 2 appartamenti al Crescent al prezzo di uno   
 

 Intervento  di un consigliere della IV circoscrizione

sulla censura al Dottor Franceschi

In qualità  di Consigliere della IV Circoscrizione del Comune di Savona,  non posso non esprimere un profondo stupore e costernazione nell’apprendere che la Direzione della ASL n. 2 del Savonese ha censurato impedendo la partecipazione del Dottor Paolo Franceschi, Pneumologo e referente dell’ Ordine dei Medici di Savona per l’ Ambiente, ad un seminario presso l’ Istituto Tecnico Commerciale Boselli di Savona, sulle tematiche correlate ai rapporti fra ambiente e salute, programmato da lungo tempo, e richiesto personalmente dal Preside di questa Prestigiosa Scuola Secondaria della nostra città.
Questo fatto è tanto più inconsueto per i seguenti motivi...CONTINUA

 

       I "FURBETTI" DI AQUILIANUM

Quiliano, ridente cittadina della piana, che prende nome dal torrente omonimo e si suddivide nelle frazioni di Valleggia, Cadibona, Roviasca e Montagna da sempre feudo di sindaci PCI, salvo una breve parentesi degli anni '60, si accinge a nominare un sindaco di matrice centrista, pagando questa svolta con una netta scissione a sinistra? ....

...Il PD  avrebbe scelto alla carica, si sostiene, Alberto Ferrando, insegnante  ex margherito, figlio di un ex vicesindaco democristiano, non si sa con quale metodo. Poteva fare le primarie, eterno espediente buono per tutti gli usi, ma non l'ha fatto. A questo punto, ci sarebbe stata la rivolta degli ex DS i quali, guidati da Valterio Sparso, attuale assessore all'urbanistica, avrebbero dato vita alla lista civica, sotto lo sguardo compiaciuto del sindaco uscente e non candidabile, Isetta. Cosa non convince di questo goffo "gioco delle parti"? Alcuni dati non confutabili, tra i quali... LEGGI

 

Continua la offensiva della censura sui medici ambientalisti.

 A questo elenco va aggiunta l' ultima prevaricazione, che riguarda la mancata autorizzazione al dottor Paolo Franceschi, Referente dell' Ordine dei Medici di Savona per l' Ambiente, a partecipare ad una lezione sui temi dell' ambiente e la salute, richiesta con lettera formale dal Preside dell' Istituto Tecnico Commerciale P. Boselli, nell' ambito di un programma formativo organico che aveva previsto anche una visita guidata alla centrale elettrica Tirreno Power.

In definitiva i ragazzi sono stati “esposti” alle blandizie dei tecnici di Tirreno Power...CONTINUA

 

Osservazioni al Piano Regolatore di Vado, presentate da Italia Nostra e preparate dall'Ing. Dell'Amico. 

In particolare sottolineo la nostra opposizione all'ampliamento della discarica del Boscaccio, all'incremento dei volumi abitativi (in particolare no alla lottizzazione della collina sopra Porto Vado, con il fantasioso nome di Cittadella dello Sport) e no alla possibilità di depositare rinfuse nelle zone del semicentro cittadino... LEGGI
 

FILIPPA: UNA BATTAGLIA PERSA

Cairo Montenotte: da sette anni  si discute animosamente sulla discarica della Filippa, oggi in pratica definitivamente concessa e autorizzata. Una battaglia persa,volutamente persa. Ancora oggi i residenti nella zona, ed in pratica, solo loro, salvo pochi altri cittadini di Cairo e i rappresentanti di alcuni partiti, che hanno pescato voti fra gli animosi abitanti di Cairo 2 penano di poter fermare un insediamento che proprio la loro azione impostata all’inizio sulle azioni legali e i ricorsi altar e al consiglio di stato, persi purtroppo perché nonostante le roboanti dichiarazioni degli amministratori pubblici,il potere politico vero era stato latitante. Noi avevamo sempre sostenuto ...CONTINUA

 
SU FABIO SPANO, CHE HA ATTACCATO DIEGO GAMBARETTO, RICEVIAMO E VOLENTIERI  PUBBLICHIAMO
Fabio Spano
ha votato alle primarie del PD per Cameirano (DS) e nelle passate elezioni ha sostenuto Bochicchio e la candidatura di Lionello Parodi (DS). Non ha niente a che fare con il PDL.  E' normale che voglia le dimissioni dell'avversario Gambaretto, il quale fino adesso ha fatto una opposizione incalzante e costruttiva pur avendo solo 24 anni......LEGGI I COMMENTI SU IVG
IL COORDINATORE CITTADINO DI FORZA ITALIA, DIEGO GAMBARETTO E IL COORDINATORE PROVINCIALE, ANDREA VALLE  CHIEDONO SCUSA AL SINDACO DI ALBISOLA DOTT. LIONELLOPARODI PER UN ARTICOLO PUBBLICATO SU UOMINILIBERI  ....LEGGI

                               CI HA SCRITTO DIEGO GAMBARETTO

Sono entrato in politica per dare, per amore verso la mia Albisola, senza la presunzione di ricevere.

La nostra città ha ricevuto lo stupro di una speculazione edilizia evasiva, la sinistra al potere ha lesinato sugli investimenti di promozione turistica, è stata latente, per usare un eufemismo, nel settore dei lavori pubblici, ha tartassato i cittadini senza un corrispondente aumento dei servizi.

In tutta coscienza credo che il Coordinamento che io ho l’onore di dirigere abbia svolto in questi due anni un’opposizione costruttiva ed incalzante, dimostrando che il nostro partito è sempre più radicato sul territorio.

Purtroppo, nonostante tutti i miei sforzi gratuiti, sono stato vittima di numerosi episodi spiacevoli...CONTINUA

È veramente un peccato che sia stato rimosso da I.V.G. e  non si possa più leggere l’articolo con cui Gambaretto diffamava il sindaco  Parodi perché leggendola nuovamente si capirebbe che Gambaretto oltre che al sindaco dovrebbe chiedere scusa alla città di Albisola,  lasciamo perdere il sottoscritto che si è preso una valanga di insulti perché invitavo il Gambaretto a stare molto attento con le accuse che senza prove offrono la possibilità al diffamato la possibilità di rispondere come è successo per vie legali

Ora credo che per senso di correttezza le dimissioni siano il passo conseguente alla lettera di scuse. Faccio mia una frase del sindaco Parodi espressa ieri in consiglio comunale ”questo modo di fare politica con accuse prive di fondamenta e allarmismi vari allontana i cittadini dalla politica“ aggiungo che proprio in questo momento si ha veramente bisogno che i cittadini partecipino  perché è arrivato il momento di fare delle scelte altrimenti è inutile lamentarsi  e poi delegare ad altri per le scelte. Mi piacerebbe sentire l' opinione  di Carlo Sirello  Fabio Spano

 

                 In provincia di Savona scatta l'operazione carità

Abbiamo letto su molti giornali della fantastica concessione su progetti finanziati dalle istituzioni di500 euro per i cassaintegrati Ferrania.Una nuova concessin di carità cristiana per questi poveri lavoratori in sofferenza, da 5 anni. Certamente fanno meglio di un calcio in bocca. Finiti i progetti però ...CONTINUA

 

                           E REMO CHIUDE IN PERDITA...
Ricordate il tentativo del sindaco di celle, Remo Zunino, di autorizzare una cubatura enorme al posto del cinema giardino con un semplice "permesso di costruire"? Era l'ultima delle disavventure urbanistiche di questa giunta, famosa per il cosiddetto "ecomostro" del costruttore Pesce, del pennello dato in appalto ad una ditta non tanto regolare e a chissa' quante altre distrazioni urbanistiche che non sappiamo.

Oggi il Tar ligure ha concluso degnamente l'era urbanistica di "Remo" con la presa d'atto che i privati ricorrenti hanno avuto soddisfazione, avendo il sindaco ritirato tutti gli atti e quindi, ricomposto  la vertenza con soddisfazione dei contestatori…leggi...tuttavia, il Tar ha giustamente condannato il sindaco a 3000 euro di spese processuali, per aver  fatto perdere ai giudici,tempo e denaro.

PS ai consiglieri vecchi e nuovi che siederanno le poltrone del comune si raccomanda da far pagare le suddette spese al sindaco attuale, anche perche' esistono precedenti , da parte di altri enti, di addebitarle al comune: il che sarebbe disdicevole per la Corte dei Conti ed anche per  la magistratura ordinaria. 

 
                 Giunta Berruti: chi ci guadagna (o ci perde)?
Come ogni anno, ecco la rituale pubblicazione dei redditi 2008 di buona parte della "casta" che siede sulle poltrone e negli uffici di palazzo comunale. Come al solito, cifre poco significanti, non essendoci termini di paragone per capire chi ci guadagna o chi ci perde dal "sacrificio personale" svolto in nome e per conto del popolo sovrano. Per aiutare a capire i nostri lettori, diamo  come termine di riferimento l'anno fiscale 2005 (anno solare 2004) e troviamo questi risultati:

Federico Berruti, imponibile 2005 euro 92.952; Aglietto Franco (2005) 203.782; Bacciu Lucia(2005) 88.462; Costantino Jorg (2005) 17.095; Lirosi Franco(2005) 84.974; Martino Luca (2005) 862; Molteni Ferdinando,(2005) 5.218; Tuve' Rosario(2005) 36.093 per gli assessori Caviglia e Di Tullio, manca il riferimento, essendo il loro domicilio fiscale fuori del comune di Savona. Prendiamo la tabella pubblicata…vedi… solo 2 assessori sono regrediti  nel reddito annuale, tutti gli altri, compreso il sindaco, cumulando l'indennità di carica,aumentano in cifra assoluta. In alcuni casi raddoppiano, in uno di 40 volte, in un altro di quasi 6 volte, l'imponibile, nell'arco di un triennio.

Passiamo ai dirigenti comunali, che con l'aumento del carico di responsabilità devolute loro dalla legislazione, si sono visti aumentare gli emolumenti. Nel caso di Savona tutti hanno comunicato, in virtù della norma, il loro imponibile eccetto due, che ricoprono ruoli di grande rilievo esterno: il capo dei vigili e l'ingegnere capo FF del primo siamo in grado di  affermare che per il 2005 il suo imponibile era di euro 66.993; nulla possiamo dire del secondo, il quale  non risulta più titolare dell'incarico di cui sopra.

noticina sui consiglieri: sui 40 eletti, 6(sei) non hanno ritenuto di presentare la dichiarazione dei redditi appellandosi ad una presunta tutela prevista dalla legge sulla privacy. Ammesso e non concesso che questa esista, oggi più di ieri appare fondamentale e dirimente che il pubblico amministratore abbia dei doveri in più degli altri nella fattispecie e che quindi gli venga richiesto di andare oltre la legge. Tra i "riservati" ovvero n.p.(non pervenuta) nomi molto noti in città di commercianti, funzionari pubblici, dirigenti sportivi, professionisti), che non hanno nulla da perdere e tutto da guadagnare  da un siffatto adempimento di trasparenza amministrativa.

 
Clicca sull immagine per ingrandirla

IL SECOLO XIX E LA STAMPA, UNITI

IGNORANO I FUNERALI DELL'AVVOCATO FERRARI

Albenga - Stupore e incredulità, ma nulla di nuovo per gli addetti ai lavori. Alcune mail, ieri giovedì, ci hanno segnalato di aver sfogliato invano, come lettori abituali, Il Secolo XIX e La Stampa, per leggere la notizia dei funerali all'avvocato Giampaolo Ferrari.

Forse 2000 mila persone (neppure alle esequie di Angioletto Viveri) si sono raccolte in preghiera nella cattedrale San Michele e all'esterno. Con 22 sacerdoti concelebranti (Uomini Liberi ha scritto, lo stesso mercoledi, un ampio servizio di cronaca) ed il commovente ricordo-cordoglio affidato a Luigi Sappa, sindaco di Imperia e compagno di scuola di GianPaolo del Liceo Pascoli. Un'intera città, con una folta rappresentanza dall'intera provincia e dall'imperiese, si è stretta attorno alla moglie, alle due figlie. Una sincera manifestazione di affetto, di partecipazione, per un concittadino (praticante dell'Opus Dei) che nella vita e nella professione ha saputo conquistarsi stima e consenso. Era stato capogruppo consiliare per la Dc, durante la giunta di Mauro Zunino. L'avvocato Ferrari era, inoltre, impegnato nel volontariato (pellegrinaggi di malati a Lourdes), negli scout, nell'associazionismo. Come ha ricordanto don Ivo, durante la S. Messa, con un'omelia-testimonianza priva di retorica.

L'avvenimento (cronaca dei funerali) non ha "meritato" neppure una notiziola in breve sulle pagine savonesi dei due più diffusi quotidiani locali. In perfetta sintonia. Un mistero? E chi ha deciso? Un "film" già visto e sperimentato. Nel pieno "rispetto" dei lettori e dell'informazione. Ai lettori l'ultima parola. 

 

                                       PELLIZZETTI RISPONDE
Cari "uomini liberi" chi mai ve lo ha detto che suggerirei nuovi indirizzi al centro sinistra? E poi cos'è il centro sinistra? Cosa vi fa pensare che consideri i savonesi "ottusi e retrogradi", quando scrivo sul Secolo XIX ricorrenti peana su Savona che, unico caso ligure (e tra i pochissimi italiani) ha trovato una sua via per la ripresa dello sviluppo? Potreste un po' documentarvi, prima di pontificare? Sono invece convinto che anche a Savona ci sia una fisiologica percentuale di sciocchini che parlano per sentire il rumore della loro voce. Gente che non ha niente da dire ma lo vuole dire lo stesso: insomma, perdigiorno che fanno perdere tempo agli altri. Spero che stasera vengano numerosi all'appuntamento di Ubick per avere l'opportunità di ribadirglielo de visu. Mi firmo "Pierfranco Pellizzetti", come in ogni sede su cui pubblico. Capito?

Gentile Pellizzetti, la questione del nome sbagliato era solo una svista  già prontamente corretta, della quale ci scusiamo. 

 - chi ci ha detto che suggerirebbe nuovi indirizzi al centro sinistra?

 Cos'e' centro sinistra?  Be',  a parte che la presentazione al libro e' inserita in un contesto chiamato "il futuro del centro sinistra", la scheda  di commento alla presentazione, nonche' il titolo stesso del libro "quarta  via", non suggeriscono forse una discussione su nuove soluzioni? Citando  testualmente:  "Un libro per il Centrosinistra, contro questo Centrosinistra, perché la  catastrofe economica, sociale e morale delle politiche liberiste e della  globalizzazione finanziaria impone alla Sinistra di ricercare nuove  vie,....Gli esempi di Obama e di Zapatero dimostrano che un'altra via è  possibile. Una ricerca e una sperimentazione ancora tutte da compiere..."

 Ma forse non sappiamo neppure leggere. 

 Per quanto riguarda i savonesi che lei nega di chiamare ottusi e retrogradi,  ci riferivamo a un'accusa ripetuta in pubblico in più di una circostanza.

Senz'altro era riferita solo a quella minoranza di sciocchini che, pensi un po', hanno la bizzarra idea che Savona, con torri semivuote e idee portuali semiabortite non abbia trovato alcuna via di sviluppo duraturo e proficuo, men che meno coraggioso. Ma certo, il futuro darà loro definitivamente torto, se ancora non lo ha dato il presente luminoso in cui viviamo.

12 febbraio 2009  via Stalingrado Savona

 

Gilberto Costanza

Sesta puntata - Albo pretorio del Comune di Loano online

E’ compito istituzionale dei Comuni produrre e realizzare CD musicali?

A Loano questo ha deciso l’assessore con delega alla cultura e al turismo Nicoletta MARCONI. Neppure Re MIDA sarebbe nella condizione di reggere i suoi desiderati! 

Nell’ambito di questa rubrica diamo inizio alla pubblicazione periodica di alcune Determinazioni Dirigenziali che vengono affisse all’albo Pretorio

del Comune. E’ bene ricordare che la riforma della pubblica Amministrazione  ha introdotto ...CONTINUA  di Gilberto Costanza

 

                       La conversione sulla via dei subprime.  

Fra i tanti appuntamenti interessanti che la libreria Ubik propone, questo venerdì vi è la presentazione di un libro di Pierfranco Pellizzetti, “ la quarta via”, alla presenza di vari personaggi.

Si parla  di suggerire nuovi indirizzi al Centro Sinistra, appunto la “quarta via”,  e di criticarne l’operato attuale, perdente verso la destra.

Si cita la  “ catastrofe economica, sociale e morale delle politiche liberiste e della globalizzazione finanziaria”, si conclude affermando che  “gli esempi di Obama e di Zapatero dimostrano che un’altra via è possibile.”

Ora, tutto giusto e interessante ma… trattasi proprio di Pierfranco Pellizzetti, giornalista di Micromega? Lo stesso Pellizzetti? Quel Pellizzetti?

Quello che al convegno sulla portualità al BIC di Savona, alla presentazione del libro di Lugaro in Sala Rossa e in molte altre occasioni ufficiali, irrideva i savonesi come ottusi retrogradi, solo perché non volevano accettare il modello di strategia prevalente, inneggiava alla torre Bofill e alle innovazioni architettoniche...CONTINUA

 

 

   Rivoluzione (dietro l'angolo) al "Decimonono"

     Savona diventa "capo" del ponente ligure

                          (E...dopo 39 anni scompare dalla gerenza, in silenzio, l'editore Brivio)

Savona - Terremoto, in sordina, per il più diffuso quotidiano ligure. Due le notizie, peraltro "vecchie" di qualche giorno, ma che finora non hanno trovato spazio nel mondo dei “media” della nostra Regione.  La prima. Dalla "manchette" di pagina dove è indicata la "gerenza", dal 29 gennaio, un giovedì, è scomparso il nome di Cesare Brivio Sforza e della figlia  Alberica Brivio Sforza. Un fatto significativo, una data storica per un giornale e per un editore che aveva iniziato la sua ascesa nel gennaio del 1970. La seconda novità-indiscrezione. Riguarda la riorganizzazione del Secolo XIX nell'area di ponente, da Varazze a Ventimiglia. La redazione di Savona sarà "promossa" a "centro di coordinamento" dell'intero ponente, assorbendo le funzioni apicali di Imperia e Sanremo che retrocedono ad uffici di corrispondenza. Il futuro organigramma prevede Roberto Onofrio, capo redattore centrale, "responsabile" del coordinamento del Ponente. Mentre l'attuale "capo" di Imperia e Sanremo, Roberto Berio, verrebbe destinato alla redazione centrale di Genova o meglio al "web". La notizia certa resta ...CONTINUA

 

Abitava a Loano, colpito da crisi cardiaca e trasferito in elicottero a Genova

E’ morto Gino Ferri

“principe” dei viveur della Riviera

Da gigolo sposò (anni ’70) una miliardaria loanese. Una vita brillante, nel lusso e nei piaceri. Abituè di locali per “vip”, con yacht e auto di lusso. Per ultimo aveva sposato un’affascinante genovese che ora eredita un “piccolo” patrimonio

                                                   di Luciano Corrado

Loano -  La notizia ha  colto tutti di sorpresa ed in un baleno ha fatto il giro delle banche, dei locali, della Loano dell’imprenditoria, della finanza e delle professioni. Gino Ferri, classe 1936, personaggio conosciutissimo in tutta la Riviera di Ponente, Loano, Alassio, Finale, Sanremo, in modo particolare, ci ha lasciato. Il suo cuore si è fermato.
Era reduce ...CONTINUA

     

                                                         CADONO COME BIRILLI...
I progetti industriali che la casta dei "panglossiani" savonesi esponevano come la loro merce più preziosa. Ricordate il "progetto acciaio" che doveva risolvere, in parte, i problemi della Ferrania? Cassato da un giorno all'altro dai soci Gavio e Malacalza per l'intrusione della crisi economica  mondiale. Era uno degli investimenti che fanno in totale mille e seicento milioni di euro (ricordate le  esternazioni del presidente degli industriali) ma che purtroppo non hanno gambe finanziarie per camminare. Stessa cosa, la piattaforma Maersk, che nessuno dei nostri panglossiani vuol ammettere che non interessa a nessuno col portafoglio fornito..no, preferiscono mentire, bluffare  sino all'ultimo quasi giocassero  a poker! Prima o poi... vedi... gli tocca ritirare il bando di concorso, non senza aver accusato "gli altri" di essere inadempienti ed incapaci di programmare. In realtà, ai nostri, più che l'industria, interessa il "mattone", volano di ogni ripresa economica, il vecchio e buon mattone con cui hanno saturato il ponente ed il levante, negli anni '70. Indimenticabile ed irripetibile, quella, stante le decine di migliaia di case  vuote in Liguria e la dannata esiguità dei terreni disponibili
 

Cogliendo l'occasione per invitarvi domani,  venerdì 13 febbraio ore 11.45 alla conferenza stampa della Lista "PARTECIPA" che si terrà a Valleggia in via San Pietro 48 r - angolo Piazza della Chiesa- presso la sede del comitato elettorale, vi segnalo alcune inesattezze (cruciali) del vostro intervento:

1- Walter Sparso e Nadia Ottonello non appartengono ad alcuna ala del PD, meno che mai negazionista, in quanto mai iscritti a detto Partito.

2- La posizione della lista non è affatto filo-TirrenoPower, anzi aderisce ad una  posizione anti raddoppio e pro-legalità.

Per ogni chiarimento e per conoscerne esattamente le linee di programma della lista, che  si colloca all'interno del centrosinistra,  vi rinnovo l'invito a domani.

Cordiali saluti. Patrizia Caligaris

 

                                      LA PIETRA DI PARAGONE
Saranno le questioni ambientali a fare la differenza tra le diverse liste nei comuni di Vado e Quiliano. Dopo mezzo secolo di egemonia pci, anche in questi scampoli della " Stalingrado d'Italia" sembra giunto il momento della verità. Questione piattaforma e ampliamento centrale: due nodi che non si possono ignorare e che devono essere affrontati contestualmente. E se la candidata  alla carica di primo cittadino, Monica Giuliano, sembra speranzosa di convincere i suoi concittadini che la piattaforma Maersk si farà, perche' apre infinite possibilità di rinnovamento…guarda…a Quiliano l'ala "negazionista" e filo -Tirrenopower del PD rompe gli indugi e presenta  un proprio candidato, Walterio Sparso, alla carica di sindaco con la lista autonoma "partecipa", che si confrontera' con la cittadinanza venerdi' 13 c.m…leggi.
 

                                                A BOCCIE FERME! 

Non volevo entrare nel merito della vexata. Ma l’intervento del mio amico Mauro mi obbliga ad invitare quelli che leggono ad alcune riflessioni. La prima in ordine all’”amor paterno”. Per inciso, ci avete fatto caso che non si è mai parlato della madre della povera ragazza.? Io pensavo che ...CONTINUA Giacomo Rolletti
 
Ad Albenga, in cattedrale, 20 sacerdoti hanno concelebrato la Messa
             In duemila a “salutare” l’avvocato Ferrari

                  Ricordo, in lacrime, del sindaco Sappa

Tra i presenti, Antonio Ricci.  Molte personalità e gente umile. Molti i seguaci dell’Opus Dei, ma anche esponenti massoni di varie obbedienze

                                    di Luciano Corrado    

Albenga – Neppure al funerale di Angioletto Viveri, storico sindaco di Albenga, si era vista tanta gente. In cattedrale e in piazza San Michele forse duemila persone per rendere “onore”, “salutare” Gian Paolo Ferrari, l’avvocato ingauno, ex capogruppo consiliare Dc quando Mauro Zunino era sindaco, che ha dovuto arrendersi a 59 anni. Proprio oggi avrebbe dovuto essere sottoposto a trapianto di midollo osseo, al San Martino di Genova, dopo anni di sofferenze, cure, attese, speranze, delusioni.

La cerimonia funebre è stata concelebrata da venti sacerdoti, officiata da monsignor Giorgio Brancaleoni, vicario generale che ha espresso anche il cordoglio personale del vescovo, Mario Oliveri.Tra i presenti molti...CONTINUA

 

IL PROBLEMA NON E’ CHI E’ MA… PECCHE’

 Come direbbe un comico di una nota trasmissione televisiva, il problema non è chi è ma …pecchè. Esatto, perché, mentre c’è chi lotta per avere un aumento mensile del proprio stipendio di poche decine di euro, c’è chi, senza colpo ferire, si becca un aumento di ben 1000 euro al mese?

Alla faccia della tanto propagandata operazione risparmio nella pubblica amministrazione, che, di fatto, va a colpire solo i redditi minori?

È passata totalmente inosservata... non ha avuto l'onore delle pagine di cronaca locale dei quotidiani... in fondo non riguarda argomenti di grande impatto mediatico (PUC, opere pubbliche, ecc.). Trattasi una deliberazione della giunta comunale savonese che si può trovare spulciando il grigio sito istituzionale del Comune di Savona. Si tratta della deliberazione n. 6 del 20/01/2009 (...leggi) che dà un'indennità “ad personam” all'attuale dirigente del settore qualità e dotazioni urbane. Perchè questa indennità? Perchè il suddetto dirigente, peraltro in scadenza dal suo incarico, ha affrontato da solo (?) con ineguagliabile diligenza le problematiche legate all'arrivo del pontefice, all'ottenimento della certificazione ambientale da parte del comune e agli eventi meteorologici che hanno colpito il territorio comunale nel 2008. Appare logico e giusto(?) che questo aggravio di compiti debba trovare un congruo compenso in quanto non equamente risarcito dal misero stipendio da dirigente che il poveretto ha!! e allora vai con l'indennità “ad personam”, ma non  “una tantum”! noo, il meschinetto potrebbe andare ad infoltire la schiera dei nuovi poveri che non riescono ad arrivare alla quarta settimana del mese! E allora vai con una bella indennità che di fatto corrisponde ad un aumento di 1000 euro lordi al mese, alla faccia degli impiegati i cui aumenti mensili bazzicano mediamente intorno poche decine di euro lordi al mese.

Problema non è chi è ma… pecchè? pecchè questi signori capitano a noi?

 

                              IL GIORNO DEGLI SCIACALLI

Mi ero ripromesso di non scrivere nulla sul dramma della famiglia Englaro  perchè reputavo che si trattasse di una questione privata sul quale nessuno aveva diritto di mettere bocca, fossero essi prelati, invasati o politici, tutta gente che come sappiamo pensa solo a tirare l'acqua al loro mulino ed a cui della vita umana non frega un accidente.

Ma adesso che Eluana non c'è più, di fronte allo sconcio ed allo spettacolo vile interpretato da squallidi mestatori di fango sul palcoscenico di una politica sempre più becera, sento il dovere di urlare tutto il mio sdegno verso i sedicenti difensori (?) della vita umana, che non hanno ....CONTINUA  Mauro Cerulli

                                                 NON SOLO FAZIO
Ho letto i commenti del dott. Fabio Fazio: proprio Savona non gli và giù... il Nostro "Eminence" - come direbbe la Littizzetto - già tempo fa nella sua trasmissione, presente quel pilastro della conoscenza che è Teo Teocoli, si rammaricò di essere cresciuto tra Albisola e Savona invece che nella Milano del sopracitato pilastro. 

Mi sento francamente chiamato in causa come i tanti savonesi che questa città cercano di farla crescere con il loro lavoro

L'esercizio del diritto di critica (che adoro e pratico con assiduità ) deve essere seguito dalla pratica del dovere della proposta e dell'impegno. Altrimenti sono chiacchiere da bar o da trasmissione televisiva.

Vorrei quindi sommessamente ricordare al dott. Fazio che Savona è ricca di persone, idee e iniziative che magari non vengono "comunicate" ma che certamente agiscono su questo territorio e ne fanno quello che è: un gran bel posto per viverci! Gli amministratori poi ce li siamo scelti, e se non lavoreranno bene li rimanderemo a casa scegliendone altri. Lei è per caso disponibile? Le consiglio però di informarsi prima su quanto guadagna un amministratore, su che responsabilità ha e su che "budget" può contare per amministrare.. Forse il dott. Fazio dovrebbe informarsi un pò di più, andare oltre la cerchia dei suoi "valvassini", fare un salto alla bella mostra del Priamar ( veramente poco "provinciale"), andare in Pinacoteca, a Casa Jorn, ascoltare qualcuno dei tanti gruppi di ragazzi che fanno musica e teatro, fare un giro nelle librerie.... 

Caro Dottore  Lei  ci ha spiegato che Fuksas fa schifo, che Savona è solo cemento, che abbiamo perso l'occasione del centenario del Futurismo : Lei ha potere e relazioni, perchè non fa qualcosa di concreto, perchè non si "spende" per la Sua città ?

post scriptum: visto che Lei non mi conosce, se vuol sapere cosa faccio io si vada a vedere il sito www.tribaleglobale.info 

GIULIANO ARNALDI, OPERATORE CULTURALE SAVONESE

 

               CASO BOVERO:INAMMISSIBILE IL RICORSO!
Il Tar della Liguria ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato da alcuni consiglieri comunali avverso la nomina ad assessore del geometra Pietro Bovero. Come  è noto, il sindaco Giacobbe aveva sostituito 3 assessori della originaria maggioranza, dimissionari, con il Bovero che, peraltro faceva parte della minoranza consigliare. Da qui la contestazione  dei ricorrenti che eccepivano una violazione  dello spirito e della lettera della legge comunale che ha introdotto il sistema maggioritario e quindi il divieto di ribaltone.

Diverso il ragionamento dei giudici che, pur riconoscendo la novità e l'importanza della questione,hanno ragionato in modo da circoscrivere la possibilità dei consiglieri ad impugnare atti del consiglio solo nei casi di gravi violazioni procedurali a danno degli stessi.

Nella fattispecie, la nomina di Bovero non ha comportato nessuna violazione dei diritti dei consiglieri comunali.

Ammettere la possibilità dei consiglieri di sindacare la nomina di un assessore "quand'anche assunta in spregio delle norme di legge o statutarie...configurerebbe in capo a questi una sorta di azione popolare inammissibile nel nostro  ordinamento in assenza di una specifica norma legislativa".

Per i giudici, inoltre, non e' possibile estendere il collegamento tra sindaco e liste nella fase elettorale anche a tutto il successivo periodo della sindacatura, come dire che, se un sindaco può essere eletto da una coalizione, non e' detto che  non possa cambiare cavallo nel corso del quinquennio. Questa parte della sentenza appare la più debole

di tutto l'impianto, quasi a suggerire che i magistrati "in assenza di una norma che inequivocabilmente colleghi al venir meno della originaria maggioranza che lo sosteneva l'obbligo delle dimissioni del sindaco e che, del pari, sancisca l'impossibilita' di concludere alleanze con l'opposizione durante il mandato" non se  la sentono di andare oltre   temendo di essere accusati di sindacare  la politica dell'ente locale:  in questo modo rinunciano a far emergere lo spirito genuino della legge maggioritaria, che e' quello di privilegiare il rimando al voto popolare in caso di crisi della maggioranza... Leggi l'intera sentenza

IV CIRCOSCRIZIONE
ha scritto il presidente Francesco Murialdo

 Rinvio convegno su ampliamento centrale Tirreno Power
Il convegno in oggetto organizzato da questa Circoscrizione, previsto per il giorno 14 febbraio 2009 è rinviato al successivo 19 marzo sempre nella mattinata, con programma in corso di definizione. Ci scusiamo con i partecipanti. 

Con riferimento ai comunicati a firma il primo dei consiglieri di questa Circoscrizione Renzo Briano e Roberto Bozzano, l'altro a firma del biologo Virginio Fadda e dei medici Paolo Franceschi e Agostino Torcello, mi corre l'obbligo di fornire alcune precisazioni. Anzitutto non corrisponde al vero che ...CONTINUA

 

Il tribunale civile di Genova dichiara decaduto

        Pietro Oliva (Forza Italia) da consigliere regionale

(ma la sentenza non è immediatamente esecutiva e potrà essere appellata)

Genova – La quarta sezione civile del Tribunale di Genova (presidente Mazza Galanti, a latere Scirè e Veglia) nell’udienza tenutasi questa mattina (9 febbraio) ha dichiarato ineleggibile alla carica di consigliere regionale, Pietro Oliva.

E’ privo dei requisiti, ad avviso dei giudici, per essere eletto alla consultazione tenutasi il 3-5 aprile 2005, come candidato nella circoscrizione provinciale di Savona. Il tribunale  ha dichiarato Pietro Oliva – che ricopre anche la carica di assessore al Comune di Loano ed è stato a lungo coordinatore provinciale di FI - decaduto dalla sua carica di consigliere regionale. Sempre il Tribunale ha annullato, di conseguenza, la convalida dell’elezione di Oliva stesso al Consiglio regionale, avvenuta in data 7 ottobre 2005.

Il tribunale ha...CONTINUA
 

                  E' morto GianPaolo Ferrari

avvocato, ex consigliere comunale ad Albenga

L'avvocato Ferrari, tra l'altro, doveva essere sottoposto, a Genova dove era ricoverato da tempo,  a trapianto di midollo osseo nella giornata di mercoledi, 11 febbraio. Invece per quel giorno, alle ore 10, nella Cattedrale di San Michele, sono fissati i funerali.

 Albenga - La malattia che lo affligeva da alcuni anni non ha lasciato scampo. Si è spento l'avvocato Gian Paolo Ferrari. Avrebbe compiuto 60 anni, il prossimo 25 febbraio. Era iscritto all'albo dei procuratori dal primo aprile 1977 e a quello degli avvocati dall'8 aprile 1983. Si è occupato, nella sua intensa vita professionale, sia del civile, sia del penale. Seguendo migliaia di processi e di cause. E' stato per molti anni il legale di fiducia della Curia (Diocesi Albenga-Imperia). Era legato all'Opus Dei di cui faceva parte.

IL RICORDO SCRITTO DA GERRY DELFINO:

<Uomo saggio, esempio di fede, con una famiglia meravigliosa>  ---LEGGI

 

L’Associazione Carcarese “IL PONTE” denuncia  la scorrettezza e l’insensibilità dell’Amministrazione Comunale di Savona

L’Associazione Carcarese “IL PONTE”  che organizza da sei anni, con crescente successo, la manifestazione “I Campioni dello Sport”; iniziativa che ha consentito di presentare ai giovani e ad un sempre più vasto pubblico della Valbormida  prestigiosi Campioni Sportivi 

denuncia all’opinione pubblica la scorrettezza e l’insensibilità dell’Amministrazione Comunale di Savona, gravemente inadempiente per il mancato rispetto dei termini di legge relativi  all’esito della pratica, compromettendone così il buon esito, gli organizzatori si riservano ogni azione a tutela della loro onorabilità e degli interessi, compresi quelli degli sponsor ed Enti patrocinanti, palesemente ed illegalmente lesi.
                          
LEGGI IL COMUNICATO STAMPA    
 
                       L'ottimismo dei panglossiani!!
Nel Candido di Voltaire il personaggio più grottesco ed irritante  appare il precettore della fidanzata Cunegonda, il famoso Pangloss, il quale di fronte agli avvenimenti più  tragici e luttuosi che possono accadere nella vita umana, continua a sostenere che il nostro "è il migliore dei mondi possibili".

Di recente, tutta una eletta schiera savonese  di amministratori "panglossiani" si e' fatta sentire con dichiarazioni ottimistiche se non trionfalistiche sui lavori di bonifica dell'area ex Metalmetron. Dal presidente della Regione all' Assessore ai porticcioli al Sindaco…Leggetevi… che inni e che canti in omaggio al "recupero" (rectius, speculazione) di un area pilotata a tutto beneficio di imprese amiche ed amichevoli. Peccato che nessuno abbia messo in rilievo i problemi di convivenza del nuovissimo centro commerciale con la confinante azienda classificata a "rischio di incidente rilevante" ovvero sottoposta alla cosiddetta direttiva "Seveso"…leggi…la quale prevede, nel suo 3° aggiornamento, di ampliare le distanze in caso di insediamenti ad alto afflusso di pubblico e, per evitare il cosiddetto "effetto domino" , la revisione di progetti in contrasto, ovvero il trasferimento dell'impresa pericolosa. Se il Comune ha in mente quest'ultima misura, nulla quaestio, deve solo programmarne i tempi ed i modi. Se invece ritiene  di cavarsela con un timbro dell' Arpal e fare coesistere, in ambiti così ristretti, depositi altamente infiammabili ed alberghi, con il rischio concreto di incendi devastanti  per i materiali stoccati (pensate a Castorama ) allora e' meglio che se  tolga dalla testa ed incominci ad applicare le norme vigenti…leggi… sappiamo che i committenti della "casta" hanno molta fretta e che per loro il tempo e' soprattutto "denaro", così come conosciamo quanto  i nostri "amministratori" siano flessibili a fronte agli interessi privati, ma, come dicevano gli antichi,est modus in rebus!!!!

 
   DIFFICOLTA' DI ALCUNI MEDICI SAVONESI DI FAR SENTIRE LA LORO VOCE
Pubblichiamo questo commento di un nostro lettore al fine di dare possibilmente il via ad una discussione
A proposito dell’ articolo pubblicato da Trucioli Savonesi sulla difficoltà di alcuni medici savonesi di far sentire la loro voce non sottomessa al volere dei partiti e delle lobbies, vorrei fare le seguenti considerazioni...CONTINUA
 

Gilberto Costanza

Quinta puntata - Albo pretorio del Comune di Loano online Con la legge regionale n° 16 dell’8 giugno 2008 si può sanare illeciti edilizi?
Per le zone vincolate: idrogeologico e paesaggistico è consentito di presentare richiesta di sanatoria?  
Gilberto Costanza
Come anticipato in una nostra precedente puntata procediamo alla pubblicazione  degli elenchi dei rapporti ricevuti e provvedimenti emessi a seguito controllo dell’attività edilizia che mensilmente il Segretario comunale è tenuto ad inviare:  alla Procura della Repubblica...CONTINUA

 

 GUARDA ... UN MANIFESTO "QUASI ELETTORALE" CHE  AVVICINA ALLA DATA DELLE ELEZIONI COMUNALI A CARCARE.

 

Avvocato di Albenga da 8 giorni
vittima di disservizio Enel
è senza luce e senza riscaldamento:
chiede l’intervento dei carabinieri

Albenga – Accade che un avvocato ingauno, G.C. che abita nel centro storico, da otto giorni sia costretto a vivere al buio, senza luce e senza riscaldamento, perché dapprima un disservizio bancario e poi dell’Enel hanno provocato lo “stacco” del contatore elettronico. Il “call center” dell’Enel continua però a ripetere che sul loro “cervellone” l’utenza in questione risulta sospesa, ma con contestuale ordine di riallaccio in data 30 gennaio 2009.
Il legale, tra l’altro, da qualche giorno, è alle prese con una fastidiosa influenza ed era costretto ad utilizzare il “computer” di casa per sbrigare le pratiche urgenti. Ma anche questa possibilità gli è stata di fatto preclusa.
Una storia, sicuramente non comune ai cittadini-utenti, ma davvero singolare trattandosi di un professionista con la toga nella veste di vittima. Avvocati spesso chiamati a ad affrontare le controversie più singolari, le emergenze.
Ma questa volta è toccato proprio ad un avvocato combattere, fino ad oggi nella più assoluta impotenza, contro il clamoroso disservizio ed il muro di gomma di Enel. Invano, a quanto è dato a sapere, l’avvocato ha cercato di mettersi in contatto con dipendenti e funzionari Enel. Non gli è rimasto che rivolgersi alla “Benemerita”. Ultimo baluardo alla vergogna senza limiti. Qualcuno sarà chiamato a rispondere?

 
                   LIGURIA - QUATTRO IMPIANTI "FUORILEGGE"

La IPLOM di Busalla, TIRRENOPOWER di Vado Ligure, Centrale   di La Spezia  e quella di Genova  sono gli impianti industriali che sono privi dell'autorizzazione A.I.A. Questa autorizzazione obbliga gli stessi a fornirsi di un attestato in cui dimostri di aver ridotto e prevenuto le emissioni industriali in aria, nelle acque e nel suolo. Ora, Tirrenopower, addirittura, ha richiesto al ministero l'ampliamento di altre due sezioni a carbone (780w) e sta inondando la provincia di manifesti promozionali in cui si esaltano le attività benefiche e "sociali" della ditta, assicurando inoltre la cittadinanza che, con i nuovi impianti a carbone, l'inquinamento potrà solo diminuire. Certo...CONTINUA

 
da La Repubblica                        Hotel a Portofino l´ultima sconfitta 
                                      di Piero OTTONE
Portofino era un simbolo: dimostrava che in Liguria era possibile difendersi dal cemento, nonostante le sconfitte subite altrove. Adesso l´ultimo simbolo sta per cadere. I costruttori vincono sempre...LEGGI L'ARTICOLO
 
AltraSavona
IL PROGRAMMA PER LE ELEZIONI PROVINCIALI 2009
  
                                          BOVERO A GIUDIZIO!!!
Giovedi' 5 febbraio c.a si e' svolta, in sede di TAR Liguria la prima udienza del ricorso presentato da alcuni consiglieri comunali avverso la nomina alla carica di assessore comunale di Vado Ligure del geometra Pietro Bovero.

L'avv. Daniele Granara, per i ricorrenti Illarcio Enrico ed altri, ha sostenuto l'illegittimità della nomina di Bovero che, essendosi presentato alle elezioni comunali del 2004 come antagonista del candidato Giacobbe (eletto), violava con questo atto lo spirito e la lettera della legge comunale, la quale prevede che, in caso di default della maggioranza, il sindaco ne prenda atto dimettendosi per andare a nuove elezioni. In questo modo si e' eluso scientemente la norma, chiamando alla carica di assessore un rappresentante della minoranza e violando la natura fiduciaria che informa il sistema maggioritario. Per la giunta Giacobbe e' intervenuto il prof. Giuseppe Pericu, già sindaco di Genova, il quale ha sostenuto la legittimità della nomina di Bovero, appellandosi al principio costituzionale,valido per ogni carica, della mancanza di vincolo di mandato. I magistrati si sono riservati di  deliberare, si presume, nell'arco di un mese… leggi pag.19

 
                          Tutte le strade riescono col buco
Alessandro Parino
comunica di avere lanciato la Campagna "Tutte le strade riescono col buco" al fine di realizzare un dossier fotografico sulla cattiva situazione delle strade cittadine, dissestate e piene di buchi.
 Tale situazione rappresenta un pericolo continuo per i motociclisti, i ciclisti, e fonte di fastidi per gli automobilisti, oltre che essere ovviamente un brutto biglietto da visita per la città.
Tra poco sarà votato il bilancio cittadino che prevede voci di spesa assurde, quale ad esempio il campo da hockey su prato per cui è stato stanziato un milione di euro: appare assurdo che la priorità invece non sia data alla risistemazione delle strade cittadine.
La Campagna "Tutte le strade riescono col buco" vuole essere realizzata mediante foto scattate dai cittadini,che possono inviarle alla mail alessandroparino@hotmail.com
A breve sarà anche realizzato un gruppo tematico su facebook.
 
da LA STAMPA

                  Il veleno nel mare delle vacanze
In Liguria via al processo alla Stoppani. La fabbrica è chiusa, il cromo c’è ancora...
LEGGI  di Ferruccio Sansa

 
IL LETIMBRO

Le anticipazioni dal “Letimbro” di febbraio

 
Abbandoni di rifiuti rinvenuti in località Campochiesa di Albenga (SV). Una vasta area che si è trasformata in una vera discarica di rifiuti a cielo aperto in un’area naturale con macchia mediterranea...LEGGI

Incarichi di prestigio: dalla Merloni a Tecnogas, da Finmeccanica a Carige, dall’Autofiori all’Aeroporto, dalla Camera di Commercio a “Porto Imperia

               Quel “principe” all’ombra del ministro
          Mandatario, tesoriere, commissario straordinario 

(Montaldo, carriera di un commercialista di provincia, ex sindaco anticemento
)
                                                 di Luciano Corrado

Laigueglia – Silvano Montaldo, 51 anni, scapolo, è stato un apprezzato sindaco della cittadina che gli ha dato i natali, ma non sono molti a sapere che è diventato uno degli“uomini d’oro” del “rais” di Liguria, Claudio Scajola.
Il commercialista, laureato a pieni voti, è da una decina d’anni tesoriere regionale di Forza Italia; committente e mandatario elettorale del più volte candidato al Parlamento, Claudio Scajola.
Montaldo, cittadino impegnato in politica e nella pubblica amministrazione, da qualche anno
“l’uomo di fiducia” al quale affidare incarichi professionali importanti e delicati, a livello locale, regionale, nazionale.
“Lobbisti”, “squadra di fedelissimi”, “maghi dei grandi affari”? Forse esagerazioni poco appropriate per chi si è conquistato sul campo, con la meritocrazia, ruoli fiduciari, di prestigio. Nel pubblico e nel privato. Ci sono incarichi “gratuiti”...
CONTINUA

 

Loano, ultimo giorno di lavoro, a 86 anni. Una vita tra stalle, mattatoio, ambulatorio, macellerie. E’ stato anche segretario cittadino del Psi
Il veterinario Marconi,
a riposo, dopo 60 anni

Un personaggio colto, disponibile ad ogni ora, testimone di un’epoca

Loano – Ha lasciato, a malincuore assicurano gli amici, a fine anno. Non si presenta più, c’è un vuoto, in quello che è stato il suo ultimo ambulatorio, a levante della città, a pochi passi dal quel “macello comunale” (demolito) dove ha dedicato una vita.
Lascia una figura eccezionale, di uomo e di professionista, di umile servitore dei cittadini. E’ Adriano Marconi, classe 1923, due figlie...
CONTINUA

 

                          IN GUERRA, PIU' BALLE CHE TERRA!!!
Proverbio che si adatta benissimo anche alla crisi economica che stiamo attraversando e che vede istituzioni pubbliche e private in una nobile gara per smarcarsi e dare la colpa  di tutte le sventure agli "altri".
Prendiamo l'intervista degli industriali che pure ha il merito di far testimoniare due personaggi che non possono certo dire che non hanno visto ne' sentito. Ebbene,la facile ricetta dell'associazione ...CONTINUA

 

FRANCA GUELFI RISPONDE AL PRESIDENTE DELLA CROCE ROSSA DI VADO
Leggo solo ora l’intervento del Presidente Baldini  poiché non frequento la rete; ecco perché i miei interventi sono sempre molto stringati: sono scritti per gli esigui spazi che concede la carta stampata e poi riciclati in ritardo online. Oggi invece scrivo in rete per poter rispondere al Presidente...CONTINUA

 
Il  Comitato Amare Vado, ha aperto il proprio sito all'indirizzo www.amarevado.it , potrete prendere contatto con loro,  leggere tutti i documenti, guardare i filmati delle loro attivita' e soprattutto interagire, segnalando problemi che vorreste
vengano affrontati e situazioni sulle quali vorreste porre l'attenzione dei vostri concittadini o degli amministratori. Il sito è "In progress" per cui molte parti sono ancora allo stato inattivo, ma ci stanno lavorando su alacremente  perchè credono  fermamente che la comunicazione sia uno dei punti forti della loro attività. Aspettano le vostre visite e i vostri interventi .
 

                                     CI HA SCRITTO LA CROCE ROSSA  DI VADO LIGURE
Dato che tra le peculiarità della sig.ra Franca Guelfi spicca il “coraggio”, Le vorrei dire che, seppure iscritta tra i soci attivi di questo Comitato Locale CRI nella S, la propria opinione sezione Femminile, il suo “coraggio” non Le ha mai permesso di dare attività, non Le ha mai consentito di partecipare alle assemblee dei soci attivi, quale Lei è, dove si decidono non solo l’aspetto economico, ma anche tutte le iniziative da intraprendersi, come non Le ha permesso di esprimere la propria opinione  qui in sede, prima che sui mass-media, “” LA MIA REAZIONE NON E’ CERTAMENTE SEGUENTE ALLE SUE FARNETICANTI AFFERMAZIONI ANIMATE SOLO DA MALAFEDE E OPPORTUNISMO POLITICO, MA BENSI’ TESE A PRECISARE OBIETTIVAMENTE LE SCELTE DELLA CRI DI VADO...pertanto non si esalti come è suo costume. Le ricordo che, mantenendo il Suo atteggiamento culturale, con il criterio con cui mi attribuisce del “politico” potrei affermare di Lei “qualsiasi cosa”, ma non mi appartiene tale modo di pensare ed agire. Le ricordo ancora, sempre seguendo il Suo percorso di logica, oltreché dei suoi fans, che assieme a questi Volontari (quelli che operano materialmente) non aspetto altro che altri ci sostituiscano ….così potremo finalmente farci solo i fatti nostri e non trascurare famiglia, lavoro, vita privata e annessi e connessi interessi per cercare di aiutare gli altri, seppure con i nostri limiti umani, e non a lavarci la coscienza criticando tutto  e tutti seduti su una comoda poltrona!!!!!! Invece Le dico e dico a tutti, anche a quelli che come Lei, che sono una ridicola minoranza impegnata per squallidi fini politici a screditarci o perché animati da sola malafede e assenza di spirito di solidarietà che, per esempio, quando portiamo il calendario ci dicono che non hanno bisogno di noi, DICO CHE CONTINUEREMO A FARE IL NOSTRO SERVIZIO DI PRIMO SOCCORSO E TRASPORTO INFERMI PER TUTTI I CITTADINI VADESI E NON, COMPRESI LEI E I SUOI ADEPTI, PERCHE’ QUESTA E’ UNA NOSTRA SCELTA CIVILE CHE NON RIVENDICHIAMO, MA CHE E’ ALTAMENTE GRADIFICATA DALLA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEI NOSTRI CONCITTADINI. Con affetto, Pierangelo BRUNO

 

                                   IL SINDACO DI URBE  LANCIA L’ALLARME NEVE  

Maria Caterina Ramorino, sindaco di Urbe, denuncia il disinteresse delle Istituzioni sulla sorte dei nostri CITTADINI che sono sotto la neve da tre mesi.

Speravo in una visita o almeno in un interessamento del PRESIDENTE della Regione BURLANDO, che constatasse di persona la gravità della situazione dovuta alle abbondanti nevicate. Anche questa volta ci sentiamo abbandonati. 

                                   Maria Caterina Ramorino

 
La Corte dei Conti sotto controllo: la denuncia di Gian Antonio Stella

                                                               In partenza per Alassio"
                                                          Arriva Maria Teresa Scajola

Alassio - L'appuntamento, da non perdere, preceduto da tanti inviti via Posta "ad personam", come si addice ad un avvenimento e ad ospiti importanti, è fissato alle 16,30 di venerdì, 6 febbraio, presso la Sala d'Aspetto 1° Classe Stazione Ferroviaria di Alassio
Il convegno ha per titolo "In partenza per Alassio", coordinato dalla professoressa Maria Teresa Verda Scajola (moglie del ministro), con relazioni di Domenico Astengo, Giulio Fiaschini ("Il Treno blu"), Franco Rebagliati ("La linea ferroviaria Genova - Ventimiglia e la stazione di Alassio"). L'introduzione ed il benvenuto da parte del dott. arch. Marco Melgrati, sindaco di Forza Italia di Alassio, della dottoressa Monica Zioni, assessore alla Cultura e al Turismo, della professoressa Patrizia Ghigliazza, capo delegazione dei Fai (Fondo Italiano per l'Ambiente) Alassio - Albenga.
L'iniziativa, ricorda l'invito, vede la collaborazione delle Ferrovie dello Stato. Inoltre le relazioni saranno accompagnate dalla proiezione di diapositive d'epoca. L'ingresso è libero e, in considerazione dei personaggi presenti, si prevede un massiccio afflusso di cittadini provenienti da tutta la Riviera, da qui il consiglio di anticipare l'arrivo per non restare fuori dalla sala.

 
             SIAMO SU SCHERZI A PARTE, VERO?
Su un noto sito internet savonese e' apparso, oggi 4 febbraio 2009 l'attore comico genovese  Maurizio Crozza, travestito da assessore all'urbanistica del comune di Savona, il quale, nel corso di una serie irresistibile di gags, ha annunciato la decementificazione di Legino e della parte a mare tra Zinola e la foce del Letimbro ...leggi

Quanto al "Crescent" sarà presto trasformato in  "decrescente", nel senso che gli verranno mozzate le ali, per ampliare  il parco pubblico attorno al Priamar. Su Piazza del Popolo, il bravo imitatore ha precisato che non sarà elevata nessuna torre, ma edifici  compatibili col grande parco urbano previsto nell'area dell'attuale parcheggio. Il comico ha poi lodato questa inversione di tendenza "anticemento"come un portato non solo della crisi economica che sta abbattendo il mercato immobiliare, ma anche della sua frequentazione del centro culturale "il maestrale", dove ha toccato con mano la "conversione"  ambientalista di autorevoli esponenti del partito democratico come Burlando e Ruggeri.

 

Urbanistica (in agguato) ad Alassio
WWF scrive all'avvocato Oddino

Al momento ancora nessun riscontro dall'amministrazione comunale...LEGGI

 

                                    VIVA LO SBARRAMENTO!!!
La notizia che la legge elettorale per il parlamento europeo ha introdotto una soglia di sbarramento del 4% non può che essere condivisa. Se fosse  stata già vigente, non avremmo visto eletto, per esempio, un personaggio come questo… guarda...che è tra quelli che hanno sulla coscienza i fatti di Genova del luglio 2001, con i lutti e le violenze che li hanno contraddistinti.

Questo signore, dopo aver esercitato il mestiere di arruffapopoli e demagogo, si e' goduto un quinquennio (che sta per scadere) nelle dorate stanze di Strasburgo, con uno stipendio lordo di circa 150 mila euro, rimborsi esclusi (Salvi-Villone, il costo della democrazia). Con la nuova legge, la cuccagna, per lui, sta per finire, e per concluderla in bellezza non  ha trovato di meglio che partorire alcune interpellanze, vedi elenco, che dimostra fino in fondo la qualità del suo impegno politico.

Altri personaggi, di opposti movimenti, caratterizzati da sentimenti razzistici la cui volgarità non e' definibile, purtroppo non saranno congedati e continueranno ad essere la vergogna di un consesso che dovrebbe rappresentare il meglio delle istituzioni europee. E' un vero peccato che lo sbarramento non penalizzi la bassezza dei sentimenti di codesti individui che hanno un così scarso coefficiente di dignità  politica e personale.

 

PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE
Questa mattina il consiglio regionale ha approvato il piano energetico ambientale regionale.
Grazie alla collaborazione della minoranza si e’ riusciti a migliorare in maniera significativa l’originaria impostazione del documento approvato dalla giunta nel giugno scorso
....CONTINUA...  di Matteo Marcenaro 

 

           CRI - Tirreno Power - sponsorizzazione contestata
Nel suo intervento  il Sig Baldinileggi afferma che "campeggiano nei manifesti oggetto del contendere, anche i marchi di altre associazioni altrettanto meritevoli e non citate come, per esempio, l’Auser.
L'Auser Savona (Associazione per l'Autogestione dei Servizi e la solidarietà)... è nata nel 1989 in tutta Italia su iniziativa dello... SPI (Sindacato Pensionati Italiani)... Il segretario generale dello SPI Liguria è Anna Giacobbe, ex segretario regionale della CGIL e sorella di Carlo Giacobbe (Sindaco di Vado Ligure).
L'impressione che se ne ricava è che, nonostante le prese di posizione ufficiali, i politici locali continuino ad appoggiare le richieste di Tirreno Power.
Anna Maria Caviglia
 

            COMUNICATO STAMPA  Franca Guelfi (VIVEREVADO)
Noto con piacere che la mia nota comparsa domenica scorsa sui quotidiani ha colto nel segno: non si spiegherebbero altrimenti le reazioni del Presidente Bruno e del Sindaco Giacobbe, sdegnate e fuorvianti. Occorre quindi che io sia più chiara. Concordo...CONTINUA

 

                                PECUNIA, NON OLET!!!
Il denaro non puzza, pare dicesse l'imperatore romano Vespasiano che aveva introdotto una tassa sugli orinatoi pubblici, all'esterrefatto figlio Tito, che non approvava un balzello siffatto.

Questo ci ripete l'esimio Presidente Provinciale della Croce Rossa italiana, scandalizzato che qualcuno metta in dubbio l'opportunità che la sua associazione presti il suo logo alla Tirrenopower, centrale a caccia di consensi onde aumentare la potenza e l'inquinamento  della provincia…leggi…Il sig.Baldini non coglie nessuna contraddizione tra il suo benemerito sodalizio  e la campagna pubblicitaria suddetta; non si chiede, per esempio, perche' la sua "croce" sia l'unica presente, pur non essendo l'unica sul territorio.

Noi, per esempio, ci chiediamo perche' non ci sia la "verde" o la "bianca" che avrebbero egual titolo a comparire sul manifesto. Forse, interpellate, hanno negato il consenso? Invece di accusare chi si lamenta della faccenda, perche' non si informa , dall'ordine dei medici provinciale, degli effetti deleteri per la salute che provocherebbero le emissioni  della combustione a carbone? Perche' non chiede agli specialisti in pneumologia che da anni conducono una strenua battaglia contro questo gigantesco mostro fumante, la documentazione scientifica disponibile in larga misura anche in italia? Perche' non si rivolge all' IST di Genova, procurandosi le ultime tabelle che registrano l 'impennata di tumori e malattie cardiache provocata dalle microparticelle? Tutti questi discorsi, al nostro, non interessano piu' di tanto: gli preme solo far sapere che la sua organizzazione non si schiera ed e' neutrale. Certo, come Ponzio Pilato!!!!! Anche lui non sentiva puzza di strumentalizzazione, proprio come il sullodato che, forse, ogni tanto, una puzza di zolfo non può negare di averla sentita!!!

 

 

Diciottesima  puntata - COME NON SI AMMINISTRA LA COSA PUBBLICA A LOANO
Il Sindaco Vaccarezza ironizza sui “caffè” e non risponde ai Consiglieri, alla cittadinanza! Vorrebbe aumentare l’ICI oltre al massimo previsto, “dice e non dice” su l’esternalizzazione del servizio raccolta rifiuti, critica chi si rivolge ai giornali e disquisisce sul costo-contatto...CONTINUA

 

                "A foa du bestentu, che a dua lungu tempu" 

Anche qui nel Savonese, si sta approssimando l’ennesima tornata di rinnovi amministrativi….. 

Certamente il cittadino, oggi più che mai preoccupato dalle nuove contingenze, spera che l’ora delle promesse sia finita e aspira a sentirsi proporre obiettivi realmente e concretamente raggiungibili.

Penso che il Paese sia ancora disponibile a sacrifici, purché questi abbiano ritorni concreti e verificabili tempo per tempo.

 "Questa a l’è a foa du bestentu, che a dua lungu tempu": quando ero bambino mio nonno mi ripeteva spesso scherzosamente questa filastrocca in dialetto, di lì a qualche anno avrei cominciato ad ascoltare da politicanti in cerca di voti l’immutata ed immutabile litania pregna di lusinghe riguardo ad annose questioni, con cui sono cresciuto e sto invecchiando: Aurelia Bis, traffico, parcheggi, smaltimento dei rifiuti, turismo in crisi, speculazione edilizia, riqualificazione aree industriali dismesse…tanto per citarne solo alcune. 

Che dire, dopo aver seguito sin da ragazzo con interesse e passione le campagne di candidati, partiti e liste civiche, devo dire che questa volta - a più di quarant’anni suonati - la tentazione di lasciare perdere è forte, anche se alla fine probabilmente sentirò ancora il dovere di turarmi il naso…. 

Non ho più voglia dei soliti vacui discorsi e mi viene pertanto spontaneo consigliare a tutti coloro che vedremo – speriamo animati da nobili fini - scendere nell’agone elettorale di documentarsi su come problemi analoghi ai summenzionati vengono, efficacemente ed in tempi ragionevolmente brevi, affrontati e risolti in generale all’estero, spesso anche in talune lande, che personalmente ho avuto il piacere e l’onore di visitare per lavoro, qui da noi con sufficienza classificate: “terzo mondo”.  

Antonio Rossello

 
2° cimento contro il cemento (le foto)
 
La prima parte del programma elettorale:
il "Manifesto Politico Altra Savona"
 

                                     CLAMOROSO:TUTTI FUORI LEGGE!!!
Il commissario europeo all'ambiente Stavros Dimas ha messo in mora, con formale lettera di diffida,10 stati membri che non hanno rispettato la norma di qualità dell'aria che l'unione europea ha  fissato per le microparticelle pm 10. Tra di esse anche l' Italia, dove le competenze sono suddivise tra regioni, province e comuni. La regione Lombardia si chiama fuori, dichiarando di essere in regola.

Incerta la posizione della Liguria, delle province e dei comuni della Regione. Gli esposti depositati dai comitati per l'ambiente e dagli ordini dei  medici presso le procure stanno per avere nuovo impulso? Il caso delle centrali termoelettriche e delle centraline "inesistenti" in provincia di Savona.

Esultano gli ambientalisti. Le dichiarazioni ufficiali del commissario l'ambiente: "l'inquinamento ha gravi ripercussioni sulla salute ed il rispetto delle norme deve essere la nostra massima priorità." …leggi il testo integrale del comunicato .

 

                                        ATTENTI AL GORILLA!!!
Significativa intervista al neo presidente dei terminalisti, Clerici. L'ente porto di Genova e' ingessato dai veti reciproci, ma Savona, se apre alle multinazionali scava la fossa a tutto il sistema .

Ecco a chi si riferiva il superpresidente Canavese  che abbiamo riprodotto. La concessione alla Maersk, un  suicidio per la portualità savonese e ligure...leggi.

 
INDIGNAZIONE PER  LA COMPARSA DELLA CROCE ROSSA VADESE SUI MANIFESTI DELLA TIRRENO POWER
E’ sotto gli occhi di tutti la campagna con cui Tirreno Power sta pubblicizzando il suo progetto di potenziamento della centrale termoelettrica (Aumentiamo l’energia, abbassiamo le emissioni) e il suo impegno sul territorio (la Passione per lo sport). Conosciamo bene a Vado le logiche imprenditoriali che ...CONTINUA
 
Ricerca personalizzata
Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi e delle opinioni in essi contenuti

LEGGI GLI INTERVENTI DI GENNAIO