LINKS

SCRIVICI
o telefonaci: 3468046218

MAILINGLIST

ARCHIVIO




















<
 
 da l' archivio de
"La Repubblica"
TUTTI GLI ARTICOLI DI MARCO PREVE
TUTTI GLI ARTICOLI  DI LUCIANO ANGELINI
"IL PARTITO DEL CEMENTO"
  A Sanremo il 17 settembre ore 17.30
www.truciolisavonesi.it
è in ferie, ma puoi consultare l'ARCHIVIO per leggere notizie e interventi da tutta la provincia. Commenti, opinioni, racconti, poesie
 
GUARDATE QUESTE 14  FOTO DI CORNIGLIANO DA "LA REPUBBLICA".
E IMMAGINATE COME SARA' IL FUTURO DI VADO LIGURE CON LA PIATTAFORMA
 

Prima puntata – Come non si amministra la cosa pubblica
              LOANO - Angelo VACCAREZZA.

            Il classico interprete negativo del Potere!
                                  di Gilberto Costanza
Sono stati immessi online sul sito www.comuneloano.it i verbali del Consiglio comunale tenutosi il 6 agosto 2008 alle ore 12.00

e, come prevedibile, il comportamento del Sindaco di Loano Angelo VACCAREZZA è stato: arrogante, presuntuoso ed irrispettoso dell’intera  collettività loanese; sicuramente dei tanti loanesi che non hanno inteso riconfermare l’elezione a Sindaco di Angelo VACCAREZZA per il suo criticabile modo di amministrare la “cosa pubblica”. Ecco, in sintesi, la discussione sui punti all’ordine del giorno...CONTINUA
 
VASCONI
DANILO BRUNO

A.A.A. CERCASI CANDIDATI VERDI PER ELEZIONI PROVINCIALI
Ai verdi liguri sta sempre più stretta la posizione in Regione, da un lato sono “costretti” a stare in maggioranza, dall’altro approvano pochissimo le decisioni in materia ambientale della Giunta Burlando; la scusa che ostentano a chi gli contesta la loro posizione e cioè quella di restare in maggioranza perché altrimenti vince la destra, non convince più nessuno e sono preoccupati di perdere consensi.
Per questo a Savona sembrano decisi ad andare alle elezioni Provinciali da soli.
Naturalmente si comincia a fare i primi nomi di eventuali candidati; chiaramente il nome più gettonato è quello del consigliere regionale Carlo Vasconi, ma molte chance le hanno pure Marco Brescia e Danilo Bruno. Quest’ultimo è stato il verde che più si è dato da fare, soprattutto contro la privatizzazione dell’acqua, per questo è in pole position per una eventuale candidatura a Presidente anche se, gli ambientalisti più intransigenti, gli contestano il fatto che sua moglie collabora con l’assessore Filippi al piano dei rifiuti

 

                 Roberto Peluffo -  L'intervista e le amnesie
Ho letto con estremo interesse l'intervista rilasciata dall'assessore alle attività produttive Roberto Peluffo e vorrei fare alcune osservazioni.
L'intervista, concordate le domande, è apparsa sulla pubblicazione ufficiale della Provincia di Savona N°3 Anno 1° Agosto 2008.  Dopo il titolo "Industria, PMI e turismo il patrimonio su cui investire"
una domanda  doveva sorgere spontanea: come si può cercare di far coesistere industria, PMI, turismo nello stesso luogo?

Poi alla 4°domanda: "Il progetto che vorrebbe fosse realizzato subito?"
L'assessore, in sintesi, risponde: 1° Ferrania - 2° Riutilizzo aree ACNA - 3° trasferimento Piaggio - 4° Piattaforma portuale.
Come mai la Piattaforma portuale è stata messa in quarta posizione? Eppure è una sua creatura, anche se agli inizi era decisamente contrario  nonostante i 2000 posti di lavoro promessi, successivamente il suo NO è diventato un NI e  poi un SI’ con i posti di lavoro scesi a 200. E la Cittadella dello sport?  Doveva essere uno dei paletti per la realizzazione della Piattaforma. Credo che l'assessore abbia un po’ le idee confuse sulle problematiche riguardanti il turismo, comunque, siccome il sindaco di Millesimo è interessato a realizzare il progetto della cittadella nella sua cittadina, i Portovadesi saranno i primi a visitarla, logicamente accompagnati dal dott. Carlo Giacobbe.
CICCIONE Riccardo
 
            Una bella festa per l’uscita di Campagnolo dal Comune
E’ una bella tradizione in molte aziende quella di festeggiare chi, dopo anni di servizio, lascia l’azienda.
Nel caso dell’Arch. Campagnolo alla bella festa dell’ufficio e del Comune si deve unire tutta la comunità savonese.
Molti sono quelli che hanno potuto valutare le qualità del festeggiato e, per quelli che non l’avessero conosciuto ripropongo alcuni suoi interventi particolarmente significativi.
..
....Facciamo festa all’Architetto che se ne va e diamo il benvenuto ad un nuovo Dirigente dell’Urbanistica; la buona amministrazione richiede che sia scelto per concorso pubblico e trasparente e non con chiamata diretta; invece voci maligne e malpensanti ipotizzano l’arrivo di un funzionario di Vado di evidente fiducia della Casta savonese.
                    ...LEGGI TUTTO L'INTERVENTO DI ROBERTO CUNEO
 
Il savonese tra mafia, furbetti, affari e speculazioni
 
             PORTO, FERROVIE, FARISEI!!!!
L'amministratore delegato FS Mauro Moretti gode fama di duro e la sequela di licenziamenti che distinguono la sua gestione in questi mesi, ne fanno fede. Lo circonda un'aura di grande lavoratore, con esperienze sindacali nella CGIL e poi a livello manageriale in vari enti pubblici…leggi… Uomo di sinistra, vicino al PCI e poi ai DS, nominato dal governo Prodi, non ha peli sulla lingua e quando  sbotta in certe affermazioni, state tranquilli che non avviene per caso. Volete un esempio recentissimo?

Al meeting di Rimini, ospite di CL ha lanciato la provocazione di un porto unico che unisca Voltri a Savona-Vado…leggi… Gli argomenti addotti  non fanno una grinza, sul piano  della logica formale. Come si può voler competere con i porti del Nord Europa, essere lo scalo contenitori della Cina per il sud-europa, con una situazione sbriciolata e caotica come quella attuale, dove ci sono inframmittenze continue tra porto, industrie e abitazioni, con comuni che vivono di turismo e di seconde case?  Occorre una diga foranea lunga 20 km ed un porto finalmente all'altezza, sul piano dei collegamenti, con le ambizioni di scalo europeo.

A questo punto, un coro di ipocriti si e' levato dalle istituzioni liguri, Burlando in testa, seguito dal Presidente del porto di Genova. Una proposta come quella di Moretti, hanno pensato, ci farebbe perdere un sacco di voti, in paesi come Varazze, Celle, Arenzano, Cogoleto, le Albisole, la stessa Savona, Vado Ligure, comuni  dove non è fruttuoso porre la alternativa secca tra vivibilità e porto. Meglio continuare con la politica del carciofo, che consiste nel convincere gli abitanti di Voltri, Vado, ecc. che le piattaforme, i tombamenti, il supertraffico di camion, sono compatibilissimi con le residenze, anzi con lo stesso sviluppo turistico. Non e' stato forse costruito un bellissimo porticciolo in quel di Sestri Ponente? Non vi e' forse in discussione lo splendido progetto di Fuksas  alla Margonara? E nella tanto discussa piattaforma di Vado Ligure, non esiste forse un disegno di grande rinnovamento urbano che fungerà da  separazione  tra abitazioni e scalo contenitori?

Questi gli argomenti  farisaici  che i fautori dello sviluppo incompatibile hanno opposto alla  cruda verità di Moretti.

E, per concludere, il Presidente del Porto di Genova (assente, che peccato, quello di Savona) ha richiamato tutti al realismo, dote spiccata della casta che ci malgoverna:  "i progetti di Moretti sono da ambizione cinese. Ricordo che a Voltri e' stato stoppato l'ampliamento del porto e che sull'uso dello smarino per i tombamenti c'e' il no del governo". Giusto, meglio continuare a frodare i cittadini, derubandoli dell'ambiente, piuttosto che accettare le amare verità di Mauro Moretti.

200.000 voli per la spagna da 35€ tutto incluso!

              Cemento Savonese      GIULIO SAVE
Al di là delle battute più o meno riuscite, e quando sono davvero riuscite non hanno affatto bisogno di essere puntigliosamente spiegate e corrette e ri-corrette e ri-spiegate, la cementificazione su cui tanto si discute, si protesta, si ironizza, è supposta o è reale?

I dati, con la loro inscalfibile indifferenza al valore del significato che racchiudono, qualcosa a questo proposito ce lo dicono...CONTINUA

Vola (quasi) Gratis!
              Cattivi maestri al comizio di Berlusconi?
Lettera aperta a Nicolick, Bracco, Bellasio
Scrivo queste righe riferendomi a quanto leggo su La Stampa di oggi 28 agosto in merito alla resistenza che alcuni dei giovani indagati avrebbero opposto all'ordine di disperdersi durante la contestazione al comizio di Berlusconi (peraltro non ancora presente non solo sul palco ma nemmeno ancora giunto nella nostra città).Il sottoscritto era presente anch'egli a pochi metri da dove è successo il fatto....CONTINUA    Giorgio Barisone
GULLIVERTOWN - il bello di leggere a metà prezzo!

                     PROGETTO MARGONARA
Apprendo oggi dai giornali che: al progetto della Margonara mancano viabilità e passeggiata e a sorpresa compare una cospicua presenza di edilizia residenziale. Se la situazione è questa il progetto va bocciato. Non sono contrario a priori ad ogni intervento edilizio ed in particolare ho seguito con attenzione e non senza qualche preoccupazione il progetto relativo alla zona della Margonara e l'impegno a risolvere contestualmente se non prima il problema della viabilità fra Savona e Albissola era chiaro e fondamentale. Se non si offre una valida soluzione alla viabilità non è possibile pensare di realizzare un tale intervento, soprattutto se in più si aggiunge un intervento di tipo residenziale. Il CEDA spera vivamente che le forze politiche di maggiorana e di opposizione non tradiscano lo spirito degli ordini del giorno approvati nel marzo 2008.
UGO GHIONE CEDA (Comitato Ecologico Difesa Ambientale
)

Vedi tutti i prezzi piu' bassi su Cartucce Stampanti
 "BETONIERE ROVENTI " Vignette satiriche di Tiziano Riverso  ispirate ai personaggi del libro " IL PARTITO DEL CEMENTO
 

                   LOR SIGNORI, MI CONSENTANO!!!
Tornato da poco nel buen ritiro di Torre del Mare, il segretario archeologo del PD, mentre stava riposando  nell'ombroso giardino della sua villa, ha ritrovato, nella sua agenda, un nome, che, per oltre 1 mese, era riuscito a rimuovere: FERRANIA.

Le ultime puntate della telenovela ci hanno lasciato in sospeso, come tutte le soap opera che si rispettano. All'improvviso, Gavio e Malacalza, due big della nuova Ferrania, si sfilano dalla società, lasciando il tutto nelle mani dei fratelli Messina, armatori di professione. Causa della lite: insanabili disaccordi sul progetto di laminatoio.

Dopo pochi giorni, l'ineffabile Malacalza, dichiara alla stampa, che, per quanto lo riguarda, il progetto rimane valido.

Tutti si aspetterebbero, a questo punto, una levata di scudi della classe politica di centro-sinistra, invece, eccetto un sospiro dell'assessore provinciale Peluffo, tutto tace e  il silenzio continua per tutto agosto, salvo questa declamazione del segretario PD…leggi… che chiede, udite, udite, al presidente Burlando lumi e decisioni per fare chiarezza sulla questione, anche perchè il solerte Canavese, Presidente del porto, ha già bandito un appalto per la nuova banchina del  laminatoio e non vorrebbe rimanere col cerino in mano.

In sostanza, perche' il giovane archeologo chiede ad alta voce ciò che può sapere in virtù di partito?  Vuole forse precostituirsi un alibi, in attesa che si consumi il 2 "fallimento perfetto" della recente storia industriale del savonese? Vorremmo tanto saperlo! Nella nostra ingenuità crediamo ancora nel primato della politica, così come il nostro giovane amico. Il quale sa anche, e lo dimostra il suo tono garbato, che certe domande non sono  gradite se suscitano troppo baccano: siamo sempre in presenza di...lorsignori!!!!

 

          VARAZZE. E…boom: il bubbone è scoppiato.
                           Era tutto vero; anzi di più!

Non voglio pensare che quanto adombrato ieri su questo blog abbia provocato le dichiarazioni dell’on.Busso. Però, guarda caso, il giorno dopo arriva l’ammissione di un incontro e le solite esternazioni del personaggio circa il bene fatto al paese e i denigratori che gli sono contro per principio....LEGGI

Nessuno mette in dubbio che tra un’amministrazione comunale di sinistra e la regione di centrodestra possano, anzi debbano, esserci dei contatti finalizzati alla migliore gestione della cosa pubblica.
Questo poteva accadere durante gli anni in cui il Battista Busso era sindaco e la Regione era amministrata dal centro-destra.
Però oggi a Varazze c’è un’amministrazione di sinistra con un vituperato personaggio, dimissionario, che contatta, non la regione dello stesso colore,  ma un senatore della fazione opposta.
La cosa di per sé ha poco senso; se non fosse che quel vituperato personaggio è in forte calo di popolarità e cerca appoggi dall’altra sponda per potersi ricandidare visto che dalla sua parte ci sono troppi galletti alla partenza della gara. Pensiamo a sforzi inutili e controproducenti. Ma il futuro riserva spesso sorprese.   G.Rollett

 

CERIALE:  RINVIATO IL CONSIGLIO COMUNALE!
La paura fa novanta, in quel di Ceriale. La manifestazione della Casa della Legalità, prevista per oggi, 26 agosto, ha indotto la maggioranza di centro destra del sindaco Fazio, a spostare la data del consiglio in cui si darà a mister Nucera Andrea il via libera  per la lottizzazione di cui abbiamo parlato con "abbondanza" di particolari sia noi sia il nostro osservatore strategico, Luciano Corrado.

Solo un rinvio tecnico, sia ben chiaro. Ci riproveranno quando la tensione si sarà allentata. E', quella di Ceriale, una giunta di sani ed onesti principi, pensate che ha votato questo bel documento, che farebbe onore a qualsiasi amministratore pubblico, di qualunque parte politica!!!!...Leggi.

 
                   GLI OTTIMISTI DEL "MATTONE"!!!
Ce ne vuole di ottimismo per investire nel mattone, in quel comune chiacchierato che si chiama Vado Ligure! Dopo l'albergo di Porto Vado, che rappresenta un inno a favore del turismo e del suo sviluppo, non solo crocieristico, della frazione, quasi un voler smentire, coi fatti, le torri di contenitori che  la giunta auspica, ecco un'altra bella notizia…leggi... Il palazzo di 6 piani e' previsto dopo il vecchio campo "delle traversine", in un'area artigianale dove operava  un riciclatore di mobili navali.
Siamo fronte mare, all'altezza di numerosi stabilimenti balneari.

Certo, in prossimità di un campeggio per roulotte e camper, che d'estate creano un certo affollamento.

Quel che appare, lato spiaggia, non contempla alcuna piattaforma sullo sfondo, bensì esili pontili che non occludono il paesaggio sino al faro. Lato monte, troneggiano le due ciminiere Tirrenopower con la massiccia fortezza degli impianti di combustione. In fregio, sempre a monte, il nodo ferroviario.

L'appetibilità degli alloggi e' quindi legata alla vista mare: se il costruttore e' informato e ritiene di  piazzare gli alloggi sulla carta, utilizzando gli anticipi, questo esprime  un ottimismo che fa il paio con quello suscitato dal nuovo albergo!!!!

 
Confederazione Italiana Esercenti del Commercio, del Turismo e dei Servizi...
Stop al prezzo: prosegue l’impegno dei commercianti aderenti all’iniziativa regionale
 

             LA BELLA NOTIZIA CHE NON FA NOTIZIA ?
                 VADO, IL “GRAND HOTEL SABATIA”

               AVVENIMENTO STORICO E NON SOLO

Vado Ligure – L’inaugurazione è dietro l’angolo. Tutto e pronto. Il nuovissimo albergo è ormai una realtà. Cliccando su www.grandhotelsabatia.it  navigatori, lettori, potenziali turisti e clienti, mondo del business, troveranno la bella sorpresa, con particolari e descrizione. Vado Ligure potrà fregiarsi del suo primo grande albergo, degno di questo nome.

Senza risalire alle origini vadesi (secondo secolo avanti Cristo), l’hotel ha copiato parte dell’antica denominazione Vada Sabatia, patria dell’imperatore romano  Publio Elio Pertinace (193 d.C.).La nuovissima struttura che si affaccia sul mare ...
                    ... LEGGI TUTTO L' ARTICOLO DI LUCIANO CORRADO
200.000 voli per la spagna da 35€ tutto incluso!


Giovanni Nucera

              QUESTA VOLTA,TOCCA A LORO....
Dopo il colpaccio di Lerca di Cogoleto,
(vedi articolo piu in basso, GOLF: BUCHE E CEMENTO!!!) messo a segno dal PD, rito cooperativo, non poteva mancare le risposta del centro-destra, che, da par suo, risponde con la maxilottizzazione di Ceriale, di cui ci ha parlato con grande acume giornalistico, Luciano Corrado, su Trucioli ..vedi.

Domani 26 agosto c.a.(agosto e' un mese privilegiato per l'urbanistica) si svolgerà in quel di Ceriale, il consiglio comunale con all'ordine del giorno la lottizzazione targata "Nucera", costola di una vasta opera di cementizzazione che risale all'ex banchiere Fiorani (ex popolare di Lodi) ed investe molti comuni della Liguria, dal Magra a Ventimiglia.

Chi segue il nostro sito sa cosa significa il nome Nucera nel ponente savonese: una leggenda metropolitana racconta che il padre di Andrea, Giovanni Nucera, ex consigliere socialista di Albenga, custodisse nel suo giardino una Mercedes già di proprietà del suo leader, Alberto Teardo.

Sempre domani, la Casa della Legalità di Genova, porrà in essere una manifestazione con volantini, sempre a Ceriale, per sensibilizzare la pubblica opinione sui problemi della balcanizzazione  bipartisan della Liguria…leggi…scommettiamo che i giornali locali non ne parleranno???

Vola (quasi) Gratis!
Cose dell’altro mondo: trasversalità o no? Sondaggio a Varazze
A Varazze è cosa data ormai per certa che l’”assessore 100”, al secolo   G. B. Busso, prima di ufficializzare le sue dimissioni si sia recato a trovare il senatore del Popolo delle Libertà. Quello che possono essersi detti, per ora, non è dato di sapere ma pare che le preoccupazioni del vecchio lupo comunista siano queste: domani farò le dimissioni da assessore.

Non voglio più appoggiare un’eventuale ricandidatura di Ghigliazza, voglio ricandidarmi dandomi una verniciata di novità: perciò potrei capeggiare una lista civica appoggiata dal vostro partito. Il senatore sarebbe rimasto di sasso!
Nella sua mente sarebbero in un attimo passate tutte le battaglie sostenute da forza Italia, Udc e lega Nord soprattutto contro la persona che gli stava innanzi.
Poi avrebbe tagliato corto dicendogli: Giovanni (pare si diano del tu) io non posso far dimenticare quello che hai fatto da comunista contro i ricchi, poi liberale per i vari imprenditori: fa quello che vuoi perché a Varazze il popolo delle Libertà, con i suoi alleati si presenterà con il simbolo presentato alle elezioni nazionali.
Ora sarebbe interessante proporre agli elettori di Varazze, perlomeno a quelli di centro-destra, un sondaggio del tipo: se Busso si candidasse sindaco di una lista di centro-destra cosa ne direste.? Sono vietate le parolacce!   G. Rolletti
 
      L' avvocato e i boss, intrecci pericolosi   di Marco Preve
Quell' avvocato di Genova è molto disponibile e ha degli agganci notevoli". è una presentazione che conta quella che Aldo Miccichè, il referente della cosca fuggito in Venezuela fa ad Antonio Piromalli, figlio di Giuseppe, uno dei padrini della 'ndrangheta, e a sua volta boss dell' ortofrutta di Milano.
 E' dalle intercettazioni e dal provvedimento di fermo di 871 pagine con cui a luglio la procura antimafia di Reggio Calabria ha arrestato 18 persone appartenenti alle cosche Piromalli Molè, che si scopre l' esistenza di un retroscena genovese cui gli inquirenti danno molta importanza. Ossia i rapporti, di affari e consulenze legali, tra Miccichè, Piromalli junior e il cugino Gioacchino Arcidiaco con l' avvocato Francesco Lima. Quest' ultimo è un civilista con studio nel centro di Genova...CONTINUA ....da La Repubblica
 
Bollettino n. 32 dell'Ufficio stampa diocesano
 

                  PUC DI VADO: COMINCIA LA MANFRINA!!!!
Siamo stati facili profeti quando abbiamo anticipato che sul piano urbanistico comunale di Vado Ligure si giocherà la partita delle elezioni amministrative della prossima primavera.

Una giunta dimezzata, la Giacobbe-Bovero, si appresta a deliberare  lo strumento più importante di cui dispongano i comuni, a pochi mesi dalle elezioni. Perche' tanta fretta?

Sono in carica da oltre 4 anni, perche' non hanno provveduto prima?

La risposta e' semplice, il sindaco doveva, per ragioni di forza maggiore, posticipare l'adozione del piano, in attesa che venisse approvato, a Roma e a Genova, il piano regolatore portuale che ha previsto il progetto di piattaforma. Cosa che si e' verificata nell'anno di grazia 2005. Dopodichè il  nostro primo cittadino ha accettato, in sede di comitato portuale, l'intero  pacchetto e quindi la trasformazione della città in retroporto  e deposito di containers, con tutte le conseguenze del caso, senza informare compiutamente i cittadini. Nel frattempo, ingegneri ed architetti "lavoravano" sul PUC, stando ben attenti a non interferire nelle decisioni del porto. L'ing. Ciarlo e l'architetto Campora, sia pace alla loro anima, hanno operato in buona fede, ma "in solitudine", senza confrontarsi con i vadesi: soprattutto occorreva spiegare loro che sarebbero diventati un po' voltresi (abitanti di Voltri) perche' quello era il disegno dei loro amministratori. Ora scoppia la protesta delle frazioni…leggi… dove si  peggiorano gli indici di edificabilità: la manovra e' lampante e consiste nel fingere di concedere il più possibile per recuperare voti, sperando che gli abitanti della fascia costiera, da Murate a Porto Vado, non si accorgano che i loro alloggi stanno precipitando  come valore immobiliare. La partita, per vecchie volpi come Giacobbe e Bovero, si prospetta difficile, anche se  hanno in mano tutte le leve del potere e sanno come usarle. A questo punto, una domanda: e' politicamente opportuno che questa Giunta, dopo l'esito del referendum, vincoli il futuro dei vadesi, compiendo scelte irreversibili, senza sentire il parere del popolo sovrano?

 
"Liberi e Forti ", il notiziario nazionale della Rosa Bianca ha presentato nella sua sezione "edicola" due interessanti pubblicazioni... Guardate
200.000 voli per la spagna da 35€ tutto incluso!
GILBERTO COSTANZA                     Come non si amministra la cosa pubblica
 L’AREA GIOCO DELLA SCUOLA MATERNA SIMONE STELLA IN STATO DEPLOREVOLE E VERGOGNOSO
  di Gilberto Costanza

Nell’ultimo Consiglio comunale, tenutosi il 6 agosto 2008, alle ore 17,30 (orario da “nullafacenti”, tanto per non cambiare!), convocato su richiesta dei Consiglieri comunali della lista civica “E’ LOANO”, il Sindaco Angelo VACCAREZZA  ha - ancora una volta – dimostrato la sua insofferenza alle iniziative della minoranza.

Si è confermata la quarta ipotesi che era stata formulata nell’articolo dal titolo “Così sono presi in giro i cittadini loanesi”, pubblicato sul sito www.uominiliberi.eu , ossia: “Saranno presenti quasi tutti i Consiglieri ma il Sindaco (o chi per lui), nelle comunicazioni, manifesterà il suo dissenso alla convocazione di Consigli comunali indetti su richiesta dei Consiglieri di minoranza e poi ogni ipotesi è conseguenziale (l’ha già dichiarato!). Nel suo intervento ha avuto toni di  arroganza e termini offensivi nei confronti dei Consiglieri di minoranza allargati ai cittadini loanesi....CONTINUA

GULLIVERTOWN - il bello di leggere a metà prezzo!

                 QUELLA SPORCA "VENTINA
"Dopo la "bandiera nera", la "maglia nera" del comune che ospita l'impianto con più emissioni di CO2 del Nord Italia. Così  la giunta Giacobbe ascrive a Vado Ligure un altro triste primato…leggi… In termini assoluti la Liguria occupa il 9 ed il 10 posto della "sporca ventina". Il fatto più grave e' la sistematica violazione delle quote previste dalle direttive CEE, dove spiccano gli sforamenti dell' Enel e del gruppo Tirrenopower che, con due sole centrali (Vado e Torre Valdaliga)…leggi.. supera le quote per un totale di 1 milione e 717 mila tonnellate di CO2  buttate nell'aria ogni anno.

Al settore termoelettrico si devono i peggiori danni e la Liguria ha denunciato la bellezza di 7 milioni e 483 mila tonnellate di anidride carbonica nel 2007, non contando gli impianti minori, ma solo Vado e La Spezia.

Le province di Savona e La Spezia hanno molto investito sul turismo di massa e d'elite, sono governate da sempre dal PCI e dai suoi vari surrogati: e continuano a fare orecchio da mercante (vedi ultimo l'assessore regionale, Zunino) alle richieste di depotenziamento e metanizzazione dei due colossi, per renderli meno pericolosi per la popolazione. Al contrario, sia Enel che Tirrenopower, hanno intenzione di convertire a carbone le due centrali, ben sapendo che e' il combustibile a piu' alta produzione di gas-serra e l'attuale ministro dell'industria, l'imperiese Claudio Scajola, non sembra molto preoccupato dell'immagine della sua regione che emerge da questi dati.

Vola (quasi) Gratis!
REMO ZUNINO

Il TAR blocca la speculazione nell'area ex Cinema Giardino a Celle
Lo avevamo detto, avevamo fornito i dati, avevamo denunciato pubblicamente le irregolarità gravi frutto della commistione di interessi tra Comune di Celle Ligure e LigurCelle Immobiliare. Il Sindaco Remo Zunino aveva risposto con qualche bufala, come già fece sul Rilevato Ferroviario e sull'appalto Co.For, ed ha tentato di sanare gli illeciti con una variante ferragostana del PUC che di fatto stravolge il PUC stesso! Ora il TAR della Liguria ha accolto la richiesta di sospensiva urgente avanzata dei cittadini di Celle Ligure e bloccato quella speculazione nell'area dell'ex Cinema Giardino su cui le menzogne e mistificazione della Giunta comunale hanno raggiunto il ridicolo! Infatti ....CONTINUA
Playstation, XBOX, Nintendo e giochi a pressi imbattibili!  
                      GOLF: BUCHE E CEMENTO!!!
Il fortunato libro  di Preve e Sansa,” il partito del cemento”, viene aggiornato di continuo dalla nobile gara tra centro-destra e centro-sinistra a chi si appropria di più del territorio per farne metri cubi a caro prezzo. Questa fase del duello segna un punto a favore delle coop rosse che strappano (strapagando) il business del golf di Lerca di Cogoleto ad una vecchia volpe come l'impresario Valle...leggi…Chi vuole approfondire, non ha che da consultare il libro citato.

Protagonisti, i soliti. Mario Valle, grande tartassatore di Arenzano e dintorni, cede 90 mila metri cubi di residenze in fregio alle 18 buche del golf. Garante e testimone, il sindaco di Cogoleto Attilio Zanetti che assicura che non ci sarà una cazzuola di cemento in più  di quanto previsto con il privato e si aspetta che il "green con tante case attorno", diventi volano di trasformazione turistica per Cogoleto, il suo comune che tanto ebbe a subire dal marchio della Stoppani in fronte. Ed infine, maestro e donno della cessione, l'architetto Bruno Giontoni, già Presidente di Legacoop nonchè consigliere di Porto Antico, attualmente presidente di Abitcoop, che assicura, sul suo onore, giammai costruirà seconde case, ma solo "prime": non aspettatevi comunque  niente di popolare, riguardo al prezzo.
Competion is competion.

E così ,il partito democratico di rito diessino, piazza un colpo vincente, in un contesto quanto mai favorevole, contando un sindaco, un Presidente di Provincia e di Regione assai ben disposti alla costruzione di case per giovani coppie.

Il loro intento e' quindi, nobilissimo. Anche i ceti popolari hanno diritto di vivere in alloggi con vista mare e/o vista golf. Una nuova Garlenda sta sorgendo ai piedi del Beigua, 3 nuovi borghi con 1000 abitanti, verde e servizi come  usava una volta solo per la upper  class!!!

 

                               Illuminazione capo Noli
Il C.E.D.A. (Comitato Ecologico Difesa Ambiente) in merito alla illuminazione della scogliera di capo Noli deve rilevare che...LEGGI

 

       A MENDATICA LA SAGRA DEI  BUONGUSTAI
      RISERATA ALLA “CUCINA BIANCA” DEI PASTORI 
Mendatica - Sabato, 23 agosto, con inizio alle 19, nelle tipiche aie del paese, un tempo terra di pastori, si festeggia la “cucina bianca”. Da un mese volontari (donne soprattutto) sono al lavoro, nell’attrezzato laboratorio permanente del Comune e della Pro Loco, per preparare menù a dire poco originali.

Non è un caso se nel 2005 Mendatica si era aggiudicata, in Liguria, la “nominations” (primo premio) dei lettori de La Stampa,  per questa sagra ed il prestigio raggiunto. Nonostante questo genere di manifestazioni culinarie sia ormai inflazionato ed in gran parte decaduto dalle sue originarie motivazioni (riscoperta e valorizzazione dei piatti tipici, genuini della tradizione locale, città e paesi), suscitando spesso critiche e polemiche. Sagre diventate strumento sempre più commerciale, a Mendatica continua lo sforzo antimodernismo. Come? Tenere alta la qualità e soprattutto la lealtà verso i consumatori. Eccovi alcuni piatti consigliati: Streppa e caccia la’ (pezzi di pasta alla casalinga, strappati ed appiattiti con le dita prima di essere buttati nell’acqua bollente insieme a foglie di cavolo, rape e patate. I “Sugeli”, quasi un “piatto nazionale delle Alpi Marittime”, lavorata a gnocchetti. Il condimento è una salsa a base di brussu, soffritto di porro e aglio. E ancora: Turle (grossi ravioli di patate e menta, conditi con panna di latte, soffritto d’aglio o porro e nocciole tostate). Poi le Turle fritte. E Brodo d’erbe amare, con uovo sbattuto. Ha proprietà digestive. Agliè (salsa simile alla maionese con patate e forte profumo d’aglio).

 

NESSUN PROBLEMA PER "NANNI" 

COMUNE DI SAVONA - Un funzionario non può, per regolamento, essere assunto come dirigente.  Ma è un problema questo per Nanni? È un problema questo per il montalbanico assessore Livio? Assolutamente no, per avvantaggiare i propri prediletti, si modifica il regolamento

Qualche settimana fa è stato illustrato come, nel Comune di Savona, lentamente ma inesorabilmente, si sta preparando il terreno per attribuire ai soliti “figli di papà” o “figli di partito” incarichi direttivi e/o dirigenziali alla faccia della trasparenza e della meritocrazia.
Ora l’Amministrazione comunale ha aggiunto un altro tassello per arrivare a portare sull’altare del Settore Pianificazione Territoriale ed Ambientale la prediletta dell’ing. Nanni Ferro....
...CONTINUA
 

 
SOCIETA’ E DISSENSO: Scalfari, Moretti, Urbinati e le colpe di Veltroni...
di FRANCO ASTENGO

 
 Maersk e Tirreno Power ci abbasseranno la bolletta della luce?
Sul  n°3 2008 di SAVONA ECONOMICA (Camea di Commercio Industria Artigianato e Turismo) in copertina troneggia l'immagine idilliaca della piattaforma Maersk che farà da volano per tutta l'economia del savonese...GUARDA… L'articolo continua in  seconda pagina e  si legge:

"....certo non si può liquidare come irrilevante l'impatto ambientale che un'iniziativa come quella avviata su Vado da Autorità Portuale e Maersk avrà sul territorio. Ma è certo che, con l'adozione di soluzioni tecniche adeguate (forse i pali di cemento armato che avranno funzione di simil - canne di bambù????) che sono disponibili, il problema sarà contenuto....." L'articolo (peraltro non firmato!!!!) continua con un'affermazione che lascia sbigottiti..."Un fattore decisivo potrà essere rappresentato dalla variabile "energia". Se si riuscissero a concludere positivamente le iniziative per convincere Tirreno Power a fornire energia a prezzo scontato per le operazioni portuali sarà stato compiuto un ulteriore passo in direzione delle attese dei cittadini”... Non si capisce che gliene viene ai cittadini…
Forse ci diminuiranno la bolletta della luce????
Viene da pensare, molto malignamente, che in cambio della fornitura a prezzo scontato la Tirreno Power si vedrà costretta a chiedere a titolo compensativo l'ampliamento a CARBONE per poter sopperire a queste nuove richieste.
Perchè noi cittadini di Vado dobbiamo sopportare anche l'inquinamento prodotto dalla Tirreno Power per fare quadrare i conti energetici all'Ente Porto di Savona e alla Maersk???   Massimiliano Ribelli

 
                           QUANDO IL P.U.C. VIEN D'AGOSTO...
Allegria, cari vadesi. La giunta Giacobbe, a nove mesi dalla sua scadenza (si voterà la primavera 2009) ha deciso di presentare al consiglio ed alla città, il sospirato PUC, piano urbanistico comunale. In premessa, giova ricordare, che la sovranità territoriale del comune si esercita proprio attraverso questo strumento urbanistico, che dovrebbe progettare lo sviluppo della città nei prossimi decenni e che quindi presume che le scelte future siano conosciute e condivise  dagli abitanti.

Oggi, allo stato attuale delle cose, dobbiamo dire ai vadesi che il piano che la giunta Giacobbe-Bovero presenterà (alla fine d'agosto, proprio per favorire la democrazia!) Non e' altro che un misero e residuale scampolo di PUC sapete perchè? Perché  la Giunta ha già recepito il PRP (piano regolatore portuale) con  la  piattaforma  Maersk e tutto il serpentone di collegamenti stradali e ferroviari che la uniscono alla viabilità ordinaria. Quindi, a che cosa si ridurrà, questa "fondamentale"scelta  per l'avvenire? A dividere il comune di Vado Ligure in 2 zone ben delineate: quella costiera, destinata al degrado conseguente al funzionamento della piattaforma, con valori immobiliari in picchiata (già oggi potete consultare qualche agenzia  per  valutare il vostro alloggio); poi la zona  interna (dalla Valle a Segno) dove verranno modificati gli indici di edificabilità, per "comprare" il voto degli elettori residenti.

 E’ con questi mezzucci che, una Giunta "dimezzata" spera di recuperare il consenso perduto nel referendum!!!!

Cittadini vadesi... i consigli del 26 e 29 agosto... c.m. sono assolutamente da non perdere.

 

                 QUANDO BUSSO ANNUNCIO’ A “IL LETIMBRO”
                         <ECCOVI IL NEMICO DEL POPOLO>
Varazze – Lo ricordano come fosse accaduto ieri. Sul n. 11 del novembre 2007, Il Letimbro, organo della curia vescovile, sempre attento ed aperto a tutte le voci,  annunciava la “scomunica ufficiale” dell’allora assessore ed superpremiato ex sindaco Pci-Ds (tre legislature), Giovanni Busso, verso coloro che venivano additati a “nemico del popolo”.  

Individuati, scoperti e smascherati, sempre dal “venerato” Busso, nell’ambito di un gruppo definito di “pseudo-ambientalisti”. Le cronache delle ultime ore raccontano, tra il serio ed il faceto, di aver visto piangere, quasi in preda alla disperazione, decine, forse centinaia di “pseudo ambientalisti”, allo sconvolgente annuncio che proprio quel Busso aveva scelto di “togliere il disturbo”. A quando gli striscioni: <Forza Busso!> e <Busso resisti!>. Intanto vale la pena (vedi) rileggere quell’intervista che si richiama a….San Nazario…  
 

                   PREOCCUPATI: A SAN DIEGO!!!
Questi catastrofisti dell' Università di San Diego (California) sono molto preoccupanti. Dicono che l petroliere, le navi da crociera, i mercantili, impestano le città costiere anche quando sono a 24 miglia dalla costa. Questi uccellacci di malaugurio, stimano che tali veleni possano provocare fino a 60 mila morti in tutto il mondo e costi sanitari, solo negli Usa, pari a 500 milioni di dollari.

A San Diego, poi, continuano queste cassandre, dalle navi arrivano grandi botte di SO4 e SO2 e poi particelle  inferiori ai 5 micron le quali possono viaggiare per distanze molto lunghe. Aggiungono poi, questi sfigati, che  le emissioni delle navi contribuiscono a produrre fino al 44% dello zolfo di Los Angeles, Long Beach e San Diego e se non useranno combustibili più costosi e meno inquinanti la legge californiana  le sanzionerà duramente dal luglio 2009...leggiCaro Presidente del porto, caro sindaco di Vado Ligure, caro Assessore Regionale all'ambiente e' ovvio che i succitati sono una manica di terroristi ambientali e che quindi vanno snobbati con grande disinvoltura. Voi dovete continuare così, con i vostri studi attendibili e i controlli alla buona cui siamo abituati. E’ troppo facile spaventare la gente gridando al lupo. Il cittadino savonese gode di un'ottima qualità dell'aria e non ci sarà barba di accademico californiano che  potrà convincerci del contrario. 

 

L’EDIFICAZIONE DEL RILEVATO FERROVIARIO
DI CELLE LIGURE?
(Come nel Vangelo moltiplicazione del pane e dei pesci…)

Celle Ligure - La vicenda ebbe inizio con la variante apportata al piano Urbanistico dall’amministrazione comunale, guidata dal Sindaco, Sergio Acquilino, che rese edificabile l’ex scalo merci ferroviario.

L’area fu quindi acquistata dall’impresa Ligurcelle, appositamente costituita dalla “Pesce Pietro”, da Giampaolo Bruschieri e da Ambrogio Marazzina, risultati poi uomini di Giampiero Fiorani. La Ligurcelle, per poter costruire al meglio, chiese ed ottenne dalla Provincia l’autorizzazione a ridurre la distanza da tenere dal vicino torrente, da 20 metri a 3 metri. Successivamente chiese ed ottenne di deviare il corso del rio, spingendolo ad una distanza inferiore a 3 metri dalla stazione ferroviaria ed infine conseguì l’autorizzazione a costruire.
Dall’area del rilevato interessata dall’edificazione rimase escluso ...CONTINUA

 

                                 Busso getta la spugna
Evidentemente una mossa tattica a pochi mesi dalla prossima tornata elettorale ed è un ennesimo segnale e la riprova del fallimento politico della sua amministrazione e del disfacimento dell’ammucchiata elettorale da lui creata per continuare ad avere le mani in pasta.

Troppo tardi perché possa rifarsi una verginità e salvarsi dal naufragio chi, per 15 anni, ha fatto il bello e soprattutto il cattivo tempo in Comune a Varazze.
Il P.d.L. è pronto all’alternanza e a governare la città con una coalizione omogenea e organica di centro e centro destra aperta alla collaborazione di chi condivide le nostre idee e i nostri progetti.
I consiglieri comunali di opposizione:Gerolamo Carletto, Giovanni Delfino, Andrea Valle, Gianantonio Cerruti, Marisa Delfino

 
Home Page

            Il bastone tramonta. Ora è tempo di carota
LAVORO
I PUNITI E I PREMIATI. Pubblico impiego
Sul piatto ci sono200 milioni da spendere in gratifiche riservate  chi ha lavorato meglio...LEGGI L'ARTICOLO DI FERRUCCIO SANSA

 

 Grignolo Presidente IPS

I.P.S. DOVE CASCA L'ASINO!

In un precedente articolo, abbiamo analizzato gli assetti partitici interni all' I.P.S. savonese, constatando un sostanziale equilibrio tra le appartenenze di centro-destra e centro-sinistra, con leggera prevalenza di quest'ultima. Se infatti, il polo poteva contare su 3 membri (Amoretti, Grasso, Zaccaria), il centro-sinistra annoverava almeno 4 personaggi di assoluta fiducia (Bozzo, Granero, Rossi Mattia e Rossi Ennio). Più sfumate le posizioni del presidente e dell'ing. Canavese.

Oggi, dopo le elezioni politiche e la riconferma di Canavese al porto di Savona, possiamo assicurare che il polo e' in netta maggioranza in consiglio, dove può contare almeno su 5 voto sicuri. Chi si è spostato e perchè?

Vedete voi: le elezioni provinciali del prossimo anno danno vincente il polo, se riuscirà a designare un candidato "forte"; la riconferma di Canavese e' stata promossa soprattutto da Forza Italia: il centro-sinistra gli ha votato contro al senato.

Dove cercare la "prova regina" di questo cambio di equilibri?

In un appalto pubblico da cui....CONTINUA

 

   VARAZZE - Follie di una notte di mezza estate
Deve essere proprio vero che il solleone d’agosto colpisce anche di notte! Oppure si sarà trattato di un eccesso di alcool e di rabbia dopo l’ultima riunione di giunta in cui il Sindaco, non Busso, il sindaco in carica Ghigliazza ha minacciato di licenziare alcuni scansafatiche che per più di  quattro anni non sono riusciti a portare in città un solo turista in più: nemmeno Crozza!

A noi non comuni mortali non sarà mai concesso di sapere cosa sia successo veramente agli “eletti” che erano su quel motoscafo in piena notte, non si sa se in porto o fuori davanti alla spiaggia di Celle.
Ma quelli che li hanno eletti penso dovranno ripensare alla loro decisione perché, pare, che si siano comportati come ai tempi peggiori del CAF (prima repubblica) e abbiano deciso di abbracciare in toto il movimento di Grillo con una serie di vaffa all’indirizzo delle forze dell’ordine. Fatto sta che le voci che circolano in paese narrano di una reazione sproporzionata ad un controllo dei documenti, che probabilmente ha interrotto qualcosa di cruciale su quel motoscafo, con un “ LEI NON SA CHI SONO IO” (ma chi si crede di essere???) seguito a ruota da un “vaf. che mi ha rot..i co..”. Tutte espressioni che classificherebbero benissimo il personaggio o i personaggi a bordo e al top dell’amministrazione cittadina. La stampa locale rimane sbalordita dalla notizia, probabilmente trapelata, e si attende un bel verbale con conseguente denuncia penale che però non arriverà mai. Perché? Già si mormora di un ammorbidimento della parte in causa di fronte ad un bel piatto di pesce e che poi, in fondo, si trattasse semplicemente di una effrazione amministrativa del tipo
1) pesca entro l’ambito portuale
2) passaggio troppo vicino alla riva
3) la più attendibile: uomini e donne che facevano il bagno in costume adamitico.
Scegliete voi quella meno grave. Non si riesce nemmeno a sapere quanti fossero a bordo. Qualcuno dice 6 persone 3 uomini e 3 donne (chissà quale intreccio!) Altri dicono solo uomini per avvalorare la pesca entroporto. Mah. Comunque una gran brutta figura!
G.Rolletti   

 

E’ morto ieri sera, nella residenza sanitaria del Santuario dov’era ricoverato da tempo, don Bartolomeo Ravera. Aveva 86 anni ed era stato parroco di San Bernardo in Valle e Tosse. I suoi funerali, presieduti dal vecovo Vittorio Lupi, si svolgeranno  domani, martedì 19 agosto, alle ore 10 in Cattedrale...CONTINUA

 

Grignolo Presidente IPS

I.P.S. = INTERESSI PRIVATI SISTEM? 

Che cosa è l' I.P.S. e a che cosa serve? Ufficialmente una società partecipata da  enti pubblici e da privati, senza fini di lucro, con lo scopo di studiare promuovere e realizzare programmi e piani di sviluppo economico in coerenza con le scelte programmatiche e pianificatrici degli enti pubblici della provincia di Savona. Il capitale sociale ammonta a 486.480 euro e la provincia ne detiene il 29,21%.

Tutto chiaro e trasparente, quindi? Magari. Sin dai suoi esordi, questa società è parsa funzionale al PCI, ai DS ed ora al PD di rito diessino per annullare il ruolo della locale Camera di Commercio, ente strettamente controllato da Forza Italia, la quale e' oggi più forte che mai nel c.d.a e sta lavorando ad un progetto tutto trasversale...CONTINUA
 

                           MARGONARA - 12 ORE
La nuotata ha riscosso un successone, i partecipanti sono stati numerosissimi, non solo tra gli abituali frequentatori della spiaggia della Madonnetta. Molti sono giunti appositamente attirati dall'evento, qualcuno addirittura è sbarcato dalla sua barca ormeggiata davanti alla spiaggia e si è iscritto con i suoi bambini...CONTINUA   Margonara Viva

 
Home Page

             Voli, treni e autostrade  per conquistare gli elettori
AEROPORTO DI ALBENGA. Il ministro
Claudio Scajola ha appena promesso un milione di euro di aiuti di Stato per un collegamento diretto con Roa....LEGGI L'ARTICOLO DI FERRUCCIO SANSA

 
SecoloXIX.it: ultime notizie

 Come perdere turisti per pura avidità 
di Maurizio Maggiani dal SECOLOXIX

 

 A LOANO I REPERTI ARCHEOLOGICI E MONUMENTI STORICI SONO DI INTERESSE TURISTICO?
                 di
Gilberto Costanza
Nel luglio 2008 l’area archeologica inerente l‘area del Ponte romano in via Pontassi (al confine con Borghetto S. Spirito) è stata sottoposta a sequestro dal Nucleo Comando Carabinieri di Genova per la Tutela dell’Ambiente e patrimonio culturale.
..LEGGI TUTTO L'INTERVENTO DI GILBERTO COSTANZA

 

                 COME SI COLONIZZA UN TERRITORIO!!!!
Colonizzare, ovvero sfruttare un territorio, depauperandolo delle risorse naturali (aria, acqua, ambiente, in generale) per decine di anni, senza ascoltare le esigenze sanitarie della popolazione, anzi negando che le emissioni abbiano un effetto dannoso nell'ambito territoriale di ricaduta delle stesse.

Una servitù energetica come la centrale ex Enel, ora Tirrenopower, rappresenta un gravissimo problema non solo per la nostra generazione, ma soprattutto per quelle future, anche in previsione della richiesta di ampliamento dell' alimentazione a carbone, il cui iter e' ancora fermo a livello di ministero dell'ambiente, ma di cui si teme l'improvviso sblocco.

Che cosa è successo, in questi ultimi mesi, di tanto grave, da far temere che l'autorizzazione venga rilasciata in tempi brevi. Due fatti, in particolare: l'assessore regionale all'ambiente, Franco Zunino, ha presentato uno studio, firmato Arpal e Ist, nel quale si nega il rapporto diretto tra emissioni della mega -centrale e l'aumento dei casi di tumore e malattie cardiache, nelle zone interessate dalla ricaduta delle stesse. Nonostante le proteste dell'ordine dei medici di Savona e delle associazioni ambientaliste, lo studio contestato va ascritto come una voce autorevole a favore della autorizzazione all'ampliamento  ed in tale modo verrà usato dalla proprietà dell'azienda.

Un secondo fatto, di eguale gravità, è l'accordo, firmato lo scorso luglio, tra la SPES savonese, l'Università di Genova e Tirreno Power: quest'ultima si impegna a finanziare per 8 anni la nuova cattedra di "sistemi elettrici per l'energia" che sarà operativa presso la sede di Savona…leggi...Nonostante l'entusiasmo del direttore di Tirreno Power e della professoressa Paola Giardino, e lungi da ogni pregiudizio sessantottesco, siamo convinti che si tratti di un atto di grave conflitto di interessi, anche perchè fanno parte della SPES enti pubblici come il Comune di Savona, la provincia… Guarda…che rivestono ruoli di tutela della salubrità dell'ambiente. Non possono quindi, sul piano etico, farsi finanziare, sia pure indirettamente, da un'azienda che devono controllare.

Questi due fatti recentissimi, sono forse propedeutici alla resa totale degli enti savonesi, di fronte alle pretese del gigante energetico? Tra poco lo sapremo. Nel frattempo, i comitati e le forze politiche più  sensibili allo sviluppo sostenibile, devono tener alta  la vigilanza.

 
                              LA SVENDITA DEI CANTIERI!!!
Allarme per i cantieri di Pietra Ligure. Max Paglietti sindacalista CISL lancia l'allarme. La cessione a Delle Piane non prelude a niente di buono. La CGIL tace, così come il "sinistro sindaco di Pietra e la Provincia…leggi
Per chi ha la memoria corta, un brano dal  best-seller "Il partito del cemento":

"nel 1990 si presenta un imprenditore della Val Bormida, Aldo Delle Piane, che e' stato anche Presidente dell'Unione Industriali della provincia e che, investendo 330 milioni di lire, si compra lo stabilimento e viene accolto come il salvatore. Tre anni dopo e qualche miliardo di lire di sovvenzioni, però si chiude definitivamente....

Anche il più sprovveduto non può non rimanere stupito di fronte ad un'operazione che consente ad un gruppo di imprenditori di accaparrarsi le aree più preziose della città”. 

Anche  le aree dei cantieri di Pietra sono le più strategiche del comune: quindi, attenti ai lupi, vista l'orchestra ed i collaudati suonatori!!!!

 

UN GREGGE PER AMICO
LIETO FERRAGOSTO, CARO GIUANIN !

(reportage  tra gli eremiti  delle Alpi Marittime) 

<…Mentre a molti potenti di casa nostra l’uso del potere per accumulare ricchezze e fortune personali risulta ancora del tutto normale, c’è ch vive la politica del realismo sulla propria pelle. C’è chi sta accumulando patrimoni milionari e chi sopravvive senza fare il peone o il baciamano. Un pensiero a tutti, senza censure!..> 
                                            di Luciano Corrado

Monesi –  Montanaro e pastore. Eremita “dimenticato”. Un incontro casuale, dopo aver percorso in auto, dal mare, 72 chilometri. Dopo aver “parcheggiato” su un piccolo spiazzo sterrato, sotto la storica ed amatissima statua del Redentore. Poi in cammino lungo il tracciato dell’Alta Via, in direzione del Rifugio Sanremo, a 2.054 metri sul livello del mare. Sullo sfondo, grazie alla giornata limpidissima, la violentata pianura ingauna, la pista dell’aeroporto di Villanova sempre in fase di decollo, l’azzurro infinito del mare.
Il ricordo-fotografia delle spiagge affollate, di strade e piazze assediate dalle lamiere e dagli scarichi dei motori. I polmoni affaticati da smog e polveri sottili. I turisti ai tavolini, a respirare il traffico infernale dell’Aurelia. Le ceste, colme di frutta fresca, dei fruttivendoli fronte strada...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO DI LUCIANO CORRADO

 
                             PAROLA DI MAERSK!!!
La multinazionale danese ammette che le sue navi inquinano: al tempo stesso prospetta una riduzione del 10% delle emissioni di CO2 dovuta alle nuove supercontaniners, tipo Emma Maersk, che possono caricare sino a 1.000 teu…leggi…Allora, come la mettiamo, signori della  Giunta Giacobbe, che continuate a giurare che l'inquinamento atmosferico diminuirà
a seguito della messa in funzione della piattaforma? Le  gigantesche navi che dovrebbero attraccare emettono ossigeno puro di alta montagna? Non vi rendete conto di come siate ridicoli e presuntuosi adoperando siffatti argomenti????
 
     Quiliano-   serata organizzata da Rifondazione con il titolo: Vado al Massimo
UN COMMENTO DI AMARE VADO
 Carlo Giacobbe. Solo e abbandonato?
 Riccardo Ciccione
GRUPPO
MISTO

                         IL MASIMO PER GIACOBBE IL MINIMO PER VADO
L’esito della consultazione popolare sulla piattaforma ha messo in discussione la delega che Giacobbe aveva ricevuto dai Vadesi nel 2004: eppure il Sindaco di Vado continua a decidere autonomamente quale sia il bene dei Vadesi, senza interpellarli
E’ vero che
VADO....CONTINUA

 
Celle Ligure. Le bufale del Sindaco per coprire gli illeciti
 
                    ALBENGA.  Cantiere in Via Milano.
Avevamo ragione quando abbiamo denunciato per primi lo scandalo di Via Milano. Ci hanno accusato di essere dei visionari, dei provocatori dei disturbatori della quiete politica ingauna, ma adesso che è dovuta intervenire la Procura della Repubblica tutti si affannano a dire che lo sapevano.

Opposizione e maggioranza dopo la nostra denuncia hanno fatto la gara a stare zitti ed evitare di intervenire politicamente sulla questione come se ci fosse un tacito accordo a non farsi male.
Ora la Lega si erge a censore, ma prima stava in silenzio, inoltre la dirigente dell'ufficio tecnico adesso blocca le pratiche, ma al momento del rilascio dov'era? In giunta cominciano a dire io non c'ero, non vedevo,  ero fuori stanza, proprio un bell'esempio di amministrare e di fare politica. Sinistra Democratica di Albenga

 
              TORNA GIGLIOLA? A FERRAGOSTO
             “AMORE MIO” NON TI (RI)CONOSCO

                
 (A “Uomini Liberi” c’è un pirata in redazione)

                          di Luciano Corrado

Savona – Cara Gigliola, sono un  (ex) fans della “mantide story”. Ho letto su La Stampa, di martedì 12 agosto, l’articolo a tutta pagina titolato “Cairo, ventuno anni fa l’omicidio di Cesare Brin”. Il servizio l’ha scritto, da Cairo Montenotte, Mauro Camoirano. E’ stato carino nei tuoi riguardi. Volevi non invecchiare? Eccoti: <…Ora, a 58 anni, è una detenuta in semilibertà con lavoro esterno>. Non eri nata, a Cairo, il 23 febbraio 1945? Dunque 63 anni e qualche mese. Hai ricevuto un abbuono, non richiesto, di cinque anni, mica male! E poi...
... sei stata  un pochino ingrata. Il giornalista Roberto Sangalli, valbormidese, nei giorni caldi del processo, era stato tra coloro che in redazione al Secolo XIX si batterono per pubblicare il tuo memoriale-scandalo (“antiPicozzi”), dove ti proclamavi vittima dell’ingiustizia, di un complotto che ti era costato un’ulteriore condanna per diffamazione. Mentre ...
                ...LEGGI TUTTO L'ARTICOLO di LUCIANO CORRADO
 

              PIATTAFORMA:L'ILLEGALITA' TRIONFA!!!
Secondo questo articolo…leggi… il prossimo 27 agosto c.a. dovrebbe svolgersi un summit di amministratori pubblici e tecnici  privati  avente per oggetto la  approvazione del progetto che ha vinto il concorso di idee per il sovrappasso dell' Aurelia asservito alla piattaforma Maersk.

Ora, e' opportuno e necessario che la pubblica opinione e le autorità competenti siano consapevoli del fatto che:

1) il progetto portuale approvato  nel 2005 dai ministeri competenti non prevede alcun "sovrappasso",bensì  un "sottopasso" della via  Aurelia in località "Gheia".

Sarebbe interessante sapere cosa e' stato comunicato a Roma dai promotori della variante.

2) l' Autorità Portuale ha  bandito un concorso di idee che  prevede premi in denaro ai progetti meglio piazzati. Si tratta di un atto illegittimo e penalmente  rilevante perche' impegna denaro pubblico su una previsione non contemplata nè dal piano regolatore portuale nè dal comune di Vado Ligure e perche' non può essere neppure considerata una consulenza, esulando del tutto dagli strumenti urbanistici in vigore: quindi  censurabile e sanzionabile anche dalla Corte dei Conti della Liguria.

 
  La Liguria della cementificazione selvaggia nel "Il Partito di cemento"
Cogne - Il libro dei giornalisti Marco Preve e Ferruccio Sansa sarà presentato mercoledì 13 agosto dalle ore 21.15 alla Maison de la Grivola di Cogne.
 
A CAVAL DONATO....Non si guarda in bocca! Dice il proverbio. E perche' il sindaco di Cairo Montenotte, neodemocratico già DS, dovrebbe  ispezionare la bocca della Italiana Coke che si e' gentilmente fatta carico di completare i lavori del palasport?...leggi…forse che  qualcuno sente puzza di conflitto di interessi, nel senso che il Comune potrebbe chiudere un occhio, anzi due, nel tutelare la salute pubblica, essendo l'azienda classificata tra quelle insalubri di 1 classe, nonchè a rischio di incidente rilevante?

Chi pensasse questo sarebbe in grave errore, perchè la società ha dato e da lavoro a centinaia di persone: suoi dipendenti sono stati sindaci ed assessori in comune e se omaggia, una tantum, il territorio che inquina da decenni, forse che bisogna gridare allo scandalo, dimenticando l'onesta' e la coerenza dei pubblici amministratori?

Non e' la prima volta, peraltro, che una grossa  azienda dona al comune in cui si e' insediata, opere pubbliche: ricordiamo il campo sportivo, costruito ex novo, per  Vado Ligure e, sempre l'ex Enel regalò al comune la collina  dei "Bricchetti" ove oggi sorge il grandioso complesso sanitario intitolato alla fondazione Ferrero.

Siamo arciconvinti che la Tirreno Power sarebbe pronta a finanziarie qualsiasi opera pubblica, pur di ottenere la licenza per l'ampliamento a carbone!!!I Pavidi amministratori non osano rompere gli indugi, perchè sanno benissimo che a quelle offerte non potrebbero dire no!!!!

 

                                   FOTO RICORDO
per tutti i savonesi, specialmente per le generazioni future, che non potranno vedere più questi scenari naturali a pochi passi dalle loro case, perchè amministratori locali hanno deciso di tacere allo scempio ambientale ed alle colate di cemento, senza ascoltare il parere dei cittadini vanno avanti a massacrare il territorio, con torri, piattaforme, porticcioli e tutto quello che puo' far piacere a qualche azienda che vuol fare soldi. Il territorio savonese è umiliato. Queste 2 foto (
cliccaci sopra per ingrandirle) sono lo scenario attuale, uno splendido scenario naturale a 2 passi dal cemento di Savona, adesso tocca a questa splendida baia naturale essere devastata. Una splendida spiaggietta, liberata dalle baraccopoli che dovrebbe essere lasciata intatta, come unico angolo senza cemento nella costa savonese, il cemento invece prosegue la sua marcia nell'indifferenza dei più.

 
LA CORTE, ALASSINO DOC
FIRMA PER “LA STAMPA”
Alassio – Non c’é due senza il tre. Vecchio detto che sta calzando a pennello nel mondo giornalistico ligure e savonese. Daniele La Corte, 59 anni, giornalista professionista dal 6 marzo 1978, ha firmato il suo primo articolo (12 agosto) su La Stampa, edizione di Savona...
 

...Nei giorni scorsi Uomini Liberi, era stato l’unico blog ad anticipare che Ferruccio Sansa, diventato punta di diamante nel giornalismo d’inchiesta de Il Secolo XIX, avrebbe lasciato il quotidiano ligure per la corazzata torinese...

...Sempre Uomini Liberi, in solitudine, aveva scritto che un altro giornalista professionista de Il Secolo XIX, Angelo Verrando, dopo essersi dimesso (era tra i decani rimasti alla redazione di Savona), è stato assunto come redattore a La Stampa – redazione di Savona. Ora la notizia di La Corte...
LEGGI TUTTO L'INTERVENTO 
 

Celle Ligure, nuove pesanti violazioni
volantino distribuito a Celle Ligure dalla Casa della Legalità

 
               FAROPPA (Altra SAVONA) SI DIMETTE
                        UN SILENZIO DAVVERO D’ORO!

Savona – La notizia, il 5 agosto, l’ha scritta in tempo reale il blog di famiglia. Titolo: L’ing. Faroppa si dimette dal Direttivo. E’ il primo dei 271 iscritti (al 20 giugno)  socio con la tessera n. 1. Il Comunicato ufficiale  consiste nella pubblicazione delle lettera che, il 3 agosto, Adriano Faroppa ha indirizzato al Consiglio Direttivo del Comitato Civico Indipendente ed Apartitico AltraSAVONA (è la dizione ufficiale).

Nelle missiva molto formale e per nulla chiarificatrice , si precisa che lo scrivente <è in regola con il pagamento della quota associativa 2008>. E ancora: <le dimissioni hanno effetto immediato, dopo essere stato eletto dall’assemblea dei soci dell’8 marzo 2008....Le motivazioni sono di carattere personale dovute principalmente ad una serie di impegni privati e professionali…che le eventuali  esplicitazioni ed integrazioni saranno fatte in successiva fase  e nelle forme ritenute più opportune>.
In chiusura, il ringraziamento all’attuale consiglio direttivo e a tutti i soci. Con un’ulteriore precisazione…<le dimissioni riguardano solo il Consiglio direttivo e non l’appartenenza in qualità di socio>.
In precedenza (22 luglio) lo stesso blog aveva annunciato che AltraSavona-giovani aveva eletto l’ingegner Giuliano Nicotra, cooptato nel consiglio direttivo.
In attesa che Trucioli Savonesi (a settembre) scriva la terza puntata su AltraSavona story, possiamo anticipare che le dimissioni dell’ex alto funzionario della Provincia avrebbero origine nelle scelte-dicktat (?) del presidente Sergio Cappelli. I suoi metodi, da piccolo Berlusconi savonese, non è detto che siano destinati al successo, ma altrettanto prematuro pronosticare un flop.

 

Enrico Mozzoni

                ENRICO MOZZONI, PER LA PROVINCIA
             ELOGIA VACCAREZZA E TIFA PASQUALE
Calizzano Ex fanciullo tavianeo, ex cortigiano e successore di Secondo Olimpio, ex braccio destro nel partito-corrente di Enrico Nan (Forza Italia) ha mandato a dire attraverso un ottimo articolo, su La Stampa del 10 agosto, di Mauro Camoirano. Primo giudizio di Mozzoni: voto-pagella ad Angelo Vaccarezza, sindaco di Loano,

capopopolo e capopartito in grande ascesa: <Lo vedo molto impegnato nei compiti statutari. Addirittura c’è chi lo accusa di eccesso di presenzialismo. Io ritengo che stia svolgendo il suo lavoro in modo attento ed equilibrato>. Viene da piangere dopo le polemiche nel popolo azzurro ligure raccontate sui giornali, in particolare da Il Giornale, tra Nan e Biondi da una parte, ma non solo, Scajola e Vaccarezza (grandi vincitori) dall’altra. Poi il “fermi tutti”, basta autolesionismo, imposto da Scajola.

Secondo giudizio di Mozzoni: la candidatura di Luciano Pasquale, direttore storico dell’Unione Industriali della provincia di Savona, per il quale stravede non da oggi “rè Scajola”, a futuro presidente dell’Amministrazione provinciale?…<Sono voci che si sentono. Anche autorevoli…>. Se qualcuno ha letto sui giornali chi ha sponsorizzato Pasquale presidente della Provincia lo segnali, grazie. Terzo giudizio di Mozzoni. Visto che lo scontro iniziò quando Angelo Vaccarezza, non potendo più fare il sindaco a 3.200 euro al mese (più pagato del vulcanico Melgrati di Alassio che si accontenta di 2.700 euro), merita la presidenza della Provincia (6.412 euro lordi mensili); visto che Enrico Nan è osteggiato dentro Forza Italia, proviamo a lanciare la candidatura Mozzoni dalle colonne de La Stampa.  L’ex sindaco di Bardineto prima e Calizzano poi, serafico, serafico come solo un Dc ha imparato ad essere, si “autorisponde”: <Credo che le decisioni si prenderanno in autunno, senza dimenticare che a febbraio dovrebbe esserci il congresso del Popolo della Libertà, Forza Italia e An, una nuova realtà politica>. E chi aveva accusato, per iscritto sui giornali, della fallimentare gestione del partito proprio Mozzoni-Nan? Non merita neppure risposta.  A proposito avete letto o saputo del manifesto del Pd di Loano su Vaccarezza? Il titolo è tutto un “romanzo”: <Fermatelo…>.

 

Luigi De Magistris
             DE MAGISTRIS, I GIORNALI, LA “CUPOLA” ?
           UN CORO: “ALASSINO D’ORO” A CETOLA

Alassio
– Forse la notizia è sfuggita a molti savonesi, non agli alassini. Hanno letto con stupore ed incredulità , sabato 9 agosto, il titolo a tutta pagina  su La Stampa: <Ecco la cupola”. Ultimo affondo di De Magistris>. Catenaccio: <Il Pm chiude l’inchiesta “Toghe lucane”. Tra i 33 indagati politici e carabinieri>.

Analoghi articoli su tutti i quotidiani italiani. Anche il ligure Il Secolo XIX, su due colonne, in neretto titolava: <L’accusa del pm De Magistris: comitato d’affari in Basilicata”. Tra i nomi citati, Massimo Cetola. Le cronache raccontano, a seguito dell’inchiesta De Magistris, di accuse  del tipo di “trama contro le istituzioni e altri magistrati”. Luigi De Magistris, ora trasferito a Napoli, avrebbe raccolto in 516 pagine storie inquietanti, anche di rappresentanti dello Stato e delle istituzioni, che dovranno tuttavia passare al vaglio di altri giudici.

Alassio si era distinta a fine novembre dello scorso anno organizzando, come l’occasione meritava,  grandiosi festeggiamenti per l’assegnazione della “cittadinanza onoraria” al vice comandante generale dei carabinieri Massimo Cetola (privilegio riservato pochi, tra essi il cardinale di Genova Tarcisio Bertone, ora segretario di Stato del Vaticano). Quel Cetola che da giovanissimo tenente si distinse, proprio ad inizio carriera, ad Alassio, con l’indagine sul “rapimento del pittore Mario Berrino”.   E poi, ancora, comandante del gruppo carabinieri della Provincia di Savona. Fino al vertice dell’Arma, dopo un periodo (2006) del comando interregionale Podgora, come generale di Corpo d’armata. E buon ultimo nominato dal ministro dell’Interno,  Giuliano Amato del governo Prodi, prefetto e commissario dell’Asp 5 della Calabria, nell’ambito della lotta alle infiltrazioni mafiose nelle Asl calabresi.

Luigi De Magistris vuole processare Massimo Cetola? Ad Alassio è esploso il tifo affinché l’illustre “cittadino onorario” sia subito “onorato” e “decorato” con l’Alassino d’Oro. In barba ai giornali e alle “cupole”. Con tanto di avvio di petizione indirizzata al supersindaco Marco Melgrati.  

 

                  CROZZA: SUBITO LA RICHIESTA DANNI.
Lo spettacolo di Crozza, programmato per sabato 9 u.s. a Varazze, è stato annullato all'ultimo momento a causa della location ritenuta inadatta dallo stesso artista. I collaboratori di Crozza erano da tempo al corrente delle caratteristiche del sito, forse però a forza di imitare il Papa, l’artista si è montato la testa, tuttavia l’educazione e il rispetto non devono mai venir meno nemmeno per chi si ritiene famoso. Il mix di rabbia e fair-play che regna nel Comune di Varazze forse per non rovinare definitivamente i rapporti con lo stesso Crozza e il suo entourage - come scrive un quotidiano oggi, non è un atteggiamento ammissibile. I rapporti tra Crozza e Varazze sono già irrimediabilmente rovinati e l’eventuale rinvio della serata ad altra location e data, come qualcuno in questi giorni prospetta, credo sia fuori discussione poiché sarebbe un atto superficiale e irriguardoso nei confronti dei cittadini e dei tanti turisti e ospiti rimasti delusi.
V.Coordinatore Provinciale F.I. (P.d.L.) Andrea Valle

 
                               UNA STORIA GIA' VISTA!!!
Negli anni '90 la vecchia Ilva di Savona viene acquistata da un gruppo di imprenditori che ne assicurano il rilancio produttivo, tra di essi spicca Vittorio Malacalza, da Bobbio, un reuccio dell'acciaio che impressiona bene, per  il linguaggio franco e deciso. Come andò a finire lo si può  leggere a pag.122-123 del libro "Il partito del cemento" nonchè nel saggio "Il fallimento perfetto" di Bruno Lugaro.

Veniamo ad oggi: Vittorio Malacalza, dopo aver liquidato l'acciaio, non pensa certo alla pensione. Affascinato da nuovi business, compera, con Gavio, Messina ed altri, lo stabilimento di Ferrania, lanciando l'idea del laminatoio, subito colta al volo dal presidente del porto, Canavese, che si fa in quattro per rendergli più facile il business. A pochi mesi dall'annuncio, che aveva ravvivato le speranze dei savonesi, la doccia fredda: Gavio e Malacalza si ritirano, lasciando la patata bollente ai fratelli Messina.

Tutto finito? Magari! Il 10 agosto c.a. l'arzillo settantenne rilascia un'intervista…leggi…nella quale si candida a rientrare in Ferrania laminatoio nonche' a competere per la presidenza degli imprenditori genovesi.

E le istituzioni, cosa dicono di questi fuochi d'artificio, con imprenditori che vanno e vengono, manco fossero su un taxi?

Quello che ne sa di più e'  il governatore della Liguria ma si guarda bene dal fare esternazioni. In concreto si tratta di obbligare i Messina, poco graditi a corte, a cedere le quote perche' il nostro rientri con vecchi e nuovi soci. Legittimo, tutto regolare. Basta un fiato di maestrale e ti trovi con la rotta spianata: se poi non saranno laminatoi, qualcosa si inventeranno i nostri capitani coraggiosi: lasciateli lavorare, silentium et opus, questo il motto per "continuare a ben intraprendere, non fermarsi mai".

 

                                       Le archistar del cemento
Le stelle della progettazione disegnano opere in tutta Italia
Ma crescono le critiche: “Troppe speculazioni griffate”

SAVONA -  Grattacieli e palazzi sul porto storico

La Liguria è il paradiso degli architetti grandi firme. Savona, soprattutto, dove sono all’opera Ricardo Bofill, Massimiliano Fuksas e Mario Botta. Il centro delle operazioni è il porto antico. Qui,a due passi dalla Torretta simbolo della città, Bofill ha realizzato un grattacielo alto 65 metri (in parte ancora disabitato) e una costruzione di vetro e cemento: 180 metri di lunghezza per sette piani di altezza, proprio accanto alla fortezza del Priamar. Il grattacielo di Fuksas attende l’approvazione: il progetto prevede una torre sghemba alta 120 metri, proprio all’ingresso del porto. Botta ha disegnato quattro torri alte 60 metri nell’area che era delle Ferrovie. Bloccate, per ora, le quattro torri firmate da Guillermo Vasquez Consuegra per Albenga....
...LEGGI L'INCHIESTA DI FERRUCCIO SANSA ...da LA STAMPA

 

Coordinamento Nazionale dei Comitati dei Medici per l'Ambiente e la Salute    PALO FRANCESCHI
Come al solito il potere vuole ammantare le sue scelte in campo energetico e di trattamento dei rifiuti  di un’ aura di rassicurante  credibilità scientifica, inserendo nei decreti comunicati delle Istituzioni sanitarie pubbliche, che parlano in termini apodittici e pertanto antiscientifici, non curandosi della letteratura scientifica, perchè credono di poter parlare  ex cathedra. Questo è un esempio i protervia e prepotenza che penso non abbia eguale in altri paesi avanzati.

Purtroppo fanno breccia nelle coscienze dei “benpensanti”, i quali si bevono letteralmente tutto ciò che gli vieni propinato dalle fonti di informazione  ufficiali (giornali, telegiornali, TV).

La maggior parte dei giornalisti sono anche loro a libro paga, ma molti sembrano credere veramente a queste affermazioni, (carbone pulito, termovalorizzatori, nucleare sicuro) parlandone senza l' ombra di un accenno critico.

Noi come al solito vogliamo fare chiarezza e riportare dati scientifici pubblicati e accreditati, al fine di porre un argine a questa valanga di disinformazione.

Le nostre affermazioni sono tutte documentate e documentabili, e si basano sull' evidenza scientifica....LEGGI COMUNICATO DEI MEDICI PER L'AMBIENTE E LA SALUTE

CENTRALI "MOSTRO" E ARIA APERTA SCONSIGLIATA AI BAMBINI  di Paolo Franceschi da  Il Ponente
 
                                   Una cartolina dalla Val di Fassa
In tutta Italia si trovano vie, piazze, strutture dedicate a Sandro Pertini, in Fassa è stato dedicato a Lui il rifugio che amava raggiungere.
A Savona è stata intitolata una scuola media e si sta discutendo di dedicare al Presidente...CONTINUA               Claudio Manzieri
 
CEMENTO BIPARTISAN.
Colloquio con Ferruccio Sansa da Aprile online
 

                             La velocità: una foglia di fico          EMILIO BARLOCCO
In mezzo ai tanti slogan che la comunicazione di massa ci infligge in modo sempre più subdolo ed efficace, la relazione bi-univoca tra incidenti stradali e velocità eccessiva è tra i più semplicistici ed anche uno dei più fuorvianti e dannosi. Dire che la velocità...CONTINUA  

 

                                  RICONFERMATO?
Dura poco il trionfalismo del "riconfermato" Presidente del porto di Savona, col suo carico di progetti  a favore di lorsignori e a danno irreversibile dell'ambiente... leggi…come per la nomina di Merlo al porto di Genova, sul quale pende un ricorso al TAR della Liguria, anche per il nostro eroe delle torri e delle piattaforme e' in arrivo, a cura di un noto studio legale, un ricorso avverso alla sua nomina a Presidente.

Motivazione: la "finta terna" presentata al ministero, con la quale gli enti savonesi, fingendo di ossequiare la legge, hanno in realtà presentato un unico candidato, "super Rino" appunto, il quale dopo aver omaggiato i poteri forti  per 14 anni, vorrebbe chiudere in bellezza la sua camaleontica carriera. Ci riuscirà?

 

    VADO LIGURE - Che ci azzecca questo aulico discorso?
“Con i terreni di scavo si realizzeranno circa seimila metri quadri di colline di mitigazione, piantumate con specie arboree mediterranee e piante sempreverdi, quali il pino domestico, pino marittimo e pino d'Aleppo, con un sottobosco a macchia mediterranea.”

.... scopriamo che sono parte della presentazione del progetto del sovrapasso che dovrà collegare la piattaforma container (ma non era multipurpose?) di Portovado con le aree retroportuali sena interferire con la via Aurelia!!!...
                  LEGGI TUTTO L' INTERVENTO DI GIORGIO BARISONE

 

                                      IL PARTITO DEL CEMENTO
Durante le ferie estive ho letto con attenzione il libro di Sansa e Preve che mi avete regalato. Vi mando il commento che uscirà sulla prima pagina del Letimbro di agosto (uscita venerdì 8). E' a firma di Mauro Dell'Amico, che ha scritto sostanzialmente ciò che corrisponde al mio pensiero.
Un caro saluto,
don Angelo
 MAGNANO...  LEGGI IL COMMENTO

 

                         da CELLE LIGURE  Luigi BERTOLDI
                                    INACCETTABILE

Il gruppo politico di Celle Ligure “Rinnovamento Cellese”  ha esposto nella sua bacheca un estratto dal libro Il Partito del Cemento e un proprio scritto indirizzato “a tutti i cellesi e in particolare ai proprietari dei box di Largo Giolitti”, che così si apre: “Perché è giusto che il paese sappia cosa fa un consigliere comunale per i propri concittadini”.

La consigliera comunale Carla Venturino  viene ivi citata per aver testimoniato in merito all’operazione Rilevato ferroviario, che, lo ricordiamo, sarebbe servito a Giampiero Fiorani per costituire fondi occulti da utilizzare nelle sue operazioni finanziarie.
Il gruppo politico sembra così additarla alla pubblica riprovazione per aver arrecato, con la sua testimonianza, danni e fastidi agli acquirenti che hanno dovuto sanare l’evasione....vale la pena rilevare che, per lungo tempo, si sia diffusa a Celle l’assurda convinzione che, se tutti avessero saputo tacere, non sarebbe accaduto niente di spiacevole....
                                         ...LEGGI TUTTO L'INTERVENTO

 
GILBERETO COSTANZA

                FERMIAMO LA COLATA DI CEMENTO IN ATTO A LOANO
Con piacere, a seguito mio articolo pubblicato online su www.uominiliberi.eu , ho ricevuta una e-mail da un attento e molto preparato osservatore cittadino loanese il cui testo, di seguito, riporto integralmente. Complimenti all’estensore (le cui generalità non vengono indicate, come è doveroso e così sarà con chiunque!) delle puntuali e condivisibili osservazioni
......

......c’è solo da sperare in un “grosso miracolo”! Che i tanti “veri cittadini loanesi” facenti parte e vicini alla maggioranza, si ravvedano, ragionino e decidano (con dignità) che non possono continuare ad essere complici (politico-amministrativo) con chi ha contribuito e contribuisce al degrado del nostro territorio. Certamente la cronaca e la storia loanese che verrà scritta in un prossimo futuro immortalerà chi è stato artefice e complice (politico-amministrativo - anche solo non reattivo) della rovina in atto, in modo massiccio ed indiscriminato, della nostra Città!...LEGGI TUTTO L'INTERVENTO ...di Gilberto Costanza
 

                             ALLEGRO?  PER NIENTE!!!
Il libro va alla grande: se ne vendono centinaia di copie. La casta lo compera, lo legge, per ora tace. Si riserva di vendicarsi quando sarà il momento? Lo supponiamo, troppo brutale una reazione a caldo, con le solite denuncie per diffamazione e richiesta di danni milionari. Per ora si aspetta.

"Il partito del cemento" ed i suoi autori godono di un periodo sabbatico che non durerà a lungo.

Solo i responsabili di "Il maestrale" hanno smentito che l'associazione abbia le finlità di potere descritte nel libro. Quanto ai 2 Claudii, silenzio profondo. Certo, l'eco del libro ha oltrepassato i confini regionali, con recensioni brevi, talora acute e talvolta stucchevoli.

E la nostra amata casta ligure? Patrizia  Muratore, consigliera regionale di maggioranza dell' Italia dei Valori, ha scritto un articolo per il nostro sito, dal quale non si capisce se abbia letto il testo oppure una plaquette pubblicitaria del comune di Chiavari. Insomma, per lei, quando non si tratta della sua città (dove è all'opposizione di una giunta di centro-destra) il libro diventa evanescente, come una bolla di sapone. Affari suoi!

Altra reazione stupefacente questa interpellanza di Plinio-Sasoleggi…nella quale sembra implicito un invito a Burlando a  colpire a tutto spiano gli autori del libro!!

Formidabile, questi politici del  centro-destra! Cercano di fare i furbi, ma sui contenuti, acqua in bocca, anche perchè sanno che  il groviglio di potere  "democratico", ammesso e non concesso che vincano le elezioni, non potrà che essere un interlocutore con cui  negoziare, per dividersi le spoglie di quello che resta della Liguria.

Insomma, da queste parti, nulla di nuovo sotto il sole, quasi a confermare quel libretto dell'economista Carlo Cipolla,"allegro ma non troppo", nel quale si enunciavano le  leggi fondamentali della stupidità umana. Posto che valgono anche per la politica, i furbi continueranno a cercare di essere più astuti per gabbare gli stupidi, fino a che, un giorno, come da un lontano segnale, quasi un tam-tam, da centinaia di  migliaia di punti della rete si leverà una risata liberatoria ed un voto che li spedirà tutti quanti  al "meritato" ritiro dalla scena pubblica, con grande  goduria di quanti li hanno dovuti sopportare (e remunerare) sino ad oggi.

 
Pasquale                                    ARROGANZA DI FERRO
Alla fine, quasi in prossimità del termine della sua attività di direttore generale del comune di Savona, il nome dell'ing. Giovanni Ferro, Nanni per gli amici, finisce in un fascicolo presso il palazzo di giustizia (vedi La Stampa del 7/8/2008).

Certo si tratta “solo” di un ricorso contro il Comune dovuto agli spostamenti di personale attuati nei mesi scorsi dal “Nanni”, ma è pur sempre un inizio, è pur sempre un segnale per dire a chi è arrivato a Palazzo Sisto con l'arroganza di ci pensa di godere di una impunità di origine divina che non tutti sono disposti a chinare il capo e dire sempre “sissignore”. Quindi per il direttore generale che succederà all'ing. “Nanni”, fra i tanti problemi che dovrà affrontare, ci sarà anche l'arduo compito di riuscire a districare la problematica del personale, compito non facile visto la rete di parentele, di amicizie, di legami sindacali e politici che sono servite da guida per le scelte effettuate da “Nanni” ma che si spera venga affrontato con equilibrio, buon senso e coraggio.

 
Mare, sole e cemento: il partito edilizio ligure  
dal CORRIERE DELLA SERA
 
“ I QUATTRO GATTI” SONO DIVENTATI CENTINAIA
Sala stracolma, ieri sera, con molte facce nuove, alla  Società “Baia dei Pirati”di Porto Vado nella riunione organizzata da AMARE VADOGRUPPO “LE FIRME”, GRUPPO MISTO, e VIVERE VADO. Molte le iniziative discusse, la prima annunciata da Amare Vado: un tavolo in piazza Cavour tutti i sabato di agosto per informare i vadesi con volantini e gadgets.
Durante l’assemblea I consiglieri di opposizione Caviglia, Illarcio,  Guelfi e Abate hanno illustrato l’accordo di programma  partendo dal giornalino distribuito dal  PD e mettendone in evidenza le moltissime lacune; durante la serata hanno anche annunciato che l’assessore Bovero li ha  querelati per alcune frasi di carattere politico contenute in un volantino. Non si era mai sentito di una querela da parte di  assessore contro esponenti della  minoranza. Certamente  un segno di debolezza dell’assessore Bovero, ma anche tanto squallore.
SULLA ASSEMBLEA DI VADO LIGURE UN INTERVENTO
DI RICCARDO CICCIONE 
 

                                                     PRECISAZIONI
Considerazioni sull' intervista al responsabile dell' ARPAL di Savona, al fine di sgomberare il campo da equivoci e tentativi di disinformazione...LEGGI... Paolo Franceschi, portavoce dell' Ordine dei Medici di Savona per le tematiche ambientali.

 

Marcellino Gavio

RuggeriGuccinelliBertolottoPallenzonaPasquale

                                        TUTTI GLI UOMINI DI MARCELLINO!!!
Quanti ministri ha la Liguria nel governo? Uno, l'imperiese Claudio Scaiola.

 Risposta esatta. Quanti superministri, nel senso i potenti che controllano sia la maggioranza che la minoranza? Sempre uno, si chiama Marcellino, ma ha un fisico da gigante, è nato a Tortona e lo troviamo, in Liguria accanto a tutti quelli che contano, ai 2 claudii, intanto; alla sindaca di Genova, al senatore Orsi, all'onnipresente dott. Pasquale, al superpresidente Canavese, al vertice di Carige e poi, scendendo per li rami, in tutti i progetti che contano, viari e portuali non c'e' cuore che non batta per lui, democratico o liberale che sia.

A lui pensa l'alessandrino Palenzona, democratico senza dubbi; anzi si dice che, prima di prendere qualche decisione, si consulti  con animo aperto. Ed allora, signori cari, che avete, da casta collaudata, così stretti rapporti, anche perchè sedete nei C.D.A delle sue autostrade (dico a voi, assessore Ruggeri, assessore Guccinelli, presidente Bertolotto, ecc.). Ci volete spiegare perchè  Marcellino e' uscito da Ferrania, abbandonandola al suo triste destino?..LEGGI.

 
                             PRENDETELO IN PAROLA!!!!
Ringalluzzito dalla conferma alla Presidenza del Porto, senza che il governo del centro-destra abbia valutato a fondo la pericolosità di una satrapia che si protrae da ben 14 anni, il riconfermato Canavese trova ostacoli e smentite quotidiane e quindi un cursus honorum che gli viene negato, nonostante le buone azioni fatte a beneficio dei suoi sponsor…leggi...Prima i comitati

antipiattaforma, che rischiano di demoralizzare i pochi fautori della giunta Giacobbe (ormai a fine mandato), poi Malacalza e Gavio che gli fanno saltar (ma forse e' un gioco delle parti) l'acciaieria nell'area Ferrania) su cui ha già pronto l'appalto. E adesso ci si mette anche il sindaco di Cengio, reo di aver capito che le aree ex Acna interessano il porto come stoccaggio di contenitori (come quelle Ferrania, del resto) e che quindi tutta la retorica da"contenitore" prevede servitù portuali pesantissime anche per loro, non solo per Vado.
Quindi, andiamo in Piemonte, tuona il nostro; magari si rivolgesse al cuneese ed all'alessandrino!!! Anzi la sede portuale potrebbe trasferirla su Po, a Casale o addirittura a Torino, dove troverebbe senza dubbio tutti quegli spazi cui necessita il suo debordante animo di costruttore!!!!

 
                                        NO M E N K L A T U R A
“Per credere e realizzare nel concreto, non solo enunciare, occorre un sano ottimismo e un coraggio partecipato”
Un paese in grado di pensare e programmare il proprio divenire non può avere futuro. Sulle condizioni obiettive...CONTINUA
 

                                             Morti per il caldo
Vi offro una chiave di lettura diversa sulle cause ed i meccanismi riferiti dai media al caldo; contro il caldo non si può fare niente, e questo è in qualche modo utile per salvarsi la coscienza, proprio come l' articolo pubblicato sul blog della giunta regionale, che allego in fondo, secondo il quale non vi è rapporto fra malattie e inquinamenti in PSv...LEGGI 

Dottor Paolo Franceschi  portavoce per l' Ambiente dell' Ordine dei medici di Savona

 
               SEMPRE PIU' INFIAMMATO L'AMBIENTE POLITICO CELLESE.
Dopo gli interventi di  Rocco Mitidieri e Giuseppe Paolino oggi pubblichiamo l'intervento dell'ex Sindaco Luigi Bertoldi
MICHELE MANZIREMO ZUNINOIL PENNELLO DI CELLE LIGURE

                                                                  I CONTI NON TORNANO
Ormai l’intero emisfero occidentale sa che, a Celle, non tutto è andato, e va, secondo le attese. Sia in terra, Rilevato ferroviario, che in mare, Pennello Buffou, (in cielo non si è ancora arrivati, Fuksas si è fermato a Savona!), gli interventi operati si sono notevolmente allontanai dal corso ritenuto fino ad ora normale. Ciò che ancora non riesce a sapere, questa parte del globo, è il nome di coloro che, secondo l’etica corrente, ne sono i meritevoli artefici. A parte qualche piccolo inconveniente per le imprese esecutrici...CONTINUA

 


                               SCIOPERO ACTS

Mentre gli altri scioperano, Lui... 

Il segretario provinciale della Cgil Francesco Rossello in alcune suoi interventi riguardanti lo sciopero dei lavoratori dell’ACTS di Savona in programma per lunedì 4 agosto ha accusato i vertici aziendali di non voler attuare una reale contrattazione sindacale sul risanamento aziendale, rimandando, bontà sua, ogni considerazione al dopo lunedì.

Caro Rossello, non si sa cosa accadrà da martedì in poi, ma sicuramente al presidente dell'ACTS non importa un granché visto che è partito bello bello per le meritate e sudate vacane, con buona pace dei lavoratori oggi in sciopero.

 
MICHELE MANZI

           CELLE LIGURE-  MICHELE MANZI E I RAPPORTI UMANI
L’ex vice sindaco Michele Manzi si lagna sulla mancanza di rispetto dei rapporti umani.
Perchè ai rapporti umani non ha pensato quando quel povero tecnico ha pagato per le malefatte di Largo Giolitti e ancora oggi, nonostante sia stata riconosciuta la sua estraneità ai fatti, sta ancora aspettando le scuse e di essere reintegrato nel ruolo da cui è stato estromesso?

 LEGGI L' INTERVENTO DI GIUSEPPE PAOLINO 
 
Copertina_thumb                     CAVALCAMOSTRO: ECCO IL 2 !!!!
Il progetto vincitore del concorso di idee del cavalcavia di Porto Vado a suscitato l'indebita euforia dell'assessore Bovero, il quale si e' sbilanciato lodandone la semplicità e la leggerezza! Certo che se il manufatto sbucasse nei pressi della sua abitazione o addirittura della villa  dell'archeologo-segretario del PD a Torre del Mare, ovvero nella residenza varazzina del sindaco Giacobbe, i loro pareri sarebbero meno entusiastici.

 A tutti questi "salvatori" della patria offriamo come riflessione il progetto arrivato secondo: non perche' ci sembri più bello, ma certamente più onesto del primo nell'evidenziare la mostruosità e l'incompatibilità di  tale struttura con il vivere civile ed ordinato di qualsiasi consorzio umano...guarda...il vincitore e' stato scelto perché nasconde, con vari ed inutili espedienti, la brutalità dell'innesto. Il secondo arrivato dice la verità: un borgo ligure  non si può trasformare in un retroporto. La natura non  fa salti, chi ne autorizza la deformazione non vuole il bene dei suoi concittadini

 

                          LA COOP SIAMO NOI, MA QUALCUNO CI DA’ DI PIU’
Qualcuno ci aveva già segnalato il fatto; ora ne siamo sicuri, dopo circa un mese dall’ uscita del libro di Preve e Sansa,  all’ Ipercoop del centro commerciale Il Gabbiano, il libro non è in vendita; chi lo vuole acquistare si deve rivolgere alla libreria Giunti. Eppure le  altre pubblicazioni della Casa editrice “Chiare lettere” sono in bella mostra; manca, praticamente, solo “IL PARTITO DEL CEMENTO”. Sarà un caso?
A pensare male si fa peccato ma  molte volte ci si azzecca

 
dal SECOLOXIX

I fumi di traghetti e portacontainer in arrivo  in partenza, secondo la Regione, rappresentano la fonte maggiore di contaminazione dell’aria

 

Alla PROVINCIA DI SAVONA   SETTORE URBANISTICA E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE
Oggetto: elenco conferenze dei servizi pubblicate sul sito della Provincia di Savona. Richiesta informazioni.
..CONTINUA

 
GILBERETO COSTANZACOSI’ SONO PRESI IN GIRO I CITTADINI LOANESI  di Gilberto Costanza
Passando in via Cesarea ho avuto modo di leggere, nella bacheca della lista civica “
E’ LOANO”, il seguente comunicato: “Il gruppo di minoranza “E’ LOANO” ha chiesto la convocazione straordinaria del Consiglio comunale per poter discutere le molte interpellanze presentate negli ultimi mesi tra cui quella relativa all’abbancamento 30.000 mc. di sabbia proveniente dal dragaggio del Porto di Loano che sta creando notevoli disagi agli abitanti di via Alpini e non solo adesso.

 La maggioranza dimostrando, come sempre, scarsa considerazione verso la minoranza e verso il 40% dei loanesi che l’hanno votata ha convocato il consiglio comunale straordinario per mercoledì 6 agosto 2008, alle ore 12,00. Evidentemente per permettere alla cittadinanza di poter partecipare numerosa: l’ora è la più adatta! LOANESI riflettete e traetene le dovute considerazioni...CONTINUA

 
Celle Ligure, nuove pesanti violazioni
Carmen Patrizia Muratore, legge i bignami o fa la gnorri?
 
LIVIO GIRAUDOMICHELE MANZIROCCO MITIDIERIREMO ZUNINOIL PENNELLO DI CELLE LIGURE

                  CELLE  E  LA  NUOVA  DEMOCRAZIA    di   ROCCO  MITIDIERI
...
Non posso e non voglio rassegnarmi al pensiero dominante che ben esprime il mio amico Livio Giraudo ...
....Ha fatto un certo rumore a Celle la notizia delle dimissioni di Michele Manzi da vicesindaco e da consigliere. Non è stato certo un fulmine a ciel sereno
...Michele è stato pesantemente tirato in ballo da Preve e Sansa in merito alla vendita dei box del rilevato...
...Se le cose stanno così, per i peones della maggioranza va come sempre tutto bene, non hanno domande da porre, da porsi? Anche per Fabio Pastorino
?...
...E’ già da qualche tempo che un gruppo di cittadini cellesi opera in questa direzione ed ha dato vita ad un movimento politico-culturale  e che ha già raccolto l’adesione ed il consenso di numerosi cellesi. Per ribadire meglio questi principi ispiratori, gli è stato dato  il nome di “Nuova Democrazia”.... LEGGI TUTTO L'INTERVENTO

 
                        CETACEI O RINOCERONTI?
L'associazione Greenpeace ha scoperto come funzionava la commissione nazionale della  valutazione impatto ambientale V.I.A.  Producendo, se il caso, anche  falsi in atto pubblico...leggi…ed il Ministro era un verde a 24 Carati. Figuratevi adesso, con  la gestione di Forza Italia.

In sintesi, cosa vogliamo dire: se la commissione nazionale V.I.A., completamente rinnovata dal nuovo titolare, approverà dei progetti controversi e spinosi, bisogna che, in ogni provincia, i comitati vadano a spulciare le carte una per una, per effettuare le opportune denunce. Esiste anche un "santuario dei cetacei" con segretariato a Genova e Monaco. Di questo organismo “il gerundio” si e' vantato sfacciatamente al momento della istituzione, sperando che rimanga una patacca senza valore e senza ostacoli per i suoi amici terminalisti di Genova e Savona. E’ tempo che il  progetto del terminal Maersk venga analizzato anche sotto il profilo degli impegni che l'Italia ha sottoscritto sul piano internazionale per la tutela  di queste aree protette!!!..leggi

 
 DEVASTAZIONE BIPARTISAN   dal CORRIERE DELLA SERA
 

                       ATA spa e denaro pubblico: gestione corretta?
Il solito carrozzone pubblico che sperpera i soldi dei contribuenti savonesi e sul quale sarebbe opportuno intervenire piuttosto che stendere il solito pietoso velo....E mentre si stanziano ...CONTINUA

 
              MA LUCA BECCE  E' DI SINISTRA?  di Giorgio Magni
Leggiamo sul secoloXIX un intervento di Luca Becce (definito uomo di sinistra) che sempre a detta dell'articolista "bacchetta" i sindacati, e, non l'articolista, ma il Luca Becce, nella sua foga di difensore della azienda delle quale è il vie presidente, dimentica forse ad arte che ...CONTINUA
 

                   Il PARTITO DEL CEMENTO è sempre all’opera
Il Master Plan di Piazza del Popolo

Purtroppo il PARTITO DEL CEMENTO non soddisfa mai la sua fame di territorio. Oggi, con la collaborazione del Comune, si avventa sull’ultimo ...CONTINUA   ITALIA NOSTRA

 
APPROVAZIOE PUC DEL COMUNE DI SAVONA
Pubblichiamo il comunicato Stampa di FORZA ITALIA relativo alle sedute del Consiglio Comunale di Savona che prevedevano la discussione e l'approvazione del PUC...Discussione ed Approvazione PUC Comune di Savona
Con questa pubblicazione speriamo di aprire un ampio dibattito tra i cittadini e gli esponenti politici
 
 Biomonitoraggio degli effetti dell’inquinamento atmosferico in Liguria. COL RAGGIO D'AZIONE DELLA CENTRALE A CARBONE
 

MENTRE A VADO LIGURE CONTINUA LA PROTESTA PER LA PIATTAFORMA MAERSK, IL SEGRETARIO DEL PD, LUNARDON, BRINDA A CHAMPAGNE IN UN RISTORANTE GENOVESE 
Genova - 1 agosto ore 13,40 ristorante Le cantine Squarciafico.
Il segretario del partito democratico  della provincia di Savona, Giovanni Lunardon brinda a champagne; non sappiamo cosa stesse festeggiando, forse l'approvazione della piattaforma Maersk. Nello stesso momento abbiamo ricevuto, da Vado Ligure, l'amarissima constatazione del consigliere Abrate per l'antidemocratica deriva in cui e' cauto il consiglio comunale di Vado. Due stati d'animo opposti; due pianificazioni del territorio differenti; due ansie rappresentative che divaricano.

La casta politica da una parte, la oligarchia della nomenklatura da una parte; la voce della cittadinanza dall'altra.
Come opportunamente sottolineava sulle nostre pagine il consigliere regionale
Carmen Patrizia Muratore
affermando ..."avverto il disagio di chi si sente impotente in un mondo in cui la politica e' completamente staccata dai bisogni della gente  e rappresenta solo se stessa".
Al segretario
Lunardon che ha alzato il calice al cielo ossequioso agli ordini del partito che vuole la piattaforma, che vuole le elezioni primarie quando e dove gli fanno comodo e che ha scaricato furbescamente il presidente Bertolotto, noi rispondiamo, senza alzare il calice di champagne, consigliandolo di leggere il libro " il partito del cemento" perchè accresca nella conoscenza, nella consapevolezza e nello sviluppo filosofico del suo spirito critico, la umiltà, la modestia e la capacità di rappresentare la gente, impossibile da perseguire quando un partito sposa la logica del profitto prodotto a beneficio di pochi interessati.

(da una nostra collaboratrice genovese)
 

                                Il “Nuovo Volto” di Vado Ligure
I primi effetti sull’indotto generato dall’aumento dei traffici Camion-Container cominciano già da ora ad essere visibili.  Allo stato attuale un reale riscontro si può avere solo dopo le ore 23, quando alcune operatrici Socio-Economiche extracomunitarie e non, prestano la loro opera professionale nelle aree di parcheggio dei camion in attesa, ma si presume che nel giro di breve tempo possa assumere dimensioni ragguardevoli...

...Si prospetta invece possibile l’avviamento  di un pool di specialisti addetti al “ Commercio al minuto di prodotti chimici e erboristici” che avrà la mansione di provvedere capillarmente alla distribuzione di tutti qui prodotti che il mercato del settore prevede, tra cui le ormai famose “Canne per non vedere più l’orrendo impatto visivo della piattaforma” di cui si sente già parlare ma di cui ancora poco si sa....LEGGI TUTTO L'INTERVENTO

 

         Imprenditori savonesi: dal banchetto alle torri.
Invito i lettori del “ nostro” blog a leggere la cronaca di oggi dei due giornali cittadini. Su un quotidiano una mezza pagina dedicata ad un personaggio “benemerito” dell’imprenditoria savonese con tanto di piccola biografia, da come sia partito a dove sia arrivato, con tanto di foto: un’icona.! ...LEGGI...
Sull’altro quotidiano un piccolo trafiletto sullo stesso personaggio che sarebbe indagato dalla finanza per aver evaso 6 milioncini di euro di tasse....LEGGI... Naturalmente l’indagine si risolverà in una bolla di sapone oppure in una multa. Ma l’icona resterà nella memoria.  Giacomo Rolletti

 

Maria Teresa Abrate

VADO LIGURE: consiglio  comunale del  28 luglio

Amarezza, preoccupazione, ma anche disgusto. Questi i sentimenti che provo con più frequenza nei giorni seguenti l’approvazione dell’accordo di programma per la realizzazione della piattaforma Maersk. Il Sindaco, gli Assessori e i Consiglieri di Maggioranza si sono mostrati ancora una volta indifferenti alla volontà dei cittadini e alle loro legittime istanze...CONTINUA

 

      PRONTO IL" CAVALCAURELIA"
Lo tengono riservato il piu' possibile e la ragione la scoprirete anche voi, tra poco. Parliamo del progetto di idee vincitore  del  sovrappasso dell'Aurelia in località Gheia, Porto Vado, a servizio della piattaforma Mersk.

Oltre allo studio Molfino, il maggior responsabile dell'aspetto estetico del manufatto, sembra essere lo studio 4 di Genova, che ha un curriculum di tutto rispetto, avendo lavorato molto nel capoluogo per il rinnovamento del porto antico, durante l'assessorato di Bruno Gabrielli, nella prima giunta Pericu.

I nostri progettisti hanno tentato  tutto il possibile per rendere leggera una trave sopraelevata di 800 metri che scavalca l'antica via imperiale, l'Aurelia, che sappiamo tutelata  sul piano paesaggistico, ma qui i belvederi hanno poco spazio; infatti l'unico espediente architettonico per rendere "leggera" la trave e' quello di aprire fori od oblò nei pali di sostegno e ricoprire con pannelli colorati e  discontinui la parete sopraelevata. I disegni di bozzetto fanno quel che possono. La realtà  si prospetta, ovviamente ben peggiore!!!...Guarda.

 
GRANDEZZE E MISERIA DEL "PROGETTO DI QUARTIERE"
L'esordio del pomposo progetto di rinnovo urbanistico del  quartiere Chiavella-Piazzale Moroni e' iniziato circa un anno fa con la posa di alcuni cartelli che ne magnificavano le valenze estetiche e funzionali. Bando ai vecchi palazzoni popolari, risanamento ambientale, verde e parchi, viabilità rinnovata. Tutto a beneficio del quartiere.

Tutto a vantaggio, dicevano le malelingue, del nuovo polo commerciale previsto nell'area  Metalmetron, cui dava noia un contesto di edifici vecchi e degradati.

Vediamo la situazione ad oggi,valutando il percorso che hanno fatto gli investimenti pubblici a fronte di quelli privati.

L'area ex Metalmetron appare sgombra dei vecchi manufatti.Sulla bonifica del sito, nessuna notizia. In compenso, la scarpata che grava sull'area, rileva un cantiere, a cura della impresa edile socia di minoranza di Unieco nel business.

E' notizia di ieri che lo sbancamento può aver causato il crollo dei piloni dell'asilo di via chiappino...leggi…Quindi il contratto di quartiere non poteva iniziare peggio.

Quanto al resto della torta, il Sindaco si e' fatto immortalare in questa foto che esprime tutta la sua soddisfazione per le sorti del nuovo centro commerciale ed artigianale. I privati sembrano  contenti quanto lui: l'affare, sulla pelle degli interessi pubblici, prosegue senza intoppi. Per un bocconiano come lui, non si può chiedere di più!!!!Guarda.

 

 
di Christian GHIGO GASPARI

Al Consiglio Comunale di Albisola Superiore 

Oggetto: Iniziative turistiche 

   Lettera aperta A tutti i Gruppi Consiliari 

L’anno scorso era stato garantito da questa Amministrazione (anche in seguito ad una raccolta firme tra i residenti, i turisti e gli operatori) che le Sagre Gastronomiche sarebbero state promosse solo in minima parte sulla passeggiata a mare e per un massimo 3 giorni e che le altre si sarebbero svolte, come ovvio che fosse già dal passato, nell’entroterra anche per valorizzare giustamente le parti meno conosciute del territorio. Anche quest’anno, invece...CONTINUA 

 

COMUNE DI SAVONA - ENERGY MANAGER CON LIVELLO  D3 ERA DAVVERO NECESSARIO? 

E' intressante, dopo avere appreso le notizie dalle pagine locali dei quotidiani, andare sul sito istituzionale del Comune di Savona per cercare le delibere di giunta relative alla notizia letta e confrontarle con ciò che ci viene comunicato ai quotidiani e cercare di capire cosa c'è dietro. Quindi, appreso che la giunta ha approvato il piano delle assunzioni del 2008, cercato la relativa delibera. Una lettura rapida di tale documento non dice molto o meglio dice ma non lascia vedere cosa c'è dietro. Cosa c'è dietro? Spostamenti di personale non per...CONTINUA

 
 
E' arrivato il primo commento a "Il partito del cemento"
Carmen Patrizia Muratore
Presidente Gruppo Italia dei Valori
                        
Ricerca personalizzata

LEGGI GLI INTERVENTI DI LUGLIO  

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi e delle opinioni in essi contenuti 

PERCHE’ UN GIORNO NON  DICANO:
“NON LO SAPEVAMO”

Una iniziativa di UOMINILIBERI
.
PRESENTAZIONE - sala rossa
- Finale Ligure
I commenti al libro
"IL PARTITO DEL CEMENTO"
Patrizia Muratore
 Angelo Magnano